Articolo
15 gen 2021

AMAT | Deviazione di percorso alle linee 101, 102, 103, 134 e 812

di Fabio Nicolosi

A causa dei lavori da eseguire per la realizzazione del “disinquinamento della fascia costiera, dall’Acquasanta al fiume Oreto”, la via Roma, nel tratto compreso tra via Cavour e via Emerico Amari, a partire dalle ore 10.15 del 13/01/2021 e sino ad ultimazione dei lavori, sarà chiusa al transito veicolare. Pertanto le linee 101 – 102 – 103 – 104 – 106 – 108 – 124 – 134 – 812, effettueranno il seguente percorso alternativo: Linea 101 – Da viale del Fante per Stazione Centrale – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata. Da Stazione Centrale verso Stadio – via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Domenico Scinà – via Turati – segue normale percorso. Linea 102 – Da Stazione Notarbartolo verso Stazione Centrale – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata. Da Stazione Centrale verso Stazione Notarbartolo – via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – segue normale percorso. Linea 103 – Da J. Lennon verso Porta Felice – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata. Da Porta Felice verso J. Lennon – normale percorso fino in via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Scinà – via Turati – segue normale percorso. Linee 104 – 108 provianienti da piazza Indipendenza verso piazza Sturzo – normale percorso fino in via Cavour – a sinistra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – seguono normale percorso. Provianienti rispettiviamente da via Della Libertà e da via Turati verso Indipendenza – seguono normale percorso. Linea 106 Da Parcheggio Emiri verso Stadio: normale percorso fino in via Dante – a destra via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via vialturno – via Cavour – a sinistra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – segue normale percorso. Da Stadio verso Parcheggio Emiri: – segue normale percorso. Linea 124 – Da Parcheggio Emiri verso Stazione Centrale – segue normale percorso. Da Stazione Centrale verso Parcheggio Emiri – via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Domenico Scinà – via Turati – via Dante – segue normale percorso. Linea 134 – Da J. Lennon verso piazza XIII viattime – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata. Da piazza XIII viattime verso J. Lennon – via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Domenico Scinà – via Turati – segue normale percorso. Linea 812 – Da via F. Crispi (capolinea porto) verso Montepellegrino – normale percorso fino in via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Domenico Scinà – via Turati – segue normale percorso. Da Montepellegrino verso via F. Crispi (capolinea porto) – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 dic 2020

Tram Palermo | Presentato da Ministra De Micheli il piano e finanziamento per completamento rete cittadina

