Articolo
19 gen 2017

AMAT | La sperimentazione dei controllori a bordo insieme ai metronotte si espande

di Fabio Nicolosi

La sperimentazione partita a Novembre dello scorso anno ha fatto schizzare in alto gli incassi dell'AMAT. E' proprio lo stesso direttore generale, l'ingegnere Rossi intervistato da Repubblica, a dichiarare che nei primi 45 giorni sono entrati nelle casse dell'azienda di Via Roccazzo ben 230 mila euro a fronte di soli 90 mila spesi per le guardie. Per ogni euro speso nell'operazione vigilantes sugli autobus, sono entrati 2,5 euro dai biglietti obliterati in più rispetto a quelli dei bus senza metronotte a bordo. Un successo che ha convinto i vertici dell'azienda ad allargare il servizio ad altre tre linee su gomma che attraversano il centro città. Il nuovo bando di gara è quasi pronto per un importo di almeno il doppio rispetto ai 90mila euro dell'attuale contratto con la Ksm. Si attende quindi fine mese, data di scadenza della sperimentazione, per avere dati alla mano, i dati statistici. Rossi ha dichiarato inoltre che oltre alla sostenibilità finanziaria è stata incrementata la sicurezza sui bus e vengono educati gli utenti a comprare i biglietti Le prossime linee che avranno i vigilantes a bordo saranno le linee 102, 103 e 107, in modo da evitare che, soprattutto nel tratto di via Roma, chi non paga il biglietto scelga di salire nei bus delle linee senza vigilantes. La differenza di biglietti obliterati fra le corse con i metronotte a bordo e quelle senza è enorme: con i controlli la media è 70 biglietti contro i quasi 10 di quella senza verificatori e guardie giurate.

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
11 lug 2016

Amat | Security a bordo dei bus, un ritorno al passato?

di Fabio Nicolosi

Apprendiamo dalle varie testate giornalistiche cittadine che è attivo un nuovo servizio che prevede l'utilizzo di guardie armate a bordo dei bus Amat Riportiamo il seguente articolo del Giornale di Sicilia: L'Amat da un segnale concreto contro le aggressioni agli autisti degli autobus. Un investimento da tremila euro da parte dell'azienda per fronteggiare l'emergenza aggressioni ai danni degli autisti. Il servizio di sicurezza sarà attivo tutte le domeniche e nei giorni festivi di luglio e agosto. L'obiettivo di questa misura è di scongiurare le aggressioni ai danni degli autisti che, nella maggior parte dei casi, sono attaccati perché hanno la «colpa» di invitare a scendere chi è sprovvisto di biglietto. I protagonisti di questi atti di violenza sono spesso gruppi di giovani che in alcuni casi pren dono a calci e pugni i dipendenti dell'azienda dei trasporti della città, mentre in altre circostanze hanno anche lanciato delle pietre, danneggiando i mezzi e ferendo gli autisti. Ovviamente lo scopo dell'Amat è anche quello di garantire la sicurezza dei passeggeri a bordo che a volte, loro malgrado, si trovano ad assistere a queste scene di violenza con la paura di essere coinvolti. E non è un caso, inoltre, che sia stata scelta la linea 806 che in estate è senza dubbio la linea più utilizzata dagli utenti perché porta verso la località balneare ed è, quindi, frequentata da tanti gruppi di ragazzini. Le guardie saranno all'interno degli autobus per tutta la mattinata e anche per buona parte del pomeriggio. Si parte dagli autobus, dunque, ma la speranza dell'Amat è che il provvedimento in futuro non debba essere allargato anche ai tram, dove anche qui si sono verificati episodi di violenza. In particolare, alcune settimane fa, lungo la linea 1, che dalla stazione centrale porta a Brancaccio, un controllore è stato preso a pugni, quando ha chiesto a un passeggero di mostrare il biglietto E voi cosa ne pensate? Siete favorevoli o contrari a questa "novità"? Novità tra virgolette perché già nel 2009 era stata introdotta una misura simile, ma dopo pochi mesi venne tutto abbandonato senza effettivamente causa opposizione di alcune sigle sindacali per i costi.

