Articolo
18 giu 2021

Viabilità | Sarà ripristinato il varco di accesso dalla corsia laterale alla corsia centrale, direzione Trapani in prossimità del Ponte Corleone

di Mobilita Palermo

Il comune dopo il restringimento del ponte Corleone e il traffico infernale che tale provvedimento apporta sta provando ad attuare delle soluzioni tampone per ridurre le code. Con l'ordinanza n°677 del 18/06/2021 emessa dall'ufficio traffico viene ripristinato il varco di accesso dalla corsia laterale alla corsia centrale all'altezza del civico 2020, direzione Trapani in prossimità del Ponte Corleone Il provvedimento potrebbe aiutare ad agevolare l'immissione alla corsia centrale di viale regione evitando il collo di bottiglia nei pressi del ponte Corleone, ma non risolve sicuramente i disagi di tutti i cittadini costretti a code che stanno sempre piú strette agli utenti della strada. Ci auguriamo che presto il commissario riesca a trovare una soluzione perché la situazione è davvero esasperante

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
11 giu 2021

Ritorna il doppio senso di marcia su via Cavour ed è traffico

di antony977

Palermo - Dopo circa 6 anni ritorna il doppio senso di marcia su via Cavour. Provvedimento che venne introdotto inizialmente a Gennaio 2015 per via dei lavori del collettore fognario proprio nel tratto compreso tra le vie R. Settimo e via Roma. Oggi il Comune ritorna sui propri passi, e come recita l'ordinanza "con l’istituzione dell’area pedonale in via Ruggiero Settimo e zone limitrofe si sono modificate, in maniera importante, alcuni assetti sulla viabilità che hanno richiesto variazioni sulla circolazione per riconnettere alcune zone della Città". Ma era davvero necessario? Non bastava impegnare via M. Stabile cose asse in ingresso dal lato mare?  Inevitabili quindi i rallentamenti lungo tutta via Volturno dove la sezione stradale non proprio larga e la sosta selvaggia, non contribuiscono di certo a rendere più fluido il traffico veicolare. A questo gli aggiungiamo il nuovo "restringimento" che le auto si ritroveranno giunte a piazza Verdi. Qui un video a cura di M. Negrì, che ringraziamo, e che rende l'idea del notevole rallentamento. Da considerare inoltre che viste le chiusure di via Ruggero Settimo e via E. Amari, le linee bus 101 e 102 (oltre qualche pullman di linea), sono vincolate a questo nuovo percorso per raggiungere via Roma. Riusciamo a immaginare i livelli di inquinamento anche acustico. E a questo punto studiare qualche corsia preferenziale da piazza Sturzo fino a via Roma si rende più che necessario.   https://www.facebook.com/1532228834/videos/10225815016352075/

Leggi tutto    Commenti 17
Articolo
16 mar 2021

La giunta comunale approva l’accordo con Provveditorato Oo.Pp. e ANAS per ponti su fiume Oreto e svincolo Perpignano

di Fabio Nicolosi

La Giunta comunale, su proposta dell’Assessore Maria Prestigiacomo, ha approvato oggi pomeriggio il testo del protocollo d’intesa con il Provveditorato Interregionale delle Opere Pubbliche (Sicilia e Calabria) e l’ANAS riguardante alcuni interventi relativi ad assi viari comunali. In particolare, quelli che riguardano i ponti sul fiume Oreto (Ponte “Corleone” lungo la circonvallazione e ponte “Oreto” lungo l’omonima via) e lo svincolo di via Perpignano lungo la Circonvallazione. In base al Protocollo d’intesa, tutti gli enti coinvolti procederanno alla stesura di un Progetto integrato di interventi riguardanti 4 azioni: 1. Lavori di manutenzione straordinaria del ponte sul fiume Oreto 2. Costruzione per il raddoppio della circonvallazione di Palermo, relativo al tronco compreso tra via Giafar e via Altofonte, progetto stralcio relativo ai lavori di costruzione per i ponti laterali sul fiume Oreto 3. Messa in sicurezza e manutenzione straordinaria del ponte Corleone 4. Realizzazione dello svincolo di via Perpignano, limitatamente alla realizzazione dei lavori. Il Provveditorato delle Opere Pubbliche viene individuato come referente unico per la progettazione degli interventi di manutenzione straordinaria del ponte “Oreto” nonché di quelli di messa in sicurezza e manutenzione straordinaria del ponte “Corleone”, mentre per il raddoppio del ponte Corleone e dello svincolo Perpignano, la progettazione sarà curata dai soggetti risultati vincitori delle procedure di gara già avviate dal Comune. Il documento prende spunto dalla “specificità degli interventi e la stretta interconnessione degli interventi stessi con i tratti di viabilità statale di interesse, in quanto la circonvallazione di Palermo, dove sono ubicato il pronte Corleone e lo svincolo Perpignano, rappresenta il raccordo autostradale tra la A19 e la A29 (di competenza ANAS) e il ponte Oreto è l’unico accesso alternativo alla città di Palermo in caso di fuori servizio del Ponte Corleone.”. Il Comune si impegna a mettere a disposizione del Provveditorato le somme già disponibili per la progettazione nonché quelle che dovessero risultare ulteriormente disponibili. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Provveditorato Interregionale OperePubbliche potrà avviare, attraverso ANAS, la successiva fase di realizzazione degli interventi sulla base della predisposizione della progettazione. “Si tratta di un importante passo avanti per la risoluzione di diversi elementi di criticità riscontrati in questi mesi ed anni – ha detto il Sindaco. Un passo avanti realizzato con un lavoro lungo mesi per individuare le giuste soluzioni, grazie ad un importante collaborazione fra diversi soggetti istituzionali che hanno condiviso e condividono la volontà di affrontare e risolvere insieme i problemi che interessano il più importante asse viario della città e la sua naturale alternativa che è il ponte di via Oreto. Siamo fiduciosi che sarà ora possibile imprimere un’accelerazione ad ogni intervento necessario non solo per gli interventi di sicurezza ma anche per quelli che renderanno in generale più fluida la viabilità sulla circonvallazione.”

