L’aeroporto di Palermo si conferma in un ottimo stato di salute

Spread the love

Dopo avervi mostrato le foto dei lavori non possiamo che rendervi partecipi di un ulteriore dato positivo raggiunto dall’aeroporto.

Abbiamo estrapolato questa tabella dal sito assaeroporti e non possiamo che essere felici nel vedere che non solo l’aeroporto è nella top 10, ma risulta il primo che ha il segno + nel confronto il 2019, ultimo anno senza la pandemia COVID-19.

Rispetto al 2019, quindi nel periodo Gennaio – Giugno 2022 l’aeroporto ha avuto una crescita del 6% sul numero dei movimenti

Una crescita dello 0,1% rispetto al numero di passeggeri. Una crescita del 364,9% rispetto al numero di tonnellate

Ed è notizia di pochi giorni fa che l’aeroporto Falcone Borsellino colleziona un altro record storico.

È stato superato il tetto di 800 mila passeggeri in transito in un solo mese.

Un risultato importante per lo scalo aereo palermitano che a luglio si porta a 802.656 viaggiatori, ovvero a +3,53% rispetto a luglio 2019 (755.265).

Nel mese appena trascorso ci sono stati 5.618 voli contro 5.506 di luglio 2019, cioé un incremento del 2,03%.

Aumenta anche la media dei passeggeri per volo, che passa da 141 a 143.

Il dato record di luglio fa balzare sulla soglia dei 4 milioni il totale dei passeggeri in arrivo e in partenza, tra gennaio e luglio, dal Falcone Borsellino: 3.988.377 contro 3.958.459 del 2019, con una crescita dello 0,76%.

Inoltre, cresce del 3,71% il numero dei voli nei primi sette mesi dell’anno: 30.356 contro 29.270 del 2019.

Un’altra buona notizia arriva dalle statistiche sul traffico internazionale, che ha inciso per il 32,28% su luglio e ha raggiunto il 26,59% sull’anno.

Non era mai successo che l’asticella superasse il tetto dei 800 mila passeggeri.

Le previsioni indicano che anche ad agosto si potrebbe raggiungere lo stesso risultato di luglio.

Post correlati

One Thought to “L’aeroporto di Palermo si conferma in un ottimo stato di salute”

  1. Votante medio

    Va bene…tutto quello che volete
    Ma….i nostri Marò?

Lascia un commento