Articolo
04 ago 2010

Parcheggio V. E. Orlando chiude per inagibilità

di Giulio Di Chiara

Brutta tegola per i cittadini e per il centro città: il parcheggio appena inaugurato qualche mese fa è già stato chiuso per inagibilità (così recita un biglietto appena fuori la struttura). Di seguito la testimonianza dell'utente Metropolitano, che ringraziamo: Una cosa inaspettata, anche per una città che ormai ha superato se stessa in scempiaggini, immobilismo, disoccupazione, inciviltà, delinquenza, lungaggini burocratiche e non, e disinteresse collettivo, e chi più ne ha più ne metta. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 32
Articolo
03 ago 2010

Pista di pattinaggio in via Mulè pronta…

di Giulio Di Chiara

...al degrado. Vi ricordate QUESTA PISTA DI PATTINAGGIO in via Mulè che era quasi pronta ad essere ultimata? Bene, la struttura è stata ultimata, DA TEMPO. Si aspetta ancora qualcuno che la gestisca e la faccia funzionare. Ovviamente, come poteva finire la storia? Così: [salbumthumbs=60,1,y,n,center] Di seguito le parole di un cittadino sdegnato che ci ha inviato gli scatti: Vi allego alcune foto scattate oggi presso una nuova struttura comunale (altro…)

Leggi tutto    Commenti 20
Articolo
03 ago 2010

PFP variante Notarbartolo-San Lorenzo: ultimi lavori alla VI Commissione Urbanistica

di Antony Passalacqua

Ultime riunioni da parte della VI Commissione Urbanistica prima della definitiva approvazione della variante del Passante Ferroviario nella tratta B Notarbartolo-Ex E.M.S./San Lorenzo. Abbiamo avuto la possibilità di assistere (si ringraziano i consiglieri Filoramo e Spallitta per l'invito) all'ultima seduta della Commissione, la quale prima della pausa vacanze, si è promessa di approvare la variante. Alla seduta erano presenti ingegneri Italferr che hanno illustrato il progetto definitivo nelle sue linee generali e che qui illustriamo: Una nuova galleria a binario singolo verrà realizzata da Notarbartolo verso Belgio, e sotto il livello dell'attuale galleria. Il nuovo binario  pari arriverà ad avere  lo stesso livello di profondità dell'atuale binario dispari, presso la fermata Francia. Chiaro quindi che le fermate Lazio e Belgio saranno realizzate  su due livelli con relative rampe di accesso, scale ed ascensori. Da considerare inoltre che la linea verrà abbassata di livello (interrata) da Belgio fino a San Lorenzo. Ciò per consentire  la realizzazione del prolungamento di viale Francia (passerà sopra i binari per ricongiungersi con via La Malfa) e gli attraversamenti stradali in zona San Lorenzo.  La stazione San Lorenzo sarà anch'essa interrata proprio come Notarbartolo.  Nel tratto da Belgio fino a San Lorenzo verrà realizzata una deviata provvisoria. E' previsto anche qui il blocco linea per consentire la costruzione delle stazioni Lazio e Belgio. La Commissione ritornerà a riunirsi questa settimana per altri dettagli e correttivi che ha proposto: realizzazione di  un percorso ciclo-pedonale negli spazi in superficie che verranno ricavati fra Belgio e San Lorenzo e un tapis roulant per collegare la stazione Lazio con il terminal di piazzale John Lennon. Vi terremo aggiornati sugli esiti e l'imminente approvazione, con la previsione dei tempi di inizio lavori (entro l'autunno sicuramente).

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
01 ago 2010

Aeroporto Palermo: al via la sperimentazione del body-scanner

di Lele

Dopo quelle a Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia Tessera, l'Enac ha avviato anche all'aeroporto di Palermo la sperimentazione dei body scanner, finalizzata ad individuare il tipo di apparato più rispondente ai requisiti di sicurezza e di privacy per la rilevazione di quegli oggetti e quelle sostanze che i tradizionali metal detector non possono individuare. La strumentazione è stata presentata in conferenza stampa all'aeroporto Falcone e Borsellino, alla presenza del ministro dell'Interno Roberto Maroni, del ministro della Salute Ferruccio Fazio, del presidente dell'Enac Vito Riggio, del direttore generale dell'Enac Alessio Quaranta, del direttore generale della Gesap Carmelo Scelta. Se a Roma Fiumicino e Milano Malpensa sono utilizzati macchinari a onde elettromagnetiche attive, a Venezia Tessera e a Palermo viene applicata una tecnologia definita di tipo 'passivo', senza emissioni di energia o onde elettromagnetiche attive, in grado invece di rilevare, sotto forma di immagini, l'energia emessa naturalmente dal corpo umano. La sperimentazione allo scalo Punta Raisi durerà circa 9 settimane e si concluderà verso la fine di settembre. Al termine di questo periodo il Cisa - Comitato Interministeriale per la sicurezza del trasporto aereo e degli aeroporti, di cui è presidente lo stesso Vito Riggio - valuterà i risultati ottenuti in termini di sicurezza, efficienza ed effettivo risparmio di tempo nell'operatività aeroportuale. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
22 lug 2010

Cordoli via Maqueda: come non affrontare i veri problemi del traffico a Palermo

di Antony Passalacqua

E' passato solo un giorno da quando ieri, 22 Luglio, abbiamo riportato la testimonianza di A. Avanzi,  ingegnere milanese in visita turistica a Palermo durante lo scorso mese di Giugno. Un racconto molto lucido con le sue impressioni sul traffico a Palermo e le condizioni carenti del servizio pubblico. Bus intrappolati nel traffico, mancanza di corsie preferenziali, traffico paralizzato, caos etc. Non è tardata ad arrivare ulteriore conferma al racconto del nostro amico. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 16
Articolo
08 apr 2010

