Articolo
17 lug 2018

La polizia di stato si dota di un veicolo elettrico per pattugliare l’itinerario arabo-normanno

di Fabio Nicolosi

A Palermo, il servizio di prossimità e di controllo del territorio assicurato in città dalla Polizia di Stato, si avvarrà di un nuovo mezzo a propulsione elettrica, che servirà a rendere più agile l’azione dei poliziotti nei luoghi tradizionalmente frequentati da cittadini e turisti, con particolare riguardo al cosiddetto “Percorso Arabo Normanno dell’Unesco”. A quasi un anno dall’esordio a Palermo di velocipedi della Polizia di Stato a pedalata assistita, che ogni giorno percorrono le vie urbane, fa il suo ingresso sulle strade cittadine un nuovo mezzo ecosostenibile in dotazione ai poliziotti, un veicolo elettrico allestito con le dotazioni e la livrea tipica dei mezzi della Polizia di Stato. Il veicolo, a zero emissioni e dalle ridotte dimensioni, per questo abilitato a percorrere i tratti urbani pedonali e le vie più anguste del centro storico, è stato assegnato agli agenti addetti ai servizi di “Prossimità”, i Poliziotti di Quartiere dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, quale ulteriore strumento per i consueti servizi di controllo e prevenzione, nonché quale ulteriore punto di riferimento per cittadini, visitatori e commercianti. La naturale attitudine ecosostenibile data dall’alimentazione a batteria e dalla compattezza delle sue dimensioni, rendono infatti il nuovo mezzo della Polizia di Stato particolarmente adatto allo svolgimento dei servizi di prossimità cittadini.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 lug 2018

Polizia Municipale | Presentate 17 nuove moto e bodycam

di Fabio Nicolosi

La settimana scorsa a piazza Pretoria, il comandante della polizia municipale Gabriele Marchese ha presentato al sindaco Leoluca Orlando ed alla cittadinanza le 17 nuove motociclette Yamaha Tracer 700 recentemente acquistate e che esordiranno su strada nei servizi che il Corpo disimpegnerà in occasione del Festino. Sulla uniforme degli agenti motociclisti risaltava subito alla vista, la bodycam , la videocamera di sicurezza che ha esordito anch'essa nei servizi del Festino, iniziando poi una fase sperimentale di sessanta giorni con cento bodycam assegnate ad altrettanti agenti. Gli agenti con le motociclette schierate sotto la scalinata della Chiesa di S. Caterina sono stati benedetti da Sua Eminenza Corrado Lorefice, alla presenza del sindaco Leoluca Orlando e del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci che è intervenuto insieme alle altre autorità civili e militari, in occasione della tradizionale messa di S. Rosalia nell'atrio di Palazzo delle Aquile e dell' omaggio floreale da parte dei vigili del fuoco alla statua della Santuzza posta sulla sommità del prospetto del palazzo municipale. Il sindaco Leoluca Orlando nel ringraziare il presidente Musumeci per la cordiale presenza ha espresso un "grazie alla polizia municipale, per dire che questa innovazione è sul solco della memoria del servizio che la polizia municipale svolge in questa città che vuole adeguarsi ai tempi che cambiano. Queste motociclette di recente acquisizione e la bodycam che, certamente costituisce un elemento ulteriore di rafforzamento della sicurezza dei cittadini ma anche degli agenti della polizia municipale, li mette in condizioni di realizzare il miglior controllo possibile nei confronti di comportamenti incivili o addirittura illeciti e tutto questo nei giorni in cui celebriamo S. Rosalia è la conferma che anche qui abbiamo rispetto del tempo, perché facciamo memoria del passato e costruiamo futuro" Da parte sua il Comandante Gabriele Marchese ha dichiarato che "le motociclette e le bodycam sono un segnale di un Corpo che sta cambiando pelle, entrambi sono strumenti di lavoro utili a garantire un miglioramento qualitativo e quantitativo dei servizi, soprattutto in tema di sicurezza e di controllo del territorio. Il loro utilizzo sarà introdotto in fase sperimentale nei servizi di trattamento sanitario obbligatorio, nei controlli antiabusivismo commerciale, in tutti i grandi eventi, allo stadio e manifestazioni varie". Le moto, allestite con i colori istituzionali del Corpo, sono dotate di una coppia di lampeggianti frontali a led, di radio e sirena e grazie alla loro maneggevolezza nel muoversi nel traffico, accorciano i tempi di intervento rispetto ad un'autopattuglia. Con le bodycam invece, si aumenta il livello di sicurezza e di garanzia negli interventi, poiché l' attivazione del dispositivo ha lo scopo di abbassare i toni e di conseguenza tensione e aggressività, oltre a costituire una inoppugnabile prova di quanto accaduto. La Yamaha Tracer 700 è una bicilindrica da 689 cc ad iniezione che il Comando ha ritenuto idonea ai servizi d'istituto oltre che per la potenza erogata di 55kw, per la grande manegevolezza nel traffico cittadino, grazie ad un manubrio alto con ampio angolo di sterzata, per l'ottimo impianto frenante, con doppio disco con abs anteriore e doppio disco posteriore, per la facilità di lettura del quadro strumenti, il paravento regolabile ed il paramani. Le bodycam, sono fornite in forma gratuita per sessanta giorni dalla ditta produttrice Axon che ne consegnerà in totale cento, da assegnare ad altrettanto agenti; durante questa fase sperimentale sarà riscontrato ogni vantaggio o criticità nel servizio, per le valutazioni finali di una eventuale dotazione da esperire attraverso l'indizione di una gara d'acquisto.-