di Fabio Nicolosi

E' di 480 milioni lo stanziamento del Ministero dei Traporti per il completamento della rete tranviaria della città di Palermo Palermo. A presentare il progetto che di fatto cambierà definitivamente il volto della città in tema di trasporto di massa sono stati in videoconferenza la ministra la Ministra Paola De Micheli, il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore alla Mobilità Giusto Catania. I 40 nuovi chilometri di rete su cui si snoderanno le nuove quattro tratte che dovrebbero essere completate entro il 2026 si aggiungeranno a quelle già esistenti e in via di appalto per un totale di 84 km di rete interconnessa con 12 parcheggi complessivi di interscambio che serviranno circa 80 milioni di passeggeri all'anno con una media fra 100 e 120 mila passeggeri al giorno) e, dato molto importante ad una riduzione di emissioni di Co2 di circa 9.500 tonnellate ogni anno. Il progetto si integrerà quindi con le linee già in esercizio dalla Stazione Centrale a Brancaccio e dalla Stazione Notarbartolo a Borgo Nuovo-Cep e a Corso Calatafimi, nonché con le linee in fase appalto per cui si andrà in gara nel 2021 con il finanziamento complessivo di 296 milioni fra Patto per il sud, Comune e Regione (Corso Calatafimi - Basile/Orleans, Stazione Centrale-De Gasperi, Notarbartolo - Giachery, Stazione centrale - Croce Rossa/De Gasperi, Stazione Centrale - Basile/Orleans, De Gasperi-Viale Francia). Le nuove tratte finanziate ora dal MIT, servite da 35 vetture, collegheranno le borgate marinare dell'area nord (Mondello e Sferracavallo), i quartieri di San Filippo Neri e Bonagia, il polo sanitario Civico-Policlinico-Ismett e l'Ismett ed il water front della città con un incremento stimato di circa 35 milioni di passeggeri all’anno. Con esse, naturalmente sono previsti la realizzazione di parcheggi di interscambio (circa 1.400 nuovi posti auto), opere di riqualificazione di strade, spazi urbani e verde e nuove piste ciclabili. La Ministra Paola De Micheli ha sottolineato l’importanza della collaborazione fra le strutture del Ministero e del Comune: "Abbiamo trovato negli uffici del comune di Palermo la competenza e l'intelligenza per seguire passo dopo passo il progetto delle nuove quattro linee di tram – ha detto la titolare del Dicastero dei Trasporti. “Abbiamo assegnato 481 milioni di euro sui 504 mln richiesti dal comune, ma fino al 2026 abbiamo un piano sui trasporti molto ambizioso e chiederemo di finanziare il differenziale anche col Recovery fund e nel primo semestre del prossimo anno contiamo di completare il finanziamento". "Con queste linee, 120 mila persone, pari al 39% del totale, passeranno dall'auto al tram: un numero impressionante che testimonia l’impatto sulla qualità della vita urbana che questa opera determinerà per Palermo. Certo, avremo anni di disagi con i cantieri, ma una volta conclusi i lavori, ad opera finita, i vantaggi saranno evidenti per tutti.” La Ministra ha anche sottolineato come “la tranvia di Palermo si inserisce in un disegno complessivo per la Sicilia e per il Meridione, di cui fanno parte gli interventi per il rafforzamento infrastrutturale del sistema ferroviario e quelli per la viabilità provinciale.” "Siamo di fronte ad un progetto storico, destinato a cambiare il volto di Palermo non solo rispetto alla mobilità ma sicuramente rispetto alla