Articolo
03 nov 2020

NUOVE LINEE TRAM | La gara per la verifica del progetto definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C è da ripetere

di Fabio Nicolosi

Il Progetto definitivo ed Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C subisce il primo stop forzato. La determinazione dirigenziale n.8990 del 25 settembre 2020 dichiara, la procedura per la Verifica del Progetto Definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C deserta per mancanza di offerte valide. Ripercorriamo velocemente le tappe: con Determinazione Dirigenziale n. 26 del 23/05/2017 dell’Area Tecnica della Riqualificazione Urbana e delle Infrastrutture è stato approvato il Bando di Concorso Internazionale di progettazione del Sistema Tram Palermo – Fase II Progetto Generale e progetto 1°Stralcio; con Determinazione Dirigenziale n. 18 del 23/05/2018 di questo Servizio sono stati approvati i verbali di gara della commissione giudicatrice e proclamato il vincitore del concorso internazionale di progettazione in argomento, identificato, nel costituendo Raggruppamento Temporaneo di Professionisti costituito da Ing. Cassata Ruggero (capogruppo), n.q. di legale rappresentante della società RGM S.r.l.; Ing. Bonadies Dino (mandante) n.q. di legale rappresentante della società Rpa S.r.l.; Ing. Scotti Alberto (mandante) n.q. di legale rappresentante della società Technital S.p.A.; Ing. Cassata Giovanni (mandante), libero professionista; con Determinazione Dirigenziale n. 28 dell’11.07.2018 di questo Servizio è stato approvato lo schema di contratto e il disciplinare prestazionale per l’affidamento dei servizi di progettazione del bando di concorso internazionale di progettazione in due fasi per la progettazione del “Sistema Tram Palermo – Fase II progetto Generale” e “– Progetto I° stralcio”, così come modificati per effetto della negoziazione; con atto Rep. 20 del 17/07/2018 e successivo atto aggiuntivo Rep. n. 44 del 18/12/2018, regolarmente registrati, è stato affidato al predetto Raggruppamento Temporaneo di Professionisti, il servizio di ingegneria e architettura relativo alla progettazione del “Sistema tram Palermo – Fase II progetto Generale” e “ Progetto I° stralcio” – Progettazione di Fattibilità Tecnica ed economica e prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei piani di sicurezza, limitatamente a: − linea “A”, linea “B”, linea “C”; con nota prot.115/2018 è stato consegnato dal suddetto R.T.P.S. la progettazione dello Studio di fattibilità tecnico-amministrativo nei tempi assegnati, avviandosi quindi la progettazione definitiva dell’intervento; con determinazione dirigenziale dell’Area Polizia Municipale - Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico - n. 8481 del 09.07.2019, integrata con determinazione dirigenziale n.12023 del 18.10.2019, è stata indetta, ai sensi dell’art.60 del D. Lgs. 50/2016 e ss.mm. ii, procedura aperta per l’affidamento del servizio di Verifica, ai sensi dell’art. 26 del d.lgs.50/16 e ss.mm.ii., del Progetto Definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tramviarie della Città di Palermo – Tratte A, B, C, per l’importo a base d’asta di € 977.690,06 comprensivo di spese ed oneri accessori ed al netto di IVA ed oneri previdenziali, approvando il bando e disciplinare di gara, unitamente ai relativi allegati; con nota n.712049 del 14.07.2020 il Servizio Contratti, su mandato della Commissione di gara, ha trasmesso al RUP n. 17 verbali di gara, di seguito indicati, per gli adempimenti di cui all’art. 29 del D. Lgs. n. 50/2016, i verbali di gara; - n. 1 del 11.02.2020; - n. 2 del 18.02.2020; - n. 3 del 06.03.2020; - n. 4 del 11.05.2020; - n. 5 del 13.05.2020; - n. 6 del 14.05.2020; - n. 7 del 19.05.2020; - n. 8 del 20.05.2020; - n. 9 del 25.05.2020; - n. 10 del 27.05.2020; - n. 11 del 04.06.2020; - n. 12 del 15.06.2020; - n. 13 del 16.06.2020; - n. 14 del 23.06.2020; - n. 15 del 25.06.2020; - n. 16 del 30.06.2020; - n. 17 del 09.07.2020; con nota prot.n.795915 del 03.09.2020 il RUP, riscontrando la superiore nota del Servizio Contratti ha richiesto alla Commissione di gara, ai sensi del punto 23 del disciplinare di gara, di formulare la propria proposta in ordine all’esito della procedura in argomento, non chiaramente esplicitata negli atti sopra richiamati; con e.mail del 15.09.2020 il Presidente di gara ha trasmesso al RUP il verbale di gara n. 18 del 15.09.2020, con il quale la Commissione di gara ha dichiarato che nessun concorrente è in possesso di tutti i requisiti di partecipazione richiesti dal disciplinare di gara, proponendo l’adozione del provvedimento di esclusione di tutti i concorrenti alla procedura di gara; Una brutta battuta d'arresto. Adesso bisognerà ripubblicare la gara sperando di trovare qualche offerta valida. Un ritardo sulla tabella di marcia prevista dal comune di Palermo che prevedeva l'inizio dei lavori per fine 2021. Adesso i lavori, sperando in ulteriore intoppi, potranno iniziare non prima del 2022