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
12 lug 2018

Via Palinuro | Approvata la perizia di variante

di Fabio Nicolosi

La delibera della giunta comunale n. 87 DEL 29/06/2018 approva la perizia di variante. Nei mesi scorsi vi avevamo documentato i lavori di completamento di Via Palinuro. La strada, dall'importanza fondamentale per la borgata di Mondello, si sperava fosse conclusa entro l'estate, ma proprio il seguente imprevisto ha di fatto prolungato i lavori e la fine degli stessi. Vogliamo quindi riportarvi la relazione generale per comprendere in cosa consiste e perché è stata richiesta. La presente relazione si riferisce alla "PERIZIA DI VARIANTE' dei lavori inerenti il "Progetto per H completamento dalla via Palinuro da via Galateo a via Mondello " nel comune di Palermo. Detto progetto è stato approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n° 250 del 30/12/2014, è stata esperita la gara con procedura ristretta semplificata, ai sensi dell'art. 123 del D. Lgs. N° 163/2006 aggiudicando i lavori alla ditta CONDOR S.r.l. di Borgetto, ed i lavori sono stati consegnati in via d'urgenza, sotto riserva di legge, con VERBALE DI CONSEGNA del 04/10/2017. Nell'ambito dell'intervento era previsto l'utilizzo del "Canale Ferro di Cavallo" quale recapito del sistema fognario, dopo che fosse stata effettuata la bonifica del canale e della realizzazione di un pozzetto di preimmissione adiacente. Era, inoltre, prevista la realizzazione di una nuova copertura carrabile nel tratto interessato dalla via palinuro. Tali opere avrebbero dovuto essere realizzati nell’ambito dei lavori di bonifica del suddetto canale, appaltati dall'Amministrazione Comunale all’Impresa A.T.I. GAP Soc. Cons. a.r.l. ed interrotti a causa del mancato accreditamento del finanziamento regionale, a suo tempo decretato nell'ambito del POR 2000-2006 e poi del PO FESR 2007-2013. Si evidenzia che all'atto della Conferenza di Servizio per l'approvazione del presente progetto i lavori di bonifica di cui sopra erano in corso. Viene evidenziato che la bonifica e la conseguente realizzazione di suddetto pozzetto di preimmissione costituivano requisito fondamentale per la esecuzione dei lavori del presente appalto in quanto recapito del sistema di raccolta delle acque meteoriche; quest'ultimo aspetto, peraltro, era stato già messo in evidenza sin dalla Conferenza dei Servizi finalizzata all'approvazione del progetto, e ne costituiva condizione strettamente vincolante. La mancata esecuzione dei lavori appaltati all'A.T.I. GAP Soc. Cons. ari ha, quindi, privato il progetto del completamento della via Palinuro del recapito fognario individuato in fase di Conferenza dei Servizi e della realizzazione di una copertura carrabile (opere indispensabili per il completamento della strada). Nelle fasi preliminari dei lavori si è, quindi, proceduto all'ispezione del "Canale del ferro di Cavallo" appurando la mancata bonifica del canale ed un franco libero, fra pelo libero del materiale accumulatosi al suo interno ed il cielo del canale, pari a circa 100 cm. Se, da un canto, la quota del pelo libero del materiale presente all'Interno del "Canale Ferro di Cavallo" non permette l'immissione delle acque piovane, tramite un pozzetto di preimmissione, nel canale, questo volume libero consentirebbe, comunque, di