25 nov 2020

ANELLO FERROVIARIO | Cantieri in ritardo, previste ancora settimane di disagi


Nella giornata di ieri sono pubblicate sulle testate locali notizie importanti circa l’appalto dell’anello ferroviario di Palermo.

L’opera in costruzione prevede la divisione in due stralci, il primo lotto (lavori in corso) prevede il prolungamento della linea dalla stazione Giachery a Piazza Castelnuovo (Politeama) con una galleria di 1,7 km. Il secondo lotto (presentato il progetto definitivo) permetterà la chiusura dell’anello da Piazza Castelnuovo (Politeama) alla Stazione Notarbartolo con un ulteriore tunnel.
Nel primo lotto saranno realizzate 3 fermate: Libertà, Porto e Politeama (immagine di copertina)

Le tre tonalità di verde riguardano la linea in esercizio (verde scuro), il lotto 1 in costruzione (verde chiaro), il lotto 2 da realizzare (in verde trasparente):

Mappa_passante_anello_ferroviario_Palermo

Il dettaglio della divisione dei lavori, in rosso il lotto 1, in viola il lotto 2:

anello_ferroviario

Dopo questa premessa, fondamentale perché spesso si fa ancora confusione tra le opere in corso di costruzione, abbiamo ritenuto necessario riportare in un’unico articolo le dichiarazioni dei vari politici, ma sopratutto abbiamo sentito i responsabili della D’Agostino Costruzioni.
All’impresa che ha preso in carico i lavori dalla fallita Tecnis già in notevole ritardo sul cronoprogramma iniziale e che ha dimostrato di essere in grado di rispettare cronoprogrammi e scadenze daremo maggiore spazio per lasciare parlare chi questa opera la sta costruendo e non chi, come i politici, l’opera la usano per farsi pubblicità positiva / negativa.

Dividiamo quindi i lavori in corso sul lotto 1 in tre macroaree.

1) Via Amari alta e Piazza Castelnuovo
2) Area porto
3) Via Sicilia

1) Via Amari alta e Piazza Castelnuovo

I cantieri su via Amari interessano il tratto compreso tra via Roma e via La Lumia (Area 6.2A, Area 6.2B)
I cantieri su piazza Castelnuovo sono due, il primo (Area 6.4) interessa l’incrocio con corso Ruggero Settimo; il secondo (Area 7.2B, Area 7.2C) l’area a monte nei pressi di via Paternostro
cantieri anello

Il ritardo su incrocio Ruggero Settimo / Amari (Area 6.4) è dovuto al ritardo accumulato su area 6.2 dopo alluvione del 15 luglio in conseguenza del quale si sono dovuti rifare tutti gli interventi ai sottoservizi per l’allagamento di pozzetti e canalizzazioni perdendo 45 giorni e boccando la trivella che è rimasta intrappolata.
Ulteriore ritardo di 8 giorni è dovuto all’attesa delle autorizzazioni del Genio Militare a seguito della bonifica bellica.

A complicare il tutto gli spazi ristretti in cui si sono trovate ad operare le trivelle, sempre in area 6.4, ove si è aggiunta la difficoltà di perforare la quarzareniti presente in banchi importanti che hanno ridotto la produzione usuale dei macchinari, dimezzandola, in relazione anche al continuo monitoraggio delle vibrazioni che vanno mantenute entro dei limiti molto restrittivi per non danneggiare il chiosco ed il fabbricato ad angolo Amari sottoposti a monitoraggio continuo.
Tutto ciò ha fatto saltare le previsioni del nodo di circa 70 giorni.
Si è deciso, in accordo con RFI e Comune di Palermo di aprire un passaggio pedonale lungo via Ruggero Settimo dal 15 Dicembre al 10 Gennaio, per rendere continuo l’asse viale Libertà – piazza Massimo.

