Articolo
30 dic 2020

Collettore Fognario | Dal 7 Gennaio riprendono i lavori, prevista la chiusura di Via Roma, ma non solo

di Fabio Nicolosi

Da Gennaio la AMEC S.r.l. procederà all'ultimazione dei lavori di disinquinamento della fascia costiera dall’ Acquasanta al fiume Oreto – Adduzione delle acque al depuratore di Acqua dei Corsari mediante il potenziamento del “Sistema Cala”. Per consentire il completamento di tali opere saranno necessari provvedimento di chiusura strada e di deviazioni stradali. Sono tre le ordinanze dell'ufficio traffico emesse in questi giorni e che vi ricapitoliamo: - ORDINANZA N° 1122 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO NON OLTRE IL 26 FEBBRAIO 2021, O SINO ALL’ ULTIMAZIONE DEI LAVORI, SE PRECEDENTE TALE DATA VIA STEFANO CANZIO Tratto compreso tra piazzale Anita Garibaldi e viale Amedeo d’ Aosta: Chiusura al transito veicolare e strada senza uscita per la realizzazione di un pozzo. Istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. VIALE AMEDEO D’ AOSTA Chiusura del varco di uscita, ubicato nello slargo antistan- te la scuola Franchetti, con occupazione dell’ area ove sa- rà realizzato il pozzo. Istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. - ORDINANZA N° 1118 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO DAL 7/1/2021 AL 13/3/2021 O SINO ALL’ ULTIMAZIONE DEI LAVORI SE PRECEDENTE TALE DATA VIA ROMA Tratto compreso tra via Cavour e via F. Bentivegna, escluse Chiusura al transito veicolare e pedonale, ad eccezione di un camminamento protetto almeno su uno dei marciapiedi. VIA ROMA Sospensione della corsia riservata direzione Stazione Centrale nel tratto Amari – Cavour, con chiusura della stessa. VIA F. GUARDIONE Tratto compreso tra via Carella e via Roma: Strada senza uscita con istituzione del doppio senso di marcia sino al civ. 78. Chiusura al transito veicolare e pedonale tra il civ. 78 e via Roma, con istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. Su almeno un lato di marciapiede sarà lasciato un passaggio non inferiore a m. 1. VIA F. GUARDIONE (FASE 2) Tratto compreso tra via Villaermosa e via Roma: Strada senza uscita con istituzione del doppio senso di marcia sino al civ. 93. Chiusura al transito veicolare e pedonale tra il civ. 93 e via Roma, con istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. Su almeno un lato di marciapiede sarà lasciato un passaggio non inferiore a m. 1. VIA CAVOUR Tratto compreso tra via Roma e via Villaermosa: Mantenimento del doppio senso di marcia. VIA VILLAERMOSA Intero tratto: Sosta regolamentata in senso parallelo sul lato destro nel senso di marcia, laddove prevista. ► Per metri 15 prima della via Stabile, sui due lati della carreg- giata, vigerà il divieto di sosta con rimozione 0-24. ► Istituzione temporanea di fermata bus AMAT tra il civ. 39 ed il civ. 41 VIA M. STABILE Tratto compreso tra via Villaermosa e via Roma: Istituzione del senso unico di marcia in direzione mare. Per metri 15 dopo la via Wagner, sul lato sinistro nel senso di marcia, vigerà il divieto di sosta con rimozione 0-24. Fermarsi e dare la precedenza ai veicoli che percorrono via Roma. VIA M. STABILE Tratto compreso tra via Michele Amari e via Roma: Istituzione del senso unico di marcia in direzione monte. Fermarsi e dare la precedenza ai veicoli che percorrono via Roma. All'interno dell'ordinanza è contenuta anche l'indicazione dei percorsi alternativi che riportiamo integralmente: - ORDINANZA N° 1119 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO SINO DAL 7/1/2021 AL 28/2/2021 O SINO ALLA CONCLUSIONE DEI LAVORI SE PRECEDENTE TALE DATA VIA FRANCESCO CRISPI Sulle due carreggiate, in attraversamento, all’ altezza di via Domenico Scinà, in più fasi distinte, per consentire tutti i collegamenti, interessando solo parzialmente la carreggiata. Chiusura al transito veicolare e pedonale, prevedendo un camminamento protetto da monte a valle e viceversa.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2020

