Articolo
07 giu 2018

Rete fognaria Palermo | Interventi previsti e realizzati.

di Fabio Nicolosi

Spesso non ci si rende conto di quanto sia complessa la situazione dei sottoservizi di una grande città. Una tra le principali reti che le città moderne utilizzano è la rete fognaria. La rete fognaria può essere realizzata in due modi diversi, a sistema misto o a sistema separato. Il sistema misto è in uso in quasi tutte le grandi città e prevede la presenza di acque nere e acque bianche nello stesso condotto; il sistema separato ne prevede la separazione Per acque bianche si intendono le acque meteoriche, nere quelle che derivano da usi civili e industriali. Il Sindaco Leoluca Orlando ed il Commissario Nazionale per il Coordinamento e la realizzazione degli interventi per la depurazione delle acque reflue Prof. Enrico Rolle hanno presentato la scorsa settimana lo stato di avanzamento degli interventi programmati e realizzandi nella città di Palermo. Il piano è seguito dall'Area della Rigenerazione Urbana che, a seguito di un'intesa siglata con l'Ufficio del Commissario a settembre dello scorso anno, sta anche fornendo assistenza tecnica allo stesso per tutti gli interventi riguardanti la nostra città. Gli interventi a Palermo, per le reti fognarie e l'impianto di depurazione di Acqua dei Corsari, sono in totale tredici per un importo di circa 100 milioni di euro di cui 1,8 a carico del Comune. La fine degli interventi è prevista per il dicembre del 2021 e determinerà anche la chiusura della procedura di infrazione commnata dalla Commissione Europea. Per n.9 interventi è stata completata la progettazione nonché l’iter approvativo, con le deliberazioni di Giunta Comunale che approvano i singoli progetti, e sono state avanzate al competente Assessorato Regionale per l’Energia ed i Servizi di Pubblica Utilità le richieste di emissione dei decreti di finanziamento (per complessivi 65 milioni di euro circa – vedi tabella). Per i rimanenti n. 4 interventi: 1) “Realizzazione della fognatura di Via Cruillas con l'eliminazione degli scarichi del Canale Mortillaro”: è stato redatto il Progetto Definitivo (già predisposto per l’appalto di Progettazione Esecutiva ed esecuzione lavori) ed è stata conclusa la Confernza Speciale di Servizi presso il Genio Civile di Palermo per l’approvazione Tecnica ex art. 5 L.R.12/2011. 2) “Completamento del Collettore Sud-Orientale“: è stato redatto il Progetto Esecutivo ed avviato l’esame della competente Commissione Regionale dei LL.PP. per il rilascio del Parere Tecnico ex art. 5 L.R. 12/2011. 3) “Eliminazione dello scarico fognario di Via Decollati nel Fiume Oreto, mediante convogliamento dei liquami nel Collettore Sud-Orientale attraverso il collettore di Via Stazzone” è stato redatto il Progetto Definitivo ed avviato l’esame della Conferenza di Servizi per il rilascio del Parere Tecnico ex art. 5 L.R. 12/2011. 4) “Adeguamento dell'impianto di depurazione di Fondo Verde comprese le opere di scarico a mezzo di condotta sottomarina”) è stata condivisa la rimodulazione dello stesso con l’apposito Tavolo Tecnico del Ministero dell’Ambiente e per la Tutela del Territorio e del Mare (M.A.T.T.M.). L’Amministrazione Comunale, precedentemente al passaggio di competenze agli A.T.O. regionali ed alle Procedure di Infrazione Comunitraria, aveva già avviato alcuni interventi finalizzati al disinquinamento della fascia costiera e/o al completamento della rete fognaria comunale, che integrano le previsioni dell’A.P.Q. “Depurazione Acque Reflue”. In particolare: 1) “Lavori di costruzione della fognatura delle zone Arenella - Vergine Maria e dei relativi impianti di sollevamento” (€ 9.300.484,67): Dodici chilometri di condutture per le acque nere, sette per il deflusso delle acque piovane e quattro apparecchiature elettro- meccaniche per il pompaggio dei liquami sono state realizzate per il nuovo sistema fognario previsto nelle borgate Arenella e Vergine Maria, per il disinquinamento della costa. L’intervento ha permesso di regolarizzare gli scarichi di circa 9.500 abitanti, i cui scarichi venivano precedentemente recapitati in mare. Intervento ultimato e già consegnato all’Ente Gestore del S.I.I. AMAP S.p.A. 2) “Lavori di disinquinamento della fascia costiera dell’Acquasanta al fiume Oreto- Adduzione delle acque al depuratore di ‘Acqua dei Corsari’ mediante il potenziamento del ‘Sistema Cala’ ” (€ 24.604.326,02): realizzazione di un nuovo sistema fognario per depurare il mare dagli scarichi di circa 400mila abitanti e disinquinare sia l’area del Porto Industriale sia quella dell’antico porto della Cala. Intervento in corso di esecuzione.Ultimazione dei lavori prevista entro giugno 2019. 