Articolo
03 lug 2020

Biglietto unico: dopo oltre 10 anni di attesa la montagna ha partorito il topolino. I dettagli

di Mobilita Palermo

Palermo - Un'attesa molto lunga, almeno dal 2008 quando Amat e Trenitalia decisero di scindere il biglietto del t.p.l. per divergenze commerciali. In questi dieci anni in città sono state realizzate 4 linee tranviarie, quasi completata un'infrastruttura per il trasporto rapido di massa quale il Passante Ferroviario, nuove stazioni ferroviarie, rimodulata l'intera rete bus,  una zona a traffico limitata, ma soprattutto l'integrazione infrastrutturale fra "ferro e gommato". A fronte di questi grandi investimenti e cambiamenti, forte è stata la necessità di dover istituire un titolo di viaggio integrato, perché l'integrazione non è solo infrastrutturale ma anche commerciale. Oggi infatti prendere due sistemi di trasporto è paradossalmente svantaggioso per l'utente che ogni giorno preferisce il mezzo pubblico per i propri spostamenti. Si scende da Borgo Nuovo per raggiungere l'Ars (Palazzo Reale), e si è costretti a proseguire con la linea 118 piuttosto che sfruttare la rapidità del Passante Ferroviario. Ma è solo un esempio di quello che accade quotidianamente. Nel 2020 la svolta, con l'annuncio del ripristino del biglietto unico integrato e la Regione a intercedere dal punto di  vista commerciale fra due SpA quali Amat e Trenitalia. Ma è davvero la svolta? Ci aspettavamo quindi biglietto da 90' integrato, biglietto giornaliero ma anche abbonamenti. E invece l'annuncio riguarda solamente il ripristino del biglietto unico giornaliero al prezzo di € 5,50 da utilizzare per l'intera giornata sull'intera rete bus, tram, passante ferroviario  (tratta urbana Roccella-Sferracavallo) e anello ferroviario. Una scelta che premia senza dubbio l'utente che utilizza occasionalmente il mezzo pubblico, oppure il turista durante il soggiorno in città. Ma il turista privilegerà soprattutto il bus per gli spostamenti: prende la linea 806 per recarsi a Mondello, la 389 per recarsi a Monreale, la 124 per recarsi al Castello della Zisa, la 327 per le Catacombe dei Cappuccini oppure il tram per piazza Ponte dell'Ammiraglio. Prenderà certamente il passante ferroviario per raggiungere l'Aeroporto o Cefalù, ma qui si tratta di tariffe non più urbane. Per chi si sposta ogni giorno attraverso la rete bus o metroferrovia, non cambierà nulla: rimarranno invariati i prezzi dei biglietti ordinari rispettivamente € 1,40 bus/tram e €1,70 per il Passante. Difficilmente si andrà a spendere € 5,50 ogni giorno per 25 giorni lavorativi, ovvero € 137,50. Considerate che un abbonamento Amat mensile per l'intera rete ha un costo di € 32,00 mentre Trenitalia € 31,50. Il “Biglietto Giornaliero Integrato Palermo” è acquistabile attraverso i seguenti canali: Biglietterie Trenitalia; Self Service; Alcuni punti di vendita AMAT (Agenzie di Viaggio Trenitalia); Agenzie di Viaggio di Trenitalia; Punti Vendita Autorizzati di Trenitalia (PVT); On line (sito www.trenitalia.com, Mobile e App di Trenitalia). L'avvio è previsto dal 4 Luglio e a titolo "sperimentale.   Qualche esempio da altre città in Italia. Gtt Torino biglietto 90' €2,50 e valevole sulla rete urbana e suburbana GTT di Torino, sulla metropolitana (1 sola corsa) e sulle linee ferroviarie Trenitalia e GTT (1 sola corsa) entro i limiti della prima cintura (stazioni di: Caselle città, Settimo, Chieri, Pessione, Candiolo, Alpignano). Biglietto Gtt Daily € 4,00  valido fino a termine del servizio del giorno della prima validazione, sulla rete urbana, suburbana Gtt e viaggi in metro illimitati. Amt Milano biglietto 90'  € 2,00   consente, nell'ambito della validità temporale e delle zone acquistate, di spostarsi percorrendo più tratte e combinando più mezzi, in modalità sia continuativa sia con più soste intermedie; pertanto è possibile effettuare con lo stesso biglietto viaggi di andata e ritorno, anche con più ingressi in metropolitana e su Trenord. Biglietto giornaliero Amt € 7,00 e vale 24 ore dalla prima convalida, senza limite al numero di viaggi nell'ambito territoriale Atac Roma biglietto 100'  € 1,50 valido per 100 minuti dalla prima timbratura. In metropolitana vale per una sola corsa, anche su più linee; Biglietto Roma 24h € 7,00  valido 100 minuti dalla prima timbratura. scaduti i primi 100 minuti il titolo può essere riattivato per ulteriori 100 minuti ripresentandolo presso un validatore, e così fino all'esaurimento delle riattivazioni disponibili. Dopo quanto detto, ci si sarebbe aspettati l'introduzione almeno di un abbonamento integrato mensile per soddisfare praticamente l'intera utenza che ogni giorno sfrutta il mezzo pubblico (studenti, lavoratori, pensionati, pendolari), chi effettua almeno due corse al giorno fra andata e ritorno. Ma diciamo di più, un abbonamento unico (con un costo entro € 45,00) avrebbe reso ancora più appetibile l'attuare rete di trasporto pubblico dal punto di vista commerciale, e captato nuovi potenziali utenti. Insomma, dopo tanti annunci e dopo tanto clamore creato attorno, pollice verso per la Regione per aver disatteso le aspettative.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
03 lug 2020

