Articolo
13 feb 2018

FOTO | Anello Ferroviario: si procede alla sistemazione delle aree superficiali su Viale Lazio

di Fabio Nicolosi

I cantieri dell'anello ferroviario nelle ultime settimane stanno avanzando molto velocemente, sicuramente con ritmi diversi da quelli a cui eravamo abituati. Oggi vi proponiamo alcuni scatti nell'area di cantiere tra Via Lazio e Via Sicilia, i lavori in questo tratto riguardano la realizzazione del solettone di copertura della galleria ferroviaria e della nuova fermata Libertà. In particolare possiamo notare come nel primo tratto, quello nei pressi dell'incrocio con Via Libertà, si stanno completando le rifiniture. Sono infatti in corso la realizzazione dei confini degli spazi privati espropriati per permettere lo spostamento dei sottoservizi e la ridefinizione dei marciapiedi. Nel secondo tratto, quello nei pressi di Via Sicilia si sta tramite l'ausilio di una gru, armando il secondo tratto di solettone. Ringraziamo Gabriele C. per le foto La galleria di linea della fermata Libertà verrà realizzata secondo la seguente successione di fasi e lavorazioni: Fase A (esercizio su binario esistente, interruzione viabilità di superficie Viale Lazio e Via Sicilia): • Chiusura al traffico veicolare della zona interessata dal cantiere. • Blindatura galleria esistente (interruzione esercizio in notturna). • Prescavo e risoluzione interferenze dei sottoservizi. • Consolidamento parziale delle zone d’attacco della galleria Ranchibile alla nuova galleria artificiale. • Realizzazione dei pali con tecnologia CSP (Ø920/92cm) per la fermata, i locali tecnici e la rampa di cantiere. • Scavo di ribasso, getto del solettone di copertura e impermeabilizzazione. • Ritombamento, ripavimentazione e ripristino della circolazione stradale lungo Viale Lazio. • Scavo della rampa di accesso al cantiere sotterraneo e di parte dei locali di fermata. • Getto del solettone di base per i locali di fermata. Fase B (in interruzione di esercizio di 70 gg): • Rimozione del binario attuale. • Demolizione della galleria esistente e scavo della nuova galleria artificiale. • Impermeabilizzazione delle superfici delle paratie e getto del solettone di base e delle contropareti in c.a.. • Riposizionamento del binario di corsa. Fase C (esercizio su binario di corsa ripristinato): • Realizzazione delle strutture interne ai locali tecnici (pilastri, solai, tramezzi, scale, ascensori..). • Esecuzione delle opere di completamento e di finitura. • Chiusura rampa di accesso al cantiere e ripristino viabilità lungo Via Sicilia. Spesso ci viene chiesto: "Ma qual'è la percentuale di avanzamento dei lavori?" Bene con questo breve riassunto abbiamo evidenziato in verde le opere già realizzate Secondo voi a che percentuale di avanzamento siamo giunti?   Ti potrebbe interessare anche: FOTO | Anello Ferroviario: completato il primo tratto del solettone di Viale Lazio Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
12 feb 2018

Anello Ferroviario | Via Amari: restituita parte dell’area 4, via libera ai lavori a Piazza Castelnuovo

di Fabio Nicolosi

Con la nota del 07/02/2018 Tecnis spa comunica al Comune di Palermo la restituzione alla fruibilità pedonale di una porzione di "Area 4" in Via E. Amari. Il comune dunque con apposita ordinanza emessa dell'ufficio traffico n° 140 del 09/02/2018 autorizza il transito di pedoni e bici nel tratto liberato. L'ordinanza contiene anche una mappa sulla prossima area che verrà restituita e dove sono in corso i lavori per la scopertura delle teste dei pali. Ricordiamo che la suddetta area é stata liberata con un ritardo di circa 420 gg rispetto al crono-programma. Avendo consegnato una parte di Via Amari, la ditta Tecnis inizierà l'installazione delle barriere e della segnaletica a Piazza Castelnuovo. Probabilmente la chiusura, che doveva già essere operativa, avverrà Mercoledì 14 Febbraio. Ecco copia dell'ordinanza: Ti potrebbe interessare anche: Anello Ferroviario | Dal fondo di sviluppo e coesione 2014/20 100 milioni per il secondo stralcio Andamento dei lavori SCHEDA Anello Ferroviario di Palermo Monithon 2014: una “radiografia” completa all’Anello Ferroviario di Palermo">Monithon 2014: una “radiografia” completa all’Anello Ferroviario di Palermo Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
01 feb 2018

