Articolo
04 mar 2021

AMG Energia | Nuovi impianti di illuminazione a Mondello, consegnati oltre 600 punti luce

di Mobilita Palermo

Consegnati ad AMG Energia oltre seicento punti luce del nuovo impianto di illuminazione di Mondello-Valdesi. Si tratta di una prima parte dei nuovi centri luminosi, progettati da AMG Energia e realizzati dal Comune di Palermo, in riqualificazione di quelli esistenti, con fondi PON Metro (importo contrattuale dell’intervento complessivo euro 3.622.069,26). Vengono assegnati ad AMG Energia per la conduzione e manutenzione: nuova illuminazione più efficiente ma anche interventi di manutenzione più efficaci, i risultati immediati. Gli impianti accesi in modo definitivo e consegnati sono quelli alimentati dai quadri elettrici già attivi, posti in via Euridice (zona viale Margherita di Savoia, via Argonauti, viale Italia, via Niobe), in via Colonia Marina (zona viale Cerere, viale Principe Umberto, viale Principessa Mafalda, piazza Caboto), in via degli Iris (zona via Armida, viale Principe di Scalea, viale Regina Elena, via delle Rose) e in viale Galatea (zona via Cloe, via Ciane, via Mattei, via Saline). I nuovi punti luce sono complessivamente 627. Successivamente si procederà alla consegna della parte rimanente degli impianti (525 punti luce) per i quali si attende l’attivazione della fornitura di energia. Dopo i sopralluoghi di verifica e le prove strumentali effettuate per accertare l’integrità e la funzionalità degli impianti, la consegna è avvenuta nella sede della Direzione Pubblica Illuminazione e Verifiche di AMG Energia alla presenza dei funzionari di AMG Energia che hanno curato le verifiche di rito, dell’impresa che ha effettuato i lavori (l’ATI Gieffe Costruzioni srl – Costantino Tecnologie srl – Camedil Costruzioni srl) e del rup dell’intervento, l’ingegnere Antonio Tiné dell’Ufficio Infrastrutture del Comune di Palermo. I nuovi impianti, realizzati con alimentazione in derivazione, sono equipaggiati con lampade agli ioduri metallici con bruciatore ceramico, a basso consumo, che determinano considerevoli risparmi energetici (oltre il 50 per cento rispetto ai precedenti impianti) ed economici. Quelli precedenti, realizzati in serie negli anni Sessanta, utilizzavano lampade a vapori di mercurio, ormai fuori produzione in tutta Europa, ma anche componenti e pezzi di ricambio non più in commercio. I nuovi impianti, inoltre, secondo le più recenti indicazioni tecnico-impiantistiche, non sono più alimentati da cabine ma da quadri elettrici di bassa tensione. A regime, il nuovo impianto avrà anche la possibilità di essere gestito attraverso un sistema di controllo da remoto per il monitoraggio dei dati elettrici e dello stato di funzionamento dei circuiti, che verrà consegnato successivamente. “Un nuovo importante risultato grazie ai fondi europei del PON – sottolinea il sindaco, Leoluca Orlando – Un nuovo importante risultato che coniuga innovazione, efficienza e sicurezza. Questo a Mondello e Valdesi è comunque solo uno dei tanti interventi di ammodernamento della rete di illuminazione pubblica, con decine di milioni già stanziati ancora con il PON e poi con Agenda Urbana che permetteranno di intervenire su migliaia di punti luce in tutta la città, da nord a sud e a monte della circonvallazione”. “D’intesa con il Comune di Palermo, abbiamo fatto un grosso sforzo e accelerato le verifiche sui nuovi impianti in modo da arrivare, in anticipo rispetto alle previsioni, alla consegna di una prima parte consistente dei punti luce di Mondello – spiega il presidente di AMG Energia, Mario Butera – Questo ci consente in modo strategico di razionalizzare e migliorare le attività di manutenzione in una zona che in precedenza, proprio per la presenza di impianti ormai arrivati alla fine del ciclo di vita tecnica, era più frequentemente soggetta a guasti gravi nonostante interventi e verifiche fossero costanti. I nuovi impianti garantiscono efficienza, manutenzione più agevole ma anche significative economie rispetto ai precedenti, sia in termini di energia consumata che di riduzione delle emissioni inquinanti”.

