Articolo
23 mar 2020

ANELLO FERROVIARIO | Dal 31 Marzo riapre l’incrocio tra via Roma e via Amari

di Fabio Nicolosi

Una settimana fa vi mostravamo gli avanzamenti del cantiere nei pressi dell'incrocio tra Via Roma e via Amari. Nonostante il rallentamento delle attività dovute al Coronavirus, vi confermiamo che i lavori sono già in fase finale. Infatti l'ordinanza n°271 pubblicata giorno 16 Marzo dall'ufficio traffico comunica la riapertura parziale dell’ incrocio Amari-Roma e di via Emerico Amari nel tratto compreso tra via Michele Amari e via Roma. Chiusura di via Emerico Amari nel tratto compreso tra via R. Wagner e via Pietro Valdo Panascia (già via Isidoro La Lumia). Purtroppo non sarà totalmente riaperta Via Roma perché occorre ancora terminare il piccolo tratto tra via ammiraglio Gravina e via Amari ancora occupato dal cantiere del collettore fognario. Via Wagner nel tratto compreso tra via Ammiraglio Gravina e via E. Amari si trasformerà in una strada senza uscita a doppio senso di marcia, cosí come via Pietro Aldo Panascia nel tratto Amari – Turati. Sempre via Wagner nel tratto compreso tra via Ammiraglio Gravina e via Mariano Stabile sarà ripristinata con il senso unico di marcia in direzione via M. Stabile Nella mappa vengono indicate in verde le aree pedonali e in giallo le aree di cantiere. Ricordiamo che la presente ordinanza ha validità fino al 28 Agosto 2020 o sino all’ ultimazione dei lavori se precedente tale data. Come sempre vi terremo aggiornati

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
16 mar 2020

Anello Ferroviario | I progressi del cantiere tra Via Roma e via Amari

di Fabio Nicolosi

Siamo tutti, o quasi, rinchiusi a casa a causa del coronavirus. Chi ci può quindi aggiornare sullo stato dei lavori? Fortunatamente la comunità di Mobilita Palermo è talmente numerosa che abbiamo utenti che abitano sopra i vari cantieri della città. Ecco quindi che, pur rimanendo a casa, riusciamo a fornirvi un aggiornamento dei lavori dell'anello ferroviario. Ci troviamo all'incrocio tra via Roma e via Amari; uno degli incroci più importanti della città per via dei numerosi sottoservizi che vi transitano, ma anche per la presenza di due dei più impattanti cantieri attivi in città. Infatti proprio l'incrocio da qualche mese é interessato dai lavori dell'anello ferroviario e della posa del collettore fognario. Il primo cantiere interessa la strada da valle a monte e prevede la realizzazione della galleria ferroviaria di collegamento tra le fermate Porto e Politeama sotto via Amari. Il secondo prevede la posa della nuova condotta del collettore fognario da piazza Sturzo verso via principe di Belmonte che permetterà di portare le acque nere al depuratore di Acqua dei Corsari permettendo quindi il disinquinamento della zona costiera. Ringraziamo Raffaele C. per le foto: I lavori in quell'area sono iniziati proprio dall'anello ferroviario che hanno occupato la zona i primi giorni di Ottobre. Le due ditte hanno quindi avviato un confronto per procedere e limitare le interferenze. I primi a mettere mano all'incrocio sono stati gli operai della ditta D'Agostino che, spostati i sottoservizi, hanno palificato l'area, scavato e adesso stanno lavorando per la realizzazione del solettone. Solettone che una volta completato permetterà agli operai del collettore di procedere con la posa della grossa tubazione sopra il solettone. Terminata la posa della condotta il ripristino dell'area non sappiamo se spetterà alla D'Agostino o alla ditta incaricata dai lavori del collettore, ma in ogni caso l'area verrà ripristinata. In questi mesi però i lavori del collettore non sono stati fermi, infatti si è lavorato al pozzo di Via Roma lato stazione e alla posa della condotta lato piazza Sturzo. Nella foto abbiamo cerchiato in rosso quella di sinistra che presumiamo possa essere la nuova condotta del collettore fognario e il tubo nero corrugato che presumibilmente conterrà dei sottoservizi elettrici. Entrambi i nuovi tubi sono pronti ad essere collegati non appena sarà il loro turno. Non ci resta quindi che aspettare e tenere il cantiere sott'osservazione. Vi terremo aggiornati