Lavori Piazza Indipendenza: le incongruenze sul silenzio

di Giulio Di Chiara

Come oramai ampiamente documentato, Palermo ieri mattina si è svegliata con il caos più totale generato dalla chiusura di una parte di Piazza Indipendenza. Chiusura dovuta ai lavori del Passante Ferroviario che stanno procedendo spediti verso il centro della città. Ora, occorre capire perchè un provvedimento del genere abbia avuto un così scarso, se non addirittura nullo, preavviso alla cittadinanza, soprattutto visto la strategicità della zona e l'alto flusso veicolare locale. In realtà un motivo ben preciso sembra non esserci, se non la totale inefficienza e insensibilità di tutte le forze coinvolte. Ma andiamo con ordine e vediamo di sciogliere alcuni nodi: - ieri mattina viene chiuso il tratto di via Re Ruggero. Per fare ciò occorre opportuna ordinanza, che dispiega numero X pattuglie di Polizia Municipale che bloccano gli accessi. - sempre ieri mattina il GdS pubblica un articolo sulla chiusura della piazza con tanto di mappa della nuova viabilità. Ricordiamo che i giornali vengono stampati la notte precedente alla diffusione. Pertanto gli articoli vengono redatti almeno nel pomeriggio precedente alla diffusione della copia. - e ancore ieri abbiamo avuto modo di parlare con alcuni funzionari dell'Amat, i quali ci assicuravano che tale provvedimento era già di loro conoscenza e della loro azienda. A giudicare l'espressione, sembra che questa chiusura fosse scontata per molti. - grazie a testimonianze dirette sappiamo che diversi autisti Amat fossero all'oscuro del provvedimento. - la chiusura stradale è coincisa con ben DUE manifestazioni di protesta organizzate dalla Keller e dall'Italtel di Carini. Anche in questo caso, i sit-in vengono comunicati con diversi giorni di anticipo alle forze dell'ordine preposte, che infatti quest'oggi erano disposte davanti la sede delle Regione. - nel nostro dialogo in strada con i funzionari dell'Amat, ci è stato assicurato come diversi responsabili si stessero riunendo proprio davanti i nostri occhi per affrontare il primo giorno di blocco, e le nostre orecchie udivano la dettatura delle modifiche delle linee bus coinvolte dalla chiusura. Insomma, tutto ci ha fatto presagire che fosse in corso una riunione straordinaria per affrontare un problema improvviso . Questa la carne al fuoco, ora passiamo alle nostre riflessioni che ci fanno sorgere alcuni dubbi sulla totale assenza di comunicazione del provvedimento: in primo luogo, qualcuno era a conoscenza del provvedimento e aveva avuto la premura di comunicarlo al Giornale di Sicilia almeno un giorno e mezzo fa, giusto il tempo logistico di produrre l'articolo e mandarlo in stampa entro oggi. Anche la Polizia Municipale, in quanto presente su strada per attuare il provvedimento, avrà sicuramente ricevuto l'ordinanza almeno un paio di giorni prima. Ci risulta strana però la concomitanza dei due sit-in contemporanei alla chiusura. Pensiamo sia improbabile (o scellerato) autorizzare due manifestazioni di lavoratori nel giorno e nel luogo in cui verrà bloccato gran parte del traffico locale. Come scritto prima, diversi funzionari Amat asserivano di essere a conoscenza già da giorni del provvedimento. Una domanda allora sorge spontanea: come mai, visto il preavviso, soltanto questa mattina si è provveduto ad una riunione di coordinamento per ridisegnare le linee dei bus, quando tutto questo poteva essere fatto in precedenza a tavolino? Ma soprattutto: qualche giorno fa è stato inaugurato il parcheggio Basile, che ha comportato lo spostamento di diversi capolinea proprio da Piazza Indipendenza. Ad oggi, alcune delle linee bus torneranno ad essere temporaneamente modificate alla luce della chiusura. Non poteva essere evitato questo forzato dietro-front dei bus? Bastava, si fa per dire, che RFI e AMAT comunicassero tra loro, ma forse chiediamo ancora troppo nel 2010. Tante cose incongruenti, di certo qualcuno lì in mezzo non ha fatto il proprio dovere. Il risultato? La gente è totalmente rimasta all'oscuro, e si è ritrovata improvvisamente nel marasma di un traffico impazzito. Dall'amministrazione, ai giornali (forse) sino all'Amat e alla Municipale.... nessuno ha avuto il polso di provvedere o quantomeno sollecitare la diffusione di questo provvedimento con diversi giorni di anticipo, ove possibile. Di certo, qualcuno poteva e doveva pensare a chi, come al solito, subirà le incongruenze di un sistema amministrativo indecoroso.

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
23 mar 2010

Piazza San Domenico “martire”, l’ass. Carta risponde

di Andrea Baio

Riceviamo da Federico la seguente segnalazione circa lo stato di degrado, a tutti ormai noto, di piazza San Domenico, pezzo inestimabile del patrimonio artistico palermitano. Evidentemente l'apertura della nuova Rinascente non ha giovato al mantenimento del prestigio di questo gioiello incastonato nel centro storico. Qui a seguire, la risposta dell'ass. Maurizio Carta: (altro…)

Leggi tutto    Commenti 18