A29dir Alcamo-Trapani | Al via la gara per l’adeguamento di strutture e impianti della galleria Segesta in direzione Alcamo

di Fabio Nicolosi

Sulla Gazzetta Ufficiale di oggi è stato pubblicato il bando di gara finalizzato ai lavori di adeguamento delle strutture e degli impianti tecnologici della canna in direzione Alcamo della galleria Segesta, lungo l'autostrada A29dir "Alcamo-Trapani. L'appalto, che prevede un investimento complessivo pari a circa 18 milioni di euro, sarà aggiudicato mediante il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, assegnando un massimo di 20 punti alla componente prezzo e un massimo di 80 punti alla componente qualitativa. Le opere di adeguamento nella canna in direzione Alcamo saranno le medesime di quelle già realizzate nella canna adiacente e saranno costituite da interventi sia strutturali, mediante il risanamento del rivestimento interno, che impiantistici, mediante la realizzazione dei nuovi impianti di illuminazione e aerazione, di segnaletica luminosa, dell'impianto radio, dei sistemi SOS, telecontrollo, videosorveglianza e rilevazione incendi, oltre che dell'installazione del sistema idrico antincendio. La durata dei lavori è fissata in 700 giorni, comprensivi di 30 giorni per andamento stagionale sfavorevole, a decorrere dalla data di consegna all'impresa aggiudicataria. Le offerte digitali, corredate dalla documentazione richiesta, dovranno pervenire sul portale acquisti di Anas (https://acquisti.stradeanas.it) entro le ore 12:00 del 18 gennaio 2021. I documenti di gara sono disponibili sul portale acquisti, nella sezione "Bandi e Avvisi". Anas ha aderito al Protocollo d’Intesa tra le Prefetture della Regione Sicilia del 14 Novembre 2016, per garantire il rispetto della legalità nei cantieri.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
27 dic 2020

Vaccino anti-Covid giunto a Palermo, al via le somministrazioni

di Antony Passalacqua

Palermo  - Scatta in Sicilia l’operazione EOS Vaccine-Day. Alle 23,22 del 26 Dicembre 2020, è atterrato all’aeroporto internazionale di Palermo “Falcone Borsellino” un C-27J AM dell’aeronautica militare 46esima Brigata proveniente dall’aeroporto hub di Pratica di Mare, dopo una tappa a Cagliari, con a bordo una prima trance di dosi di vaccino anti-covid della Pfizer. Custodito nella pancia dell’aereo, il prezioso carico è stato sbarcato con l’assistenza dell’handler GH Palermo e quindi preso in carico dai Carabinieri, per il trasporto fino a Palermo. Oggi, infatti, verranno somministrate le prime dosi ai sanitari degli ospedali del capoluogo siciliano. Dopo Le operazioni di sbarco merci, l’aereo ha ripreso quota verso un altro aeroporto Italiano. “Nella lotta al virus, l’aeroporto di Palermo è parte del progetto di distribuzione del vaccino, come subhub, assieme ad altri aeroporti italiani - afferma Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap, la società di gestione dello scalo aereo palermitano - Continuiamo a dare il nostro contributo, in una battaglia che ci ha visti in prima linea sin dall’inizio della Pandemia in azioni per garantire maggiore sicurezza dei passeggeri”. Nota a margine Abbiamo previsto anche i commenti dei complottisti, quelli che pensano che l'imballo ritratto nella foto sia come quelli di Amazon. Vi invitiamo a cliccare qui  per i relativi approfondimenti.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
22 dic 2020

Porto di TRAPANI | Pubblicato il concorso internazionale di idee per la progettazione del waterfront