Leggi tutto    Commenti 21
Articolo
12 apr 2016

Amat | Mercoledì 13 Aprile sciopero di otto ore

di Fabio Nicolosi

L’Amat informa che, in occasione dello sciopero di otto ore proclamato dalle segreterie territoriali Cobas-Tpl e Ugl-Tpl, mercoledì 13 aprile 2016, dalle 9.30 alle 17.30, potrebbero verificarsi ritardi o soppressioni di linee bus e tram. Dura la nota del Presidente di Amat, Gristina che così commenta: “Uno sciopero assolutamente inopportuno, che mischia strumentalmente questioni molto complesse, come la gestione della Ztl e i turni di lavoro sanciti da un accordo sottoscritto da tutte le altre sigle sindacali che rappresentano la maggioranza dei lavoratori”. Lo afferma il presidente dell’Amat Antonio Gristina che ribatte alle rivendicazioni sollevate da Cobas e Ugl, due delle sette sigle sindacali presenti in azienda, che hanno proclamato lo sciopero di otto ore per il 13 aprile. “Chi parla della soppressione di 42 turni di linea sa benissimo che ciò è scaturito da una serie di cause concomitanti. Risultano infatti per quel giorno un numero di ferie giustamente concesse ai dipendenti e un maggior numero di lavoratori in permesso sindacale rispetto alla media. Inoltre, cinque operatori d’esercizio sono stati sottoposti alla necessaria e obbligatoria visita per la verifica dell’idoneità alla guida - afferma Gristina - Siamo di fronte a un palese caso di mancanza di collaborazione da parte di Cobas e Ugl, in un momento in cui l’azienda ha bisogno del supporto di tutti, e non certo di uno sciopero strumentale. L’Amat ha cercato fino all’ultimo di mediare con le due sigle sindacali, che però continuano a disconoscere l’accordo firmato da cinque sindacati, cioè dalla maggioranza dei lavoratori, sul sistema di turnazione degli operatori d’esercizio”. Sul fronte della situazione economica “L’azienda - dice Gristina - sta lavorando a 360° per trovare ed ottenere le necessarie risorse ed i recuperi di produttività necessari alla realizzazione del quadro economico finanziario che dovrà reggere l’Amat anche per il futuro. Abbiamo ben chiaro che solo con i nostri sforzi riusciremo ad ottenere autonomamente risorse in aggiunta a quelle che l’amministrazione comunale ha deciso e deciderà di versare, a conferma della stretta sinergia con il socio unico. Forse Cobas e Ugl hanno dimenticano che l’Amat ha subito nel tempo il taglio di circa 30 milioni di contributi regionali. Il nostro obiettivo è quello di essere un’azienda sana. Vogliamo essere ciò che la gran parte dei lavoratori di questa azienda dimostrano di essere quotidianamente, come ad esempio quelli che ieri, dopo il gravissimo sinistro avvenuto sulla linea 4 del Tram, hanno reagito prontamente all’emergenza, risolvendo il problema in poche ore, riconsegnando alla città un servizio efficiente - conclude il presidente dell’Amat - Tutto questo perché hanno compreso che in questo momento vale di più l’orgoglio di essere un autoferrotranviere e dipendente dell’Amat, piuttosto che l’arroccarsi su posizioni che non tengono conto dell’interesse dei lavoratori e della collettività, ma che serviranno soltanto a tenere il gioco di pochissime persone”.

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
05 lug 2014

Amat, parte bene la vendita degli abbonamenti

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa l'avvio della vendita abbonamenti a prezzi ridotti. Parte bene la vendita degli abbonamenti Amat con le nuove tariffe decise dalla Giunta comunale lo scorso 17 giugno. Al terzo giorno di vendita (il dato è riferito alle ore 13 di oggi) sono stati venduti 1002 abbonamenti, con un incasso pari a 34.864 euro, contro i 716 abbonamenti acquistati nei primi tre giorni di luglio del 2013 (dato alla chiusura pomeridiana degli uffici vendita), con un incasso di 24.905 euro. Si registra quindi un incremento complessivo del 40%.

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
01 lug 2014

Da oggi gli abbonamenti Amat a prezzi ridotti

di Antony Passalacqua

Spesso ci lamentiamo del costo eccessivo del biglietto AMAT, a fronte di un servizio non proprio affidabile. Ricordiamo che i costi unitari del ticket di viaggio vengono però stabiliti dalla Regione Sicilia…mentre gli abbonamenti vengono gestiti direttamente da AMAT. Ecco quindi che arriva una vera e propria rivoluzione dei costi degli abbonamenti, che a fronte di notevoli riduzioni a partire dal 1 luglio, permetteranno di utilizzare l’intera rete AMAT al costo di 1 euro al giorno (a fronte di un costo attuale del ticket giornaliero di 3,5€). Ieri l’abbonamento mensile costava 48 euro, da oggi  costerà appena 32 euro, con un abbattimento dei costi a favore dell’utenza di 16 euro mensili. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
17 giu 2014

Il biglietto AMAT è caro? Parte la rivoluzione degli abbonamenti

di Antony Passalacqua

Spesso ci lamentiamo del costo eccessivo del biglietto AMAT, a fronte di un servizio non proprio affidabile. Ricordiamo che i costi unitari del ticket di viaggio vengono però stabiliti dalla Regione Sicilia...mentre gli abbonamenti vengono gestiti direttamente da AMAT. Ecco quindi che arriva una vera e propria rivoluzione dei costi degli abbonamenti, che a fronte di notevoli riduzioni a partire dal 1 luglio, permetteranno di utilizzare l'intera rete AMAT al costo di 1 euro al giorno (a fronte di un costo attuale del ticket giornaliero di 3,5€). Oggi l'abbonamento mensile costa 48 euro, dal primo luglio costerà appena 32 euro, con un abbattimento dei costi a favore dell'utenza di 16 euro mensili. Ecco il comunicato: (altro…)

Leggi tutto    Commenti 13
Articolo
28 giu 2013

Amat: Nuovo Orario Estivo dal 1 Luglio

di Fabio Nicolosi

Riportiamo il comunicato dell'Amat che avvisa l'entrata in vigore del nuovo orario estivo dal 1 Luglio Fino al 15 Settembre: A far data dal 1° luglio, entra in vigore la programmazione del servizio bus estivo che si protrarrà sino al 15 settembre. Pertanto, sempre dal 1° luglio, dalla pagina "Percorsi e Orari" è possibile consultare gli orari estivi. A decorrere dalla stessa data, inoltre, sono sospese per il periodo estivo le linee: 105, 318, 339, 837, 221 e 501. Inoltre dal 01/07/2013 la linea 224 sospenderà le corse in prolungamento per il Comune di Villabate. Pertanto, le vetture della linea, provenienti dalla Stazione Centrale, limiteranno le corse a Pomara.

Leggi tutto    Commenti 6