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
15 gen 2021

Tom Tom Traffic Index 2020 | Palermo si sarebbe confermata la città più congestionata in Italia, anche senza Covid

di antony977

Palermo - Ebbene si, vogliamo aprire il dibattito proprio con questo titolo e dirci con tutta onestà intellettuale che difficilmente in una situazione priva di pandemia, i vertici della classifica si sarebbero invertiti. Ci riferiamo al verdetto del Tom Tom Traffic Index 2020 che ogni anno stila una classifica calcolando il livello di congestione del traffico delle reti stradali di oltre 380 città in tutto il mondo. Palermo quindi guida la classifica fra le città italiane dove spiccano ben  città del Sud Italia fra le prime 10 posizioni.       Ma il report non si ferma qui e mette a nudo la situazione mese per mese. Aprile quello "più green" con un indice di congestionamento pari al 2% e qui complice il lockdown totale. Dicembre il più congestionato con l'indice pari al 42%, con la corsa allo shopping natalizio e il via libera che hanno contribuito a questi valori. C'è di più: ben 105 sono le ore che trascorriamo, durante l'anno, alla guida nelle ore di punta. 105 ore  equivalenti a poco più di 4 giorni. Dove intervenire? Le attuali linee tranviarie sono in esercizio dal Dicembre 2015 ma con compiti di collegamento fra periferie e due punti intermodali della città quali Notarbartolo e Giulio Cesare. Sarebbe sciocco scrivere che le sole linee tranviarie avrebbero risolto tutti i problemi del traffico cittadino. Sul fronte Passante Ferroviario andranno portati a termine i lavori per la fermata Belgio, la seconda parte di Lolli e Papireto/Imera-queste ultime legate al completamento della galleria sottostante vicolo Bernava. Ma non è un problema di sole infrastrutture ma anche di politiche sul traffico e politiche tariffarie. L'attore principale, il biglietto/abbonamento integrato è ancora assente. Perché il biglietto unico giornaliero istituito lo scorso luglio non serve di certo a studenti, pendolari, lavoratori. Oggi infatti l'attuale infrastruttura ha notevoli potenzialità, ma nonostante ciò prendere due sistemi di trasporto è paradossalmente svantaggioso. Si scende da Borgo Nuovo per raggiungere l’Ars (Palazzo Reale), e si è costretti a proseguire con la linea 118 piuttosto che sfruttare la rapidità del Passante Ferroviario. Ma è solo un esempio di quello che accade quotidianamente. Comunicazione pressoché assente anche perché si tratta di una sfida culturale in una città dove ci si lamenta (legittimamente) per questa classifica ed il traffico in generale. Ma è altrettanto vero che molti nostri concittadini si lamentano “a prescindere” per tram, metroferrovia, biciclette per strada e carhsaring se tolgono il posteggio sotto casa, ed aree pedonali. Occorre inoltre riformulare l'intero contratto di servizio che lega Amat col Comune di Palermo e regolamenta il servizio di trasporto pubblico relativo a bus e tram. L'attuale contratto di servizio non contempla le linee tranviarie come è incredibilmente vero che solo lo scorso semestre la Regione Siciliana ha riconosciuto i contributi chilometrici a favore della tranvia. Forse...e ribadiamo forse caso unico in Italia. In sostanza il Comune di Palermo deve mettere denari per il contratto Amat, la Regione immettere più risorse al contratto di servizio con Trenitalia. Perché possiamo avere un Passante Ferroviario con tante nuove fermate e materiale rotabile nuovo, ma "senza soldi non si canta messa". A cascata più politiche a favore della ciclabilità e aree pedonali-non solo in centro città-che favorirebbero una migliore vivibilità. Nuove opere? Certamente. La Circonvallazione reclama il raddoppio del Ponte Corleone, il sottopasso Perpignano e nuovi sovrappassi pedonali. Tram o Mal? L'uno non deve escludere a tutti i costi l'altro. Seppur nettamente differenti in ambito di tempi di realizzazione, velocità commerciale, capienza, manutenzione, longevità e capillarità vanno portati avanti gli attuali progetti.   Foto repertorio durante sit-in forestali 2016.  