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
02 ott 2020

TRAM | Le nuove linee non necessitano di una variante urbanistica

di Fabio Nicolosi

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa l'iter amministrativo per la realizzazione delle nuove linee tranviarie. L'ufficio legale dell'assessorato regionale al territorio ha risposto ad una nota del Comune con cui chiarisce, con riferimento al Tram (progetto linee A, B e C), che non è necessario un voto del Consiglio comunale di variante urbanistica. Viene inoltre chiarito che il verde "ausiliario" di contorno agli assi viari (aiuole, alberi, ecc) non è considerato a fini urbanistici come "verde" e che la destinazione urbanistica a "viabilità" comprende le strade carrabili e pedonali ma anche le piste ciclabili e i tram. Tratta A – Stazione Centrale – Villa Sofia Tratta B – Stazione Notarbartolo – Giachery Tratta C – Stazione Centrale – Calatafimi “Un passo avanti che conferma come l'amministrazione si sia mossa e si stia muovendo nel solco del massimo rispetto della normativa urbanistica e dell'impianto delle linee guida del piano regolatere per la mobilità sostenibile" dice il sindaco Leoluca Orlando. "Dalla Regione arriva un punto fermo sul piano amministrativo che speriamo chiuda polemiche del tutto strumentali di chi si oppone al tram per puri motivi ideologici", dice l’assessore alla Mobilità Giusto Catania. Il Comune tenterà di pubblicare il bando di gara entro i primi mesi del 2021. “Abbiamo perso almeno cinque mesi per questa querelle” dice Catania. Adesso il progetto andrà al Consiglio regionale dei lavori pubblici e al ministero dei Trasporti per gli ultimi via libera. La tratta A collegherà per 11 chilometri, la stazione centrale allo stadio, trasformando via Roma in un’area pedonale alberata con piste ciclabili. Via Libertà diventerà un boulevard pedonale con i controviali aperti al traffico. Mentre l’altro senso di marcia insisterà su via Marchese di Villabianca e via Marchese di Roccaforte. La tratta B collegherà la stazione Notarbartolo a via Duca della Verdura. La tratta C prolungherà l'attuale linea 4 da viale Regione siciliana, all’altezza del ponte Calatafimi, fino alla stazione centrale collegando l’Università, il parcheggio Basile, il Cus e il parco Cassarà. C’è anche un’altra tratta, la “E1”, che collegherà piazza De Gasperi alla stazione Francia. Ti potrebbe interessare anche: VIDEO ESCLUSIVO | Tram: la nuova linea Stazione C.le – Stadio (tratta A) VIDEO ESCLUSIVO | Tram: la nuova linea Notarbartolo – Giachery (tratta B) VIDEO ESCLUSIVO | Tram: la nuova linea Balsamo – Calatafimi (tratta C) VIDEO ESCLUSIVO | Tram: le fermate e le vetture