vivibilità di intere zone, dalla periferia nord a quella sud, dalle borgate marinare al waterfront centrale. Un progetto, certamente il più imponente per la rigenerazione urbana mai avviato a Palermo, frutto di una straordinaria collaborazione fra le strutture tecniche del Comune e del Ministero ed una attenta sensibilità da parte della Ministra, che ha creduto fortemente nell'idea proposta dalla nostra città. Un progetto, infine, che avrà un grande impatto anche sull'occupazione, con la previsione di circa 7000 persone coinvolte nel periodo di realizzazione delle opere." Il Sindaco ha anche sottolineato come "questa opera vedrà certamente il suo avvio operativo ben oltre la fine del mio mandato, un motivo in più per esserne orgoglioso come una di quelle opere che fanno la storia della città, ben oltre i tempi di una amministrazione comunale." A sottolineare il positivo impatto sull'ambiente è l'Assessore Giusto Catania, che ricorda come "oltre 100 mila palermitani ogni giorno lasceranno a casa la propria auto, con un contributo determinante alla qualità della vita, alla qualità dell'aria, alla lotta contro le emissioni inquinanti. Si tratterà inoltre di un sistema di trasporto che si integrerà con progetti di riqualificazione complessiva, con l'ampliamento delle aree pedonali e verde in tutte le zone cittadine interessate. Nel dettaglio, la linea “F” si snoderà dalla stazione centrale toccando il Foro Italico, la Cala, via Crispi fino alla stazione Giacher. Il piano di finanziamento prevede anche la riqualificazione della zona con un parcheggio di interscambio al Foro Italico con 397 posti auto. Gli interventi interesseranno anche il lungomare del Foro Italico dove saranno eseguiti lavori di rigenerazione urbana, nuove piste ciclabili e aree pedonali e alla Cala, via Crispi e piazza XIII Vittime dove saranno realizzate opere di verde urbano, aree attrezzate e il miglioramento della mobilità dolce. La Tratta "D" (innestandosi con la "C" in corrispondenza della stazione Orleans) servirà il percorso del polo ospedaliero e mediante la realizzazione del nuovo ponte sul fiume Oreto consentirà il collegamento anche con i quartieri di Falsomiele e Bonagia. La tratta "E2" percorrendo viale Strasburgo, attraverserà via Lanza di Scalea e lo Zen collegando la zona nord della città con la borgata di Mondello. Anche in questo caso, l'intervento prevede importanti opere di riqualificazione in viale Strasburgo, così come allo Zen dove verrà realizzata la nuova piazza del "Mercato". Interventi di ristrutturazione saranno eseguiti anche sul lungomare di Mondello dove sarà privilegiata la mobilità dolce e il pedone. In questa ampia zona della città i parcheggi da realizzare saranno tre: Strasburgo con 161 posti auto, Mongibello con 289 e Galatea con 360. La tratta "G" (innestandosi con la fermata "E" in corrispondenza della fermata di "Cardillo") raggiungerà Sferracavallo attraversando via Lanza di Scalea, via Nicoletti e via Palazzolo. Il Terminal sarà realizzato al centro della borgata attraverso un nuovo percorso . Qui è previsto anche l'ampliamento del parcheggio di interscambio della fermata del passante ferroviario per un totale di 112 posti auto. Tutte le nuove tratte saranno realizzate con la tecnologia Catenary Free e senza barriere e le vetture saranno alimentate da batterie ultra leggere e ad alta capacità.