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
18 nov 2020

Viale Regione Siciliana | Attivati i sensori anti-allagamenti

di Fabio Nicolosi

La foto di copertina ce la ricorderemo in tanti, era il 15 Luglio quando a causa di una bomba d'acqua la città si era allagata. Milioni di danni, polemiche, richieste di risarcimento. Il comune di Palermo insieme ad Amap non sono peró rimasti con le mani in mano e si sono subito attivati per rimediare e imparare dagli errori. Sono entrati in funzione i primi sette sensori, nei sottopassi di corso Calatafimi, viale Leonardo da Vinci e viale Lazio. Altri stanno per essere installati in via Belgio e corso Pitrè, dove per una migliore alimentazione elettrica è stato necessario installare anche dei pannelli fotovoltaici. Il sistema di sensori, installato dall'Amap è stato testato nelle ultime 24 ore, in occasione dell'allerta gialla diramato dalla Protezione civile. I sensori rivelano l'eventuale presenza di allagamenti nei sottopassi, inviando in tempo reale l'aggiornamento della situazione a una centralina unica, mentre alcune telecamere riprendono la situazione con aggiornamenti ogni 20 minuti. Nei prossimi giorni si procederà a installare la segnaletica in corrispondenza di ciascun sottopasso in entrambi i sensi di marcia che riporterà la situazione di tutti i punti di attraversamento della circonvallazione. Nel caso in cui anche in uno solo dei sottopassi dovessero essere riscontrate criticità, la segnalazione sarà inviata a tutti i segnalatori luminosi. "In presenza di un allerta meteo - dice Alessandro Di Martino - l'Amap deve monitorare i punti più sensibili e soggetti al rischio di allagamento. Tramite questo sistema potremo effettuare il controllo da remoto con una migliore organizzazione del lavoro e un risparmio di energie, offrendo allo stesso tempo un tempestivo servizio di informazione ai cittadini per evitare che possano trovarsi bloccati all'improvviso". Per il sindaco Leoluca Orlando è "un importante passo per la sicurezza del principale asse viario della città, consci del fatto che purtroppo eventi estremi sono destinati a ripetersi e che quindi è necessario attrezzarci quanto più possibile per informare e prevenire. Mi auguro che Amap con la consueta professionalità porti a termine l'installazione del sistema, ancora più necessario con l'avvicinarsi del periodo più piovoso dell'anno". Il costo complessivo del sistema è stato di poco meno di 200 mila euro (Società EnterMed individuata con gara sul Mercato Elettronico) e alla fine della prossima settimana si avvia l'installazione dei segnalatori luminosi