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
13 ago 2020

TRAM | Inoltrati gli elaborati progettuali al Consiglio superiore dei lavori pubblici e alla Regione Siciliana

di Fabio Nicolosi

Procede l'iter per l'avvio della gara per le tre linee tranviarie finanziate col Patto per Palermo. Nei giorni scorsi infatti gli elaboratori progettuali sono stati inviati al Consiglio superiore dei lavori pubblici per l'acquisizione del parere e alla Regione Siciliana per definire la corretta interpretazione alla norma funzionale all'acquisizione del parere di conformità urbanistica. “Sono due passaggi importanti - affermano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla mobilità Giusto Catania - e consentono di poter essere fiduciosi sul rispetto della tabella di marcia che si è data l’amministrazione comunale per impegnare le risorse dello Stato. Questa importante opera pubblica sarà uno straordinario vettore di trasformazione della città e consentirà di rimettere in moto un ciclo economico virtuoso che darà respiro al comparto dell'edilizia palermitana".

Leggi tutto    Commenti 24
Articolo
27 giu 2020

UFFICIALE | La manutenzione del TRAM Palermo passa da Bombardier a CAF

di Mobilita Palermo

La notizia era già da tempo nota in AMAT, ma solo adesso possiamo ufficializzarla. Oggi Palermo sta scrivendo una nuova pagina nel libro dei trasporti pubblici. Il 30 Giugno sarà l'ultimo giorno della canadese Bombardier a Palermo, dal 1 Luglio ad occuparsi della manutenzione dei tram sarà la spagnola CAF. L'azienda si è aggiudicata con un ribasso del 3,2% della base d’asta la gara di appalto per l’affidamento del servizio triennale di manutenzione dei rotabili e degli impianti fissi. Gli oneri del nuovo servizio di global service quadriennale saranno pari a € 16.000.000 a fronte dell’importo dell’attuale contratto di circa € 23.000.000 che saranno cosí suddivisi: € 2.008.026,12 oltre iva per il servizio, nel bilancio 2020; € 4.016.052,25 oltre iva per il servizio nel bilancio 2021; € 4.016.052,25 oltre iva per il servizio nel bilancio 2022; € 4.016.052,25 oltre iva per il servizio nel bilancio 2023;  € 2.008.026,13 oltre iva per il servizio nel bilancio 2024;  € 3.807.603,80 oltre iva per eventuali interventi aggiuntivi e proroga, nel bilancio 2024. Ma per giungere alla conclusione sopra la strada è stata tutt'altro che semplice. Con deliberazione del consiglio di amministrazione nella seduta del 03.02.2020 è stato indetto il terzo esperimento di procedura aperta, ai sensi del d.lgs. n.50/2016 e s.m.i., gestita tramite piattaforma telematica, per l’affidamento del servizio di global service del sistema tram, per 4 anni, in quanto i due precedenti esperimenti sono andati deserti per mancanza di offerte. La base d’asta quadriennale è stata fissata ad € 16.562.000,00 oltre iva, oltre una eventuale proroga tecnica per un periodo max di sei mesi (€ 2.070.250,00 oltre iva) e il 10% di eventuali interventi aggiuntivi (€ 1.863.225,00 oltre iva), pari ad € 20.495.475,00 oltre iva, oltre gli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso pari ad € 32.193,00 oltre iva, per un importo complessivo presunto di € 20.527.668,00 oltre iva. La prima seduta pubblica per la verifica dei requisiti di ammissione si è svolta in data 26.03.2020; successivamente la commissione di gara si è riunita in seduta riservata per la verifica dell’offerta tecnica, in data 30 e 31 marzo u.s.; mentre le operazioni di gara relative alla seconda seduta pubblica, fissata in un primo momento per il giorno 8 aprile 2020, sono state rinviate al 10 aprile alle ore 17:00, poi al 14.04.2020 alle ore 10:30, poi a data da destinarsi su disposizione del cda e infine, sempre su disposizione del cda nella seduta del 23.04.2020, al primo giorno utile che è stato fissato per il 28.04.2020 alle ore 10:30. La gara è stata aggiudicata, in via provvisoria, alla costituenda ATI Caf Italia srl/Eds Infrastrutture spa, unica partecipante alla procedura de quo. Il CDA nella seduta del 24.06.2020 approva i verbali di gara (protocollo telematico n.2278) n. 1 del 26.03.2020, n. 2 del 30.03.2020, n. 3 del 31.03.2020 e n. 4 del 28.04.2020 con i quali si aggiudica, in favore della ATI Caf Italia srl/Eds Infrastrutture spa, la gara per l’affidamento del servizio di global service del sistema tram, per 4 anni – 3° esperimento.

