Mobilità sostenibile | Presentati gli abbonamenti unici integrati

Spread the love

Potenziamento del trasporto pubblico integrato nella città di Palermo a partire dal 6 agosto con l’avvio di due tipi di abbonamento agevolato treno bus tram.

Già nel 2020 era stato presentato il biglietto unico integrato, che però come avevamo fatto notare allora, era un biglietto poco utilizzabile perché anti-economico.

Ma su quello abbiamo giá scritto un articolo dedicato, quindi non vogliamo annoiarvi ancora, se volete lo trovate cliccando qui.

La vera novità di oggi sono gli abbonamenti settimanali e mensili introdotti.

Rispettivamente dal 6 e dal 26 agosto saranno disponibili le due tipologie di abbonamento.

  • Il mensile avrà un costo di 50 euro
  • Il settimanale avrà un costo di 15 euro

Giusto per gioco vogliamo fare un esercizio da bambini di scuola elementare.

Il solo abbonamento mensile di Amat costa dai 32 ai 42 euro.

Ipotizziamo un pendolare che lavora 22 giorni al mese; dovendo prendere il treno + tram spende oggi 3,1€ per tratta, quindi 6,2€ al giorno.

Moltiplicando 6,2 euro per 22 giorni viene fuori 136,4€ di spesa per l’utilizzo del mezzo pubblico.

Con l’abbonamento unico integrato il lavoratore potrà utilizzare i treni, i tram, i bus nell’area cittadini a 50 euro, con un risparmio di 86,4 euro.

Non resta che esultare finalmente per un’offerta appetibile e che potrebbe migliorare il trasporto pubblico locale.

ATTENZIONE!

Fate bene attenzione a dove si possono usare, sopratutto per quanto riguarda la tratta urbana del passante ferroviario di Palermo

DOVE È VALIDO:

  • Bus e tram di AMAT Palermo
  • per Trenitalia, su tutti i treni regionali in 2a classe nel circuito urbano di Palermo (stazioni/fermate: Palermo Roccella, Palermo Brancaccio, Palermo Centrale, Palermo Guadagna, Palermo Vespri, Palermo Lolli, Palermo Palazzo Reale-Orleans, Palermo Notarbartolo, Palermo Francia, Palermo S. Lorenzo, Palermo La Malfa, Palermo Cardillo-Zen, Palermo Tommaso Natale, Palermo Sferracavallo, Palermo Imperatore Federico, Palermo Fiera e Palermo Giachery)

DOVE SI COMPRANO:

  • Biglietterie Trenitalia
  • Biglietterie automatiche Trenitalia
  • Agenzie di Viaggio e Punti Vendita Autorizzati di Trenitalia
  • On line (sito www.trenitalia.com, Mobile e App di Trenitalia)

Vi lasciamo al comunicato stampa:

È stata presentata stamane a Palazzo Orléans l’iniziativa resa possibile grazie all’investimento della Regione, in sinergia con il Comune di Palermo, l’Amat, l’Azienda municipalizzata dei trasporti, e Trenitalia (Gruppo Fs). 

Il progetto prevede l’introduzione di due abbonamenti integrati (mensile e settimanale) e la conferma del biglietto giornaliero integrato, che permetteranno a cittadini e turisti di viaggiare indifferentemente su bus, tram e metropolitana con tariffe ridotte, grazie a un contributo finanziario della Regione Siciliana che ha stanziato, in questa prima fase, 350 mila euro. 

«Il progetto di integrazione tariffaria in Sicilia – dichiara il presidente della Regione, Nello Musumeci – costituisce un elemento di novità ed allinea l’Isola a molte altre regioni d’Italia.

Puntiamo a rendere meno disagevole la quotidianità ai pendolari e ai turisti.

Questa iniziativa si muove nella cornice di un’effettiva collaborazione interistituzionale, ma anche nella volontà di dare concreta attuazione all’idea dell’area di Città metropolitana e quindi della mobilità interna.

È una bella innovazione.

Dopo Messina e Palermo, il nostro obiettivo per i prossimi mesi è quello di poter lavorare perché questa iniziativa possa essere realizzata anche nella Città metropolitana Etnea.