Anello Ferroviario | Si realizzano i cordoli sommitali in Area 6.3A

di Fabio Nicolosi

Vi offriamo una panoramica sui lavori dell'anello ferroviario in via Amari. L'azienda D'Agostino Costruzioni sta portando avanti i lavori mettendo in campo tutte le risorse necessarie per terminare i lavori secondo il nuovo crono-programma. In area 6.3B e 6.3C, quella più vicina a via Ruggero Settimo, sono in fase di ultimazione le palificazioni. Si prevede la riconsegna delle due aree il 29 Agosto e il 21 Settembre In area 6.2A, all'incrocio con Via Roma, ultimata la bonifica bellica, si sta lavorando allo spostamento dei sottoservizi per liberare le aree dove andranno realizzate le paratie della galleria e, a seguire, il solettone di copertura. La riconsegna è prevista il 18 Settembre Ringraziamo Pietro A. per le foto: In Area 6.3A Sono terminate le palificazioni per le due paratie, è in corso lo scavo per liberare le teste dei pali e si stanno realizzando i cordoli sommintali. L'area dovrà essere riconsegnata entro il 17 Luglio. Infine in area 6.2B, coincidente con via Isidoro la Lumia, la bonifica bellica sembra terminata e adesso si stanno ispezionando i vari pozzetti dei sottoservizi per proseguire con lo spostamento. La fine dei lavori in superficie è fissata per il 10 Novembre

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
24 giu 2020

Anello Ferroviario | Piazza Castelnuovo sarà totalmente riaperta da Novembre 2020