Leggi tutto    Commenti 66
Articolo
03 nov 2020

NUOVE LINEE TRAM | La gara per la verifica del progetto definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C è da ripetere

di Fabio Nicolosi

Il Progetto definitivo ed Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C subisce il primo stop forzato. La determinazione dirigenziale n.8990 del 25 settembre 2020 dichiara, la procedura per la Verifica del Progetto Definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C deserta per mancanza di offerte valide. Ripercorriamo velocemente le tappe: con Determinazione Dirigenziale n. 26 del 23/05/2017 dell’Area Tecnica della Riqualificazione Urbana e delle Infrastrutture è stato approvato il Bando di Concorso Internazionale di progettazione del Sistema Tram Palermo – Fase II Progetto Generale e progetto 1°Stralcio; con Determinazione Dirigenziale n. 18 del 23/05/2018 di questo Servizio sono stati approvati i verbali di gara della commissione giudicatrice e proclamato il vincitore del concorso internazionale di progettazione in argomento, identificato, nel costituendo Raggruppamento Temporaneo di Professionisti costituito da Ing. Cassata Ruggero (capogruppo), n.q. di legale rappresentante della società RGM S.r.l.; Ing. Bonadies Dino (mandante) n.q. di legale rappresentante della società Rpa S.r.l.; Ing. Scotti Alberto (mandante) n.q. di legale rappresentante della società Technital S.p.A.; Ing. Cassata Giovanni (mandante), libero professionista; con Determinazione Dirigenziale n. 28 dell’11.07.2018 di questo Servizio è stato approvato lo schema di contratto e il disciplinare prestazionale per l’affidamento dei servizi di progettazione del bando di concorso internazionale di progettazione in due fasi per la progettazione del “Sistema Tram Palermo – Fase II progetto Generale” e “– Progetto I° stralcio”, così come modificati per effetto della negoziazione; con atto Rep. 20 del 17/07/2018 e successivo atto aggiuntivo Rep. n. 44 del 18/12/2018, regolarmente registrati, è stato affidato al predetto Raggruppamento Temporaneo di Professionisti, il servizio di ingegneria e architettura relativo alla progettazione del “Sistema tram Palermo – Fase II progetto Generale” e “ Progetto I° stralcio” – Progettazione di Fattibilità Tecnica ed economica e prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei piani di sicurezza, limitatamente a: − linea “A”, linea “B”, linea “C”; con nota prot.115/2018 è stato consegnato dal suddetto R.T.P.S. la progettazione dello Studio di fattibilità tecnico-amministrativo nei tempi assegnati, avviandosi quindi la progettazione definitiva dell’intervento; con determinazione dirigenziale dell’Area Polizia Municipale - Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico - n. 8481 del 09.07.2019, integrata con determinazione dirigenziale n.12023 del 18.10.2019, è stata indetta, ai sensi dell’art.60 del D. Lgs. 50/2016 e ss.mm. ii, procedura aperta per l’affidamento del servizio di Verifica, ai sensi dell’art. 26 del d.lgs.50/16 e ss.mm.ii., del Progetto Definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tramviarie della Città di Palermo – Tratte A, B, C, per l’importo a base d’asta di € 977.690,06 comprensivo di spese ed oneri accessori ed al netto di IVA ed oneri previdenziali, approvando il bando e disciplinare di gara, unitamente ai relativi allegati; con nota n.712049 del 14.07.2020 il Servizio Contratti, su mandato della Commissione di gara, ha trasmesso al RUP n. 17 verbali di gara, di seguito indicati, per gli adempimenti di cui all’art. 29 del D. Lgs. n. 50/2016, i verbali di gara; - n. 1 del 11.02.2020; - n. 2 del 18.02.2020; - n. 3 del 06.03.2020; - n. 4 del 11.05.2020; - n. 5 del 13.05.2020; - n. 6 del 14.05.2020; - n. 7 del 19.05.2020; - n. 8 del 20.05.2020; - n. 9 del 25.05.2020; - n. 10 del 27.05.2020; - n. 11 del 04.06.2020; - n. 12 del 15.06.2020; - n. 13 del 16.06.2020; - n. 14 del 23.06.2020; - n. 15 del 25.06.2020; - n. 16 del 30.06.2020; - n. 17 del 09.07.2020; con nota prot.n.795915 del 03.09.2020 il RUP, riscontrando la superiore nota del Servizio Contratti ha richiesto alla Commissione di gara, ai sensi del punto 23 del disciplinare di gara, di formulare la propria proposta in ordine all’esito della procedura in argomento, non chiaramente esplicitata negli atti sopra richiamati; con e.mail del 15.09.2020 il Presidente di gara ha trasmesso al RUP il verbale di gara n. 18 del 15.09.2020, con il quale la Commissione di gara ha dichiarato che nessun concorrente è in possesso di tutti i requisiti di partecipazione richiesti dal disciplinare di gara, proponendo l’adozione del provvedimento di esclusione di tutti i concorrenti alla procedura di gara; Una brutta battuta d'arresto. Adesso bisognerà ripubblicare la gara sperando di trovare qualche offerta valida. Un ritardo sulla tabella di marcia prevista dal comune di Palermo che prevedeva l'inizio dei lavori per fine 2021. Adesso i lavori, sperando in ulteriore intoppi, potranno iniziare non prima del 2022