Quanto al trasporto ferroviario, l’auspicio è che presto si possa arrivare a ridurre i tempi di percorrenza in Sicilia a seguito dei lavori di ammodernamento di alcune importanti tratte, come la Palermo-Catania e la Palermo-Trapani (via Milo), le cui competenze, come si sa, sono dello Stato.

Nel frattempo, abbiamo acquistato nuovi treni, stiamo ammodernando la nostra flotta e guardiamo avanti con rinnovato ottimismo».

«Il grande vantaggio di questa operazione – sottolinea il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla – è quello di facilitare l’uso intermodale dei trasporti che è l’obiettivo al quale Palermo guarda per favorire il trasporto pubblico di massa, il treno, la rete tranviaria, i bus ecologici, oltre ai mezzi ecocompatibili di fruizione individuale.

Questo è per noi il senso della presentazione di oggi che va a merito del lavoro che l’assessore Falcone e il governo regionale hanno riservato a questo speciale, ma importantissimo segmento di attività pubblica. 

Ai trasporti pubblici, non dimentichiamolo, compete un ruolo fondamentale in termini di conservazione dell’ambiente e di qualità dell’aria».

«Il potenziamento del biglietto unico a Palermo – afferma l’assessore regionale alle Infrastrutture,Marco Falcone – è un’iniziativa strategica per rafforzare l’intermodalità nei trasporti pubblici del capoluogo.

La Regione in passato non se n’era mai occupata mentre in questi anni, invece, si è fatta carico di mettere assieme Trenitalia, Amat e il Comune investendo anche le dovute somme per rendere competitive le tariffe.

Con gli abbonamenti integrati settimanali e mensili, la mobilità pubblica su Palermo compie un grande salto di qualità.

Lo stesso risultato abbiamo già raggiunto a Messina, dove il successo del biglietto unico è ormai consolidato e ben chiaro alla città.

Presto lo introdurremo anche a Catania.

Mai come in questi anni la Regione si è presa cura dei trasporti pubblici, lavorando in concreto per rendere il sistema sempre più efficiente e vicino alle aspettative di cittadini, pendolari, turisti». 

«Per Trenitalia – aggiunge il direttore regionale Sicilia di Trenitalia (Gruppo Fs),Vincenzo Pullara – si tratta di un ulteriore tassello per una mobilità sempre più integrata, comoda e sostenibile.

I due abbonamenti si uniscono al biglietto integrato giornaliero già introdotto due anni fa, per facilitare maggiormente la connessione fra treno, tram e bus». 

Presente al lancio dei nuovi servizi all’utenza anche il dirigente generale del dipartimento regionale delle Infrastrutture, Fulvio Bellomo. 

I prodotti integrati – in vendita nelle biglietterie o sul sito e sull’app di Trenitalia – consentono viaggi illimitati su treni regionali del circuito urbano, sulle linee di bus e tram di Palermo. 

L’abbonamento mensile sarà disponibile (dal 6 agosto), al prezzo di 50 euro; l’abbonamento settimanale, invece, sarà in vendita dal 27 agosto, al costo di 15 euro. Confermato, inoltre, il biglietto giornaliero integrato (in vendita già dal luglio 2020) al prezzo di 5,50 euro.

I PRODOTTI INTEGRATI

Abbonamento mensile integrato (nuovo prodotto)

Il titolo sarà in vendita dal 06 agosto 2022; il prezzo è di 50,00 € e consente viaggi illimitati su treni regionali/bus/tram per un mese solare.

Il valore dell’abbonamento è pari a 63,50 €.

La Regione Siciliana compenserà 13,50 € per ogni abbonamento mensile integrato emesso.

Abbonamento settimanale integrato (nuovo prodotto)

Il titolo sarà in vendita dal 27 agosto 2022; il prezzo è di 15,00 € e consente viaggi illimitati su treni regionali/bus/tram per una settimana (dal lunedì alla domenica).

Il valore dell’abbonamento è pari a 23,80 €.

La Regione Siciliana compenserà 8,80 € per ogni abbonamento settimanale integrato emesso.