accogliere e smaltire i volumi delle acque meteoriche. Come anzidetto la realizzazione di una nuova struttura di copertura carrabile del canale “Ferro di cavallo" risulta indispensabile per la realizzazione dell’opera ed a tal proposito, non essendo prevista nel presente appalto, l'Amministrazione ha già provveduto a dare incarico per la progettazione ad un gruppo di funzionari interni all’Amministrazione stessa. Quindi la realizzazione di detta nuova struttura di copertura del canale non rientra nella presente perizia. Si evidenzia, inoltre, che all'interno del “Patto per il SUD" è previsto e finanziato il progetto "Allargamento della via Mondello" che include, nelle aree da trasformare, anche le p.lle 3948 (parte) e 3950 del f .m. 5 intestate alla Società Anonyme Mondello Immobiliare Italo Belga. Nell'ottica di un miglioramento del futuro assetto dell’area e del risparmio di risorse pubbliche è stata firmato, in data 12/02/2018, il Resoconto di riunione fra Comune di Palermo e Società Anonyme Mondello Immobiliare Italo Belga che prende atto della proprietà pubblica del lotto di terreno fra muro di recinzione della scuola e sede stradale e, nelle more della formalizzazione della cessione, la Società stessa, con riferimento alla p.Ila 3950 confinante con via Mondello, autorizza l’Amministrazione "... a svolgere ogni lavoro necessario ed utile per la definizione delle opere complementari all'intervento di via Mondello Infine, considerato che sono stati consegnati i "Lavori di rinnovamento e ristrutturazione degli impianti di Pubblica Illuminazione del quartiere Mondello-Valdesi' e che nell'ambito di detti lavori è prevista anche il rifacimento dell'impianto di via Mondello, al fine di evitare raddoppi di lavorazioni ed interventi successivi sulle opere appena realizzate nell'ambito del presente appalto, si è concordata con il R.U.P. e con la D.L. del suddetto lavoro di realizzare, all'interno del presente appalto, la predisposizione dell'impianto di pubblica illuminazione (fondazioni dei pali, pozzetti d'ispezione e relativi cavidotti). Scopo della "PERIZIA DI VARIANTE' è, pertanto, quello di individuare le soluzioni da adottare per la risoluzione delle problematiche riscontrate e di individuare gli scostamenti economici derivanti. SISTEMA DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE In progetto è prevista una rete fognaria realizzata mediante caditoie di tipo stradale poste ai margini della carreggiata, ovvero tramite canalette con griglia in ghisa, così come riportato nelle planimetrie di progetto. Le acque meteoriche, mediante una rete di scarico in PVC rigido di diametro variabile da 200 mm. a 315 mm. e con una pendenza non inferiore allo 0,6 %, intervallata da pozzetti di ispezione, dovevano trovare recapito in un pozzetto di preimmissione che avrebbe dovuto convogliare le acque al "Canale Ferro di Cavallo". La mancata bonifica del canale comporta, come espresso in premessa, la necessità di trovare una soluzione alternativa per il recapito delle acque meteoriche. Come riportato nella " Tav. B) Relazione rete fognarid' la soluzione proposta è quella di smaltire le acque meteoriche mediante la raccolta delle stesse in una vasca di raccolta, ubicata nell'aiuola spartitraffico in corrispondenza dell'incrocio tra la via Palinuro e la via