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
02 ott 2020

TRAM | Le nuove linee non necessitano di una variante urbanistica

di Fabio Nicolosi

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa l'iter amministrativo per la realizzazione delle nuove linee tranviarie. L'ufficio legale dell'assessorato regionale al territorio ha risposto ad una nota del Comune con cui chiarisce, con riferimento al Tram (progetto linee A, B e C), che non è necessario un voto del Consiglio comunale di variante urbanistica. Viene inoltre chiarito che il verde "ausiliario" di contorno agli assi viari (aiuole, alberi, ecc) non è considerato a fini urbanistici come "verde" e che la destinazione urbanistica a "viabilità" comprende le strade carrabili e pedonali ma anche le piste ciclabili e i tram. Tratta A – Stazione Centrale – Villa Sofia Tratta B – Stazione Notarbartolo – Giachery Tratta C – Stazione Centrale – Calatafimi “Un passo avanti che conferma come l'amministrazione si sia mossa e si stia muovendo nel solco del massimo rispetto della normativa urbanistica e dell'impianto delle linee guida del piano regolatere per la mobilità sostenibile" dice il sindaco Leoluca Orlando. "Dalla Regione arriva un punto fermo sul piano amministrativo che speriamo chiuda polemiche del tutto strumentali di chi si oppone al tram per puri motivi ideologici", dice l’assessore alla Mobilità Giusto Catania. Il Comune tenterà di pubblicare il bando di gara entro i primi mesi del 2021. “Abbiamo perso almeno cinque mesi per questa querelle” dice Catania. Adesso il progetto andrà al Consiglio regionale dei lavori pubblici e al ministero dei Trasporti per gli ultimi via libera. La tratta A collegherà per 11 chilometri, la stazione centrale allo stadio, trasformando via Roma in un’area pedonale alberata con piste ciclabili. Via Libertà diventerà un boulevard pedonale con i controviali aperti al traffico. Mentre l’altro senso di marcia insisterà su via Marchese di Villabianca e via Marchese di Roccaforte. La tratta B collegherà la stazione Notarbartolo a via Duca della Verdura. La tratta C prolungherà l'attuale linea 4 da viale Regione siciliana, all’altezza del ponte Calatafimi, fino alla stazione centrale collegando l’Università, il parcheggio Basile, il Cus e il parco Cassarà. C’è anche un’altra tratta, la “E1”, che collegherà piazza De Gasperi alla stazione Francia. Ti potrebbe interessare anche: VIDEO ESCLUSIVO | Tram: la nuova linea Stazione C.le – Stadio (tratta A) VIDEO ESCLUSIVO | Tram: la nuova linea Notarbartolo – Giachery (tratta B) VIDEO ESCLUSIVO | Tram: la nuova linea Balsamo – Calatafimi (tratta C) VIDEO ESCLUSIVO | Tram: le fermate e le vetture

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
13 ago 2020

TRAM | Inoltrati gli elaborati progettuali al Consiglio superiore dei lavori pubblici e alla Regione Siciliana

di Fabio Nicolosi

Procede l'iter per l'avvio della gara per le tre linee tranviarie finanziate col Patto per Palermo. Nei giorni scorsi infatti gli elaboratori progettuali sono stati inviati al Consiglio superiore dei lavori pubblici per l'acquisizione del parere e alla Regione Siciliana per definire la corretta interpretazione alla norma funzionale all'acquisizione del parere di conformità urbanistica. “Sono due passaggi importanti - affermano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla mobilità Giusto Catania - e consentono di poter essere fiduciosi sul rispetto della tabella di marcia che si è data l’amministrazione comunale per impegnare le risorse dello Stato. Questa importante opera pubblica sarà uno straordinario vettore di trasformazione della città e consentirà di rimettere in moto un ciclo economico virtuoso che darà respiro al comparto dell'edilizia palermitana".

Leggi tutto    Commenti 24
Articolo
03 lug 2020

Biglietto unico: dopo oltre 10 anni di attesa la montagna ha partorito il topolino. I dettagli

