Articolo
22 mar 2020

Coronavirus | Ecco l’elenco delle imprese che potranno proseguire l’attività lavorativa

di Antony Passalacqua

Palermo - Pubblichiamo l'elenco delle attività produttive che, a seguito dell'ultimo D.P.C.M. , potranno continuare a rimanere aperte. Ricordiamo che il recente Decreto impone nuove ulteriori restrizioni  circa l'apertura delle attività commerciali. Per tutti quanti l'invito è sempre di rimanere in casa seguendo scrupolosamente le disposizioni impartite degli organi ufficiali.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mar 2020

Coronavirus | L’appello di un cittadino contro gli incivili e trasgressori

di Mobilita Palermo

Cari redattori di Mobilita Palermo,  sono uno studente che abita nel quartiere Oreto-Perez-Stazione (e che preferirebbe rimanere anonimo qualora voi vogliate diffondere questo messaggio). Vi scrivo perché proprio non ce la faccio a starmene con le mani in mano di fronte all'ennesima prova di inciviltà che sta dando una parte della gente (non so in altri contesti come sia la situazione) che vive nel mio quartiere. Dal punto di vista privilegiato (si fa per dire) del balcone di casa mia, tra una pausa di studio per un esame di Storia Medievale per l'Università e l'altra, noto con grande dispiacere che neanche di fronte al pericolo di morte, per sé e per gli altri, il Palermosauro riesce a mettere da parte la sua fiera strafottenza e la sua arroganza (nonché le sue brutte intenzioni e la maleducazione). Mentre infatti tante persone responsabili fanno di tutto per evitare di contrarre e fare da vettore del virus limitando, con grande sacrificio, i propri spostamenti; altre non si fanno scrupoli ad andarsene, incuranti delle restrizioni attualmente in vigore, in giro e bivaccare per le vie del quartiere. E lo dico con cognizione di causa perché, sebbene solo (e aggiungerei meno male) di vista, è gente che conosco. Per queste persone l'anarchia sembra essere l'unica regola: c'è chi ha riadattato la fruizione di un MiniMarket a quella di un Bar, per cui ormai è divenuto consueto incontrarsi all'entrata del negozio per prendere birre e bibite in compagnia e magari discutere, con buona pace delle distanze minime di sicurezza, della situazione Covid-19 snocciolando le proprie teorie al riguardo (che vanno dal complottismo al, cito testualmente, "il virus è nell'aria, per(c)ciò se me lo devo prendere me lo prendo pure se sto a casa. Tanto vale che mi bevo 'na bella bbirra chi me' cumpari"); altri passeggiano per l'intero pomeriggio con la scusa del cane o del sacchetto della spesa (semivuoto) per il quartiere salutando a destra e manca ed esibendo entusiasticamente le mascherine (un po' come si faceva da bambini con le figurine); altri ancora invece fanno la stessa cosa, ma con l'ausilio dei più comodi mezzi a locomozione elettrica. Ma, devo dirlo, l'apice della demenza si è manifestato durante i flashmob degli ultimi pomeriggi, quando gruppi di giovani e grandi si sono dati appuntamento per assistere insieme alle iniziative fatte dai balconi di alcune vie. Ciò detto, metto da parte per un minuto la mia ironia per fare un serio appello a chi abbia avuto la pazienza di leggere sin qui: davvero il pianto di un tuo concittadino sulla tomba di una persona cara è il giusto prezzo da pagare per il tuo chinotto o per la tua passeggiata all'aperto? Palermo non può negare se stessa. La città potrebbe trovarsi (o forse si trova già) alla vigilia di una catastrofe sanitaria, interi quartieri potrebbero presto diventare quartieri-ghetto, ed io sono preoccupato, dal momento che ho tre familiari a forte rischio. Ci vorrebbero più controlli da parte delle forze dell'ordine e pene esemplari per i trasgressori, affinché il coefficiente di rischio contagio possa ridursi al minimo prima che sia troppo tardi. La mia speranza è che voi di Mobilita Palermo possiate diffondere l'appello di questo messaggio  e sollecitare le istituzioni affinché si intervenga, e presto, in questo senso. In caso contrario, mi dispiace per avervi scritto tutto questo papello e mi complimento comunque con voi per il vostro attivismo in città. Un vostro Lettore  