Anello Ferroviario | Dal 9 Febbraio chiusa Piazza Castelnuovo fino al 2019: scattano le modifiche al traffico. I dettagli

di Fabio Nicolosi

Sará la volta buona? Bisogna scavare negli archivi per scoprire che la chiusura di Piazza Castelnuovo era stata già annunciata i primi giorni del 2016, giusto due anni fa. Nell'ordinanza n°1825 del 28 Dicembre 2015 si legge che dal 7 Gennaio 2016 al 31 Marzo 2017, veniva autorizzata la Tecnis a chiudere totalmente l’area di Piazza compresa tra il Mc Donald e il “Tempietto”. Tutte le auto sarebbero state dirottate su Via Dante che sarebbe diventata a doppio senso per poi svoltare a destra proprio nei pressi dell’incrocio con Via Libertà. Era in programma la rimodulazione dei due semafori per rendere minimi i disagi agli automobilisti L'area però non venne mai cantierizzata in quanto il comune chiese delle garanzie prima di permettere una chiusura cosí importante in uno dei nodi cruciali della città. Quindi non solo il cantiere non venne avviato, ma si obbligò la ditta a completare i lavori nelle zone già concesse prima di poter lavorare in nuove aree. Torniamo dunque ad oggi. L'ordinanza n°61 del 30 Gennaio 2018 autorizza la Tecnis ad impegnare gradualmente le aree di Piazza Castelnuovo. Le aree infatti saranno concesse dal 9 Febbraio 2018 al 31 Gennaio 2019. La prima fase prenderá piede non prima di aver liberato l'area sopra via La Masa. La seconda fase da occupare entro il 23 Febbraio non appena si restituisce la permeabilità su via La Masa La terza e ultima fase da occupare entro il 29 Marzo non appena si restituisce completamente via Amari (la famosa Area 4) Appuntamento al 9 Febbraio, iniziate a guardare la mappa allegata cosi da prepararvi alla futura rivoluzione della viabilità. Ecco copia dell'ordinanza Se ancora vi state chiedendo come mai è necessario chiudere Piazza Castelnuovo vi ricordiamo che il primo lotto dell'anello ferroviario prevedere la realizzazione di alcune nuove stazioni tra cui la fermata Politeama. Alleghiamo due rendering di come ci aspettiamo che sarà la piazza dopo i lavori: Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
22 gen 2018

FOTO | Anello Ferroviario: in completamento il solettone dell’area 4

di Fabio Nicolosi

Nelle prime settimane di questo 2018 i lavori dell'anello ferroviario hanno incrementato il ritmo e giudicando anche dalle foto possiamo notare come in pochi giorni sia stato realizzando il solettone del secondo tratto di Via Amari verso il porto, impermeabilizzato e riempito con terreno che sarà adesso costipato. Bisognerà giungere alla quota stradale con ulteriori strati di terreno, posizionare i sotto servizi e lo strato di asfalto. Ricordiamo che secondo le ultime dichiarazioni di RFI, Via Amari prevede di essere resa totalmente carrabile entro il 28 Febbraio, quindi tra un mese. Sarà rispettata la data o chiesta un ulteriore proroga? I commercianti e residenti di Via Amari intanto proseguono le riunioni affinché si metta in atto una strategia comune per intentare una causa legale contro il comune e tutti gli enti responsabile affinché possano essere risarciti economicamente per il danno che essi hanno ricevuto dalla lentezza nell'esecuzione dei lavori. Ringraziamo renard78 per le foto Ti potrebbe interessare anche: Anello Ferroviario | Dal fondo di sviluppo e coesione 2014/20 100 milioni per il secondo stralcio Andamento dei lavori SCHEDA Anello Ferroviario di Palermo Monithon 2014: una “radiografia” completa all’Anello Ferroviario di Palermo">Monithon 2014: una “radiografia” completa all’Anello Ferroviario di Palermo Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
03 gen 2018

Anello Ferroviario | Dal fondo di sviluppo e coesione 2014/20 100 milioni per il secondo stralcio