Biglietto giornaliero integrato (prodotto già esistente)

Il titolo è in vendita da luglio 2020; il prezzo è di 5,50 € e consente viaggi illimitati su treni
regionali/bus/tram nel giorno di validità.

Il valore del biglietto giornaliero è pari a 7,00 €. La Regione Siciliana compensa 1,50 € per ogni biglietto giornaliero integrato emesso.

Per tutti i prodotti integrati, il prezzo per il passeggero è ridotto rispetto al valore degli stessi grazie all’impegno della Regione Siciliana, che ha stanziato per l’iniziativa complessivamente 344.686,05 €.

Post correlati

5 Thoughts to “Mobilità sostenibile | Presentati gli abbonamenti unici integrati”

  1. Bartolomeo futuro sindaco di Palermo Rizzo

    Il ragionamento che fate sul risparmio non sta in piedi, dovete confrontare la somma degli abbonamenti con l’abbonamento singolo, con un risparmio di 13 e 50, non di 86 e passa. Tra l’altro questo viene poi detto andando avanti nell’articolo, essendo quella la quota pagata dalla regione.
    In ogni caso dato che l’abbonamento AMAT per gli studenti (solo 4 linee però) costa 15 e similmente anche per i lavoratori grandi strutture, paradossalmente a queste categorie di persone conviene farli separatamente, dato che 31 e 50 + 15 fa 46 e 50, meno della proposta di abbonamento unico. Che imbarazzo.
    Se poi aggiungiamo che a Milano, città dal costo della vita alto l’abbonamento mensile urbano comprensivo di tutti i mezzi è 39 euro c’è da mettersi a ridere, per non piangere. (Considerate pure che 39 è il prezzo base e ci sono tanti sconti per esempio in base all’ISEE o se si è studenti ecc…)

    Che poi il confronto con la somma degli abbonamenti va fatto a varie condizioni, per esempio se si prendesse un trimestrale AMAT il gap già diminuirebbe.

    Ormai festeggiamo per le briciole quando dovremmo prenderci la torta.

  2. Jolas Rem

    È una buona notizia. Si poteva fare meglio? Certamente. Ad esempio estendendo la validità dei biglietti per tutta la zona coperta dal servizio AMAT, ovvero da Villabate a Isola delle Femmine. Sui prezzi penso si sia fatto qual che si poteva… ma non avete parlato della validità dei biglietti: la politica piuttosto rigida di Trenitalia è sempre stata quella di far valere i biglietti settimanali dal lunedì alla domenica di una precisa settimana, indipendentemente da quando si oblitera (se lo uso la prima volta di sabato varrà solo due giorni) e lo stesso per il mensile, che scade inesorabilmente alle 23,59 dell’ultimo giorno del mese, anche se l’ho comprato il giorno prima. Controllate il sito Trenitalia per averne conferma (https://www.trenitalia.com/content/dam/tcom/allegati/trenitalia_2014/area_clienti/trasporto-regionale/tariffa-14/Tariffa_14_PA.pdf) . Su questo penso si sarebbe dovuto contrattare perché non ha senso e spero si sia fatto per questi biglietti integrati, anche se francamente qualche dubbio ce l’ho.

  3. Jolas Rem

    EDIT: nell’articolo la cosa è accennata, ve ne rendo atto. Solo che per me è un difetto, magari sbaglio…

  4. Orazio

    Alla vigilia delle dimissioni di Musumeci e l’indomani della uscita di scena di Orlando si conclude finalmente una vicenda dall’iter tormentato. Il primo potrà attaccarsi la medaglietta al petto, ma non gli servirà a molto, il secondo nemmeno quella. Ma gli artefici di quanto realizzato sono loro o per meglio dire le amministrazioni da loro guidate..

    Ribadisco che si debba lavorare per il bene, a prescindere da chi si appiccicherà le medagliette al petto.

  5. Peppe G.

    Sono tra i pochi a non gioire per questo evento.
    A mio avviso ancora non ci siamo, c’è ancora disuguaglianza tra cittadini di serie A (Palermo) e cittadini di Serie B (provincia).
    Il biglietto integrato deve essere esteso anche ai cittadini della provincia di Palermo.

Lascia un commento