di Fabio Nicolosi

I lavori per la costruzione della fermata Politeama del cantiere dell'anello ferroviario sono iniziati a febbraio 2018. Un cantiere che ha privato la cittadinanza di una delle piazze più conosciute, luogo di incontro sopratutto tra i giovani. Aree recintate da pannelli grigi che i palermitani sono ormai abituati a vedere e sopportare. Ma dopo anni dove il cronoprogramma era un mistero e un segreto, oggi siamo in grado di darvi una data. La data di fine lavori in superficie. Chiariamo subito che si tratta di una previsione che potrebbe essere soggetta a modifiche, ma intanto abbiamo una prima previsione. Dall'immagine sopra si legge che le aree 7.2C, 7.2B e 7.2A saranno occupate rispettivamente fino al 26 Ottobre 2020. Sia chiaro la riconsegna delle aree non significa la fine dei lavori, sarà infatti necessario realizzare le strutture sottostanti la sede stradale, la stazione ferroviario, i vari accessi, i locali tecnici, ecc. Insomma il lavoro è tutt'altro che finito, ma per la viabilità sarà sicuramente un'importante svolta e un ritorno al passato. Sono state forniti anche altri dettagli sulla riconsegna delle aree, ma dedicheremo ad essi ulteriori approfondimenti. Ti potrebbe interessare anche: Scheda dell'opera Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali: Sito internet: http://palermo.mobilita.org Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo Telegram: https://t.me/trafficoemobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
10 giu 2020

ANELLO FERROVIARIO | Posato il magrone a Piazza Castelnuovo “Area 7.1″

di Fabio Nicolosi

Facciamo il punto sui lavori dell'anello ferroviario a piazza Castelnuovo volgarmente chiamata Politeama. Nella piazza sussistono due cantieri: Area 7.1: che comprende il tratto tra via Ruggero Settimo e il passaggio pedonale /li> Area 7.2: che comprende il tratto compreso tra il passaggio pedonale e via Paolo Paternostro Oggi vi mostriamo l'avanzamento nell'area 7.1. In dettaglio il grosso solettone che costuituirà il tetto della fermata Politeama è stato diviso in due parti: la prima, quello a ridosso di via R. Settimo, è stato completata a fine Maggio e adesso si sta provvedendo ad impermeabilizzarlo Nella seconda parte sono terminati i lavori di scapigliatura delle teste dei pali ed è in corso la posa del magrone che permetterà la posa delle armature e del getto per rendere il solettone un'unica distesa di calcestruzzo armato. Stimiamo che ci vorranno una ventina di giorni per completare anche il secondo tratto, quindi ipotizziamo che l'area 7.1 sarà restituita alla città entro fine Giugno, al massimo i primi di Luglio. Ricordiamo che proprio l'area 7.1 è stata cantierizzata a Novembre 2018.

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
28 mag 2020

ANELLO FERROVIARIO | Totalmente cantierizzata via Amari “Area 6″

di Fabio Nicolosi

Dopo la riapertura dell'incrocio tra via Amari e via Roma torniamo a parlare di anello ferroviario. L'opera portata avanti dalla ditta D'Agostino vede al momento le maestranze in azione in vari cantieri della città: al porto, in via Sicilia, a piazza Castelnuovo e in via Amari. Oggi vi aggiorniamo proprio da via Amari circa le lavorazioni in corso. L'area in questione da progetto viene individuata come Area 6 e si divide in ulteriori micro-areee: 6.1, 6.2, 6.3, 6.4. Ringraziamo Pietro A. per le foto: Area 6.1 tra via Amari e via Wagner: sono iniziati gli scavi per la bonifica bellica che hanno lo scopo di individuare eventuali ordigni prima di iniziare ogni tipo di lavoro. Area 6.2 tra via Wagner e via La Lumia: terminata la bonifica bellica e lo spostamento dei sottoservizi si stanno predisponendo le guide per la realizzazione dei pali di fondazione. Area 6.3 tra via La Lumia e via Ruggero Settimo: due trivelle stanno portando avanti le palificazioni e terminate le attività si sposteranno in area 6.2. L'incrocio tra via Ruggero Settimo, via Amari e piazza Castelnuovo é l'area 6.4 e al momento non risulta ancora cantierizzata. Vogliamo far notare un dettagli che spesso non viene preso in considerazione dai non addetti ai lavori: l'organizzazione del cantiere. Nella foto sopra notate come due trivelle stiano operando in spazi molto ristretti, parliamo di macchinari con un peso oltre le 116 tonnellate e un braccio di azione alto oltre 30 metri: Immaginate cosa significa spostare il mezzo tramite l'utilizzo dei cingoli in uno spazio limitato da barriere, armature, ruspe, camion e uomini a lavoro. Altro elemento che vi sottoponiamo é che le trivelle stanno operando proprio a ridosso di uno dei più importanti monumenti di Palermo, il teatro Politeama, che grazie ad una rete di mire topografiche, viene costantemente tenuto sotto osservazione per notare ogni minimo spostamento ed evitare quindi il minimo danneggiamento ad esso, ma ovviamente anche a tutti edifici circostanti. Ti potrebbe interessare anche: Scheda dell'opera ANELLO FERROVIARIO | Riapre l’incrocio tra via Roma e via E. Amari – Dettagli Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali: Sito internet: http://palermo.mobilita.org Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo Telegram: https://t.me/trafficoemobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
18 apr 2020