di Fabio Nicolosi

Era il 2 Dicembre 2016, quando scrivevamo: Si torna a parlare di Anello Ferroviario, ma questa volta a dare una piacevole notizia è l’assessore regionale Giovanni Pistorio che in un tavolo tecnico convocato insieme ad RFI ha annunciato di essere a lavoro per il reperimento dei 120 milioni che consentirebbero la chiusura di questo anello ferroviario La Regione sta dialogando col governo nazionale per reperire le risorse destinate al secondo stralcio. I lavori oggi in corso, infatti, riguardano solo la prima parte del completamento con le fermate porto, Politeama e Lazio; il secondo stralcio chiuderà invece il cerchio con Malaspina che unirà così il Politeama a Notarbartolo. A distanza di più di un anno, la piacevole sorpresa... Ieri il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha firmato il decreto di riparto di 1,397 miliardi per le linee metropolitane, filoviarie e in generale del trasporto rapido di massa in città metropolitane e altre città. (Nuove risorse per linee metropolitane e urbane su ferro) Abbiamo perso l'ennesima occasione per la MAL? Si forse si, ma portiamo a casa anzi in città, una notizia importante. Sono stati destinati infatti 100 milioni di euro che serviranno a completare i lavori del secondo stralcio dell'anello ferroviario di Palermo. Al momento infatti i cantieri, riguardano solo il primo lotto che riguarda il prolungamento fino a Politeama della tratta esistente da Notarbatolo a Giachery attualmente in esercizio (a singolo binario, elettrificato). Il progetto include la realizzazione di tre nuove fermate: Libertà, Porto e Politeama La lunghezza dell’intervento è pari a circa 1,7 Km e si sviluppa in galleria artificiale a meno di un tratto di circa 190 m in trincea. Le principali opere d’arte previste nel progetto sono: Gallerie artificiali Crispi e Crispi/Amari; Fermata Porto in galleria artificiale; Sottopasso pedonale via Crispi – via Amari; Stazione Politeama in sotterraneo ubicata tra P.zza Politeama e P.zza Ruggero Settimo. Fermata Libertà in galleria artificiale in corrispondenza della esistente galleria Ranchibile in esercizio; Il Lotto 2 si estende invece per circa 1 km, dalla fermata Politeama alla fermata Notarbartolo, ha un’estesa di circa 1 km ed include la realizzazione della nuova fermata Malaspina che sarà collocata nei pressi dell’incrocio con Via Generale A. Cantore e che sarà molto utile per il collegamento con la stazione Notarbartolo, futuro nodo di interscambio tra passante ferroviario, anello, tram e bus. Qui trovate la scheda informativa pubblicata sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ovviamente la domanda che ci poniamo adesso sono molteplici? Quando vedremo i primi bandi? E i lavori? Sicuramente ci vorrà del tempo perchè siamo praticamente all'anno zero e occorre progettare il tutto e poi eseguire. Riusciranno a concludersi i lavori del primo lotto prima della fine dei lavori del secondo lotto? Vi terremo aggiornati... Ti potrebbe interessare anche: Anello Ferroviario | La regione siciliana alla ricerca dei fondi per il secondo lotto Andamento dei lavori SCHEDA Anello Ferroviario di Palermo Monithon 2014: una “radiografia” completa all’Anello Ferroviario di Palermo">Monithon 2014: una “radiografia” completa all’Anello Ferroviario di Palermo Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 47
Articolo
04 dic 2017

FOTO | Anello Ferroviario: completato il primo tratto del solettone di Viale Lazio