3) “Lavori per la realizzazione delle fognature di via Due Vanelle (a monte del canale Boccadifalco) e di via Palmerino (a monte della Circonvallazione)” (€ 2.685.342,56): i lavori sono stati parzialmente eseguiti. A causa di grave inadempimento dell’impresa appaltatrice si è dovuto procedere alla risoluzione contrattuale. Nelle more dell’affidamento dei lavori di completamento. La porzione di opere ultimate (fognatura di Via Palmerino dal Canale Boccadifalco alla Circonvallazione) è stata comunque consegnata all’Ente Gestore del S.I.I. AMAP S.p.A. 4) “Rete fognaria a sistema separato in Via Messina Marine (dal fiume Oreto a Piazza Sperone) e relativo impianto di sollevamento ‘Romagnolo’ ” (€ 14.572.266,10): il progetto prevede la realizzazione della fognatura a sistema separato, a servizio della zona sud della città di Palermo, nel tratto di via Messina Marine compreso tra il fiume Oreto e Piazzetta Sperone nonché la realizzazione dell'impianto di sollevamento da realizzare a Romagnolo, per il recapito dei reflui al Collettore Sud Orientale. Sono in corso le procedure di gara per l’appalto dei lavori, presso l’U.R.E.G.A. Regionale - sede di Palermo. Si prevede l’appalto dei lavori entro dicembre 2018. La durata prevista dei lavori è di 30 mesi. 5) “Ampliamento e Razionalizzazione della rete fognaria nelle Vie Mango e Atanasio” (€ 1.983.747,00): il progetto prevede la realizzazione della fognatura a sistema misto nelle vie suddette e la razionalizzazione del sistema fognario esistente. Sono attualmente in corso i lavori e se ne prevede l’ultimazione entro ottobre 2018. 6) Ampliamento e razionalizzazione rete fognaria della Via della Mimosa” (€ 325.000,00): il progetto prevede la realizzazione un collettore misto in via della Mimosa e in un breve tratto di via Sambucia, per uno sviluppo complessivo di m 540 circa. Sono in corso le procedure di gara per l’appalto dei lavori. Si prevede l’aggiudicazione entro agosto 2018 e l’avvio del cantiere entro ottobre 2018. La durata prevista dei lavori è di 10 mesi. Considerati i cronoprogrammi di realizzazione dei singoli interventi suddetti si può prevedere che il complesso del sistema fognario e depurativo potrà essere completato entro il dicembre 2021. Il completamento degli interventi sopra indicati consentirà il disinquinamento di tutta la fascia costiera del territorio comunale. Nel corso dell'incontro con la stampa, il Sindaco ha ricostruito la vicenda e l'attività svolta dal Comune "che - ha detto - ha subito un gravissimo rallentamento per colpa del precedente governo regionale ed in particolare dell'ex Assessore Vania Contraffatto, che prima ha rallentato il trasferimento dei fondi al Comune e poi, una volta nomitata Commissario straordinario, ha brillato per la propria inerzia ed inoperosità. Oggi - ha concluso Orlando - grazie ad una ritrovata e corretta collaborazione istituzionale ed una forte sintonia con il Commissario Unico prof. Rolle, abbiamo un quadro di interventi chiaro, attuabile, finanziato e la cui realizzazione potrà procedere ora in tempi rapidi. Se con gli interventi già realizzati la qualità delle acque della costa palermitana ha continuato a migliorare negli anni, con queste nuove strutture si potrà finalmente prevedere la balneabilità di sempre maggiori zone, soprattutto ma non solo lungo la costa sud." A sottolineare i benefici non solo per la costa è l'Assessore Emilio Arcuri, che coordina l'attività dell'Amministrazione: "potremo finalmente intervenire per il disinquinamento dell'Oreto - ha detto - grazie agli interventi sulle acque proveniente dal Canale Boccadifalco; allo stesso tempo potremo affrontare finalmente in modo strutturale il tema degli allagamenti in diverse zone grazie al completamento o all'adeguamento delle reti fognarie, di raccolta e depurazione delle acque nere." Il Commissario Unico nazionale Enrico Rolle ha sottolineato come "“Il Comune di Palermo è uno dei partner istituzioneli che ha meglio operato fino a oggi: nel periodo in cui si sono verificati rallentamenti, ha lavorato per produrre progettazioni esecutive che ci consentono di andare a gara rapidamente e di accelerare i tempi di realizzazione delle opere”.