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
06 feb 2021

AMG Energia | Consegnati i nuovi impianti di Partanna Mondello e Addaura-Arenella

di Fabio Nicolosi

Sono stati consegnati ad AMG Energia per la conduzione e la manutenzione gli oltre mille nuovi punti luce in funzione a Partanna Mondello e lungo la fascia costiera Addaura-Arenella. I nuovi impianti di pubblica illuminazione, progettati dai tecnici di AMG Energia, sono stati realizzati dal Comune di Palermo, in riqualificazione di quelli esistenti, con fondi PON Metro per un importo contrattuale di circa 4 milioni di euro. La consegna è avvenuta nella sede della Direzione Pubblica Illuminazione e Verifiche di AMG Energia alla presenza del dirigente, l’ingegnere Vincenzo Gagliardo e dei funzionari di AMG Energia che hanno curato le verifiche di rito, dell’impresa che ha effettuato i lavori, la “PM Costruzioni srl” e del RUP dell’intervento, l’ingegnere Antonio Tiné dell’Ufficio Infrastrutture del Comune di Palermo. La consegna è avvenuta dopo i sopralluoghi di verifica e le prove strumentali effettuate per accertare l’integrità e la funzionalità degli impianti. I nuovi impianti abbracciano la zona di Partanna Mondello e la litoranea Addaura-Arenella (a partire da lungomare Cristoforo Colombo sino alla zona di Villa Igea) e sono formati da 1.186 punti luce equipaggiati con lampade agli ioduri metallici con bruciatore ceramico, a basso consumo, che determinano considerevoli risparmi energetici (oltre il 50 per cento rispetto ai precedenti impianti) ed economici. I nuovi impianti sono realizzati in derivazione: quelli precedenti, realizzati in serie negli anni Sessanta, utilizzavano lampade a vapori di mercurio, ormai fuori produzione in tutta Europa, ma anche componenti e pezzi di ricambio non più in commercio. Diventano più agevoli, quindi, le attività di manutenzione. I nuovi impianti, inoltre, secondo le più recenti indicazioni tecnico-impiantistiche, non sono più alimentati da cabine ma da quadri elettrici di bassa tensione. A regime, il nuovo impianto avrà anche la possibilità di essere gestito attraverso un sistema di controllo da remoto per il monitoraggio dei dati elettrici e dello stato di funzionamento dei circuiti, che verrà consegnato successivamente. La disattivazione dei vecchi impianti di illuminazione avverrà in maniera graduale e progressiva. AMG Energia adesso sta facendo uno sforzo per accelerare le verifiche sui nuovi impianti realizzati nella zona di Valdesi e di Mondello in modo da arrivare in tempi brevi alla loro consegna, anche in più stralci successivi. “È un altro importante risultato - dichiara il sindaco Leoluca Orlando - raggiunto grazie alla capacità di attivare programmi e fondi extracomunali, i cui benefici toccano diversi settori dalla sicurezza urbana alle politiche sociali, all’innovazione tecnologica e l’efficienza energetica. Un risultato che conferma l’importanza di puntare sulla gestione pubblica di impianti e servizi orientati all’efficienza”. “La nuova illuminazione prende il posto di impianti che hanno da tempo completato il loro ciclo di vita tecnica - spiega il presidente di AMG Energia, Mario Butera - e che sono stati a lungo sottoposti anche a situazioni estreme, come nel caso dell’azione corrosiva della salsedine, con la conseguenza di guasti sempre più frequenti e gravi, nonostante i costanti interventi di manutenzione. I nuovi impianti ci consentiranno interventi di manutenzione più efficaci ma anche significative economie rispetto ai precedenti, sia in termini di energia consumata che di riduzione delle emissioni inquinanti”.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
01 set 2020

Al via il il progetto relativo alla realizzazione di una piattaforma innovativa per la riduzione dei consumi energetici ed il telecontrollo di impianti semaforici della Città di Palermo

