Articolo
22 feb 2021

La pista ciclabile di viale Campania fra anarchia e abusivismo

di Mobilita Palermo

Palermo - Si è svolta questa mattina lungo viale Campania una seduta indetta dalla VI Commissione Consiliare (Programmazione, Sviluppo economico e attività produttive - Lavoro e artigianato - Mercati e Mercatini - Polizia municipale - Turismo e attività culturali) e per dibattere su delle problematiche legate alla pista ciclabile che "inciderebbe negativamente sulle attività commerciali". Invitati i rappresentanti di Confesercenti e della Consulta della Bicicletta . Mobilita Palermo facendo parte della Consulta ha voluto assistere all'assemblea che ti è tenuta all'aperto nel pieno rispetto delle norme sul distanziamento. Un confronto dove da una parte la Commissione Consiliare appoggiava le perplessità (legittime) da parte di Consefercenti  che chiede lo spostamento della ciclabile  lato mercatino in quanto dannosa per alcune attività commerciali. La Commissione ha fatto notare che il mercatino è lì presente in maniera provvisoria...ma a Palermo la parola "provvisoria" si presta a molteplici significati. Da un altro lato i rappresentanti della Consulta che argomentando la propria scelta anche in virtù della presenza del mercatino che non può convivere con una ciclabile, rimane nell'attesa che il Comune possa attuare o meno la proposta già formulata sull'incrocio con via Emilia.   Ulteriori perplessità sono sorte quando alcuni consiglieri hanno parlato di pista ciclabile che restringerebbe la strada aumentandone il traffico. E proprio mentre si svolgeva il dibattito, questo è quanto accadeva in viale Campania sotto gli occhi di tutti: si nota sullo sfondo un vigile urbano intento a richiamare gli automobilisti in sosta. All'assemblea era anche presente il C.te della Polizia Municipale.     Strada che da tre corsie era passata a solamente due di marcia . Ma lo scenario non cambia granché e in special modo quando la pattuglia è andata via. Il Suv bianco è sempre rimasto lì.     Magari si avrà l'autorizzazione da ambulante  o altro, ma abbiamo dubbi sopra le strisce pedonali. Subito dopo l'incrocio con via Brigata Verona il traffico è più scorrevole ma anche qui  non manca la sosta selvaggia.     E anche sul lato opposto in direzione viale Lazio non si scherza     La VI Commissione si riaggiornerà col Suap chiedendo lo spostamento del mercatino. Da altre fonti istituzionali, abbiamo appreso che già durante il lockdown era stato chiesto lo spostamento del mercatino verso luoghi più idonei e attrezzandoli di bagni chimici. Senza però alcun riscontro. Al di là di tutto, le immagini sono eloquenti e la ciclabile ha messo semplicemente a nudo tante contraddizioni di questa città.          

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
17 feb 2021

AMAT | Modifica temporanea percorso linee 544, 603, 614 e 806

di Mobilita Palermo

A partire dalle ore 09,45 di lunedì 15 Febbraio 2021 a causa dell’istituzione del senso unico di marcia in via Principe di Scalea, nel tratto e nel senso compreso tra via Anadiomene e via Mondello, le linee 544, 603, 614 e 806 provenienti da viale Regina Elena – via Teti, svoltano a destra per via Principe di Scalea a sinistra via Mondello a sinistra via Palinuro e riprendono il loro percorso da via Galatea, verso sinistra le linee 544, 603 e 806 dirette in via Principe di Scalea, mentre verso destra la linea 614 diretta a Partanna Mondello.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
08 feb 2021