Leggi tutto    Commenti 50
Articolo
13 mar 2020

Coronavirus | Forze dell’ordine sgomberano mercato Ballarò

di Mobilita Palermo

Palermo - Come previsto dalle recenti norme del decreto ministeriale per la prevenzione del contagio da Coronavirus,  che impediscono lo svolgimento di attività commerciali e mercatali, da questa mattina sono in corso le attività di sgombero e chiusura delle botteghe all'aperto all'interno dei mercati storici. Per tutti vale l'invito a rimanere in casa se non per spostamenti strettamente necessari. Qui i negozi che potranno rimanere aperti.           

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
12 mar 2020

Coronavirus |Chiusi i negozi, ecco quali rimarranno aperti

di Antony Passalacqua

Riportiamo integralmente il D.p.c.m. del 11 Marzo 2020 inerente le misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale.   .....Su proposta del Ministro della salute, sentiti i Ministri dell'interno, della difesa, dell'economia e delle finanze, nonché i Ministri delle infrastrutture e dei trasporti, dello sviluppo economico, delle politiche agricole alimentari e forestali, dei beni e delle attività culturali e del turismo, del lavoro e delle politiche sociali, per la pubblica amministrazione, e per gli affari regionali e le autonomie, nonché sentito il Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni;DECRETA: Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) diverse da quelle individuate nell’allegato 2. Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi. Il Presidente della Regione con ordinanza di cui all’articolo 3, comma 2, del decreto legge 23 febbraio 2020 n. 6, può disporre la programmazione del servizio erogato dalle Aziende del Trasporto pubblico locale, anche non di linea, finalizzata alla riduzione e alla soppressione dei servizi in relazione agli interventi sanitari necessari per contenere l’emergenza coronavirus sulla base delle effettive esigenze e al solo fine di assicurare i servizi minimi essenziali. Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro della salute, può disporre, al fine di contenere l’emergenza sanitaria da coronavirus, la programmazione con riduzione e soppressione dei servizi automobilistici interregionali e di trasporto ferroviario, aereo e marittimo, sulla base delle effettive esigenze e al solo fine di assicurare i servizi minimi essenziali.  Fermo restando quanto disposto dall’articolo 1, comma 1, lettera e), del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 marzo 2020 e fatte salve le attività strettamente funzionali alla gestione dell’emergenza, le pubbliche amministrazioni, assicurano lo svolgimento in via ordinaria delle prestazioni lavorative in forma agile del proprio personale dipendente, anche in deroga agli accordi individuali e agli obblighi informativi di cui agli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81 e individuano le attività indifferibili da rendere in presenza. In ordine alle attività produttive e alle attività professionali si raccomanda che: sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza; siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva; siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione; assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale; siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;  per le sole attività produttive si raccomanda altresì che siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni; in relazione a quanto disposto nell’ambito dei numeri 7 e 8 si favoriscono, limitatamente alle attività produttive, intese tra organizzazioni datoriali e sindacali.     Allegato 1 COMMERCIO AL DETTAGLIO IpermercatiSupermercatiDiscount di alimentariMinimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari variCommercio al dettaglio di prodotti surgelatiCommercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomesticiCommercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzatiCommercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulicoCommercio al dettaglio di articoli igienico-sanitariCommercio al dettaglio di articoli per l'illuminazioneCommercio al dettaglio di giornali, riviste e periodiciFarmacieCommercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medicaCommercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzatiCommercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l'igiene personaleCommercio al dettaglio di piccoli animali domesticiCommercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografiaCommercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamentoCommercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affiniCommercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internetCommercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisioneCommercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefonoCommercio effettuato per mezzo di distributori automatici  Allegato 2Servizi per la persona Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pellicciaAttività delle lavanderie industrialiAltre lavanderie, tintorieServizi di pompe funebri e attività connesse