di Fabio Nicolosi

L’Autorità di Sistema Portuale (AdSP) del Mare di Sicilia Occidentale bandisce un Concorso internazionale di idee per la progettazione del waterfront storico di Trapani. Il Concorso ha come obiettivo l’elaborazione di idee per il progetto dell’interfaccia urbana e la parte del porto sita nel waterfront storico, dell’edificio del nuovo Terminal Passeggeri e delle aree di interfaccia con la città. Il progetto dovrà contribuire a una migliore integrazione degli spazi del “waterfront storico” dedicato ai passeggeri e a funzioni urbano-portuali, con la vita della città. L’area oggetto del Concorso è il waterfront storico che si inserisce all’estrema punta occidentale della città, sul versante meridionale. In quest’area il porto è in stretta relazione con i quartieri storici della città (San Lorenzo e san Francesco), più prossimi al mare, e con ampie aree di pregio ambientale. L’area comprende l’ambito portuale che intercorre fra la Stazione Marittima, la parte terminale della passeggiata alla Marina - Viale Regina Elena, il Porto peschereccio, l’area di Sant’Antonio, sulla quale si trova il Lazzaretto sede della Lega Navale, Via Catulo Lutazio e la piazza antistante. Infine, l’area include l’isola su cui sorge la Fortezza della Colombaia. Oggi questo tratto del porto è caratterizzato da una compresenza di usi molto diversi alla cui armonizzazione il progetto dovrà contribuire. La forte potenzialità turistica del porto di Trapani ha fatto crescere la vocazione a una sempre più intrinseca interazione porto-città di questa area portuale e determinato il potenziamento delle banchine a servizio del traffico passeggeri e crocieristico, grazie anche al trasferimento sulla riva opposta del porto delle antiche attività legate allo sbarco e imbarco delle merci e la conseguente parziale eliminazione delle barriere doganali che impedivano la vista del mare. Oggi la Banchina Viale Regina Elena e l’area della Stazione Marittima si configurano come parti attive del porto in grado di svolgere in futuro sempre più il ruolo di porta turistica alla città storica e, quindi, richiedono interventi di riqualificazione in grado di assicurare funzionalità portuali altamente qualificate e servizi. La darsena pescherecci mantiene la sua flotta da pesca della marineria locale e caratteri unici da valorizzare con un rinnovamento delle infrastrutture a servizio dell’attività peschereccia, la razionalizzazione delle attività esistenti e, nel contempo, con progetti mirati ad aprire l’intera area, valorizzandone gli aspetti turistici dovuti alla particolarità dei luoghi. Lo specchio acqueo compreso tra l’antico complesso del Lazzaretto e la Fortezza della Colombaia costituisce un contesto di eccezionale valore storico e paesaggi- stico che ha il suo centro sull’isola della Colombaia. Sull’isola, oggi inaccessibile se non per mezzo di imbarcazioni, sorge, infatti, l’antica Fortezza omonima di cui si intende favorire la pubblica fruizione ga- rantendone un utilizzo di alto profilo sotto l’aspetto culturale e l’accessibilità pubbli- ca alle aree ad alto valore ambientale. Il Concorso, dunque, intende riconfigurare il Lungomare Sud, l’area della Darsena pescherecci e quelle aree portuali che sono vocate ad assolvere sempre più funzioni legate alla crocieristica e alla nautica da diporto attraverso un processo che potenzi l’immagine turistica della città e che si adatti alle nuove esigenze di sviluppo della città. Il disegno di una nuova interfaccia città-porto intende mettere in stretta relazione l’assetto storico preesistente fortemente stratificato tramite le attività della nautica, della crocieristica e con funzioni urbano-portuali capaci di valorizzare le grandi qualità paesaggistiche dell’area. La realizzazione di un nuovo terminal multifunzionale e di nuovi servizi portuali adeguati intendono sfruttare il richiamo esercitato dal rilevante patrimonio di beni culturali, ambientali e paesaggistici, della città e, al contempo, l’apertura di aree oggi interdette e la riqualificazione degli spazi esistenti mirano a restituire alla città e alla fruizione della sua comunità il suo porto. L'importo presunto delle opere da progettare è di 36.453.965,00 EUR, compreso oneri della sicurezza. Gli oneri di progettazione ammontano a 1.828.419,82 EUR, comprese spese ed oneri accessori, esclusi oneri previdenziali e IVA Il montepremi complessivo è di 62 000,00 EUR di cui I premio di 36 000,00 EUR, II premio di 12 000,00 EUR, III premio di 5 000,00 EUR, IV premio di 4 500,00 EUR e 4 500,00 EUR per n. 3 eventuali segnalazioni per originalità della proposta ideativa relativamente a taluni ambiti (1 500,00 EUR cadauno) Termine per il ricevimento dei progetti o delle domande di partecipazione Data: 15/02/2021 Ora locale: 10:00