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
30 mag 2018

Passante Ferroviario | Il nuovo parcheggio della fermata Tommaso Natale prende forma

di Fabio Nicolosi

I lavori lungo la tratta C del raddoppio del passante ferroviario sono ormai in fase di ultimazione. In particolare la fermata Tommaso Natale, che è stata completamente rivista rispetto alla sua origine, vede numerosi cambiamenti. La fermata infatti, pur mantenendo la sua originaria collocazione, è stata interrata e questo ha permesso di ricavare e sfruttare gli ampi spazi in superficie. Realizzando la fermata in sotterranea è stato anche possibile abolire i due passaggi a livello di Via Partanna Mondello e Via Sferracavallo, che spesso creavano grandi disagi alla borgata di Sferracavallo e al quartiere stesso. È stata rilasciata nei giorni scorsi dall'ufficio traffico un apposita ordinanza per regolarizzare la sistemazione superficiale dell'area antistante la stazione. Viene realizzato un collegamento stradale proprio tra le due arterie sopracitate che permetterà di aggirare il traffico di Piazza Tommaso Natale Speciale ringraziamento a giovanni75 per gli scatti I lavori sono in questo stato già da una settimana, complici numerosi scioperi che hanno riguardato gli operai SiS che, giustamente, stanno manifestando contro la scelta dell'azienda di licenziarli in tronco. Vi terremo aggiornati sull'avanzamento dei lavori e sulla progressiva apertura degli spazi. Occorre, infine ricordare, che questo potrebbe essere uno dei parcheggi in cui attestare i mezzi provenienti dalla provincia e piuttosto che autorizzare il loro ingresso in città, prevedere delle forme di agevolazione riservate ai pendolari che invece di utilizzare il mezzo proprio si recheranno a lavoro utilizzando il treno.

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
06 apr 2018

BANDO | Lavori di realizzazione della rete fognante delle borgate “Tommaso Natale” e “Sferracavallo”