di Mobilita Palermo

Palermo - Un'attesa molto lunga, almeno dal 2008 quando Amat e Trenitalia decisero di scindere il biglietto del t.p.l. per divergenze commerciali. In questi dieci anni in città sono state realizzate 4 linee tranviarie, quasi completata un'infrastruttura per il trasporto rapido di massa quale il Passante Ferroviario, nuove stazioni ferroviarie, rimodulata l'intera rete bus,  una zona a traffico limitata, ma soprattutto l'integrazione infrastrutturale fra "ferro e gommato". A fronte di questi grandi investimenti e cambiamenti, forte è stata la necessità di dover istituire un titolo di viaggio integrato, perché l'integrazione non è solo infrastrutturale ma anche commerciale. Oggi infatti prendere due sistemi di trasporto è paradossalmente svantaggioso per l'utente che ogni giorno preferisce il mezzo pubblico per i propri spostamenti. Si scende da Borgo Nuovo per raggiungere l'Ars (Palazzo Reale), e si è costretti a proseguire con la linea 118 piuttosto che sfruttare la rapidità del Passante Ferroviario. Ma è solo un esempio di quello che accade quotidianamente. Nel 2020 la svolta, con l'annuncio del ripristino del biglietto unico integrato e la Regione a intercedere dal punto di  vista commerciale fra due SpA quali Amat e Trenitalia. Ma è davvero la svolta? Ci aspettavamo quindi biglietto da 90' integrato, biglietto giornaliero ma anche abbonamenti. E invece l'annuncio riguarda solamente il ripristino del biglietto unico giornaliero al prezzo di € 5,50 da utilizzare per l'intera giornata sull'intera rete bus, tram, passante ferroviario  (tratta urbana Roccella-Sferracavallo) e anello ferroviario. Una scelta che premia senza dubbio l'utente che utilizza occasionalmente il mezzo pubblico, oppure il turista durante il soggiorno in città. Ma il turista privilegerà soprattutto il bus per gli spostamenti: prende la linea 806 per recarsi a Mondello, la 389 per recarsi a Monreale, la 124 per recarsi al Castello della Zisa, la 327 per le Catacombe dei Cappuccini oppure il tram per piazza Ponte dell'Ammiraglio. Prenderà certamente il passante ferroviario per raggiungere l'Aeroporto o Cefalù, ma qui si tratta di tariffe non più urbane. Per chi si sposta ogni giorno attraverso la rete bus o metroferrovia, non cambierà nulla: rimarranno invariati i prezzi dei biglietti ordinari rispettivamente € 1,40 bus/tram e €1,70 per il Passante. Difficilmente si andrà a spendere € 5,50 ogni giorno per 25 giorni lavorativi, ovvero € 137,50. Considerate che un abbonamento Amat mensile per l'intera rete ha un costo di € 32,00 mentre Trenitalia € 31,50. Il “Biglietto Giornaliero Integrato Palermo” è acquistabile attraverso i seguenti canali: Biglietterie Trenitalia; Self Service; Alcuni punti di vendita AMAT (Agenzie di Viaggio Trenitalia); Agenzie di Viaggio di Trenitalia; Punti Vendita Autorizzati di Trenitalia (PVT); On line (sito www.trenitalia.com, Mobile e App di Trenitalia). L'avvio è previsto dal 4 Luglio e a titolo "sperimentale.   Qualche esempio da altre città in Italia. Gtt Torino biglietto 90' €2,50 e valevole sulla rete urbana e suburbana GTT di Torino, sulla metropolitana (1 sola corsa) e sulle linee ferroviarie Trenitalia e GTT (1 sola corsa) entro i limiti della prima cintura (stazioni di: Caselle città, Settimo, Chieri, Pessione, Candiolo, Alpignano). Biglietto Gtt Daily € 4,00  valido fino a termine del servizio del giorno della prima validazione, sulla rete urbana, suburbana Gtt e viaggi in metro illimitati. Amt Milano biglietto 90'  € 2,00   consente, nell'ambito della validità temporale e delle zone acquistate, di spostarsi percorrendo più tratte e combinando più mezzi, in modalità sia continuativa sia con più soste intermedie; pertanto è possibile effettuare con lo stesso biglietto viaggi di andata e ritorno, anche con più ingressi in metropolitana e su Trenord. Biglietto giornaliero Amt € 7,00 e vale 24 ore dalla prima convalida, senza limite al numero di viaggi nell'ambito territoriale Atac Roma biglietto 100'  € 1,50 valido per 100 minuti dalla prima timbratura. In metropolitana vale per una sola corsa, anche su più linee; Biglietto Roma 24h € 7,00  valido 100 minuti dalla prima timbratura. scaduti i primi 100 minuti il titolo può essere riattivato per ulteriori 100 minuti ripresentandolo presso un validatore, e così fino all'esaurimento delle riattivazioni disponibili. Dopo quanto detto, ci si sarebbe aspettati l'introduzione almeno di un abbonamento integrato mensile per soddisfare praticamente l'intera utenza che ogni giorno sfrutta il mezzo pubblico (studenti, lavoratori, pensionati, pendolari), chi effettua almeno due corse al giorno fra andata e ritorno. Ma diciamo di più, un abbonamento unico (con un costo entro € 45,00) avrebbe reso ancora più appetibile l'attuare rete di trasporto pubblico dal punto di vista commerciale, e captato nuovi potenziali utenti. Insomma, dopo tanti annunci e dopo tanto clamore creato attorno, pollice verso per la Regione per aver disatteso le aspettative.