Mondello, e da questa, mediante un sistema di pompaggio, le acque vengono sollevate in un pozzetto adiacente al "Canale Ferro di Cavallo" avente recapito proprio nel canale stesso. Peraltro tale soluzione era già prevista nella prima stesura del progetto (ante prescrizioni e pareri della Conferenza di Servizio). In detta stesura lo smaltimento delle acque meteoriche veniva assicurato mediante la raccolta delle stesse in una vasca, ubicata nell'aiuola spartitraffico in corrispondenza dell'incrocio tra la via Palinuro e la via Mondello, e da questa, mediante un sistema di pompaggio, le acque venivano sollevate in un pozzetto adiacente al "Canale Ferro di Cavallo" avente recapito proprio nel canale stesso. Detta configurazione, alla luce delle precedenti considerazioni, appare l'unica praticabile. Per i dettagli esecutivi delle vasche di accumulo e del relativo impianto di sollevamento si rimanda alla Tav. B) Relazione rete fognaria. OPERE PREVISTE NELLA PERIZIA DI VARIANTE Le opere previste nella presente perizia, in variante rispetto a quanto indicato nel progetto originario, riguardano principalmente le seguenti opere: 3.1 AGGIUSTAMENTI PLANO-ALTTMETRICI; Nell'ambito dei lavori, rimossi i cumuli di terreno presenti sul canale, è stato possibile rilevare l'esatta conformazione geometrica-strutturale del canale e, eseguiti due pozzi d'ispezione in posizione adiacenti ed opposti al canale stesso, effettuato sopralluogo congiunto con i tecnici dell'AMAP (cui sarà affidata la pulizia e gestione del Ferro di Cavallo) e considerata, infine, la diversa modalità di recapito delle acque meteoriche, è emersa la necessità di aumentare di 20 cm. la quota finita della strada in corrispondenza al canale. Detta, seppur lieve, modifica di quota ha portato al cambiamento dell'ultimo ramo del canale centrale della fognatura (dalla Sez. 12 in poi) ed allo spostamento delle griglie a raso previste in via Mondello onde avere una migliore intercettazione delle acque superf iciali non assorbite dalla rete fognaria esistente. Le modifiche introdotte, seppur di lieve entità, hanno come inevitabile conseguenza la rimodulazione dei Corpi d'Opera C.l Demolizioni, Scavi, Scarificazioni e C.2 opere Fognarie. 3.2 DIVERSO RECAPITO FOGNARIO E SISTEMA DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE; Come indicato in premessa la mancata bonifica del "Canale Ferro di Cavallo" comporta la necessità di reintrodurre, nei lavori, la realizzazione di una vasca di accumulo con relativa stazione di pompaggio. Verrà rimodulato un tratto della rete fognaria nella zona dell'incrocio fra via Palinuro e via Mondello e razionalizzato il posizionamento delle griglie a raso. Come per il capoverso precedente le modifiche introdotte, seppur di lieve entità, hanno come inevitabile conseguenza la rimodulazione dei Corpi d'Opera C.l Demolizioni, Scavi, Scarificazioni e C.2 opere Fognarie e la redazione di un nuovo prezzo a corpo C.8 Vasche di accumulo e stazione di sollevamento. 