di Fabio Nicolosi

Illustriamo oggi il progetto esecutivo delle opere relative alla “Rete fognante Sferracavallo” nel comune di Palermo. L’intervento risulta inserito al n°182 del P.O.T. 2010/2013 ed, unitamente ad altri interventi, risulta necessario al fine di superare la procedura di infrazione comunitaria 2004/2034 ex artt. 3 e 4 della Direttiva 91/271/CEE per il mancato collettamento e trattamento dei reflui provenienti dall’abitato comunale. Nel corso di una specifica riunione in forma di “tavolo tecnico” tenutasi il 17.09.2010 presso la Provincia Regionale di Palermo quale Autorità dell’A.T.O. 1 – Palermo, è stato disposto che il gestore Acque Potabili Siciliane (A.P.S.) S.p.A., ai sensi del comma 6 dell’art. 4 del disciplinare di gara per l’affidamento del Servizio Idrico Integrato, proceda, tra gli altri, alla progettazione dell’intervento in oggetto tramite il socio progettista Studio Applicazioni Idrauliche (S.A.I.) s.r.l. Con Determinazione Presidenziale n°9 del 27/05/2011 è stato affidato all’ing. Roberto CAIRONE del Comune di Palermo – Area Infrastrutture - Ufficio OO.PP., l’incarico di Responsabile Unico del Procedimento, ai sensi dell’art.7 della Legge 109/94 nel testo coordinato con le norme della L.R. n°7/2002 e s.m.i., dell’intervento ricadente nel comune di Palermo riguardante i lavori della “Rete Fognante Sferracavallo”. Nella riunione del 20.07.2011 del Tavolo tecnico istituito presso l’A.T.O. 1 – PA, il progettista incaricato ha illustrato al R.U.P. le criticità e le soluzioni da adottare per l’intervento in questione. Successivamente, nei primi giorni di settembre del 2011, acquisiti i dati dell’AMAP relativi alle zone di intervento sulla rete fognaria, il R.U.P. ha consegnato a S.A.I. s.r.l. il documento preliminare alla progettazione ex art. 8 comma c del Regolamento 554/1999, a partire dal quale è stato sviluppato il progetto preliminare. Il progetto preliminare è stato redatto nel settembre 2011 e verificato dal R.U.P., senza osservazioni, ai sensi dell’art.46 del D.P.R. 554/1999 in data 3/10/2011. In considerazione della specifica tipologia di intervento da effettuare, delle dimensioni delle opere e della necessità di velocizzare il tempo di realizzazione dell’intervento, tenendo conto dei tempi imposti della procedura di infrazione comunitaria, il R.U.P. concordemente con la STO AATO 1 PA, ha dato disposizioni agli scriventi di procedere direttamente alla redazione del progetto esecutivo, accorpando pertanto i due livelli progettuali “definitivo-esecutivo”. Nelle pagine che seguono dopo una breve descrizione dello stato attuale del sistema fognario in esame e delle problematiche riscontrate, vengono sviluppate del dettaglio le scelte progettuali effettuate, in coerenza con quanto previsto nel progetto preliminare approvato, con i relativi dettagli costruttivi; sono, inoltre, descritte le modalità costruttive delle strutture e dei manufatti previsti, nonché le problematiche tecniche inerenti gli aspetti realizzativi dell’intervento. DESCRIZIONE DELLO STATO ATTUALE In atto i reflui raccolti dal sistema fognario al servizio delle borgate di Sferracavallo e Tommaso Natale vengono scaricati senza adeguato trattamento depurativo (oggi limitato alla sola grigliatura ed una blanda ossigenazione), nel golfo di Sferracavallo attraverso una condotta sottomarina. Tale scarico oltre ad essere fuori norma costituisce una significativa fonte di inquinamento di un’area di particolare pregio ambientale come la “Riserva Marina di Capo Gallo – Isola delle Femmine”, che è allo stesso tempo sito di interesse comunitario SIC “ITA 020047 – Fondali di Isola delle Femmine – Capo Gallo” . Si evidenzia ancora che la rete fognaria in questione, pur nascendo ed essendo per larga parte distinta tra nera e bianca, presenta delle commistioni che non ne consentono al momento la separazione, che comunque potrà essere realizzata in futuro direttamente dal Gestore con una attività minuziosa di ricerca da effettuare in tempo secco con piccoli interventi in economia. Le acque che pervengono alla centrale di sollevamento in testa alla condotta sottomarina sono, dunque, miste; durante gli eventi di pioggia lo sfioro