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
06 mar 2020

Amat installerà 17 stazioni di ricarica per auto elettriche

di Fabio Nicolosi

Nell’ambito della gestione della flotta del car sharing AMAT, la mobilità elettrica può costituire una delle chiavi per lo sviluppo dei servizi di mobilità condivisa della città di Palermo, in modo coerente con le linee guida e le iniziative dell’amministrazione comunale per il superamento delle problematiche relative al peso sul traffico urbano ed al conseguente inquinamento atmosferico. Il servizio AmiGo conta oggi una flotta di 24 autovetture elettriche, sul totale di 158, impiegate in modalità free floating, che verranno implementate, nell’anno in corso, di ulteriori 31 unità, da acquisire attraverso il riutilizzo delle economie degli investimenti previsti dal programma “fondi Fas delibera Cipe 69/2009 - interventi volti al miglioramento delle superfici viarie ed al potenziamento dei mezzi di trasporto urbano”, di cui dispone il comune di Palermo. La giunta municipale con delibera n. 14 del 30/01/2020, ha formalizzato il programma di rimodulazione, identificando un elenco di nuovi interventi fra i quali quello relativo al potenziamento dei servizi di car sharing per un ammontare di € 1.394.496,96 iva compresa. L’intervento Amat prevede l’estensione del servizio di car sharing AmiGo per l’area metropolitana di Palermo, ovvero, per il centro città e per le località che sono ricomprese nel raggio di 30 km dal capoluogo, attraverso l’incremento della flotta auto di ulteriori 96 autoveicoli di cui 31 elettrici/ibridi e 65 con motorizzazione termica a basso impatto ambientale, nonché la installazione di ulteriori 20 colonnine di ricarica per auto elettriche/ibride nelle aree di prelievo e rilascio, per ampliare i punti sul territorio cittadino in corrispondenza con i parcheggi del servizio. In data 23/12/2019, la società “mobile4us” s.r.l., che opera anche nel settore del car sharing elettrico, con sede in Puglia, ha fatto pervenire ad Amat, una nota, con la quale ha comunicato di voler procedere alla dismissione di colonnine per la ricarica rapida di auto elettriche, nuove di fabbrica, precedentemente acquistate per la propria organizzazione in Puglia, ma mai istallate e, a tal fine, ha presentando un’offerta spontanea. La valutazione tecnico/economica dell’offerta è ritenuta interessante e molto conveniente, in considerazione dei già menzionati programmi Amat per l’estensione del servizio di car sharing con auto elettriche, da acquisire con i fondi Fas. L'importo di € 34.400,00 oltre iva potrà essere integralmente rendicontato sul progetto finanziato dall’agenzia per la coesione territoriale – fondi Fas, secondo il piano dei costi approvato dalla giunta municipale. Considerata l’occasione della fornitura a basso costo in linea con i programmi aziendali, nonché tenuto conto che l’amat non subirà alcun aggravio di spesa, poiché l’importo di € 37.400,00 oltre iva potrà essere integralmente rendicontato sul piano costi del progetto pa01amat, relativo alla linea di finanziamento dei fondi Fas.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
05 mar 2020

Anello Ferroviario | Via Sicilia, per 10 giorni la strada sarà ristretta nel tratto oltre viale Lazio

di Fabio Nicolosi

Per dieci giorni un tratto di via Sicilia sarà interessato alla cantierizzazione per l'effettuazione di rilievi tramite inclinometri nell’ambito dei lavori dell'Anello ferroviario di Palermo. Il provvedimento di chiusura al transito veicolare e pedonale di due porzioni di sede stradale, oltre viale Lazio, lato piazza Quattro Novembre scatterà il prossimo 16 marzo e durerà fino al 25 marzo e comunque fino al termine dei lavori

