Articolo
01 feb 2016

Mobilità a Palermo e qualche comparazione con altre città

di Mobilita Palermo

Gentili signori, apprezzo sempre l’onesta intellettuale del vostro sito con atteggiamenti mai mirati ad indirizzo politico  ma piuttosto finalizzati a una corretta informazione, contrariamente a quanto riscontrato su altri siti che si occupano  delle vicende della nostra amata città; per questo vi scrivo quanto segue certo che vorrete, magari riprendendolo a stralci piuttosto che pubblicandolo così come è, trasferire il messaggio ai vostri lettori In questi giorni leggo continui attacchi e polemiche alla nostra amministrazione comunale in materia di mobilità cittadina e trasporto pubblico e specificatamente: -              Tempi di attesa -              Pensiline insufficienti per il pubblico -              Scarsa informazione L’argomento caldo riguarda il trasporto pubblico (Bus e Tram) e le ZTL; nella civilissima Brescia, nel centralissimo Corso Zanardelli dove transitano i Bus 11,12 e 18; la strada essendo quella principale di Brescia è una di quelle in cui sono collocate le tabelle informative intelligenti      Notare: 1)            In una città in cui la piovosità è ben diversa da quella palermitana, le fermate sono quasi tutte prive di pensiline 2)            La prima tabella non rileva il tempo di attesa per il bus 11 mentre per il bus 18 il tempo di attesa è di 20 minuti 3)            La seconda tabella fornisce un tempo di attesa per il bus 12 di 17 minuti (diciamo che il 12 attraversa il centro un po’ come il nostro 101 ma con un percorso molto più breve) Inoltre molte fermate più periferiche non riportano i tempi di attesa (sono con tabelle “tradizionali”) e alcuni percorsi sono variati con fogli A4 appesi a indicare i nuovi percorsi (esattamente come da noi) Il costo del biglietto bus è di 1,40€ con durata massima di 90 minuti che diventano 2,00€ se fatto a bordo e NON ci sono macchinette distributrici, l’abbonamento annuale 285 € (AMAT Palermo 300 €, 180 € se Under 26, 150€ se studenti) quello impersonale 480 € (AMAT Palermo  500 €). In merito al rispetto del codice della strada, nella stessa centralissima via non è raro vedere auto in sosta dove certamente non dovrebbero (accesso ZTL in zona carico e scarico merce) In merito al recente aumento a 1,00 €/ora del parcheggio nelle”zone blu” in tutte le aree, possiamo constatare che a Brescia hanno un costo di: zona A (rossa), con tariffa di 2,40 €/ora zona B (gialla), con tariffa di 1,50 €/ora zona C (verde), con tariffa di 1,20 €/ora. Infine le ultime polemiche riguardano le strisce pedonali colorate di Via Ruggero Settimo che, a dire di alcuni, sarebbero in contrasto con il codice della strada e, secondo addirittura i soliti inquisitori, il Sindaco Orlando e l’Assessore Catania sarebbero gli unici pazzi che si sarebbero inventati questa cosa con grave rischio e repentaglio per le finanze comunali, dato che a breve si dovrà procedere per ripristinare il tradizionale colore bianco su asfalto. Evidentemente chi porta avanti questi attacchi o pecca di scarsa onestà o non ha mai messo il naso fuori da Palermo; le strisce pedonali colorate esistono in tutte le città d’Italia e queste sono quelle da me recentemente fotografate nelle modernissime e efficientissime Varese e Brescia, ma non sarà necessario pubblicare alcuna foto perché è sufficiente fare una piccola ricerca con Google per rendersi conto che esistono a Brescia, Varese, Livorno, Brindisi, Rende e tanti altri. In conclusione ritengo che si dovrebbe comprendere che prima di portare avanti demagogici attacchi alla nostra amministrazione, ci si dovrebbe informare su come funziona il resto del mondo e magari si scoprirebbe che viviamo in un contesto certamente migliorabile ma non lontano dal resto del mondo che consideriamo civile ed avanzato e che lamentarsi va bene ma criticando con obiettività e senza inutili e false comparazioni con falsi miti di civiltà nordici ! M.F.

Leggi tutto    Commenti 34
Articolo
18 gen 2016

Aeroporto di Palermo: Pubblicato il nuovo sito e disponibile l’app per smartphone

di Fabio Nicolosi

Dopo lunghi mesi di attesa e di test, è finalmente stato messo on-line il nuovo sito dell’aeroporto Falcone Borsellino. http://www.gesap.it Il nuovo restyle ha previsto anche la diffusione dell’app per smartphone (iOs e Android) che consente in tempo reale di vedere i vari voli in partenza e arrivo e offre informazioni su parcheggi, come arrivare in aeroporto e altre novità Per quanto riguarda il sito invece è stata finalmente migliorata la grafica e l’aspetto che nel complesso risulta molto più user friendly. Il sito è disponibile in due lingue, italiana e inglese e già dalla sua homepage offre un rapido accesso alle sezioni più richieste. Sempre in homepage è possibile scorrendo la pagina verso il basso notare quali sono i voli in arrivo e partenza, quali sono le compagnie e le rotte che operano da e per Palermo “Abbiamo raggiunto l’importante obiettivo di rendere agevole e diretto l’accesso alle informazioni su servizi e voli, l’interazione con i canali social - dicono Giuseppe Mistretta e Fabio Giambrone, amministratore delegato e presidente della Gesap, la società di gestione dell’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo - Molti dei contenuti che riguardano i voli ed altri servizi di utilità saranno poi nell’App, facilmente scaricabile sui telefonini”.