In merito all’area 7.2c i lavori seguono il cronoprogramma.
Negli ultimi giorni Rfi ha deciso di anticipare adesso, che le attività commerciali sono rallentate per il covid e il cantiere è ancora attivo l’intervento di costruzione della paratia di pali plastici di innesto al nuovo lotto, affidandola a D’Agostino.
Se non si fosse effettuata ora, l’operazione si sarebbe effettuata tra un paio di anni comportando la chiusura della piazza, danneggiando nuovamente le attività commerciali.
Si prevede di consegnare le aree entro Febbraio 2021, ad eccezione della discenderia Sant’Oliva da cui si inizierà lo scavo della fermata Politeama e della galleria Politeama / Amari

Infine i cantieri su via Amari nel tratto compreso tra via Roma e via La Lumia (Area 6.2A, Area 6.2B) proseguono velocemente e le aree saranno liberate e restituite alla cittadinanza entro fine Novembre.

2) Area porto

DJI_0011

I cantieri in zona porto stanno aspettendendo l’autorizzazione regionale, ormai imminente, dell’impianto di BioSoil Washing che è in corso di realizzazione a Sampolo per trattare le terre inquinate del porto per massimizzare il recupero delle terre evitando di intasare le discariche.
Ad inizio 2021 si prevede di iniziare lo scavo della galleria Amari proprio dal porto

3) Via Sicilia

anello-ferroviario-via-sicilia-cancelleri-1-1024x814

Si è trovata una soluzione tecnica per permettere di proseguire i lavori limitando le aree interessate dal cantiere.
L’area della rampa di accesso alla futura fermata sarà riconsegnata entro l’estate, permettendo nuovamente la sosta.
I lavori in sotterranea invece proseguiranno per tutto il 2021. Sarà necessario realizzare i locali tecnici e l’attrezzaggio tecnologico necessario alla funzionalità di una fermata ferroviaria.
L’utilizzo di pareti ventilate con elementi prefabbricati consentirà una facile movimentazione del cantiere e quindi un minor impatto in superficie, riducendo quindi le aree di movimenti di mezzi e operai.

Vi lasciamo adesso alle dichiarazioni dei vari politici. Vediamo se riuscite a notare le differenze tra chi fa e chi si prende i meriti


“Il 30 novembre apriremo via Amari e se non ci fosse stata la pioggia saremmo già stati pronti per domani, quindi con una settimana di anticipo rispetto alla tabella di marcia”.
Nella parte centrale, purtroppo, nel sottosuolo abbiamo trovato delle rocce che sono molto dure – spiega – e la vibrazione dello scavo avrebbe compromesso le strutture del Politeama e del chiosco di Ribaudo. Per questo motivo Rfi ha dovuto adottare una soluzione tecnica, in accordo con la Sovrintendenza, che prevede la perforazione del sottosuolo con una macchina più piccola che produce meno vibrazioni, dopodiche’ si procederà nuovamente con la macchina più grande che troverà la via già libera. Questo problema ha causato un allungamento dei tempi, non di molto a dire il vero”.
“Ci fermeremo per una quindicina di giorni tra dicembre e gennaio – aggiunge – per dare la possibilità di aprire un passaggio pedonale dando il via libera anche ai commercianti per questa passeggiata che da via Libertà arriva fino al teatro Massimo. Covid permettendo proviamo ad aiutare anche i commercianti della città. A partire da metà gennaio ci rimettiamo al lavoro per completare tutto entro il 28 febbraio, liberando l’area da tutti i cantieri. Resterà solamente una piccola fascia dove da sopra ci sarà una passerella pedonale ma da sotto ci sarà l’imbocco per permettere agli operai e ai mezzi di entrare perchè sottoterra continueremo naturalmente a lavorare, fino alle definizione”.
In merito ai ritardi, ribadisce: “E’ un inconveniente che non potevamo prevedere e al quale i tecnici di Rfi hanno dovuto sopperire con grande intelligenza, ecco facciamoci carico di questo piccolo ritardo che però conserva i monumenti della città. Un passo avanti per quanto riguarda via Amari c’è, perché la libereremo entro questa settimana e certamente sarà un bel vedere avere per il periodo di Natale questa passerella disponibile”.
Lo ha dichiarato Giancarlo Cancellieri

“Siamo perfettamente coscienti del grande sforzo compiuto in questi mesi per recuperare i tanti, troppi mesi perduti dopo il fallimento della precedente impresa, ma comprendiamo anche che ogni ulteriore giorno di ritardo è motivo di preoccupazione per tutti coloro che dal cantiere subiscono un danno.
Soprattutto in questo periodo e ancor di più in vista di un periodo festivo che si preannuncia estremamente complicato per il Covid-19, chiediamo ad RFI ed all’impresa un ulteriore sforzo, in quello spirito di collaborazione che ha caratterizzato gli ultimi mesi di contatti e incontri”.
Lo ha dichiarato il sindaco, Leoluca Orlando.