di Fabio Nicolosi

Con la determinazione dirigenziale n.8033 del 26 agosto 2020 viene affidato il progetto relativo alla realizzazione di una piattaforma innovativa per la riduzione dei consumi energetici ed il telecontrollo di impianti semaforici della Città di Palermo in house providing alla società Sispi S.p.A. Il progetto rientra nell'Asse 2 – Sostenibilità dei servizi pubblici e della mobilità urbana - del PON METRO Città Metropolitane 2014-2020 - Azione PA.2.2.1.a (CUP D72F16001110001) Gli obiettivi che si prefigge di conseguire il progetto STraL sono molteplici e possono essere sintetizzati nella sostituzione della gestione temporizzata o manuale dei semafori con un controllo dinamico che possa adattarsi alle condizioni del traffico, per ridurre la possibilità di code o blocchi, e alle situazioni di emergenza. Oltre che con i semafori veri e propri, il sistema sarà connesso ad altri tipi di segnaletica. Il progetto STraL prevede infatti, ad esempio, che la sequenza semaforica cambi se il livello di traffico aumenta, riducendo le congestioni ed eventualmente anche ridirezionando i veicoli in arrivo verso percorsi alternativi. Analogamente, se le telecamere e il sistema di riconoscimento rilevano l’arrivo di veicoli (ambulanze, pompieri, autobus di linea) a cui è necessario dare la precedenza, modificano adeguatamente il funzionamento dei semafori. Analogamente accade per agevolare il transito di pedoni e ciclisti, quando opportuno. Il contesto funzionale, all’interno del quale la piattaforma applicativa dovrà erogare i propri servizi, è caratterizzato, come detto, da una visione altamente integrata del monitoraggio e controllo. Nello specifico delle funzionalità preposte al monitoraggio ed al controllo della rete semaforica della Città di Palermo, si descrivono di seguito, le principali caratteristiche. Le funzioni princi- pali della piattaforma tecnologica proposta sono orientate alla regolazione degli impianti sema- forici, attraverso l’esecuzione delle seguenti principali funzioni: acquisizione dei dati di traffico dai sensori posti in campo ed elaborazione degli stessi al fine della determinazione on-line degli stati della rete; comando degli impianti semaforici ad esso asserviti allo scopo di coordinare e regolarne i tempi automaticamente in base al traffico e/o ad altre strategie di regolazione; controllo e supervisione degli impianti allo scopo di visualizzare, archiviare ed elaborare tutte le informazioni disponibili per le attività di gestione, pianificazione e manutenzione del sistema. Il tipo di regolazione gestito sugli impianti semaforici dovrà essere subordinato ai seguenti regimi: selezione del piano semaforico in funzione dei dati di traffico; selezione del piano semaforico ad orario in base ad un calendario annuale ed a fasce orarie giornaliere; selezione del piano semaforico in base a comandi da operatore. A livello periferico dovrà essere previsto un ulteriore livello di regolazione che, a partire dal piano semaforico comandato dal centro, consenta una ottimizzazione locale attraverso azioni sul singolo incrocio per durate inferiori al tempo di ciclo. Le ricadute attese del progetto sul territorio sono molteplici, attinenti alla creazione di un sistema integrato di analisi, monitoraggio, pianificazione e governo del traffico della Città di Palermo. L’intervento permetterà di rendere i flussi veicolari più rapidi e agevoli grazie alla centralizzazione del sistema semaforico gestito da regolatori hardware e software di ultima generazione, che trasmettono i dati in tempo reale alla sala di controllo. Le attività del progetto sono articolate in macro-attività, legate al piano di lavoro, che si com- pongono di attività specifiche legate agli obiettivi realizzativi che concorrono a implementare i servizi e le piattaforme tecnologiche che compongono il progetto STraL. Di seguito si riporta l’articolazione schematica del progetto in macro-attività delle quali, suc- cessivamente, si fornisce una descrizione dettagliata. Il piano di lavoro per il completamento di tutti gli obiettivi realizzativi previsti dal progetto sarà articolato secondo un modello che tiene conto dell’elevato grado di dipendenza che lo stesso progetto presenta rispetto ai lavori descritti dal Progetto definitivo-esecutivo PON - Metro - Introduzione di tecnologie innovative per la riduzione dei consumi energetici ed il telecontrollo di impianti semaforici della città di Palermo: gli interventi sulle componenti infrastrutturali del progetto saranno realizzate in stretto raccordo con l’avanzamento dei lavori sugli impianti semaforici. Le attività di installazione delle componenti di servizio (VDS, IoT) saranno realizzate entro 60 giorni dalla data di completamento delle opere per gli impianti semaforici della Città di Palermo.   Purtroppo come possiamo notare siamo in notevole ritardo rispetto al cronoprogramma della attività che stimava la fine dei lavori entro il 2021. Siamo nel terzo trimestre 2020 e siamo alla fase 0, quindi ipotizzando i tempi sopracitati i lavori potrebbero concludersi entro il secondo trimestre 2022

