Articolo
06 dic 2017

Pedonalizzazioni | Via alla sperimentazione su Cassaro Basso

di Mobilita Palermo

L'Ufficio Mobilità ha emesso una ordinanza che, in via sperimentale, regolamenta la viabilità del trattol "basso" di via Vittorio Emanuele per l'istituzione di una semi pedonalizzazione. In particolare, dalle ore 10 alle ore 24 nei giorni di sabato, domenica e festivi e dalle ore 16 alle ore 24 dei giorni feriali scatterà la chiusura del traffico veicolare nel tratto compreso tra via Porto Salvo e via Roma. Il provvedimento prevede l'istituzione di una corsia centrale per la circolazione veicolare, di un larghezza di 3.50 mt, a senso unico di marcia in direzione di via Roma. Nella parte restante della carreggiata, a ridosso dei marciapiedi, l'istituzione di due percorsi pedonali, equamente suddivisi che saranno delimitati con apposita segnaletica orizzonatale e anche con arredi o fioriere. Il provvedimento non interesserà i veicoli dei residenti, dimoranti e di titolari di Passi carrabili ricandenti nel trratto di strada in argomento, oltre ai veicoli delle Forze dell'Ordine, di soccorso in emergenza e delle biciclette. Varranno comunque per gli autoveicoli le limitazioni già vigenti per la ZTL centrale. "Seguendo la pressante richiesta che è venuta dai residenti e dai commercianti dell'area e dalla Circoscrizione - affermano il Sindaco e l'Assessora Riolo - avviamo oggi una nuova sperimentazione, che durerà fino alla fine del periodo delle feste di Natale e Capodanno, al termine del quale faremo una valutazione dei risultati. Questo provvedimento è il segno del grande cambiamento culturale in atto a Palermo, dove dalle barricate e dalle proteste contro le pedonalizzazioni siamo passati alla richiesta di istituirne sempre più numerose e più ampie. Un risultato importante per la vivibilità non solo del centro storico della città." Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
02 giu 2017

I Commercianti richiedono pedonalizzazione del Cassaro Basso: ecco la sperimentazione 3-4 Giugno

di Giulio Di Chiara

Come cambiano i tempi ! Se fino a qualche tempo fa ipotizzare la chiusura anche parziale di un'asse viario scatenava l'ira funesta di residenti e commercianti, oggi la situazione sembra essersi ribaltata. Posto che pedonalizzare sempre e comunque non è la soluzione, constatiamo una netta inversione di tendenza nella concezione dello spazio pubblico, almeno nelle aree storiche e centrali. Va detto che le recenti pedonalizzazioni hanno finalmente creato un precedente, un elemento di rottura con la precedente tendenza dove qualsiasi proposta veniva bocciata a priori per la paura stessa di provare a cambiare. Abbiamo sempre confidato in qualche provvedimento "impopolare", che potesse far toccare con mano una situazione diversa, da poter confrontare con quella precedente al fine di avviare un confronto e dunque una valutazione. Bene, il successo delle aree pedonali ha indotto gli stessi residenti e commercianti del Cassaro Basso a richiedere un'altra pedonalizzazione, presentando addirittura un proprio progetto al Comune di Palermo: Chiudere il Cassaro basso, nel tratto di corso Vittorio Emanuele che va dai Quattro Canti fino a Porta Felice. Il Comune ha acconsentito a una sperimentazione di prova  il 3 e il 4 giugno: sabato pomeriggio e domenica, quindi, non sarà possibile transitare con i veicoli a motore. Sebbene a Palermo molte sperimentazioni sono dei tentativi di "capire" un provvedimento che invece andrebbe progettato e studiato a priori, non pensiamo possano essere due giorni, tra l'altro nel weekend, a fornire delle indicazioni utili per un provvedimento permanente. Probabilmente è solo un modo per accontentare le richieste dei commercianti e dei residenti che ne hanno fatto richiesta. Insomma, non ci sembra un test probante, ma tant'è... Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
06 set 2016