3.3 MURI DI DELIMITAZIONE CON LE AREE ESTERNE; A seguito della riunione tenutasi in data 12/02/2018 fra Comune di Palermo e Società Anonyme Mondello Immobiliare Italo Belga e delle relative prese d’atto ed autorizzazioni, non essendo più necessario procedere alla delimitazione dell'area fra muro di recinzione della scuola e sede stradale, non verrà realizzato il muro di recinzione previsto in progetto, delimitando il marciapiede, da questo lato, con orlatura in pietrame calcareo. Constatata le precarie condizioni statiche del muro di recinzione esistente in via Monde Ilo, altezza scuola, e del tratto di muro residuo lato cabina ENEL (lato mare) si provvederà alla loro demolizione sino al confine con l'ingresso della scuola e con il muro trasversale di bordo alla cabina ENEL, ed in loro sostituzione verrà realizzato (lato scuola) il marciapiede in prosecuzione con quello di progetto, provvedendo a riallineare la sezione stradale con quella esistente fra ingresso scuola e incrocio con via Stesicoro, allargandola di circa m. 1,50, anche al fine di eliminare la strozzatura esistente in detto tratto, mentre nel lato mare si proseguirà il muretto di confine/recinzione previsto in progetto. Le modifiche introdotte hanno come conseguenza la rimodulazione dei Corpi d'Opera C.l Demolizioni, Scavi, Scarificazioni, C.3 Sovrastrutture Stradali e C.5 Opere di Recinzione. 3.4 IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE; Come anzidetto si provvederà a realizzare in aggiunta a quanto previsto nel progetto originario, all'interno del presente appalto, n° 3 blocchi di fondazione per i pali d'illuminazione e relativi pozzetti, n° 2 pozzetti supplementari per il futuro collegamento al nuovo impianto d'illuminazione previsto nei "Lavori di rinnovamento e ristrutturazione degli impianti di Pubblica Illuminazione del quartiere Mondello- Va!desi' e relativi cavidotti interrati. 3.5 IMPIANTO DI SOLLEVAMENTO ED IMPIANTO ELETTRICO: Verrà realizzato un nuovo allaccio a servizio dell’impianto di pompaggio. Il collegamento avverrà a partire dal punto di erogazione presente all'incrocio fra via Palinuro e via Circe e, tramite una tubazione inserita all'interno dei cavidotti dell'impianto di illuminazione, si collegherà ad una conchiglia contenente il quadro elettrico dell'impianto di sollevamento posta nell'aiuola centrale. Le caratteristiche tecniche sono specificate nella relativa Tav. B) Relazione rete fognaria. DISPONIBILITÀ DELLE AREE Le aree interessate nella presente Perizia di variante, non incluse nel progetto originario, sono quelle individuate nell'accordo fra Comune di Palermo e Società Anonyme Mondello Immobiliare Italo Belga citata in premessa. STIMA DEI LAVORI E CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA Il calcolo sommario della spesa è stato redatto utilizzando il Prezziamo Unico Regionale per i Lavori Pubblici della Regione Sicilia pubblicato con D.A. delle Infrastrutture e della Mobilità 27/02/2013 sulla G.U.R.S. del 15/03/2013. Per le categorie di lavoro non comprese nel suddetto Prezziario si sono redatte apposite Analisi Prezzi. QUADRO COMPARATEVO E NUOVO QUADRO ECONOMICO DELL'INTERVENTO Cosi come indicato nei paragrafi precedenti le variazioni che si sono dovute apportare al progetto hanno comportato alcune variazioni ai “Corpi d'Opera" come appresso indicato. Considerando il ribasso di gara e la stima dei costi della manodopera si avrà uno scostamento del contratto per un importo pari a€ 24.886,21 pari al 4,87% (come evidenziato nell'elaborato I. Quadro di confronto) e quindi all'interno della cifra prevista per gli imprevisti nel quadro economico (€ 37.012,87).