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
28 gen 2020

PON Metro | Nel 2019 spesi più di 9,5 milioni di euro

di Fabio Nicolosi

Il Comune di Palermo ha speso nel 2019 poco più di 9,5 milioni di euro del PON Metro, raggiungendo, e anzi superando di poco, l'obiettivo prefissato di spesa per l'anno. Nonostante il risultato raggiunto, però, il sindaco Leoluca Orlando chiede che le procedure di gara siano più veloci e meno farraginose. Il raggiungimento dell'obiettivo di spesa emerge dai dati forniti dall'Agenzia per la coesione territoriale, l'organismo nazionale che coordina il programma comunitario nelle 14 città metropolitane. Palermo, anche grazie all'assegnazione di alcune premialità, ha una disponibilità complessiva di poco superiore ai 91 milioni di euro da spendere entro la fine del 2023 e divisi su cinque anni di intervento: innovazione tecnologica; sostenibilità, che include azioni per l'efficientamento energetico di immobili e servizi, e interventi per la mobilità sostenibile, interventi e politiche sociali, recupero di immobili da adibire a servizi di valenza sociale e, infine, una mini asse tecnica per la comunicazione e l'assistenza operativa. Già nel 2018, rendicontando circa 14 milioni, Palermo aveva speso quasi il 100% delle somme a disposizione e ora si attesta complessivamente al 102%. Nel corso del 2019, gli interventi che hanno comportato una maggiore spesa sono stati quelli sull'illuminazione pubblica, in particolare i progetti di riqualificazione degli impianti in corso nella zona di Partanna Mondello e della Litoranea Addaura - Arenella (2 milioni di euro) e a Mondello-Valdesi (1,9 milioni). Sul fronte delle politiche e dei servizi sociali, nel 2019 i servizi economicamente più rilevanti avviati sono stati i servizi dell'Agenzia sociale per la casa (570 mila euro), quelli per donne vittime di violenza (400 mila) e i centri di accoglienza diurni-notturni. I dati sono consultabili sul sito www.ponmetro.it "Questi risultati - afferma però il sindaco - sono certamente soddisfacenti e confermano il buon lavoro fatto dagli Uffici comunali che stanno seguendo il PON, ma se le procedure di gara fossero più snelle e veloci, i risultati sarebbero ancora più importanti. Vi sono gare che procedono a rilento, altre le cui commissioni di gara non si riuniscono da mesi, altre ancora per le quali le commissioni non sono state nemmeno formate per mancanza di componenti. Anche per questo ho chiesto di avere un resoconto progetto per progetto, partendo proprio da quelli il cui avvio sta tardando, in modo da poter individuare le cause e poter intervenire. Il PON Metro, come anche il Patto per il Sud, e ora anche l'Agenda Urbana, rappresentano risorse finanziarie straordinarie per risolvere tanti problemi e dare nuovi servizi alla città e non possiamo certo rischiare che lo sforzo della progettazione venga vanificato da norme e procedure troppo burocratiche che appaiono lontane dalla realtà degli enti locali".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 nov 2019

Avviata l’installazione dei semafori intelligenti a LED

di Fabio Nicolosi

Riportiamo il comunicato stampa che richiama l'articolo di aprile 2018. Sono iniziati in questi giorni i lavori per installare in 51 incroci della città particolarmente soggetti a traffico automobilistico i sensori "intelligenti" che regoleranno i tempi semaforici in base all'effettiva presenza di autovetture in attesa. Dopo i lavori di ammodernamento e sostituzione delle lampade con quelle a Led, si procede quindi alla seconda fase del progetto, inserito nel PON Metro, per l'ammodernamento dei semafori cittadini. In totale sono 187 i semafori in diversi quartieri della città adattati con lampade a basso consumo che garantiranno un risparmio stimato di circa l’80% di energia elettrica e maggiore visibilità, mentre 51 saranno appunto dotati del rilevatore di traffico che adatterà i tempi di accensione in base ai flussi veicolari rilevati in tempo reale. I lavori sono eseguito dalla Aesys di Brusaporto (Bg) per importo di circa 780 mila euro finanziato con fondi del PON Metro. La rilevazione del traffico in tempo reale si basa su telecamere e trasmettitori UMTS, che permetteranno ad un sistema centralizzato a livello cittadino l'elaborazione dei dati e l'adattamento sempre in tempo reale dei tempi di accensione e spegnimento delle luci verdi/gialle/rosse per ciascun senso di marcia. Ad esempio nei semafori che regolano il traffico lungo la via Dante, in via Libertà e via Roma potranno variare i tempi del “verde” per ciascuna direzione di marcia delle auto in base all'effettivo traffico che su ciascuna direttrice si registrerà in tempo reale. "Mobilità e innovazione sono scelta strategica e visione ormai consolidata della nostra città – ha dichiarato il sindaco Orlando -. I semafori intelligenti oggi consentono di contrastare stress e ritardi per i cittadini e di realizzare mobilità sostenibile, confermando il PON Metro e la progettazione comunitaria del Comune come importanti strumenti per la vivibilità in città".