Le nuove linee tranviarie senza catenaria e pali: i dettagli

di Mobilita Palermo

Cominciamo da oggi una serie di approfondimenti circa il progetto di ampliamento delle nuove linee tranviarie. Tracciati, fermate, rifacimento aree pedonali, rifacimento svincoli sulla Circonvallazione e alberature. Un tour a 360° ricco di informazioni e dettagli basandoci sui documenti del progetto definitivo. La tecnologia che verrà utilizzata  è interamente catenary free (priva di pali e linea aerea di contatto come le attuali linee in esercizio) e attualmente in uso, seppur con diverse soluzioni, in alcune città in Europa come Bordeaux, Siviglia,  Nizza tanto per citarne qualcuna. Fra i produttori spiccano colossi come Alstom, Bombardier, Hitachi, Siemens.   LE NUOVE LINEE  Il sistema scelto per la città di Palermo sarà con modalità di ricarica dei sistemi di accumulo ovvero ricarica presso delle fermate tramite pantografo. La tratta “A” Stazione Centrale-Croce Rossa sarà realizzata interamente catenary free assieme alla tratta B Notarbartolo-Giachery e tratta C Calatafimi-Stazione C.le. Il progetto di Palermo prevede le seguenti Sotto Stazioni Elettriche (S.S.E.) che alimenteranno quelle fermate attrezzate per la ricarica delle batterie a bordo dei rotabili. Ricarica che ribadiamo avverrà dall'alto tramite il pantografo. Le S.S.E. sono: • SSE1 BORGO VECCHIO • SSE2 LAURANA • SSE3 VILLA SOFIA • SSE4 NOTARBARTOLO • SSE5 GIACHERY • SSE6 BASILE Ogni SSE avrà la capacità di sostenere la ricarica di 2 tram alimentando ogni barra a 750Vcc con due cavi feeder da 300mmq. Le Fermate di ricarica sono: Borgo Vecchio-- SSE1 BORGO VECCHIO Cavour --SSE1 BORGO VECCHIO Villa Bianca --SSE2 LAURANA Giardino Inglese-- SSE2 LAURANA Villa Sofia --SSE3 VILLA SOFIA Giachery --SSE5 GIACHERY Stazione Notarbartolo --SSE4 NOTARBARTOLO Basile --SSE6 BASILE Infine  Giulio Cesare (in corrispondenza dello spartitraffico di fronte  piazza S.Antonio) e Stazione Centrale/Balsamo. Al Terminal Stazione Centrale/Balsamo e Giulio Cesare sono previsti degli interventi al sistema di Alimentazione Elettrica per collegare l'impianto di ricarica alla linea elettrica esistente attualmente in esercizio. Qui l'elenco delle fermate relative alla linea A  Stazione C.le-Croce Rossa     Fatto questo quadro, ci ritroveremo quindi con determinate tipologie di pensiline. Dal progetto definitivo, "Il sistema di fermata è stato articolato con una modularità ed adattabilità in funzione dello spazio urbano in cui si inserisce, e adattabile alle diverse situazioni di spazio". Qui riportiamo gli esempi della pensilina di fermata, pensilina con funzione di ricarica  e il palo di fermata.               E prendendo ad esempio la fermata "Borgo Vecchio" dove avverrà la ricarica, riportiamo alcune planimetrie dal progetto definitivo             Siamo certi che il lettore potrà farsi un proprio libero giudizio, potendo così notare molte incongruenze rispetto ad altre informazioni e/o dichiarazioni che circolano sul web. Ma continuiamo a ripeterlo:  la comunicazione istituzionale è praticamente assente.