Leggi tutto    Commenti 27
Articolo
09 nov 2020

Viabilità | Cambia la mobilità in zona piazza Sturzo, via Roma, via Amari

di Fabio Nicolosi

Il Servizio Mobilità Urbana del Comune, con ordinanza di oggi ha emanato un provvedimento temporaneo, da integrare e modificare a seguito della chiusura del cantiere del collettore fognario attualmente in corso in via Roma, che prevede la regolamentazione della circolazione veicolare nell’anello compreso tra via Dante, parte bassa, via Turati, piazza Luigi Sturzo, via Roma, via E. Amari, via R. Wagner, via P.pe di Granatelli, via Roma e viceversa. Obiettivo finale del provvedimento, una volta che sarà liberata l'asse di via Roma, è quello di consentire il doppio senso di circolazione lungo la stessa, da piazza Sturzo a Piazza Giulio Cesare e, quindi, verificare la fattibilità tecnica per sperimentare nuovi percorsi pedonali in via Amari e via Ruggero Settimo dopo l'eliminazione dei relativi cantieri per l'anello ferroviario. Il provvedimento di oggi, nello specifico prevede in via temporanea: - VIA DANTE: ripristino della corsia riservata contromano tra via Principe di Villafranca e via Niccolò Garzilli. - VIA DANTE (tratto compreso tra via N. Garzilli e piazza Castelnuovo): istituzione del doppio senso di marcia con obbligo dritto all'incrocio con via XX Settembre per i veicoli in direzione mare. - PIAZZA CASTELNUOVO (tratto compreso tra via Dante e via della Libertà): istituzione del doppio senso di marcia con obbligo dritto all'incrocio con via della Libertà, carreggiata centrale e laterale di di mare, per i veicoli in direzione mare. - PIAZZA R. SETTIMO (carreggiata in asse con via Dante, tratto compreso tra via della Libertà e via Gaetano Daita): istituzione del doppio senso di marcia. - VIA TURATI (tratto compreso tra via G. Daita e via Isidoro La Lumia): istituzione del doppio senso di marcia con obbligo dritto e destra all'incrocio con via Isidoro La Lumia per i veicoli in direzione mare. - VIA D. SCINA’ (tratto compreso tra via Isidoro La Lumia e piazza Luigi Sturzo): istituzione del doppio senso di marcia con obbligo a destra allo sbocco con piazza Don Sturzo per i veicoli in direzione mare ed obbligo destra – diritto all’ incrocio con via P. Valdo Panascia, per i veicoli provenienti da piazza Luigi Sturzo. - VIA P. VALDO PANASCIA: allo sbocco su via Domenico Scinà obbligo di svolta a destra in direzione piazza Luigi Sturzo, dando la precedenza. - PIAZZA LUIGI STURZO: istituzione di rotatoria regolamentata con circolazione antioraria e isola di traffico. I veicoli che la percorrono avranno la precedenza su quelli ad essa convergenti. Istituzione del divieto di sosta con rimozione 0-24 sul lato sinistro di tutto l'anello, ad eccezione della parte di monte riservata ai motocicli. - VIA ROMA (tratto compreso tra piazza Luigi Sturzo e via E. Amari): istituzione del doppio senso di marcia con obbligo di svolta a destra all'incrocio con via E. Amari (misura temporanea sino alla riapertura di via Roma); - VIA E. AMARI (tratto compreso tra via Roma e via Riccardo Wagner): istituzione del senso unico di marcia in direzione monte.

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
28 ott 2020

Mobilità | Sospensione ztl notturna, incremento bus in circolazione e nuovo operatore Car-Sharing

di Mobilita Palermo

Palermo - Si è svolta oggi pomeriggio una videoconferenza nel corso della quale il sindaco Leoluca Orlando, l’assessore alla Mobilità Giusto Catania ed il presidente dell’Amat, Michele Cimino hanno illustrato gli interventi messi a punto  in tema di mobilità dall'amministrazione comunale e dall'azienda di via Roccazzo, definita dal sindaco “partner essenziale e strategico”. In apertura, il sindaco ha voluto sottolineare come la demolizione dell'ultimo edificio di vicolo Bernava che bloccava il completamento del passante ferroviario - cui ha presenziato in mattinata - e le iniziative in tema di mobilità, illustrate nel pomeriggio, danno il senso di un intervento "che non è episodico ma che sta dentro un quadro complessivo". Nel dettaglio, è stata disposta la sospensione della ZTL notturna a partire già dal prossimo venerdì sera in ragione dell'attuale emergenza pandemica. Questo "svincolerà" ulteriori 17 autobus che potranno essere utilizzati di giorno. Si dà mandato al Dirigente del Servizio Mobilità Urbana di procedere all'emissione dell'ordinanza di sospensione entro venerdì mattina, così da rendere operativa la misura già il prossimo venerdì sera”. Le telecamere rimarranno attive, per ragioni di sicurezza e controllo del territorio. L'occhio elettronico non registrerà, la sera, i veicoli in ingresso e in uscita dalla zona ZTL, che rimarrà regolarmente attiva nei giorni e nelle ore diurne precedentemente stabiliti.Nessuna sospensione delle “zone blu”. Nel corso dell'incontro è stata anche annunciata l'ormai imminente assunzione, a tempo determinato, di cento nuovi autisti di autobus e di 41 meccanici per aumentare la frequenza delle corse e, contestualmente ridurre le presenze sui veicoli, al fine di rispettare la stringente normativa di contrasto al contagio da covid-19.  I primi quaranta autisti dovrebbero prendere servizio nel giro di dieci giorni circa. Al via, presumibilmente all'inizio del prossimo anno, le procedure per le assunzioni a tempo indeterminato, affidate  ad una agenzia interinale, con l'obiettivo di ringiovanire l'organico dell'azienda, il cui ultimo concorso per autisti risale al 1990. Sarà aperto ai privati il car sharing, che finora gestisce soltanto l'Amat. La Giunta, infatti, ha deciso di aprire al mercato per offrire altre possibilità di utilizzo delle automobili condivise. E’ ancora aperto il bando per le colonnine di ricarica elettrica, mentre martedì sarà chiusa la procedura di affidamento del monopattino sharing. 

Leggi tutto    Commenti 1