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
10 giu 2019

ZTL | Il comune approva l’installazione di 23 nuove telecamere

di Fabio Nicolosi

Il comune utilizza i fondi Pon Metro per migliorare il controllo della ZTL. Sarà Sispi ad occuparsi del progetto da 600 mila euro. Saranno in totale quindi 28 (comprese le cinque telecamere già attive) gli occhi elettronici in grado non solo di multare gli automobilisti indisciplinati, ma anche di contare le vetture in transito a fini statistici, trasmettere le immagini alla centrale di controllo dei vigili urbani, gestire la “white list” che al momento comprende 200 mila iscritti. Il cronoprogramma prevede che tutto venga fatto entro l’inizio del 2021, occorre infatti predisporre le gare per l'acquisto delle telecamere il posizionamento dei pali, implementare gli hardware e predisporre i software per le singole telecamere. La mappa della futura predisposizione dei varchi, che potrebbe subire modifiche: Livesicilia fornisce già l'elenco dei futuri varchi: Le prime voci parlano di cinque in zona Lincoln, ossia due in via Cervello e vicolo del Pallone (di fronte villa Giulia), due all’ingresso per la Magione (via Pardi e via Filangeri) e una all’ingresso di via Garibaldi. Poi una sarà posizionata in via Alloro, una in via san Sebastiano alla Cala, una in via piazzetta degli Angelini (traversa di via Cavour), tre in zona Teatro Massimo: tra via Donizetti e via Scarlatti, al mercato del Capo e piazza degli Aragonesi. Due nei pressi di via Papireto (piazza del Noviziato e via del Noviziato), una a Porta Nuova, una nei pressi di via Matteo Bonello, una in via Generale Cadorna (in zona ospedale dei Bambini), una in via Mura di Sant’Agata, due a Ballarò, quattro all’Albergheria.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
18 gen 2019

PON METRO | Agenzia nazionale certifica il 99,9% della spesa rendicontata dal Comune di Palermo

di Salvatore Galati

L'Agenzia per la coesione territoriale ha certificato il raggiungimento degli obiettivi di spesa prefissati per il Comune di Palermo relativamente al programma PON-Metro, per l'anno 2018. Il Comune ha, infatti, rendicontato spese per un importo complessivo di 13.695.735,04 Euro, pari al 99,9 %dell'obiettivo prefissato di 13,7 milioni di Euro. Il quadro complessivo degli interventi e delle azioni previste dal PON-Metro, che per Palermo prevede una spesa complessiva di oltre 86 milioni di Euro, è disponibile all'indirizzo. CLICCA QUI Le spese che sono state ritenute non ammissibili (circa 100 mila euro) si riferiscono, per circa 78.000 euro, ad una compensazione effettuata nei confronti del fornitore del servizio che risultava inadempiente nel pagamento della TARI per gli anni 2014 e 2015; la non ammissibilità delle spese compensate è stata contestata dal Comune all'Autorità di Gestione, che si è riservata di rivalutare e fornire una risposta definitiva. Le altre somme non ammissibili si riferiscono a due mesi di servizio (Dormitori e unità di strada) relativi ai mesi di novembre e dicembre 2013, in effetti in un periodo antecedente al periodo di programmazione del PON Metro 2014-2020). Sul contenzioso relativo ai bus per l'AMAT, il Comune è in attesa di conoscere la decisione dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, cui la questione è stata rimessa dal CGA nell’udienza tenutasi lo scorso 12 dicembre. Infine, per quanto riguarda l'azione "Agenzia per la casa", l'Assessore alla Cittadinanza Solidale, Giuseppe Mattina, specifica che nel rendiconto inviato relativo alle somme 2018 la stessa non risulta, in quanto il contratto è stato stipulato negli ultimi giorni dell'anno e quindi sarà rendicontato nel 2019." Qui di seguito trovate le spese del Comune di Palermo!

Leggi tutto    Commenti 8