Leggi tutto    Commenti 20
Articolo
10 giu 2020

Pedonalizzazioni: il Cassaro e via Maqueda non saranno più ZTL, ma zone pedonali

di Fabio Nicolosi

La via Maqueda da piazza Giulio Cesare a piazza Verdi e il corso Vittorio Emanuele da Porta Nuova a Piazza Marina diventano zone pedonali e non più, come erano state fino ad oggi, delle "Zone a traffico limitato". Lo ha deciso oggi pomeriggio la Giunta Comunale, approvando la delibera proposta dall'Assessore Giusto Catania su imput del Sindaco e nell'ambito del percorso progettuale avviato con il documento "Palermo SiCura" presentato la scorsa settimana. In particolare, diventano aree pedonali: via Vittorio Emanuele (tratto compreso tra Corso Calatafimi/Porta Nuova e via Porto Salvo), via Maqueda (tratto compreso tra via Cavour/via Ruggiero Settimo e piazza S. Antonino/piazza Giulio Cesare), Piazza della Vittoria (tratto stradale compreso Via del Bastione e Via Vittorio Emanuele), Via Simone di Bologna (tratto stradale compreso tra via Vittorio Emanuele e piazza Sett’Angeli). Per entrambi gli assi stradali, si conclude così un lungo percorso fatto di sperimentazioni e progressiva limitazione del traffico. Risale infatti al 2014 il primo provvedimento dell'attuale amministrazione relativo a via Maqueda, mentre era stato emanata nel 2015 la prima ordinanza riguardante il "Cassaro." Queste sperimentazioni e limitazioni progressive del traffico, si legge nella delibera "hanno incontrato un crescente consenso da parte dei residenti, dei commercianti e delle varie Associazioni e Categorie cittadine, gradimento che ha decisamente incrementato la presenza turistica e pedonale". Nell'atto adottato dalla Giunta, viene sottolineato il legame fra le pedonalizzazioni e la promozione turistica della città, "che richiede interventi mirati di miglioramento della qualità dell'offerta di accoglienza che la città di Palermo intende riservare agli ospiti. A tale riguardo la predisposizione di spazi pedonali e di un'idonea riqualificazione degli stessi risulta di fondamentale importanza nell'ambito delle misure di marketing territoriale a sostegno del turismo." Per il Sindaco Orlando "oggi è giorno storico per la città. Si conclude un percorso amministrativo lungo 6 anni, ma soprattutto si compie un grande passo di quel percorso culturale cominciato venti anni fa con le prime pedonalizzazioni nel centro cittadino. Oggi come allora, le pedonalizzazioni sono sinonimo di vivibilità, di sviluppo, di rilancio commerciale e turistico delle aree interessate. Il fatto che queste come tante altre pedonalizzazioni vengano a gran voce richieste dai residenti e dai commercianti è la cifra di quel cambiamento culturale. Un grande ringraziamento ma anche una richiesta lo rivolgo agli assessori e a agli uffici responsabili per la mobilità e per il decoro: un grande lavoro collettivo è stato fatto, ma ora ci attende la sfida di garantire la piena fruibilità di queste aree, che possono essere, tornare ad essere il motore trainante della ripresa economica della città grazie al coinvolgimento e la partecipazione di tutti e all'insegna della città sicura e che si cura dei propri cittadini." Per l'Assessore Giusto Catania "abbiamo portato a compimento un importante risultato, frutto di un lungo lavoro tecnico e politico che ha visto il coinvolgimento di cittadini, comitati, associazioni di categorie, Circoscrizione. Un lavoro che certamente proseguirà con nuovi interventi concordati e e condivisi." Nei prossimi giorni saranno le ordinanze dirigenziali attuative della delibera di Giunta a fornire i dettagli sulle modalità di accesso limitato alle nuove aree pedonali.

Leggi tutto    Commenti 4