delle acque meteoriche in eccesso, non convogliabili dalla condotta sottomarina, avviene sottocosta attraverso un manufatto posto in adiacenza alla centrale. La rete fognaria presenta, inoltre, alcune criticità legate sia alla mancanza di collettori in alcune strade sia all’insufficienza di alcuni tratti di rete dove oggi vengono raccolte anche le acque meteoriche. Il P.A.R.F. del Comune di Palermo prevede che, completata la relativa rete fognaria, i reflui di queste borgate siano inviati al depuratore esistente di Fondo Verde per essere trattati e quindi scaricati nel rispetto della normativa vigente. La realizzazione delle opere in progetto risulta fondamentale per eliminare l’inquinamento del golfo di Sferracavallo, per completare la rete cittadina e per evitare le sanzioni derivanti dalla procedura di infrazione comunitaria n°2004/2034, ex art. 3 e 4 Direttiva 91/217/CEE, per il mancato collettamento e trattamento dei reflui provenienti dall’abitato comunale. L’INTERVENTO PROPOSTO E I SUOI OBIETTIVI Gli interventi in progetto, come anticipato, hanno la finalità di completare la rete fognante delle due borgate di Tommaso Natale e Sferracavallo ed inviare al depuratore di Fondo Verde i relativi reflui per consentirne la depurazione ed assicurare i limiti allo scarico previsti dal D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. . Gli interventi previsti permetteranno al contempo di eliminare lo scarico di liquami, pressoché bruti, nell’area protetta della “Riserva Marina di Capo Gallo – Isola delle Femmine”, sito SIC “ITA 020047 – Fondali di Isola delle Femmine – Capo Gallo”. Gli obiettivi dell’intervento sono: a)  Intercettazione dei reflui raccolti dalle fognature delle due borgate e convogliamento all’impianto di depurazione; b)  Individuazione dei tratti di fognatura di completamento e di efficientamento della rete fognaria di Tommaso Natale e Sferracavallo, in relazione alle criticità del sistema segnalate dall’attuale gestore della rete (A.M.A.P. S.p.A.).L’intercettazione dei reflui delle due borgate ed il convogliamento al depuratore impone la realizzazione di un impianto di sollevamento, che permetta di superare i dislivelli geodetici esistenti. A tale scopo, è stata prevista l’“implementazione” della stazione di sollevamento della condotta sottomarina di Sferracavallo, alla quale già confluiscono i reflui delle due borgate. In particolare sono stati previsti sia interventi sull’architettura interna del manufatto sia, soprattutto, una completa rimodulazione impiantistica dello stesso, con l’installazione di nuove pompe idonee a sollevare i reflui in arrivo verso il depuratore di Fondo Verde. L’impianto alimenterà una condotta premente di adeguato diametro, fino a raggiungere lo spartiacque lungo la via Nicoletti; qui verrà realizzato un pozzetto di disconnessione a partire dal quale i reflui procederanno a gravità fino ad immettersi nei collettori esistenti che raggiungono il depuratore di Fondo Verde. Per quanto riguarda gli interventi sulla rete fognaria nera, in accordo con l’AMAP, sulla base delle esigenze e criticità riscontrate a Tommaso Natale e Sferracavallo, segnalate anche dalla Presidenza della VII Circoscrizione, sono stati individuati i seguenti tratti (e relative vie) di fognatura da realizzare: Via Schillaci; Piazza Beccadelli; Cortile Rizzuto, Via dell’Arancio, Via del Cedro; Viale Leone; Via Rossi; Piazza Rossi; Vicolo Rossi, Via Scalici; Via Platani, Piazza del Bono, Via Simeto; Via Stella, Via Di Benedetto; LE OPERE IN PROGETTO Le opere in progetto possono essere così distinte: Completamento rete fognante Tommaso Natale e Sferracavallo; Ristrutturazione e rifunzionalizzazione stazione sollevamento Sferracavallo; Realizzazione condotta premente dalla stazione di sollevamento a via Nicoletti; Costruzione collettore emissario a gravità su Via Nicoletti. L'importo complessivo dei lavori è di: € 3.286.678,460 Il termine per la ricezione delle offerte è fissato per il 03/05/2018 alle 13.30 I lavori dovranno avere una durata di 455 giorni dalla data di stipula del contratto I dettagli sono reperibili al SEGUENTE LINK Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
28 mar 2018