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
09 lug 2018

FOTO | Il punto sui lavori al palazzetto dello sport

di Fabio Nicolosi

Grazie a queste splendide foto, siamo in grado di darvi un importante aggiornamento circa i lavori di ristrutturazione del palazzetto dello sport di Fondo Patti. I lavori, ripartiti i primi giorni di Febbraio dovrebbero essere già in fase conclusiva, visto che secondo l'appalto sono stati stimati 7 mesi di lavori per concludere questa prima fase. In realtà le immagini parlano da sole. Gran parte della copertura risulta ancora totalmente smantellata e seppur si notino delle lamiere accantonate nei pressi della struttura non è chiaro se siano quelle rimosse o quelle da rimpiazzare alla copertura. Le foto sono state scattate in una giornata ventosa e festiva, quindi l'assenza di operai non deve destare meraviglia. Sicuramente l'aspetto delle condizioni ambientali non deve essere sottovalutato perché con il caldo di questi giorni e il vento, sicuramente il direttore dei lavori avrà importo lo stop forzato ai lavori per non mettere a repentaglio l'incolumità degli operai. Ma vogliamo vederci chiaro. Ecco perché con questo articolo vogliamo avere delle risposte. Vogliamo mettervi il dubbio, i lavori sono realmente ripartiti? Qual è lo stato di avanzamento reale? Ma sopratutto la domanda che sicuramente più ci interessa: Quando si concluderanno i lavori? La storia La Tecnoart, azienda edile di Santa Flavia, il primo febbraio 2017 aveva occupato materialmente il cantiere con operai e mezzi, dopo qualche mese venne esclusa perché una delle aziende ausiliarie, la Eragon Consorzio Stabile Scarl di Roma il 20 febbraio aveva l’interdittiva antimafia da parte della Prefettura capitolina. Un evento che ha travolto a cascata l’azienda capofila, destinataria a sua vota dello stesso provvedimento, con conseguente risoluzione contrattuale da parte del Comune, avvenuta il 23 marzo, con i lavori che comunque erano stati interrotti in via cautelare il primo marzo. A seguito dello stop forzato, l’amministrazione comunale ha interpellato la ditta seconda classificata per saggiarne l’interesse a proseguire l‘appalto, ottenendo risposta positiva da parte dell'impresa. Dopo tante attese burocratiche, si da al via il primo bando con un costo di 2,9 milioni di euro, cosi ripartono i lavori di ripristino della copertura e ristrutturazione complessiva dell’impianto. La fine dei lavori era prevista in 7 mesi. Terminati i lavori sul tetto, sarà compito del Coni occuparsi del rifacimento interno dell’impianto con la partecipazione del Comune e del governo nazionale. Galleria: Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
04 lug 2018

Passante ferroviario | Conclusi i lavori per la riapertura della linea fino all’aeroporto

di Fabio Nicolosi

Conclusi i lavori sul Passante di Palermo funzionali al ripristino del collegamento ferroviario con l’aeroporto “Falcone e Borsellino”. Rete Ferroviaria Italiana ha verificato oggi lo stato dell’arte con l’Assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Sicilia, Marco Falcone, durante una visita alla linea effettuata a bordo di un carrello manutentivo. Sono già iniziate le verifiche tecniche all’infrastruttura, necessarie per il rilascio della certificazione di sicurezza da parte dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF). Seguiranno quindi l’attivazione tecnica della linea, prevista ad agosto, e la fase di pre-esercizio. “Il sopralluogo - afferma l'assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone - è servito a verificare lo stato dell’arte di un’opera strategica non solo per Palermo, ma per l’intera Sicilia occidentale. Il governo regionale esprime soddisfazione per la ripresa dei lavori a pieno ritmo, grazie alla quale nelle prossime settimane verrà riattivato il fondamentale collegamento tra la città e l’aeroporto. Il presidente Musumeci ha chiesto e ricevuto da RFI piene rassicurazioni sul completamento dell’opera e la visita di oggi ci ha confermato che la direzione è quella giusta”. “Con la conclusione dei lavori per il ripristino della linea per l’aeroporto, i lavori per il completamento del Passante arrivano al 90% - ha dichiarato Filippo Palazzo, Responsabile Progetti Palermo di Rete Ferroviaria Italiana -. I prossimi step prevedono la conclusione delle restanti opere civili e l’attivazione del raddoppio completo della linea”. “La riapertura del collegamento ferroviario fra la città e l'aeroporto è un fatto importante a lungo atteso. Questa, come altre importanti opere legate al trasporto ferrato a servizio della città e dell'area metropolitana è una importante infrastruttura, ancor di più oggi che assistiamo ad un quotidiano incremento del traffico di passeggeri, locali e turisti, che usano l'aeroporto Falcone-Borsellino per raggiungere la nostra città”. Lo ha dichiarato il Sindaco Leoluca Orlando L’investimento economico complessivo è circa 1,1 miliardi di euro. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 29
Articolo
03 lug 2018