di Fabio Nicolosi

Era il 25 Ottobre, quando pubblicavamo le prime foto della demolizione delle teste dei pali. A circa un mese di distanza costatiamo come i lavori siano avanzati e sia stata completata la prima parte del lungo solettone che sará la copertura della futura galleria e fermata Libertá dell'anello ferroviario. Ricordiamo che il tratto di Viale Lazio compreso tra Via Libertà e Via Sicilia sarà parzialmente aperto entro fine 2017, così come previsto dall'O.D. n° 1406 del 11/10/2017. Bisognerà invece aspettare Febbraio 2018 per poter utilizzare l'intera carreggiata. Rimarrà invece area di cantiere Via Sicilia, dove sarà realizzata la rampa d'accesso al cantiere. Un importante passo avanti per l'intero quartiere, ostaggio da anni di un cantiere che è andato avanti molto lentamente. Ricordiamo infatti che lo stesso, secondo le tempistiche fornite dalla Tecnis doveva essere riaperto a Maggio 2016 e che i lavori su Viale Lazio dovevano durare solo 13 mesi. Ringraziamo giovanni75 per gli scatti: Riportiamo qualche dato direttamente dalla relazione generale descrittiva La fermata Libertà è situata lungo l’asse stradale di viale Lazio e si inserisce nell’esistente tratta interrata che attualmente collega la stazione di Notarbartolo alla fermata Imperatore Federico. La zona in cui è ubicata la nuova fermata si trova ai margini del centro cittadino in una zona densamente popolata, caratterizzata da alti edifici residenziali. La fermata, di tipo interrato, a semplice binario e a singola banchina, verrà realizzata al di sotto della sede stradale in galleria artificiale. Gli sbarchi dei nuclei di accesso sono stati disposti in viale Lazio ad angolo con via Sicilia. La realizzazione della fermata prevede la demolizione del tratto di strada su cui essa insiste. La circolazione nel tratto in questione, in seguito alla costruzione della fermata, verrà ripristinata come è attualmente in uso. L’accesso di servizio ai locali tecnici verrà collocato su Via Sicilia mediante una botola di accesso alla scala di servizio. La fermata è organizzata su 3 livelli: piano stradale, piano mezzanino e piano banchina. Alla quota stradale sono ubicati i nuclei di accesso verticale, caratterizzati dai volumi del corpo ascensore, della scala mobile e della pensilina di copertura della scala fissa; sono inoltre presenti gli sbarchi dell’uscita di sicurezza e le griglie dell’impianto di ventilazione/estrazione fumi e degli altri locali tecnici. Al piano mezzanino sono ubicati esclusivamente locali tecnici per un totale di circa 550 MQ (inclusi gli spazi di distribuzione e gli elementi di comunicazione verticale). Il piano banchina è caratterizzato dal marciapiede per l’imbarco/sbarco dei passeggeri dai convogli. Sono presenti inoltre altri locali tecnici per un totale di circa 640 MQ (inclusi gli spazi di distribuzione e gli elementi di comunicazione verticale). La banchina è lunga 90 m e larga 3 m, dotata di due uscite indipendenti che confluiscono in un unico percorso verso l’uscita. L’accesso ai locali tecnici avviene dal piano banchina e dal piano mezzanino, oppure mediante una scala di servizio collegata con l’esterno, non fniibile dal pubblico. Il nucleo di accesso ubicato al piano strada si compone di una scala fissa di larghezza 2,4 m, di una scala mobile in sola uscita e di un ascensore, per consentire l’uso dell’infrastruttura ai disabili motori. L’accesso costituito dalla scala fissa è protetto da una pensilina di copertura in vetro e metallo per garantire la protezione dagli agenti atmosferici e consentire la chiusura della fermata; invece la scala mobile non presenta elemento di copertura. Il parapetto presenta gli stessi elementi architettonici della pensilina, ovvero su uno zoccolo rivestito in pietra Billiemi si innesta il parapetto con montanti e mancorrente in scatolari di acciaio verniciato e funi di acciaio inox a completamento del parapetto. Per l’accesso alla fermata è stato previsto interdetto nelle ore notturne, durante il periodo di sospensione del servizio; la chiusura avviene per la scala fissa attraverso un cancello metallico a due ante posto all’imbocco del volume di copertura, per la scala mobile attraverso un cancello scorrevole al piano mezzanino. Sono previsti spazi per l’eventuale futuro inserimento dei tornelli al piano banchina, in maniera da essere idonei all’uso da parte dei portatori di handicap in prossimità dello sbarco dell’ascensore ad asse di rotazione orizzontale in prossimità delle scale fisse. Le scale sono dimensionate e posizionate in modo da avere un sufficiente numero di moduli per evacuare le persone dalla banchina e in modo da avere dei percorsi di fuga di lunghezza non superiore a 50 m. E’ stata garantita ai disabili visivi una facile accessibilità e fruizione dell’infrastmttura, attraverso la scala fissa e l’ascensore e con percorsi tattili. Ti potrebbe interessare anche: FOTO | Anello Ferroviario: Terminata la realizzazione dei pali, si passa al solettone su Viale Lazio Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
13 nov 2017

FOTO | Anello ferroviario: riprese le palificazioni presso la trincea Ucciardone

di Fabio Nicolosi

Dopo aver terminato le palificazioni presso Viale Lazio e Via Sicilia, la ditta a cui la Tecnis ha subappaltato i lavori di realizzazione dei pali di fondazione si é nuovamente spostata nell'area della trincea Ucciardone, dove credevamo erroneamente che i lavori fossero già stati conclusi e invece era solo una prima parte degli stessi. Ricordiamo che i lavori si articolano in quattro fasi: La fase 1 prevede: Dismissione dell’armamento esistente Realizzazione del prescavo Esecuzione di pali ø920/75 cm Realizzazione del tappo di fondo La fase 2 prevede: Realizzazione cordolo su pali 80X130 Demolizione porzione di palo non armato a destra, da eseguirsi per conci di lunghezza massima 3m realizzando il cordolo con paramento superiore prima di eseguire lo scavo successivo Predisposizione delle armature di collegamento alle pareti laterali La fase 3 prevede Scavo fino a quota magrone Realizzazione magrone Posa in opera dell’impermeabilizzazione Esecuzione solettone di fondo Realizzazione della pareti laterali, avendo cura di eseguire l’ultimo tratta a bassa pressione La fase 4 prevede: Posa in opera dell’armamento di progetto Realizzazione delle opere di finitura Ringraziamo giovanni75 per gli scatti: Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 19