L’assessore Catania fotografa il Cassaro e ignora il suo stesso provvedimento

di Mobilita Palermo

Nemmeno a farlo apposta, avevamo parlato (e segnalato) qualche giorno fa della corsia promiscua pedonale-ciclabile di Corso Vittorio Emanuele , evidenziando come la ciclabilità appunto sia fortemente compromessa per l'esigua larghezza della carreggiata e per gli svariati ostacoli presenti sul percorso. Un provvedimento molto superficiale che di fatto mostra come in questo caso al Comune non si siano posti minimamente il problema della fruibilità e della sicurezza degli utenti, in primis i ciclisti che dovrebbero transitare da lì facendo zig zag tra pedoni, panchine e cestini.   A conferma di tale negligenza, arriva puntuale un tweet dell'assessore alla mobilità, Giusto Catania, il quale durante la Festa dell'Onestà (che si è tenuta proprio al Cassaro lo scorso weekend)  ha lodato la pedonalizzazione di Corso Vittorio Emanuele immortalando (e forse ignorando) le decine di bancarelle di artigiani posizionate proprio lungo questo corridoio che in teoria sarebbe destinato a pedoni e bici. Diamo per assodato che gli artigiani abbiano ricevuto l'autorizzazione proprio da Palazzo delle Aquile, il che non fa che aggravare le cose. Si dirà che durante le manifestazioni spesso si utilizzano le aree pedonali. Ma occorre precisare una cosa: quella è ANCHE una corsia ciclabile, pertanto non è possibile occuparla, nè durante i feriali nè durante manifestazioni, mai. Al Comune devono chiarirsi le idee in merito, perchè stanno contribuendo ad una farsa di provvedimenti (già superficiali in sè) ulteriormente dimenticati e rinnegati dalla stessa amministrazione. Questo è un esempio emblematico. Ci sembra che proprio al Comune siano i primi a NON considerare questa corsia promiscua come tale e lo dimostrano i fatti. Ci piacerebbe che l'assessore (o chi per lui) prenda posizione in maniera chiara. La nostra proposta l'abbiamo lanciata nel precedente articolo, ovvero destinare una delle corsie ai pedoni e l'altra alle bici, senza mischiare i flussi. Ma qui il problema è ancora più a monte: perchè perpetuare provvedimenti spot, senza arte ne parte, solo per il gusto di dire che al Cassaro c'è una corsia ciclabile? Forse per far impennare il numeretto dei km di ciclabilità che ogni anno il Comune di Palermo proclama (e vende) ai suoi cittadini? Se le intenzioni sono queste, rimuovetela. Non serve a niente.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
05 set 2016

Corso Vittorio Emanuele: la corsia promiscua che “accontenta” solo i pedoni

di Giulio Di Chiara

Le piste ciclabili e le corsie a Palermo sono sempre sotto la lente d'ingrandimento. Palermo non ha una grande tradizione in tal senso e soltanto negli ultimi anni si è cominciato a pensare alla mobilità più dolce con provvedimenti vari, alcuni efficaci, altri no. Spesso le soluzioni adottate sono state smentite nel tempo con altri provvedimenti, così che per il cittadino è davvero difficile abituarsi a qualcosa che funziona. Dopo svariate modifiche, in Corso Vittorio Emanuele è nata una corsia ciclabile qualche tempo fa, che in teoria doveva essere parte di un anello ciclabile mai completata nel tratto di via Bonello. Dopo le recenti modifiche per le "ZTL" (anch'esse non entrate in vigore), ad oggi la strada è costituita da una corsia centrale parzialmente carrabile, e due corsie laterali promiscue per pedoni e ciclisti. La segnaletica è eloquente.   (tavolini lungo la corsia ciclabile, foto by Cino Dario) Transitando su una di esse con la bici ci si accorge di come in realtà, per un ciclista, percorrere quel segmento è molto difficile: in primis la promiscuità con i pedoni non agevola l'andatura di coloro che a bordo delle due ruote, preferiscono spostarsi nella corsia centrale. Ciò detto è auspicabile sempre uno spostamento molto lento per motivi di sicurezza. Ed a proposito di sicurezza che va evidenziato quanto segue: all'interno della corsia, come è visibile dalla foto, sono presenti panchine, cestini e fioriere che di fatto riducono ulteriormente lo spazio di manovra. Va da sè che un pedone è molto più agevolato, mentre per un ciclista il transito è molto pericoloso, con il rischio di urtare uno di questi ostacoli. C'è da chiedersi a questo punto se non sia il caso di separare pedoni e bici, destinandoli rispettivamente alle due corsie attualmente presenti, senza mischiarli e aumentando gli standard di sicurezza. Parola al comune.

Leggi tutto    Commenti 12
Segnalazione
29 ago 2016

I “ponteggi eterni” su Corso Vittorio Emanuele

di danyel

Ogni palermitano che si rispetti penso conosca questi "caratteristici" ponteggi che "abbelliscono" le facciate di una delle arterie principali (adesso, ancora di più, con il boom del turismo) della nostra città: Corso Vittorio Emanuele! Perché dico questo? Perché quei ponteggi, ormai arrugginiti e usurati a causa delle intemperie, sono li da più di 20 anni! Vi resteranno ancora per molto Avrete letto ormai dappertutto che Palermo quest'anno è stata la quarta città più visitata d'Italia, turisti ovunque, un vero boom .. ma tutta la Sicilia ha fatto il botto! Mi chiedo .. non sarebbe ora finalmente di restaurare le facciate di Corso Vittorio Emanuele, divenuto ormai quasi interamente pedonale e invaso dai turisti e buttare a terra i ruderi e i palazzi sventrati della seconda guerra mondiale? Eviteremmo così di continuare a vedere certi obbrobri, considerando pure il fatto che questo è ormai  "Percorso Arabo-Normanno" premiato dall'Unesco ...