La scuola adotta e progetta il quartiere

di Salvatore Galati

Si tratta di un progetto che è stato fatto con gli studenti del corso di studi magistrale in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale, presso il dipartimento di Architettura in collaborazione con la scuola del quartiere Partanna Mondello, i residenti, le parrocchie e la VII Circoscrizione di Palermo. Questa iniziativa ha lo scopo di rendervi partecipi i residenti del quartiere, secondo un osservazione partecipante, puntando sopratutto i ragazzi che lo abitano. E di poter pensare come potrebbe essere il loro quartiere. I vari gruppi formati tra gli studenti del dipartimento di architettura e gli studenti della scuola media “Borgese – XXVII maggio”, hanno fatto varie passeggiate, nel quartiere Partanna, per appunto trovare gli aspetti negativi e positivi e come riqualificarlo. Ad esempio tra gli aspetti positivi, che il loro quartiere è simbolo per attrazione turistica, sia per la vicinanza della riserva naturale di Capo Gallo, sia per la spiaggia di Mondello, e gli aspetti negativi, sono la mancanza di pulizia, di piste ciclabili e di verde. Gli studenti hanno elaborato vari progetti, di riqualificazione urbana, puntando sopratutto, sulla riqualificazione del verde e delle piazze e spazi esistenti, la realizzazione di nuove piste ciclabili. Piste ciclabili: in collaborazione anche con Mobilita Palermo, collegherebbero, la fermata del passante ferroviario "Tommaso Natale" con il quartiere Partanna e con Mondello, creando appunto due linee di pista ciclabili, che hanno come obbiettivo di raggiungere Capo Gallo, una dalla parte di Sferracavallo e una da parte di Mondello. Riqualifica di aree verdi: Si tratta di utilizzare aree verdi incolti o abbandonate, e trasformarle in punto di incontro per i giovani del quartiere, installando, varie attrezzature sportive, naturalmente si è pensato anche agli anziani. Riqualificazione delle piazze e spazi esistenti: l'idea è di rendere pedonale tutta la fascia di costa, creando una sorta di ztl, compreso le piazze valdesi e la piazza principale, togliendo l'asfalto e fare una pavimentazione in grado di dare la possibilità avere più spazi sia per i commercianti, sia per chi va a fare jogging e sia per avere una spiaggia molto più ampia e togliendo definitivamente le ringhiere, quindi lo scopo è di dare visibilità al mare. L'organizzatore dell'evento professore Marco Picone. Le foto in questione riguardano i progetti degli studenti: Giovanni Faraone, Francesco Piero Amato, Alfano Gabriella, Provenza Fabiana, Stefania Mussumarra, Clara Oliveri, Calogero Danilo Colletto Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 3
Segnalazione
26 feb 2018

Via Pietro Calandra, strada chiusa al traffico e residenti bloccati

di giuseppe schiraldi

Da più di un mese è stata chiusa la via Pietro Calandra causa caduta massi. Ebbene ad oggi tranne qualche presidio inizialmente notturno della polizia municipale per non far valicare i due blocchi, non c'è stato alcun inizio lavori per mettere in sicurezza la parete rocciosa che sovrasta parte della strada stessa. Tengo a precisare che la Via Pietro Calandra è una strada-bretella che si estende parallela all'autostrada e collega Sferracavallo con Tommaso Natale e viceversa. Piu di 600 persone compreso me residenti in via Piero Della Francesca risultano bloccati con una sola via di esodo che è la strettoia verso Sferracavallo (via Leone) che è impercorribile da mezzi pesanti e soprattutto impercorribile dalle ambulanze e dai mezzi dei vigili del fuoco. Praticamente in caso di emergenza per incendi,guasti e malori dei residenti siamo "soli" e isolati. Per non citare i disagi quotidiani che ritardano tutte le attività personali. Se dovesse succedere qualcosa il comune di Palermo sarà responsabile soprattutto in caso di conseguenze gravi. Mi auguro che darete visibilità al fine della risoluzione e riapertura della strada che è una bretella fondamentale non solo per i residenti della zona, ma per tutti gli abitanti di Sferracavallo e Tommaso Natale. Giuseppe Schiraldi