“Appena appreso dell’ulteriore ritardo del cantiere dell’anello ferroviario in via Amari e nella zona del Teatro Politeama, l’Amministrazione comunale ha chiesto ad RFI e alla impresa esecutrice di predisporre quanto prima delle soluzioni tecniche che limitino i disagi per i residenti e i danni per i commercianti della zona.
Oggi, il vice Ministro Giancarlo Cancelleri ha comunicato che verranno sospese le attività durante le festività natalizie, garantendo il passaggio pedonale all’incrocio con via Ruggero Settimo e sostituendo le barriere del cantiere con degli elementi trasparenti per non creare
barriere visive; sono fra gli interventi che proprio l’Amministrazione aveva chiesto durante l’ultima videoconferenza”.
Lo hanno dichiarato gli assessori alla Mobilità, Giusto Catania, ed alle Attività Economiche, Leopoldo Piampiano.

“Il viceministro Cancelleri che annuncia il ritardo di tre mesi della fine dei lavori dell’anello ferroviario in via Amari e nella zona del Teatro Politeama dopo che pochi giorni fa Rfi e Italfer avevano assicurato la fine dei lavori il 30 novembre è una doccia fredda per i palermitani, commercianti e residenti, che non possono restare ostaggio di un cantiere infinito che ha già fatto pesanti danni alle attività produttive della zona per lo stop alla circolazione, come se non bastasse già la crisi determinata dalle restrizioni per il Covid 19.
Chiederò un incontro in commissione con Rfi e Italfer alla presenza degli assessori alla Mobilità, Giusto Catania, ed alle Attività Economiche, Leopoldo Piampiano, per chiedere conto di questo ulteriore ritardo. Ogni giorno in più che passerà dal 30 novembre senza una data certa di fine lavori, a maggior ragione in vista di un periodo di festività natalizie che si preannuncia estremamente complicato a causa della pandemia, potrebbe essere un’ulteriore saracinesca che chiuderà. Il Comune ha il dovere di dire con chiarezza e celerità come ha intenzione di procedere. I palermitani devono sapere”.
Lo dichiara Alessandro Anello, consigliere comunale della Lega e vice presidente della commissione Attività produttive.

“Il ritardo di tre mesi della fine dei lavori in superficie in piazza Castelnuovo, annunciato dal Viceministro Cancelleri, rappresenta l’ennesima beffa per i cittadini e i commercianti, ai quali era stato assicurato che la chiusura a luglio della piazza avrebbe consentito di liberare l’area entro fine novembre. Lo stesso Viceministro, durante una visita dello scorso mese di luglio, aveva annunciato che la città di Palermo sarebbe stata liberata da tutti i cantieri in superficie entro il 30 novembre. Si è trattato di una falsa promessa, visto che anche in via Sicilia i lavori continueranno fino a fine maggio. Vigileremo affinché almeno queste nuove date di fine lavori vengano rispettate, così da restituire finalmente piazza Castelnuovo e via Sicilia ai palermitani”.
Lo ha dichiarato il presidente della VIII Circoscrizione Marco Frasca Polara.


amariamari cantiereamari cantieriAnello Ferr.anello ferroviarioanello ferroviario palermoarea 6cantiere amaricantiere emerico amarichiusura stradechiusura via amaricomune di palermod'agostinoD'Agostino costruzionidisagiEmerico Amarifine lavoriflash anelloinizio lavori anello ferroviariomappa anello ferroviario palermometro a fermatemetro palermometropolitana palermomobilitamobilita palermopalermo anello ferroviariopalermo portoprogetto anello ferroviarioregione siciliaregione sicilianarfisecondo lottosecondo lotto anello ferroviarioSegnalatisikeliastato lavori anello ferroviario palermotecnistrenitaliatreno palermo


Lascia un Commento