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
27 mag 2020

Parcheggi per Tramvia e Stadio, la Regione cofinanzia 4 progetti

di Mobilita Palermo

Palermo - Sono stati pubblicati dalla Regione i decreti di co-finanziamento di quattro dei sette nuovi parcheggi previsti, che a regime si integreranno e fungeranno da punti scambiatori col sistema del Tram e del bike-sharing. Si tratta infatti di una misura di finanziamento che la Regione aveva annunciato, pubblicando  nel 2018 un bando (Decreto Regionale n. 1845 del 10/07/2018  per la realizzazione di parcheggi di interscambio) rivolto sia alle città metropolitane di Palermo e Catania sia ai Comuni sotto i 30 mila abitanti. Ricordiamo che il Comune di Palermo aveva presentato istanza di partecipazione per ben 4 strutture, che fanno anche parte del nuovo progetto di ampliamento delle linee tranviarie. Le quattro aree di sosta per cui è stato approvato il co-finanziamento regionale sono quelle di Piazza Boiardo (Stazione Notarbartolo), Piazza Don Bosco, Piazzale Ambroni (Francia) e De Gasperi, per complessivi 1.628posti ed un costo complessivo di 121 milioni di euro di cui poco meno di 50 milioni a carico della Regione ed il resto a carico di privati con il sistema della finanza di progetto. Nell’area di piazza Boiardo, i lavori prevedono la costruzione di un parcheggio interrato che sarà composto da una struttura di due piani, mentre il piano strada, oggi occupato da un parcheggio a raso, sarà oggetto di un progetto di riqualificazione urbana. I piani destinati al parking, prevedono la realizzazione di 190 posti auto, di cui 6 per disabili, e con la predisposizione di stalli per ricarica di auto elettriche, con un costo complessivo di poco superiore ai 19 milioni di euro. Il parcheggio De Gasperi, a servizio dei poli sovralocali ospedalieri e sportivi e di importanti uffici pubblici e privati, sarà composto da due unità funzionalmente separate per la presenza, a piano strada della via Ninni Cassarà, già via Alcide De Gasperi, mentre, per le parti in sotterraneo, per la presenza delle gallerie, previste in PRG, per il collegamento con l'area portuale (ma molto improbabile nella sua realizzazione). Per entrambe le unità le area parking a raso sono dotate di impianti per il bike sharing e per la ricarica di autovetture elettriche. Suddivisa in area "nord" e area "Sud, L'area di parking sarà articolata, rispettivamente, in una parte a raso e in due piani interrati per complessivi 239 posti auto di cui 11 per disabili e 8 attrezzati con stazioni di ricarica per auto elettriche e in una parte a raso e in due piani interrati per complessivi 215 posti auto di cui 10 per disabili e 8 attrezzati con stazioni di ricarica per auto elettriche. Poco meno di 41 saranno i milioni per la realizzazione di questo secondo parcheggio di interscambio. Il parcheggio Don Bosco sarà composto da una struttura interrata di due piani, mentre il piano strada, oggi occupato da una sistemazione a verde, sarà oggetto di un progetto di riqualificazione urbana coordinato con la rigenerazione di via Marchese di Roccaforte. I piani destinati al parking, prevedono la realizzazione di 230 posti auto di cui 12 per disabili e con la predisposizione di stalli per ricarica di auto elettriche. In questo caso il costo dei lavori sarà poco inferiore ai 29 milioni di euro. Infine, il parcheggio "Francia", che si trova in piazzale Ambrosini e a servizio del nodo di interscambio tra il Passante ferroviario e la linea tramviaria, sarà articolato in una parte a raso, dotata di impianti per il bike sharing e per la ricarica di autovetture elettriche, e due piani interrati. In questo caso i piani destinati al parking prevedono la realizzazione di 754 posti auto, alcuni dotati di stalli per bike sharing e car sharing. Costo complessivo per la realizzazione poco superiore ai 35 milioni di euro. Secondo l'assessore regionale ai trasporti Marco Falcone, l'auspicio è che entro l'anno possano partire i primi cantieri, visti i termini stringenti per bandire le gare. Qui le schede tecniche dei singoli progetti.    

