Articolo
20 set 2021

A29dir Alcamo-Trapani | Aggiudicata la gara per l’adeguamento di strutture e impianti della galleria Segesta in direzione Alcamo

di Mobilita Palermo

Sulla Gazzetta Ufficiale di oggi è stato pubblicato l’esito del bando di gara finalizzato ai lavori di adeguamento delle strutture e degli impianti tecnologici della canna in direzione Alcamo della galleria Segesta, lungo l'autostrada A29dir "Alcamo-Trapani. L'appalto, che prevede un investimento complessivo pari a circa 18 milioni di euro, è stato aggiudicato mediante il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, assegnando un massimo di 20 punti alla componente prezzo e un massimo di 80 punti alla componente qualitativa. Le opere di adeguamento nella canna in direzione Alcamo saranno le medesime di quelle già realizzate nella canna adiacente e saranno costituite da interventi sia strutturali, mediante il risanamento del rivestimento interno, che impiantistici, mediante la realizzazione dei nuovi impianti di illuminazione e aerazione, di segnaletica luminosa, dell'impianto radio, dei sistemi SOS, telecontrollo, videosorveglianza e rilevazione incendi, oltre che dell'installazione del sistema idrico antincendio. La durata dei lavori è fissata in 700 giorni, comprensivi di 30 giorni per andamento stagionale sfavorevole, a decorrere dalla data di consegna all'impresa aggiudicataria. La gara è stata aggiudicata al Raggruppamento Temporaneo di Imprese Steelconcrete Consorzio Stabile, che ha designato per l’esecuzione dei lavori l’impresa consorziata Soteco srl – Idrogeo srl – Consorzio Stabile Aurora Scarl, che ha designato per l’esecuzione dei lavori le imprese consorziate Cos.it. srl e Unirock srl. Anas ha aderito al Protocollo d’Intesa tra le Prefetture della Regione Sicilia del 14 Novembre 2016, per garantire il rispetto della legalità nei cantieri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 set 2021

Porto di Palermo | Addio al bacino galleggiante da 52.050 tpl

di Fabio Nicolosi

Palermo dice addio a una struttura cantieristica realizzata negli anni Cinquanta. Non era più in funzione dal 2008. Si tratta del bacino galleggiante da 52 mila tonnellate, il più grandi dei due. La struttura è stata disancorata dall’area cantieristica e spostata in porto, in attesa del trasferimento in Turchia, al porto di Yalova. Torna dopo anni fruibile un’ampia porzione dello specchio d’acqua del porto. Scongiurato che il bacino potesse, con la mancata utilizzazione deteriorarsi e affondare, con evidente danno ambientale. Le operazioni sono durate quattro ore. La manovra, che ha visto impegnati, tra l’altro, quattro rimorchiatori, i piloti e gli ormeggiatori del porto, si è svolta sotto la supervisione della Capitaneria di Porto di Palermo, che, anche in questa occasione, ha operato in piena sinergia con l’Autorità di sistema portuale, assicurando la piena efficienza di tutti i servizi tecnico-nautici. Per tutta la mattinata lo specchio d’acqua nella zona è stato interdetto sia in entrata che in uscita. Si chiude una vicenda complessa che da molti anni vedeva impegnati, in vari tentativi di soluzione, i diversi enti coinvolti, tra i quali la Regione e la stessa Autorità portuale. Inutilizzati da oltre dieci anni, obsoleti, al centro di una guerra di carte bollate con il raggruppamento di imprese che doveva ristrutturarli, i due bacini dovevano far parte di un progetto della Regione per la costruzione di un unico maxi bacino galleggiante da 90 mila tonnellate. Ormai però sono un ostacolo alla navigazione delle grandi navi da crociera.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 set 2021

Ampliamento rete tranviaria Palermo. Il dibattito, lunedì 20 ai Cantieri Culturali