Leggi tutto    Commenti 3
Proposta
14 gen 2016

Mobilità, ambiente e smart – working

di

Specialmente in questi giorni con le città intossicate dallo smog e l’avvio della nuova configurazione della mobilità pubblica palermitana che prevede, oltre al trasporto su bus, anche il  tram, il car sharing e il bike sharing, la mobilità sostenibile è al centro dell’attenzione. Io penso che una riflessione debba essere fatta anche in merito alla possibilità di consentire ai cittadini di svolgere le proprie attività fondamentali, e quella lavorativa è una di esse, senza spostarsi dalla propria dimora. Nulla di nuovo si tratta dell’ormai “adulto” telelavoro che in questi tempi sta assumendo una forma più “plastica” con il nome di smart – working, definito come “Approccio all’organizzazione del lavoro che mira a produrre maggiore efficienza ed efficacia nel raggiungimento dei risultati lavorativi attraverso una combinazione di flessibilità, autonomia e collaborazione, assieme con strumenti e ambienti lavorativi ottimizzanti per i collaboratori aziendali.” Parecchi studi mostrano che la pratica di questa forma lavorativa applicata in percentuali importanti nei luoghi di lavoro si traduce in rilevanti benefici sulla mobilità cittadina e sull'ambiente. Mi piacerebbe che Mobilita Palermo, che seguo fin dalla nascita, apra un dibattito in tal senso.    

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
08 gen 2016

AMAT: sperimentazioni e marce indietro. Ai cittadini non resta che “grattare”…

di Giulio Di Chiara

L'Azienda di Trasporto pubblico di Palermo, AMAT SPA, circa un anno fa aderisce alla piattaforma nazionale di MY CICERO per il pagamento dei parcheggi sulle cosiddette striscee blu. Questa adesione all'app nazionale permette ai cittadini di pagare comodamente il parcheggio con lo smartphone che oggi tutti abbiamo in tasca, senza la necessità recarsi in un attività commerciale per comprare l'ormai noto biglietto da grattare e porre in evidenza sul cruscotto dell'auto a scadenza oraria. L'app permette inoltre di continuare la sosta oltre la classica ora se si ha l'esigenza di prolungare la sosta. Tutta la procedura è ovviamente effettuabile in mobilità e senza la necessità di essere sullo stesso sito dell'auto parcheggiata. Il pagamento avviene tramite l'acquisto di credito prepagata a cominciare da importi di 5 euro. L'app ormai viene usata da numerosi cittadini autisti e risulta comoda. L'AMAT gli ultimi giorni del dicembre 2015 pubblica un avviso sul proprio sito web avvertendo che il servizio di pagamento delle zone blu di parcheggio cesserà entro il 31 dicembre in quanto terminato il periodo di sperimentazione. Sappiamo tutti che i periodi di sperimentazioni servono a testare e verificare il gradimento di un determinato servizio da parte degli utilizzatori finali. Purtroppo dal comunicato stampa dell'AMAT non si riesce a capire 1) quali siano gli esiti (risultati) della sperimentazione, 2) se un altro servizio analogo di pagamento della sosta tramite app verrà immediatamente avviato. Si ha invece la netta sensazione che si è voluto sperimentare un servizio, sicuramente utile e comodo, ma che sia stato solo un periodo ormai passato e quindi quasi da dimenticare. L'unica certezza che il cittadino ha, è che in assenza di una comoda app, dovrà di nuovo recarsi negli esercizi commerciali in prossimità del parcheggio per acquistare il famoso biglietto cartaceo da "grattare" e posizionare sul cruscotto dell'auto. Purtroppo a Palermo c'è un altro fattore molto negativo e parallelo ai ticket gratta e metti sul cruscotto: i parcheggiatori abusivi, che ormai regnano sovrani in ogni via di Palermo, offrono spontaneamente all'automobilista, che ha ultimato le manovre di parcheggio, un biglietto da grattare, ma si tratta molto spesso di biglietti falsi e i cui proventi (gli euro versati dall'automobilista) quindi non vanno ad alimentare il bilancio dell'AMAT bensì quello della criminalità "molto" organizzata. Si chiede quindi ad AMAT e al Comune di Palermo di volere ripristinare la comoda modalità di pagamento via app dei parcheggi delle zone blu, o quanto meno prorogare i termini di contratto con le piattaforme di gestione dell'app, fino a quando la stessa Azienda non avrà pronto un analogo servizio online da fornire agli utenti palermitani. Interrompere un comodo e utile servizio non è certo un beneficio per l'utenza. Vogliamo ricordare all'Azienda AMAT che bisogna sempre avere il cittadino in primo piano quando si effettuano scelte aziendali, e quindi da contribuenti indiretti (tramite le tasse e i tributi pagati al Comune di Palermo anche per i pagamenti del contratto di Servizio del trasporto pubblico) si chiede fare scelte che evitano di penalizzare il cittadino. Così come per la sperimentazione del biglietto via sms e per le altre che sono seguite, crediamo che per la cittadinanza sia arrivato il tempo di avere qualche certezza anzichè l’ennesima prova, al fine di non acuire la cattiva sensazione di servizi eterni incompiuti mai funzionanti sui quali nessuno in realtà desidera investire veramente. Le tecnologie e le comunità ci sono, mancano solo gli strumenti, quelli testati e definitivi, da consegnare all’utente palermitano. Ciro Spataro e Giulio Di Chiara