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 dic 2020

Parte la progettazione della fognatura in via Cruillas

di Fabio Nicolosi

L’intervento eviterà gli scarichi abusivi nel canale Mortillaro. E’ partita in mattinata la progettazione della fognatura di via Cruillas a Palermo. Si tratta di uno dei tredici interventi gestiti in città dal Commissario Unico per la Depurazione Maurizio Giugni, che concorrono al superamento dell’infrazione comunitaria in tema di acque reflue urbane, per la quale l’Italia è condannata (sentenza C-565/10) al pagamento di una sanzione pecuniaria. Alla consegna formale delle attività erano presenti il Subcommissario per la Depurazione Riccardo Costanza, il Comune di Palermo con l’assessore ai Lavori Pubblici Maria Prestigiacomo, il Presidente di AMAP Alessandro Di Martino, il responsabile del Procedimento Cecilia Corrao (Sogesid) e il raggruppamento vincitore dell’appalto (C.&S. Di Giuseppe Ingegneri Associati S.r.l. Socio Unico). Nei prossimi 45 giorni (per un importo di circa 166 mila euro) dovrà prendere forma il progetto esecutivo, incentrato sulla regolamentazione della rete fognaria in via Cruillas e nelle zone limitrofe, con l’eliminazione degli scarichi abusivi di liquami nel canale Mortillaro che hanno determinato notevoli inconvenienti igienico-sanitari. Nuovi collettori intercetteranno gli scarichi e convoglieranno i reflui nelle esistenti reti fognarie di via Cruillas e via Badia. “L’avvio della progettazione – spiega il  Subcommissario Costanza, resopnsabile per gli interventi in Sicilia– è uno step importante per un intervento che vale circa sette milioni di euro e rappresenta una vera priorità per la depurazione cittadina. Lo step successivo – ricorda Costanza - sarà la gara per affidare la vera e propria realizzazione dell’intervento, sulla base del progetto esecutivo redatto”.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 dic 2020

RAP | I mezzi aziendali marchiati con le bombolette spry

di mobilita

C'era una volta dei camion della RAP nuovi e bianchi.. Sembra l'inizio di una favola con il lieto fine, invece l'immagine che vi mostriamo racconta l'inizio di un horror. Quello che vedete è uno dei mezzi Mercedes acquistati dalla RAP, mezzi acquistati anche tramite i nostri contributi che in RAP hanno ben pensati di marchiare con delle bombolette spry. Chi ha autorizzato tale scempio? E perché mai lo ha autorizzato? Non vi erano sufficienti fondi per acquistare gli adesivi? Allora era tanto difficile fare delle sagome dei numeri con il cartone e spruzzare i numeri in modo ordinato? Un lavoro fatto veramente con i piedi. Non contenti la matricola del mezzo è stata ripetuta con altre due bombolette di colore diverso anche sul fianco della cabina, come mai? E purtroppo questo non è l'unico automezzo, il che rafforza ancora di piú il concetto che non sia stato fatto casualmente Chiediamo l'intervento urgente del presidente Norata e della dirigenza RAP. Vanno chieste le scuse a tutti noi cittadini che questi mezzi li abbiamo pagati con le tasse che oggi ci ritroviamo dei mezzi mascherati con delle bombolette spry. Adesso chi pagherà il ripristino dei mezzi?

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
17 dic 2020

AMG Energia | Piazza Indipendenza-Corso Re Ruggero: attivato il nuovo semaforo

di Fabio Nicolosi

E’ entrato in funzione il nuovo semaforo di piazza Indipendenza all’altezza dell’intersezione con corso Re Ruggero. Gli operatori di AMG Energia hanno completato i lavori di modifica e aggiornamento dell’impianto, nell’ambito del progetto relativo al miglioramento della sicurezza e del decoro delle aree esterne di Palazzo d’Orleans. L’intervento è stato eseguito d’intesa con l’ufficio Mobilità del Comune di Palermo. Il vecchio semaforo a doppio braccio era inattivo (in modalità lampeggiante) in seguito alle modifiche subite, nel tempo, dalla circolazione della zona. Adesso è tornato a funzionare come impianto sia di tipo veicolare che pedonale a chiamata. Con i lavori eseguiti, AMG Energia ha rimesso in funzione l’impianto, razionalizzandolo e ammodernandolo. “Le vecchie lanterne avevano lampade ad incandescenza, quelle nuove hanno luci led - spiega il presidente di AMG Energia, Mario Butera - Con l’attivazione del nuovo impianto si migliora la sicurezza dell’incrocio e, in generale, di una zona intensamente frequentata non solo da turisti ma anche da studenti universitari”. Il semaforo è stato spostato, in modo da allinearlo all’attraversamento pedonale, ed è dotato di pulsanti per la prenotazione da parte dei pedoni. E’ formato da un palo a sbraccio con lanterna su pannello di contrasto, da una palina con due lanterne pedonali led e da due lanterne veicolari led. Un intervento di riparazione, infine, è già stato programmato per il ripristino della piena funzionalità dell’impianto di illuminazione di piazza Indipendenza: le attività verranno avviate nei prossimi giorni.

Leggi tutto    Commenti 2