di antony977

Nell'ambito della Settimana Europea della Mobilità 2021, segnaliamo questo interessante dibattito pubblico previsto per lunedì 20 settembre ai Cantieri Culturali (Cinema De Seta) che avrà come focus principale il nuovo progetto per l'ampliamento della tranvia palermitana. In collaborazione con gli Ordini degli Ingegneri e degli Architetti della città di Palermo. “Il Tram a Palermo: tempi, costi, opportunità. Domande e risposte” Interverranno: - Leoluca Orlando, Sindaco della città di Palermo - Giusto Catania, Assessore alla Mobilità - Selima Giuliano, Soprintendente per i Beni Culturali di Palermo - Iano Monaco, Presidente Ordine degli Architetti Pianificatori -Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Palermo - Vincenzo Di Dio, Presidente Ordine degli Ingegneri di Palermo - Michele Cimino, Presidente di AMAT Palermo s.p.a. - Aurelio Angelini, Presidente della Commissione tecnica VIA/VAS della Regione Siciliana - Marco Ciralli, RUP del Nuovo Sistema Tram - Roberto Biondo, Responsabile U.O. “Progettazione e Pianificazione” del Servizio Mobilità Urbana del Comune di Palermo - Ruggero Cassata, Progettista del nuovo sistema Tram - Luigi Costalli, Collaboratore del gruppo di lavoro progetto tram - Giuseppe Genovese, Gruppo di lavoro del nuovo sistema Tram - Marco Pellerito, Direttore dell'Esercizio Tranviario. AMAT Palermo S.p.A. - Dibattito Senza dubbio un interessante momento di informazione e confronto. E ce ne fossero stati altri in questi mesi, ci saremmo risparmiati di leggere le tante fake news che in questi mesi si contrapponevano nel dibattito in rete. Perché come ribadito più volte, il ruolo che assume la comunicazione è fondamentale non solo nei confronti del pubblico esterno, ma verso stakeholders e futuri fruitori facendo accrescere l’interesse per il territorio e migliorano l’attaccamento e il senso di appartenenza alla propria città Allora invitiamo tutti gli interessati a seguire il dibattito e a formulare specifiche domande in merito i platani di via della Libertà, se verranno abbattuti o meno. Se la tranvia è più inquinante di un diesel, se questo progetto è un affare per la Bombardier , o se i futuri parcheggi (gare da bandire entro Novembre) verranno affidati sempre a Bombardier. Domandate e pretendete le risposte.  

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
17 set 2021

Nasce “Rifiuta i rifiuti”: lettera aperta ai cittadini

di Giulio Di Chiara

É appena nata a Palermo una nuova community online no profit che si occuperà di alzare la voce sui comportamenti maleducati dei palermitani, che giornalmente inquinano senza vergogna la nostra città non curanti del decoro urbano e irrispettosi verso la collettività. Pubblichiamo la lettera aperta che i promotori hanno rivolto a tutti i cittadini: Cari Palermitani, siamo arrivati davvero ad un punto di non ritorno, speriamo vivamente che voi condividiate questo nostro pensiero e che come noi vi siate realmente rotti di questo scempio cittadino. È una guerra contro i rifiuti, ma soprattutto contro la mentalità dei nostri concittadini che se ne fregano di rispettare l'ambiente e la dignità di Palermo. Si dice che Palermo senza i Palermitani sarebbe la città migliore del mondo...non è vero, almeno non del tutto, la nostra città é piena di persone di tutte le età, etnia e sesso che hanno a cuore, realmente, il bene di Palermo e che si vergognano di questa situazione che va avanti da tempo. Siamo la parte più numerosa noi che rispettiamo la città, ma al contempo siamo quelli che ingoiano il rospo e stanno zitti a guardare. Abbiamo deciso di fare il passo successivo alla lamentela sui social, quel passo che quotidianamente manca a tutti, ammettiamolo, quando si passa accanto ad una bottiglietta di plastica su una siepe e si tira dritto. Vediamo gettare a terra mozziconi di sigarette e stiamo zitti.. Armiamoci di coraggio per dare un segnale a chi sbaglia tutti i giorni, avremo anche tempo per parlare con istituzioni, politici e società varie, ma oggi l'obiettivo é contrastare questi gesti ignobili a cui assistiamo tutti i giorni. Andrea e Matilde Rifiuta i Rifiuti promuoverà periodicamente dibattiti formativi, organizzerà incontri per fare del sano attivismo attraverso i propri canali Facebook e Instagram.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
16 set 2021

Viabilità | Da lunedì 20 interventi per nuova pavimentazione drenante tra Bagheria e Casteldaccia

di Mobilita Palermo

Proseguono gli interventi di posa della nuova pavimentazione drenante lungo l’itinerario Palermo - Catania, nell’ambito del piano di manutenzione straordinaria da 850 milioni di euro in corso sull’intera autostrada. A partire da lunedì 20 settembre, sarà la volta del tratto dal km 6,000 al km 8,400 dell’A19, compreso tra gli svincoli di Bagheria e Casteldaccia, nella sola direzione Catania. Le lavorazioni prevedono il restringimento di carreggiata con chiusura delle corsie di sorpasso o di emergenza e marcia, limitatamente ai tratti di volta in volta interessati dal cantiere. Al termine dell’intervento, previsto per la fine della settimana salvo condizioni meteo avverse, i primi 14 km in uscita da Palermo saranno interamente dotati della nuova pavimentazione drenante.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 set 2021