Leggi tutto    Commenti 16
Articolo
05 dic 2015

Bike Sharing attivo dal 13 Dicembre, le prime immagini

di Mobilita Palermo

Cominciano a trapelare le prime  immagini delle nuove biciclette del nuovo bike sharing di Palermo. Dal 13 Dicembre verranno attivate le prime 9 postazioni del servizio bike sharing. Le aree in cui i ciclo-parcheggi sono quasi ultimati, si trovano presso P.le J. Lennon, viale Francia, via Praga, via Aquileia, via M. di Villabianca, piazza Alberico Gentili, piazza Don Bosco, via dell’Autonomia Siciliana, piazza Unità. d’Italia. Le postazioni installate saranno complessivamente 37, coi lavori che proseguiranno fino a Gennaio. con una dotazione totale di 420 biciclette (di cui 20 a pedalata assistita) distribuite tra il centro e la parte ovest della città. Le zone principalmente servite saranno quelle di via Libertà, viale Strasburgo, il Centro Storico, la cittadella universitaria di viale delle Scienze  e le borgate marinare di Mondello e Sferracavallo. Le stazioni verranno video sorvegliate e le biciclette dotate di dispositivo gps per facilitarne la localizzazione. Ci sarà una conferenza stampa di presentazione del servizio, la cui data verrà resa nota nei prossimi giorni. Lunedì la conferenza stampa  di presentazione del servizio. Foto:CarSharing Palermo  Qui la mappa con le postazioni

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
24 nov 2015

Dal 13 Dicembre al via il bike sharing

di Antony Passalacqua

Dopo l'avvio dei lavori alle prime ciclo-parcheggi, dal 13 Dicembre verranno attivate le prime 9 postazioni del servizio bike sharing. Le aree in cui i ciclo-parcheggi sono quasi ultimati, si trovano presso P.le J. Lennon, viale Francia, via Praga, via Aquileia, via M. di Villabianca, piazza Alberico Gentili, piazza Don Bosco, via dell’Autonomia Siciliana, piazza Unità. d’Italia. Le postazioni installate saranno complessivamente 37, coi lavori che proseguiranno fino a Gennaio. con una dotazione totale di 420 biciclette (di cui 20 a pedalata assistita) distribuite tra il centro e la parte ovest della città. Le zone principalmente servite saranno quelle di via Libertà, viale Strasburgo, il Centro Storico, la cittadella universitaria di viale delle Scienze  e le borgate marinare di Mondello e Sferracavallo. Le stazioni verranno video sorvegliate e le biciclette dotate di dispositivo gps per facilitarne la localizzazione. Ci sarà una conferenza stampa di presentazione del servizio, la cui data verrà resa nota nei prossimi giorni.  Qui la mappa con le postazioni.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
07 nov 2015

Iniziati i lavori per le postazioni del Bike Sharing

di Antony Passalacqua

Sono iniziati i lavori per l'installazione delle prime 9 ciclostazioni del servizio bike sharing. Le aree sono state consegnate all'impresa appaltatrice TMR che eseguirà gli interventi presso P.le J. Lennon, viale Francia, via Praga, via Aquileia, via M. di Villabianca, p.za Alberico Gentili, p.za Don Bosco, via dell'Autonomia Siciliana, p.za U. d'Italia. Le postazioni installate saranno complessivamente 37 con una dotazione totale di 420 biciclette (di cui 20 a pedalata assistita) distribuite tra il centro e la parte ovest della città. Le zone principalmente servite saranno quelle di via Libertà, viale Strasburgo, il Centro Storico, la cittadella universitaria di viale delle Scienze  e le borgate marinare di Mondello e Sferracavallo. Le stazioni verranno video sorvegliate e le biciclette dotate di dispositivo gps per facilitarne la localizzazione. Foto: Carsharing Palermo Qui la mappa con le postazioni.

Leggi tutto    Commenti 8