Leggi tutto    Commenti 18
Articolo
29 gen 2021

Aeroporto di Palermo | Da aprile Palermo e Torino saranno collegate da Blue Air

di Fabio Nicolosi

A partire dal 2 aprile 2021, Blue Air apre la nuova rotta Palermo - Torino, con tre voli settimanali. I voli sono già in vendita. I prezzi partono da 19,99 euro, solo andata, tasse e commissioni incluse. inoltre, tutte le prenotazioni includono un cambio gratuito - l'opzione di cambiare le date del volo una volta, senza pagare la tassa di modifica. “Per l’aeroporto di Palermo si tratta dell’arrivo di una nuova e prestigiosa compagnia - afferma Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap, la società di gestione del “Falcone Borsellino” - La rotta per e da Torino è solo l’inizio di una proficua collaborazione per ampliare l’offerta dei collegamenti dallo scalo aereo palermitano”. Il nuovo volo si inserisce nel piano di investimenti sul segmento nazionale che Blue Air ha avviato su Torino, collegando la città con 8 tra le principali destinazioni italiane: Bari, Lamezia Terme, Napoli, Alghero, Cagliari, Catania, Trapani e infine Palermo. Blue Air opererà con 4 voli settimanali che collegano Torino e Palermo, secondo il seguente orario: Giorno Torino - Palermo Palermo - Torino Domenica, lunedì, mercoledì, venerdì 13:30 – 15:10 15:55 – 17:35 Krassimir Tanev, Direttore Commerciale di Blue Air, ha dichiarato: “ Siamo lieti di offrire più opzioni di viaggio ai nostri clienti aggiungendo questa rotta molto richiesta per Palermo alla nostra rete da Torino. Nonostante l'attuale contesto, siamo fiduciosi che le misure implementate produrranno risultati significativi e che i nostri clienti potranno volare verso le loro destinazioni preferite dal periodo pasquale. Le prenotazioni che stiamo ricevendo sono incoraggianti. Ci impegniamo a continuare a sviluppare il nostro network da Torino che collega tutte le regioni chiave in Italia offrendo un servizio clienti di prima classe a prezzi molto convenienti.” Andrea Andorno, Amministratore Delegato di Torino Airport, ha dichiarato: “Siamo felici che Blue Air abbia deciso di ampliare ulteriormente il proprio network di destinazioni nazionali servite dall’Aeroporto di Torino aggiungendo la rotta Torino-Palermo. In uno scenario ancora influenzato dall’incertezza, la scelta di soddisfare una domanda che ci attendiamo crescente di voli per la Sicilia nella prossima stagione estiva, dimostra l’attenzione che la compagnia sempre pone ai viaggiatori da e per la nostra area.”. A proposito di Blue Air: Blue Air è la prima compagnia aerea rumena per numero di passeggeri trasportati, con un modello di business Ultra-Low-Cost (ULC) e con un approccio incentrato sulle esigenze dei passeggeri. La flotta è composta da Boeing 737. Nei suoi 16 anni di attività, Blue Air ha trasportato oltre 32 milioni di passeggeri e ha volato per oltre 340 milioni di chilometri. L'azienda è certificata IATA Operational Safety Audit (IOSA) dall'International Air Transport Association (IATA) per gli standard operativi eccezionali ed è membro IATA.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 gen 2021

Tom Tom Traffic Index 2020 | Palermo si sarebbe confermata la città più congestionata in Italia, anche senza Covid