Leggi tutto    Commenti 1
Segnalazione
04 mar 2020

Il mega tunnel sotto Palermo: il grande sogno

di belfagor

8 novembre 2019  il viceministro alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri si è recato in visita nella sede di Palermo del Provveditorato interregionale per le opere pubbliche Sicilia-Calabria.  Insieme al Provveditore Gianluca Ievolella si sono affrontati diversi problemi ma la principale,  esposta dal viceministro Cancelleri, riguarda il progetto per un  tunnel sotterraneo di 12 chilometri che attraverserà la città di Palermo per collegare le due autostrade per Catania e per Trapani, bypassando in questa maniera la circonvallazione del capoluogo siciliano. Il progetto è stato redatto dall’Autorità portuale di Palermo, di concerto con ANAS, Regione e Comune ed inviato al Ministero delle Infrastrutture con l’obiettivo di inserirlo nel programma Ue “Ultimo Miglio” che serve a collegare le strade principali con i porti e gli aeroporti. Il tunnel è  una sorta di “passante autostradale”, è sarà  lungo 12 km: Se approvato e finanziato  occorreranno 5 anni per realizzato .  Il progetto, del costo di 1,2 miliardi di euro, prevede un percorso interamente sottoterra che attraversa la città di Palermo creando uno svincolo per il porto e gli imbocchi all’altezza dello svincolo di Villabate a Palermo e a quello dell’ospedale Cervello. Il vice ministro Cancelleri  ha così commentato : “Il passante di Palermo che permetterebbe ai cittadini di superare la città per andare direttamente a Punta Raisi o altre destinazioni più velocemente  è un progetto ambizioso che si snoda sottoterra e sottomare e adesso dobbiamo cominciare a lavorare per il reperimento delle risorse. C’è una stretta collaborazione fra il Provveditorato ed il Ministero“. P.S. Mentre il Comune è impegnato a “dipingere “ la Circonvallazione  qualcosa si muove . Quest’opera, se finanziata e realizzata, permetterebbe di risolvere molti dei problemi di viabilità della nostra città. Non solo verrebbe  decongestionata  la Circonvallazione ma anche Via Crispi e la zona del Porto. Purtroppo il Comune ,  la Regione e anche l’ANAS  non sembrano particolarmente interessati a tale progetto . Speriamo che almeno non creino ostacoli

Leggi tutto    Commenti 1    Proposte 0
Articolo
27 feb 2020

Ponte Bailey alla Guadagna: riapertura entro l’inizio della prossima settimana

di Fabio Nicolosi

Riportiamo un comunicato del comune in cui si afferma che i lavori al Ponte Bailey della Guadagna sono terminati e il ponte verrà riaperto entro l'inizio della prossima settimana. Riaprirà al traffico entro l'inizio della prossima settimana il ponte Bailey della Guadagna. Si sono conclusi, infatti, i lavori per la manutenzione straordinaria effettuati dalle maestranze del Coime e l'intervento da parte di Rap. "Grazie al Coime e alla RAP - hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e il vice sindaco Fabio Giambrone - per il pronto intervento che permette di alleggerire il flusso del traffico nell'area". Le operazioni di ripristino hanno riguardato la rimozione e sostituzione di alcune assi di legno che costituiscono la base carrabile del ponte e il rifacimento del tappetino d'usura in asfalto. Vi terremo aggiornati sul nostro canale Telegram non appena avremo la conferma che il ponte sarà definitivamente riaperto

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
24 feb 2020

Passante Ferroviario | I progressi della fermata di Capaci

di Fabio Nicolosi

A distanza di 6 mesi torniamo a parlarvi del cantiere per il completamento della fermata di Capaci. Sono in corso le ultime opere civili. Infatti posizionate le strutture provvisorie di sostegno delle carpenterie e predisposte le armature sarà effettuato nei prossimi giorni il getto. La fase successiva sarà l'impermeabilizzazione la posa del massetto e la stesa del sottofondo per la pavimentazione, i marciapiedi e le aiuole previste in progetto. Ringraziamo giovanni75 per gli scatti Nell'attesa di completare le varie opere civili si sta lavorando contemporaneamente alle strutture in superficie. Come si nota dalla foto in copertina è in corso di installazione la pensilina che costituirà copertura della fermata.

Leggi tutto    Commenti 1