Leggi tutto    Commenti 20
Articolo
11 mar 2020

Coronavirus | Sospesa ZTL fino al 3 aprile

di Antony Passalacqua

Palermo - Il sindaco Leoluca Orlando ha dato disposizione oggi agli uffici di predisporre la ordinanza per la sospensione della ZTL fino al 3 aprile o comunque fino alla durata delle misure restrittive della mobilità previste dal governo nazionale per contrastare la diffusione del COVID-19. "Nel momento in cui un nuovo provvedimento del governo impone restrizioni rigidissime alla mobilità personale anche in ambito urbano - afferma Orlando -  limitando gli spostamenti soltanto a quelli strettamente necessari per lavoro, salute ed esigenze personali non rinviabili, è evidente che si determinerà un drastico calo del traffico cittadino e quindi viene meno l'esigenza della zona a traffico limitato." ATTENZIONE. La sospensione entrerà in vigore dopo la pubblicazione della ordinanza.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
10 mar 2020

Amat, le misure di disinfezione su bus e tram

di Antony Passalacqua

Palermo - Nell'ambito delle misure di contenimento dell’emergenza COVID-19 ed in linea con le disposizioni emanate dalle Autorità competenti ed in attuazione del INFORMAZIONE AMAT Nell’ambito delle misure di contenimento dell’emergenza COVID-19 ed in linea con le disposizioni emanate dalle Autorità competenti ed in attuazione del DPCM 8 marzo 2020, si rende noto che l'AMAT Palermo S.p.A. ha emesso una serie di provvedimenti volti alla tutela del proprio personale e della cittadinanza. MISURE A TUTELA DEL PERSONALE VIAGGIANTE E DEI PASSEGGERI - L’accesso ai bus sarà consentito solamente dalle porte centrali e/o posteriori dei mezzi, al fine di isolare l'area passeggeri dall’area posto guida, che sarà interdetta da apposito nastro; - E’ sospesa la vendita di titoli di viaggio a bordo dei mezzi; - In aggiunta alla pulizia ordinaria e agli interventi di sanificazione già disposti, verranno effettuati interventi giornalieri di disinfezione dei mezzi di trasporto Bus, Tram, Car/bike sharing mediante prodotti a base alcolica/ozonizzazione. E come mostrato nel video,  dopo la vaporella a oltre 100° C  viene eseguita la pulizia con prodotti indicati dal Ministero per maggiore sicurezza.          UFFICI AMMINISTRATIVI E COMMERCIALI - E’ sospeso presso gli Uffici amministrativi il ricevimento del pubblico e del personale non dipendente ad eccezione degli Uffici Commerciali che utilizzeranno le postazioni di lavoro provviste di vetro di protezione. - Temporanea chiusura degli uffici commerciali di via Giusti, 7/b e Piazzale Ungheria e, parimenti, sospensione delle attività di vendita ed informazioni al pubblico presso i CIT di Piazza Bellini, Porto, Via Cavour, e Piazza Marina, dove non è possibile assicurare tutte le condizioni di sicurezza al potenziale contagio per il contatto diretto con il pubblico. Il CIT di piazza Mondello continuerà ad effettuare servizio di vendita biglietti/schede ZTL/schede parcheggio ed informazione. - L’emissione ed il rinnovo degli abbonamenti al trasporto pubblico verrà assicurato presso i seguenti punti vendita: 1) Via Borrelli (dal lunedì al giovedì ore 8,00-13,00 e ore 14,45-17,00 e venerdì 8,00-13,00) 2) Stazione Centrale (dal lunedì al venerdì ore 8,00-13,00; martedì e giovedì 14,45-17,00) 3) Piazza Giovanni Paolo II (dal lunedì al venerdì ore 8,00-13,00; lunedì e mercoledì 14,45-17,00) 8 marzo 2020, si rende noto che l'AMAT Palermo S.p.A. ha emesso una serie di provvedimenti volti alla tutela del proprio personale e della cittadinanza. UFFICI AMMINISTRATIVI E COMMERCIALI - E’ sospeso presso gli Uffici amministrativi il ricevimento del pubblico e del personale non dipendente ad eccezione degli Uffici Commerciali che utilizzeranno le postazioni di lavoro provviste di vetro di protezione. - Temporanea chiusura degli uffici commerciali di via Giusti, 7/b e Piazzale Ungheria e, parimenti, sospensione delle attività di vendita ed informazioni al pubblico presso i CIT di Piazza Bellini, Porto, Via Cavour, e Piazza Marina, dove non è possibile assicurare tutte le condizioni di sicurezza al potenziale contagio per il contatto diretto con il pubblico. Il CIT di piazza Mondello continuerà ad effettuare servizio di vendita biglietti/schede ZTL/schede parcheggio ed informazione. - L’emissione ed il rinnovo degli abbonamenti al trasporto pubblico verrà assicurato presso i seguenti punti vendita: 1) Via Borrelli (dal lunedì al giovedì ore 8,00-13,00 e ore 14,45-17,00 e venerdì 8,00-13,00) 2) Stazione Centrale (dal lunedì al venerdì ore 8,00-13,00; martedì e giovedì 14,45-17,00) 3) Piazza Giovanni Paolo II (dal lunedì al venerdì ore 8,00-13,00; lunedì e mercoledì 14,45-17,00)