ANELLO FERROVIARIO | Posata la condotta del collettore fognario lungo via Roma

di Fabio Nicolosi

Nello scorso articolo vi abbiamo proprio parlato della posa del grosso tubo che oggi (ieri per chi legge) l'impresa D'Agostino ha collocato in accordo con il Comune, per non ritardare la riapertura dell'incrocio con la via Roma. La posa della tubazione che si vede (DN 1.200 mm) realizza in anticipo la risoluzione della interferenza tra l'anello ferroviario e le opere fognarie per il disinquinamento del porto industriale. Si tratta di una condotta premente proveniente dall'impianto di sollevamento previsto all'interno dell'area dei Cantieri Navali e subito oltre la trincea dell'anello ferroviario recapiterà nel pozzo di testata della galleria mediante la quale le acque reflue potranno raggiungere piazza XIII vittime e il già esistente "Sistema fognario Cala", per arrivare all'impianto di sollevamento di Porta Felice, che sarà opportunamente potenziato. Ringraziamo il CIFI Palermo per le foto e l'ing Fabio Settimo M. per la spiegazione della funzione della tubazione Nei prossimi giorni, terminata la posa in opera delle condotte si potrà procedere al ricoprimento con terra, alla sistemazione dei sottoservizi e alla stesura del manto bituminoso che consentirà la riapertura dell'incrocio prevista per la fine del corrente mese di aprile.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
14 apr 2020

ANELLO FERROVIARIO | Si lavora alla riapertura dell’incrocio tra via Roma e via Amari

di Fabio Nicolosi

Dopo circa due settimane di stop, l'impresa D'Agostino Costruzioni ha ripreso da questa mattina i lavori nei cantieri dell'anello ferroviario di Palermo. Si ringraziano il CIFI Palermo e Raffaele C. per le foto: Come già comunicato qualche giorno fa la prossima tappa dei lavori prevede la riapertura dell'incrocio tra Via Roma e via Amari, ma questo potrà avvenire solo dopo la sistemazione superficiale del collettore fognario. La scadenza era prevista per il 31 Marzo, quindi possiamo immaginare che essendo tutto slittato di due settimane la riapertura sarà entro fine mese, se non prima. Intanto possiamo notare come le lavorazioni in Area 6.1 (tratto compreso tra via Roma e via Wagner) siano in fase avanzata, si sta armando il solettone. Verrà successivamente effettuato il getto di calcestruzzo e una volta atteso il tempo di maturazione verrà impermeabilizzato, coperto con terra nuova, sistemati i sottoservizi e riaperta la strada. Si procede alla palificazione in Area 6.3 dove il termine dei lavori era previsto per Luglio 2020, ma probabilmente anche qui ci sarà una proroga di qualche settimana. Era prevista per il 30 Aprile la consegna dell'area 7.1, cioè il tratto di piazza Castelnuovo adiacente a via Ruggero Settimo. Vi terremo aggiornati non appena avremo possibilità di ricevere delle foto che documentino lo stato dei lavori anche in quel cantiere.

Leggi tutto    Commenti 2

Ultimi commenti