di antony977

Palermo - Ebbene si, vogliamo aprire il dibattito proprio con questo titolo e dirci con tutta onestà intellettuale che difficilmente in una situazione priva di pandemia, i vertici della classifica si sarebbero invertiti. Ci riferiamo al verdetto del Tom Tom Traffic Index 2020 che ogni anno stila una classifica calcolando il livello di congestione del traffico delle reti stradali di oltre 380 città in tutto il mondo. Palermo quindi guida la classifica fra le città italiane dove spiccano ben  città del Sud Italia fra le prime 10 posizioni.       Ma il report non si ferma qui e mette a nudo la situazione mese per mese. Aprile quello "più green" con un indice di congestionamento pari al 2% e qui complice il lockdown totale. Dicembre il più congestionato con l'indice pari al 42%, con la corsa allo shopping natalizio e il via libera che hanno contribuito a questi valori. C'è di più: ben 105 sono le ore che trascorriamo, durante l'anno, alla guida nelle ore di punta. 105 ore  equivalenti a poco più di 4 giorni. Dove intervenire? Le attuali linee tranviarie sono in esercizio dal Dicembre 2015 ma con compiti di collegamento fra periferie e due punti intermodali della città quali Notarbartolo e Giulio Cesare. Sarebbe sciocco scrivere che le sole linee tranviarie avrebbero risolto tutti i problemi del traffico cittadino. Sul fronte Passante Ferroviario andranno portati a termine i lavori per la fermata Belgio, la seconda parte di Lolli e Papireto/Imera-queste ultime legate al completamento della galleria sottostante vicolo Bernava. Ma non è un problema di sole infrastrutture ma anche di politiche sul traffico e politiche tariffarie. L'attore principale, il biglietto/abbonamento integrato è ancora assente. Perché il biglietto unico giornaliero istituito lo scorso luglio non serve di certo a studenti, pendolari, lavoratori. Oggi infatti l'attuale infrastruttura ha notevoli potenzialità, ma nonostante ciò prendere due sistemi di trasporto è paradossalmente svantaggioso. Si scende da Borgo Nuovo per raggiungere l’Ars (Palazzo Reale), e si è costretti a proseguire con la linea 118 piuttosto che sfruttare la rapidità del Passante Ferroviario. Ma è solo un esempio di quello che accade quotidianamente. Comunicazione pressoché assente anche perché si tratta di una sfida culturale in una città dove ci si lamenta (legittimamente) per questa classifica ed il traffico in generale. Ma è altrettanto vero che molti nostri concittadini si lamentano “a prescindere” per tram, metroferrovia, biciclette per strada e carhsaring se tolgono il posteggio sotto casa, ed aree pedonali. Occorre inoltre riformulare l'intero contratto di servizio che lega Amat col Comune di Palermo e regolamenta il servizio di trasporto pubblico relativo a bus e tram. L'attuale contratto di servizio non contempla le linee tranviarie come è incredibilmente vero che solo lo scorso semestre la Regione Siciliana ha riconosciuto i contributi chilometrici a favore della tranvia. Forse...e ribadiamo forse caso unico in Italia. In sostanza il Comune di Palermo deve mettere denari per il contratto Amat, la Regione immettere più risorse al contratto di servizio con Trenitalia. Perché possiamo avere un Passante Ferroviario con tante nuove fermate e materiale rotabile nuovo, ma "senza soldi non si canta messa". A cascata più politiche a favore della ciclabilità e aree pedonali-non solo in centro città-che favorirebbero una migliore vivibilità. Nuove opere? Certamente. La Circonvallazione reclama il raddoppio del Ponte Corleone, il sottopasso Perpignano e nuovi sovrappassi pedonali. Tram o Mal? L'uno non deve escludere a tutti i costi l'altro. Seppur nettamente differenti in ambito di tempi di realizzazione, velocità commerciale, capienza, manutenzione, longevità e capillarità vanno portati avanti gli attuali progetti.   Foto repertorio durante sit-in forestali 2016.  