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
19 mag 2020

AMAT | Dalla regione via libera a 15 milioni di euro

di Fabio Nicolosi

È stato sottoscritto il contratto integrativo tra Comune di Palermo ed Amat, che ha consentito di sbloccare circa quindici milioni di euro trasferiti dalla Regione siciliana al Comune di Palermo e destinati al trasporto pubblico urbano. Si tratta delle somme relative al quarto trimestre del 2019 e al primo trimestre 2020, oltre che al riconoscimento degli obiettivi chilometri del tram per il 2019. Già oggi, l'Ufficio mobilità urbana ha emesso la prima determinazione per il valore di 2,3 milioni. Entro la settimana saranno definite le procedure per l'emissione delle altre due determinazioni dirigenziali. Per il Sindaco Leoluca Orlando, "la sottoscrizione dell'accordo rappresenta un importante riconoscimento economico per l'azienda Amat e dimostra l'attenzione dell'Amministrazione comunale per la salvaguardia del trasporto pubblico e dei lavoratori dell'azienda, segnando anche un punto di svolta per quanto riguarda il riconoscimento dei chilometri percorsi dal Tram come parte integrante ed effettiva del trasporto pubblico locale in città." In sintonia l'Assessore Catania, che sottolinea "l'importante novità costituita dal riconoscimento dei chilometri percorsi su ferro. Di fatto il Comune, riconoscendo questi come parte integrante del trasporto pubblico, ha fatto da apripista favorendo la scelta della Regione che, per la prima volta, ha riconosciuto 3,8 milioni per l'esercizio del tram.” Per il Presidente dell'Azienda Michele Cimino "si è condiviso un altro importante obiettivo del piano di risanamento ed efficentamento dell’Azienda. Il nostro lavoro continua nella consapevolezza che stiamo affrontando tutte le problematiche emergenziali dando il massimo impegno.”

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
16 mag 2020

Distanziamento sociale alle fermate del tram: manca la segnaletica apposita

di Gustavo Enrico

In questo periodo di pandemia Covid-19, tenere le distanze è necessario. La situazione è delicata quando si aspettano i mezzi pubblici, soprattutto il Tram. Come sappiamo le banchine d'attesa a Palermo non sono molto larghe (a parte i capolinea e qualche altra eccezione);  le  indicazioni per aiutare a mantenere le distanze giuste, non state messe in tutte le fermate.   La foto mostra la fermata "Parco Uditore" direzione Borgo Nuovo, ma ce ne sono altre in questo stato. Poi, sulla panchina sotto la pensilina dovrebbe essere indicata la posizione in cui sedersi e quindi  stabilire quante persone la possono occupare (forse due seduti ai limiti opposti): neanche in questo caso c'è segnalazione. Per fortuna non ho notato folla in attesa, per il momento. In previsione di nuove aperture di attività, sarebbe il caso di rendere la segnalazione capillare su tutte le fermate del Tram e degli autobus. Ma attendiamo, magari l'apposizione della segnaletica è ancora in corso.

Leggi tutto    Commenti 6