Leggi tutto    Commenti 3    Proposte 0
Segnalazione
30 giu 2016

(Rubare i soldi) Chi ottura i tombini in Corso Vittorio Emanuele? Il Comune!

di Giulio Di Chiara

La storia e i recenti fatti non servono ad un .... tubo. Quello che vedete è l'ennesimo caso di "schifo urbano" a cui assistiamo nella nostra città. Di recente è stata nuovamente scarificata e asfaltata la carreggiata di Corso Vittorio Emanuele e, memori delle tante segnalazioni precedenti su viale Regione Siciliana (ma non solo), alcuni addetti RAP hanno pensato bene di infischiarsene di tutto, asfaltando in modo scriteriato la strada, otturando di catrame anche i tombini per il deflusso delle acque piovane. Non solo, come è possibile notare, anche la livellazione tra asfalto e tombino è stata opportunamente ignorata: un bel dislivello per tutti i pedoni, ciclisti e motociclisti che dovranno scansare in tempo questo pericolo. Ci segnalate diversi casi del genere su tutto Corso Vittorio Emanuele. Il Comune? Responsabile tanto quanto RAP. Anni e anni di segnalazioni non hanno mai prodotto un processo di controlli. Così è stato assegnato libero potere a incapaci e menefreghisti che non sanno nemmeno fare il loro lavoro o forse se ne fregano altamente. L'importante è lo stipendio. Così come gli autisti AMAT assenteisti per la partita dell'Italia sono stati oggetto di indagine (annunciata da Orlando), questi sfaccendati e i loro superiori che dovrebbero garantire un servizio, cosa meritano? Sindaco, a lei la parola.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Articolo
24 giu 2016

Pedonalizzazioni | Corso Vittorio diventerà molto simile a Via Maqueda

di Fabio Nicolosi

Proseguono i lavori di rifacimento del manto stradale di Via Vittorio Emanuele. La strada alla fine dei lavori avrà un aspetto simile a Via Maqueda La Rap, dopo avere adempiuto alle prescrizioni impartite dagli organi di controllo su alcuni nuovi aspetti interpretativi delle norme in materia di sicurezza, sia dei lavoratori che dei cittadini, ha riavviato il cantiere di manutenzione stradale per la realizzazione dell'asfalto in corso Vittorio Emanuele per assicurare che tali assi siano pronti per gli appuntamenti legati alla festività di Santa Rosalia. Le prescrizioni hanno riguardato principalmente l'impiego di transennatura mobile fino a due metri per delimitare ulteriormente l'aria di cantiere, la messa a punto di modalità operative con fasi alternate nell'esecuzione della scarificatura e della posa dell'asfalto; la dotazione di nuovi tesserini identificativi che proprio a partire da questo cantiere, in maniera innovativa,consentirà il rilevamento presenze da remoto. Cambia inoltre la regolamentazione stradale di via Vittorio Emanuele che, sempre di più, è destinata ad essere fruibile soltanto per i pedoni, nell'ambito dell'itinerario Arabo-normanno. La corsia di servizio, riservata al transito veicolare, sarà collocata al centro della carreggiata e sarà utilizzata esclusivamente per coloro che avranno titolo al passaggio. Per i residenti sono stati individuati varchi di accesso e di uscita cosicché via Vittorio Emanuele potrà essere utilizzata per l'attraversamento esclusivamente per ragioni di emergenza. Il servizio di carico e scarico a disposizione delle attività economiche è autorizzato dalle ore 7:00 alle ore 10:00, utilizzando le apposite aree individuate nell'ordinanza. I residenti dovranno rinnovare il Pass, o richiederlo, a partire dal prossimo 5 luglio ed entro e non oltre il 22 luglio presso la postazione decentrata di piazza Marina, consegnando fotocopia del documento di riconoscimento e del libretto di circolazione dell'automobile per la quale si richiede il rilascio. Fino al 22 luglio saranno considerati validi gli attuali pass di colore giallo che dovranno essere consegnati al momento del rilascio del nuovo che avrà un altro colore. Sul sito istituzionale del Comune di Palermo da domani sarà scaricabile il modello per richiedere il nuovo Pass da consegnare alla postazione decentrata di piazza Marina. Le ordinanze entreranno in vigore con l'apposizione della relativa segnaletica e non appena il personale della RAP avrà completato il rifacimento del manto stradale. 'Continua e si rafforza il processo di pedonalizzazione nel centro storico per una sempre maggiore vivibilità e fruibilità da parte di cittadini e turisti - hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore alla Mobilità, Giusto Catania. Un processo virtuoso sempre più apprezzato dai residenti e dagli operatori commerciali che stanno assistendo e sono protagonisti di questo straordinario cambiamento' Le due ordinanze (nuove direttive area ZTL Arabo-Normanna e regolamentazione stradale) sono già pubblicate sul sito. Si allega elenco delle strade interessate al provvedimento suddivise per varco, disegno sulla disposizione dei varchi e planimetria generale.

Leggi tutto    Commenti 12