Passante Ferroviario | Viale Francia, iniziata la messa in opera della vasca di laminazione

di antony977

Vi avevamo lasciato poco meno di un mese fa con l'avvio dei lavori per la realizzazione e posa delle nuove vasche di laminazione in viale Francia  lungo il nuovo tratto di collegamento con via P. Nenni. Ma cosa sono le vasche di laminazione? Sono opere idrauliche che consistono in ampi bacini scavati in profondità e con il compito di contenere un enorme volume di acqua in caso di piogge considerevoli con una vera e propria funzione di ammortizzatore idraulico. Ciò quando non è possibile riutilizzare o disperdere nel terreno le acque piovane. In sostanza dovranno accumulare le acque di un evento piovoso anche intenso e poi scaricarle lentamente successivamente al recettore (acque superficiali, rete acque bianche o nere). E grazie alla flessibilità dei moduli utilizzati si puó realizzare una vasca di qualsiasi forma o dimensione, come possiamo ben vedere da queste particolari immagini di F.C. Qualche dettaglio tecnico sul manufatto di viale Francia: Vasca di laminazione ad elementi componibili monolitici in PP Polipropilene di tipo ispezionabile che permette l’eventuale pulizia del bacino interrato attraverso punti di ispezione posti in prossimità degli ingressi, prodotti secondo le caratteristiche della Specifica Tecnica IIP MOD. 1.1/17 – CEN TC 155 WG 26 N 1224, di forma rettangolare con varie dimensioni, capacità netta d’invaso con percentuale di vuoto del 95%, carico massimo verticale ≤ 80 kPa, carico massimo laterale ≤ 30 kPa, idonee all’interramento con un minimo di ricoprimento pari a 0,80 m. per l’idoneità al transito veicolare di I° categoria tipo (SLW 60): Caratteristiche della vasca - volume netto d’invaso = 116,74 m3 - n° totale celle = 256 - n° piani celle = 2 - larghezza pacco celle = 2,00 m - lunghezza pacco celle = 51,20 m. - altezza pacco celle = 1,20 m A monte della vasca verrà realizzato un impianto di disoleazione. In dettaglio: Separatore di idrocarburi conforme alle norme EN 858 – classe 1 – con sedimentatore, filtro a coalescenza e otturatore automatico di sicurezza, costituito da una vasca a pianta rettangolare in acciaio calandrato e sabbiato SA 2,5, con rivestimento bi-componente a base di resine epossidiche con l’aggiunta di poliammide Entrata e uscita in PVC, con otturatore automatico verticale in polietilene tarato a 0,85, con il filtro a coalescenza amovibile e con passi d’uomo cilindrici senza coperchi. - taglia 15 l/s - dimensioni 830 x 2170 x h 2110 mm - volume di sedimentazione 1500 litri - volume di separazione 1350 litri - DN entrata/uscita 200 mm - Peso indicativo 561kg

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 set 2021

Collettore Fognario | I lavori di scavo in via Roma non saranno terminati prima del 31 Dicembre

di Mobilita Palermo

L’ufficio traffico ha emesso l’ordinanza n° 976 del 07/09/2021 con cui viene prorogata l’ordinanza dirigenziale n° 282 del 22 marzo 2021. Ricordiamo che i lavori sono partiti i primi di Maggio 2019 con l’ordinanza n° 571 del 08/05/2019, ulteriormente prorogata con l’ordinanza n° 873 del 02/07/2019, n° 1128 del 20/09/2019, n° 601 del 10/08/2020 n° 1121 del 23/12/2020, n° 214 del 05/03/2021, n° 540 del 18/05/2021 e adesso con ordinanza n° 976 del 07/09/2021. Ricordiamo che il RUP l’8 agosto 2020, dopo il subentro della ditta AMEC S.r.l. alla fallita TECNIS comunicava che la conclusione degli stessi deve avvenire entro il 18 dicembre 2020. Siamo ormai a metà settembre 2021 e la nuova ordinanza atteso che i lavori non sono stati ultimati nei tempi preventivati proroga la chiusura dell’incrocio sino al 31 dicembre 2021. La TECNIS aveva problema finanziari, poi è subentrata la AMEC dopo un inizio abbastanza fiducioso si è arenata dietro a furti di carburante, problemi del macchinario, rallentamenti non ben definiti. Vorremmo leggere dal comune di Palermo, dall’assessore Prestigiacomo e dal RUP quali sono effettivamente i tempi di completamento di questa opera che tiene ostaggio la città da ormai troppi anni. Ricordiamo che il tunnel da realizzare è una condotta di 400m, realizzata da un mini talpa meccanica che dovrebbe di velocizzare e semplificare lo scavo fino a Via Guardione, dove sarà collegata al tratto già realizzato e che proseguirà verso l’impianto di Porta Felice. Per la cronaca parliamo di 975 giorni da fine Maggio 2019 a fine Dicembre 2021. Escludendo i sabato, le domeniche e i festivi 680 giorni. 400 metri in 680 giorni, fatevi voi i calcoli, ricordando che l’ordinanza attualmente in vigore è valida fino a fine dicembre. Chi vivrà, vedrà. Intanto i disagi per i cittadini sono notevoli, i disagi per i mezzi pubblici costretti a tortuose deviazioni sono notevoli, i disagi per i residenti sono notevoli.

Leggi tutto    Commenti 17