Leggi tutto    Commenti 2    Proposte 0
Articolo
21 feb 2018

Passante Ferroviario | In fase di montaggio la pensilina alla fermata di Tommaso Natale

di Fabio Nicolosi

I lavori in previsione dell'apertura del raddoppio del passante ferroviario tra le stazioni di Palermo Notarbartolo e Punta Raisi avanzano. Ci troviamo alla fermata Tommaso Natale, situata proprio a pochi passi dalla Piazza omonima e che avrà anche la possibilità di ampio parcheggio. In questi giorni è in corso il montaggio della pensilina interna alla trincea che permetterà ai viaggiatori di ripararsi dalla pioggia e dal sole. Nonostante la fermata sia ancora da terminare rimane comunque un grosso rammarico; aver realizzato nuove fermate senza alcuna cura dello stile architettonico. Sono state infatti realizzate delle anonime stazioni che assomigliano più a tristi carceri, luoghi grigi e tristi. La colpa sicuramente è da imputare a chi, in fase di approvazione del progetto, non ha prestato particolare cura all'aspetto estetico dell'opera soffermandosi solo sull'aspetto funzionale. Ecco un rendering di qualche anno fa: Ringraziamo Giovanni75 per la foto Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 16
Articolo
22 nov 2017

Passante Ferroviario | La linea elettrica torna in città

di Fabio Nicolosi

Il progetto di raddoppio del passante ferroviario di Palermo riguarda il collegamento a doppio binario elettrificato della città di Palermo con l’aeroporto civile internazionale “Falcone e Borsellino” di Punta Raisi, da realizzarsi prevalentemente in affiancamento a tratte di singolo binario elettrificato già esistenti, con sede in parte in superficie ed in parte interrata, nonché l’ammodernamento e l’implementazione degli impianti tecnologici di linea e di stazione. L’intervento si sviluppa per un’estensione di ca. 27,4 km, suddivise in tre tratte: Tratta “A” - PA C.le - PA Notarbartolo Km 6,5 ca. Tratta “B” - PA Notarbartolo – Fermata EMS Km 5,3 ca. Tratta “C” – Fermata EMS – Carini Km 16 ca. Le velocità di percorrenza delle nuove tratte ferroviarie a doppio binario vanno da 80 a 120 km/ora. Il costoso appalto affidato a SiS vede sempre piú vicina la sua conclusione (almeno lungo la tratta C). In previsione della fine delle lavorazioni prevista per Dicembre 2017, dei collaudi e messa in esercizio previsti per i primi mesi del 2018, si stanno ultimando le operazioni di attrezzaggio tecnologico della linea. La tratta C ha previsto il raddoppio in affiancamento all’esistente (11 Km ca.) con interramento in trincea (2,5 Km ca.) e galleria (2,5 Km ca.) nelle zone tra T.Natale e Sferracavallo e nell’abitato di Capaci. Sono stati soppressi 13 passaggi a livello con realizzazione di nuove viabilità sostitutive. Sono state realizzate due nuove fermate (Sferracavallo / Kennedy) ed adeguate le altre sei esistenti. Spesso si sono recriminati ritardi nei lavori e lungaggini nell'esecuzione degli stessi, ma giusto per farvi un esempio, pensate cosa significa posare 16km di cavi elettrici, lunghezza che va moltiplicata per due (binario pari e binario dispari). La linea di contatto é giunta proprio in questi giorni all'interno della nostra città dopo aver attraversato i comuni di Carini, Capaci, Isola delle Femmine. Ringraziamo Giovanni D. per le foto Come si nota dalle foto la fermata Cardillo risulta già con la linea installata e progressivamente si é raggiunta la fermata Tommaso Natale. Le operazioni si concluderanno alla stazione di Palermo Notarbartolo, dove si prevede che i mezzi di cantieri possano giungere entro metà dicembre. Non ci rimane che sperare in veloci e positivi collaudi così da poter tornare a raggiungere l'aeroporto comodamente seduti nelle poltrone dei treni. Ti potrebbe interessare anche: Tommaso Natale Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 14