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
15 gen 2021

AMAT | Deviazione di percorso alle linee 101, 102, 103, 134 e 812

di Fabio Nicolosi

A causa dei lavori da eseguire per la realizzazione del “disinquinamento della fascia costiera, dall’Acquasanta al fiume Oreto”, la via Roma, nel tratto compreso tra via Cavour e via Emerico Amari, a partire dalle ore 10.15 del 13/01/2021 e sino ad ultimazione dei lavori, sarà chiusa al transito veicolare. Pertanto le linee 101 – 102 – 103 – 104 – 106 – 108 – 124 – 134 – 812, effettueranno il seguente percorso alternativo: Linea 101 – Da viale del Fante per Stazione Centrale – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata. Da Stazione Centrale verso Stadio – via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Domenico Scinà – via Turati – segue normale percorso. Linea 102 – Da Stazione Notarbartolo verso Stazione Centrale – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata. Da Stazione Centrale verso Stazione Notarbartolo – via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – segue normale percorso. Linea 103 – Da J. Lennon verso Porta Felice – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata. Da Porta Felice verso J. Lennon – normale percorso fino in via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Scinà – via Turati – segue normale percorso. Linee 104 – 108 provianienti da piazza Indipendenza verso piazza Sturzo – normale percorso fino in via Cavour – a sinistra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – seguono normale percorso. Provianienti rispettiviamente da via Della Libertà e da via Turati verso Indipendenza – seguono normale percorso. Linea 106 Da Parcheggio Emiri verso Stadio: normale percorso fino in via Dante – a destra via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via vialturno – via Cavour – a sinistra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – segue normale percorso. Da Stadio verso Parcheggio Emiri: – segue normale percorso. Linea 124 – Da Parcheggio Emiri verso Stazione Centrale – segue normale percorso. Da Stazione Centrale verso Parcheggio Emiri – via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Domenico Scinà – via Turati – via Dante – segue normale percorso. Linea 134 – Da J. Lennon verso piazza XIII viattime – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata. Da piazza XIII viattime verso J. Lennon – via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Domenico Scinà – via Turati – segue normale percorso. Linea 812 – Da via F. Crispi (capolinea porto) verso Montepellegrino – normale percorso fino in via Roma – a sinistra via Cavour – a destra via Villaermosa – a destra via Stabile – a sinistra via Roma – a destra via Principe Di Belmonte – a sinistra via Michele Amari – a sinistra via Emerico Amari – a destra via Roma – Piazza Sturzo – a sinistra via Domenico Scinà – via Turati – segue normale percorso. Da Montepellegrino verso via F. Crispi (capolinea porto) – segue normale percorso osservando la deviazione precedentemente comunicata.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 gen 2021

Aeroporto Falcone Borsellino | I dati statistici del 2020 da record (negativo)

di Mobilita Palermo

Doveva essere l'anno della conferma o l'anno della crescita del trend positivo, invece la pandemia globale ha fatto segnare numeri tutt'altro che rosei L'aeroporto internazionale di Palermo "Falcone Borsellino" ha chiuso il 2020 con un traffico passeggeri complessivo di 2.688.042 (il 2019 si è chiuso con sette milioni di passeggeri: +6 per cento rispetto al 2018). Nell’anno della pandemia, lo scalo aereo palermitano ha perso poco meno di quattro milioni e mezzo di viaggiatori, mentre i voli sono diminuiti di circa il 50 per cento: 25.445 movimenti, contro i 50.036 del 2019. Analizzando i dati dell’ufficio statistiche di Gesap, la società di gestione dell'aeroporto di Palermo, nel 2020 i passeggeri dei voli nazionali sono stati 2.121.218 (-57% rispetto al 2019); 566.824 i passeggeri dei voli internazionali (-71,16%). La crisi del traffico aereo, nei momenti di maggior picco dei contagi Covid-19 (da marzo a giugno e da novembre a dicembre), ha portato all'azzeramento dei voli - eccezione fatta per alcuni collegamenti da e per Roma, Milano e Isole minori - che ha causato flessioni di traffico fino al 96 per cento. Nello scorso dicembre il traffico passeggeri totale è stato di 110.869 (-77,35% rispetto allo stesso mese del 2019: 489.381), mentre i voli sono calati del 55,06% (1.604 contro 3.569 di dicembre 2019), così come è scesa del 21,36 per cento la percentuale di riempimento per volo (Load factor), passata dall’83,43 del 2019 al 65,61 per cento del 2020. Nel 2020, infine, lo scalo aereo palermitano ha invece visto crescere le tonnellate di merce in transito (+50% rispetto al 2019). “Lo sviluppo del settore Cargo ha spinto la società di gestione a pianificare la nascita, a metà 2021, di una nuova area di stoccaggio mefci di mille metri quadrati”, ha annunciato Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap.

Leggi tutto    Commenti 8