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
06 mar 2020

Acquedotto, nessun rischio. Confermata la potabilità e la qualità dell’acqua

di Antony Passalacqua

Palermo - "A seguito della diffusione di un comunicato stampa incompleto da parte dell’AMAP circa l’emissione di una ordinanza sindacale relativa alla presunta inidoneità per uso umano dell'acqua distribuita in ampia parte della città, il sindaco chiarisce che “la firma dell'ordinanza è un atto dovuto di fronte ad una nota formale inviata dall’ASP all'Amministrazione comunale, ma tutti i dati relativi alla qualità dell'acqua distribuita in città ne confermano la potabilità e la qualità per uso umano.” In data 25 febbraio, i tecnici dell’ASP hanno infatti eseguito alcuni prelievi in uscita dai serbatoi “Petrazzi” che alimentano, con altri, la rete idrica della città. Da tali analisi, i cui risultati sono stati trasmessi ad AMAP il 28 febbraio, sono risultate alcune presenze superiori a quelle consentite per Solfati e Alluminio ed altri agenti inquinanti. AMAP si è immediatamente attivata per la verifica della usabilità dell'acqua per uso umano, anche con interventi di maggiore clorazione, monitorando costantemente fino al 5 marzo e lungo tutta la rete di distribuzione interessata la qualità dell’acqua. Da tutti gli esami eseguiti in tutti i punti di presa e per tutti i giorni verificati risulta che “NON VI E’ ALCUN PROBLEMA DI CARATTERE MICROBIOLOGICO NELL’ACQUA DISTRIBUITA IN RETE”. Nonostante ciò, e non avendo potuto provvedere ad ulteriori esami autonomi successivi al 25 febbraio, l’ASP, ha richiesto in data odierna l’emissione di una Ordinanza sindacale che il Sindaco, quale autorità sanitaria cittadina non può non firmare. “Specialmente in una situazione di già grave nervosismo legato alla situazione sanitaria del paese – dichiara il Sindaco Leoluca Orlando – è auspicabile che da parte di tutti vi sia la massima collaborazione per non alimentare psicosi di alcun genere. L’AMAP controlla l'acqua distribuita in rete ogni singolo giorno, cosa che non avviene per tanti altri soggetti che vendono acqua presunta potabile. Sono certo che nessuno in Amap si sognerebbe mai di distribuire acqua non di qualità. Allo stesso tempo mi aspetto che l'azienda curi con maggiore attenzione la propria comunicazione, non essendo possibile che suoi uffici diffondano notizie parziali che generano allarme nella popolazione”.   I controlli sono stati effettuati nelle seguenti località: -        Serbatoio Petrazzi basso -        Serbatoio Petrazzi alto -        Fontana pubblica via San Lorenzo -        Fontana via Torre di Mondello -        Fontana viale del Fante -        Fontana Salita Belmonte -        Fontana piazza Tonnara -        Fontana piazza Vergine Maria -        Fontana via Morici -        Fontana via Carbone -        Fontana via Partanna Mondello -        Via Trabucco Dati forniti dal Presidente dell'Amap, dott. Alessandro Di Martino   Questo quanto recita l'ultimo comunicato ufficiale pervenuto dal Comune di Palermo.

Leggi tutto    Commenti 12