FOTO | Passante Ferroviario: completata la pensilina della fermata Francia

di Fabio Nicolosi

In vista della riapertura del passante ferroviario nelle ultime settimane i lavori si sono concentrati nella rifinitura di tutte le fermate. Francia, da sempre punto di riferimento per tutti coloro che utilizzavano il treno per recarsi all'università o verso il centro città sarà sicuramente e si spera ancora più utilizzata. La fermata presenta la predisposizione del doppio binario, ma verrà attivato solo uno. Simile a Tommaso Natale, la fermata è una trincea a cielo aperto con dei grossi tiranti che le danno un'aspetto strutturale particolare. Le banchine presentano delle pensiline che consentono ai viaggiatori di ripararsi nell'attesa dei treni. In superficie invece l'aspetto sarà simile a Vespri - Policlinico, grigi parallelepipedi con pensilina che ospiteranno parte dei locali tecnici, scale di accesso e ascensore. Il grigio sarà il colore predominante, ma lo è dell'intero progetto. Purtroppo quando si è approvato il progetto non si è fatta attenzione alcuna agli aspetti architettonici dello stesso e sono stati realizzati quindi delle fermate che sono proprio anti-estetiche. Magari un concorso potrebbe migliorare l'aspetto delle fermate, ma tutto ciò in un secondo momento. Al momento non possiamo attenderci molto. Foto di Giovanni M.

Leggi tutto    Commenti 29
Articolo
02 lug 2018

Interventi di potenziamento tecnologico e infrastrutturale tra altavilla e termini imerese

di Fabio Nicolosi

Rete Ferroviaria Italiana ha programmato sulla linea Palermo – Messina importanti lavori di potenziamento tecnologico e infrastrutturale tra Altavilla e Termini Imerese, da martedì 3 luglio e fino a domenica 9 settembre. I cantieri saranno operativi su entrambi i binari che, a fasi alterne, saranno esclusi dalla circolazione. Saranno realizzati interventi di adeguamento del sistema per la regimentazione delle acque e opere di contenimento, a valle del rilevato ferroviario, per una lunghezza di oltre 350 metri. Si procederà, inoltre, alla bonifica e ristrutturazione dell’intera piattaforma ferroviaria sulla quale si ricostruiranno massicciata, binari e linea elettrica. Il rinnovo dell’infrastruttura consentirà di ottenere un incremento dei livelli di affidabilità della linea e un significativo miglioramento della regolarità del servizio. Per consentire lo svolgimento dei lavori, e ottimizzarne i tempi di esecuzione, sarà modificato il programma di circolazione treni con variazioni dell’offerta di trasporto già inserita e consultabile su tutti i canali informativi e di vendita. In particolare, i treni regionali della relazione Palermo – Termini Imerese faranno capolinea nella stazione di Altavilla. L’intervento rientra nell’ambito del più ampio progetto di potenziamento della rete ferroviaria siciliana, nel corso del 2018, durante il periodo estivo. Investimento complessivo circa 5 milioni di euro.

Leggi tutto    Commenti 0