Articolo
05 mag 2020

Anello Ferroviario: chiude fino al 13 settembre la linea tra Palermo Notarbartolo e Palermo Giachery

di Fabio Nicolosi

La notizia era già nell'aria da alcuni giorni. I lavori sono stati di fatto anticipati di circa un mese, sfruttando il calo notevole dei pendolari dovute alle restrittive misure che la pandemia Coronavirus ha imposto. La linea quindi risulta già chiusa da ieri lunedì 4 Maggio e oltre alla realizzazione della fermata Libertà permetterà il risanamento dell'infrastruttura tra Palermo Notarbartolo e Palermo Giachery. Nei giorni scorsi infatti il Cifi Palermo ci aveva mostrato un'immagine del treno cantiere che effettuerà la manutenzione Il comunicato ufficiale: Da lunedì 4 maggio a domenica 13 settembre 2020, per lavori programmati, propedeutici alla futura attivazione della fermata Libertà dell’Anello Ferroviario di Palermo, la linea ferroviaria Palermo Notarbartolo – Palermo Giachery sarà interrotta. Si riporta l'avviso emesso da Trenitalia:

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
05 mag 2020

Gesap: Taglio sulle tariffe di aviazione commerciale

di Salvatore Galati

Un taglio del 20% sulle tariffe di aviazione commerciale per tutte le compagnie che voleranno dall'aeroporto di Palermo Falcone Borsellino. La Gesap, la società di gestione dello scalo aereo palermitano, per dare impulso alla ripresa del traffico aereo, fa ancora un passo avanti in attesa della prossima ripartenza dei voli applicando a tutte le compagnie un listino ribassato del 20% sulle tariffe, su varie voci delle cosiddette "airport charges", escluse le addizionali dovute allo Stato. "Siamo convinti che in questo momento si debba supportare al meglio, per quanto possibile, la ripresa del traffico aereo da parte dei vettori, che a loro volta stanno registrando gravi problemi economici e finanziari, con gran parte degli aerei a terra - sostiene Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap - Le tariffe ridotte sono già operative e saranno certamente in vigore fino a dicembre 2020". In sostanza, per un aereo 737 che in media trasporta 135 passeggeri, le compagnie risparmieranno circa 400 euro a volo, ovvero circa 3 euro a passeggero in partenza dall'aeroporto di Palermo. Si tratta di una procedura che era già stata concordata mesi fa con le autorità di settore, in relazione allo sviluppo del traffico aereo, dopo il record storico dei 7 milioni di passeggeri totalizzati nel 2019. La società, pur potendo chiedere la sospensione della procedura per la crisi che sta attraversando il settore, ha deciso invece di confermare il taglio delle tariffe per aiutare tutte le compagnie aeree. "Speriamo che questa decisione possa contribuire a sollecitare la ripresa delle attività - continua Scalia - che certamente all'inizio saranno di carattere nazionale, da parte dei vettori operanti a Palermo. Sappiamo anche però che potrebbe non bastare, poiché i vettori si troveranno a dover operare probabilmente con una capacità ridotta di posti, a causa del distanziamento fisico. Riteniamo infine essenziale che al nostro sforzo, doveroso, si accompagnino provvedimenti pubblici sia dalla Regione che dallo Stato a favore della ripresa del settore aeroportuale e del traffico aereo".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mag 2020

Coronavirus | Ecco come sarà la “Fase 2″ di Amat

di Salvatore Galati

Vi avevamo parlato di una nuova eventuale opportunità, per lo spostamento tramite la mobilità dolce, in vista alle nuove abitudini da Covid-19, che sta contribuendo a un cambiamento sociale.  Da nord a sud ci si domanda come cambierà lo spostamento tramite il trasporto pubblico in città. In questa fase è di sicuro obbligatorio  l'utilizzo di mascherine, per evitare che persone asintomatiche diffondano il patogeno a persone sane. L'Amat si sta muovendo con le predisposizioni consigliate dal Ministero dei Trasporti. Dal 4 maggio come sarà muoversi a Palermo con i mezzi pubblici di Amat? Ogni passeggero potrà salire a bordo di un bus o del tram solo se sarà munito di mascherina di protezione; Come è avvenuto a Milano, anche Amat sta applicando sui sedili (tram/bus) degli adesivi in cui vietano di sedersi e invece sul piano calpestabile verrà applicato un segna posto per gli utenti che staranno in piedi. Naturalmente questi adesivi sono applicati per mantenere la distanza minima di 1 m; Le fermate di alcune linee centrali verranno soppresse momentaneamente e vi sarà un messaggio che l'utente è pregato di recarsi alla prossima fermata per poter prendere il mezzo. Verranno istituite tre squadre: addetti alla verifica, bigliettai ed operatori della mobilità, l'obbiettivo è quello di regolare il flusso dei passeggeri per l'uscita e la salita alle fermate dei tram/bus, sarà fatto anche a bordo. (Sarà la volta buona che i palermitani imparino a rispettare le indicazioni che sono applicate alle porte?) Grazie a queste squadre si avrà un controllo alle fermate e che riguarderà: il distanziamento, lo smistamento delle uscite e salite dei passeggeri, la capacità massima di trasporto sui bus e tram e la verifica del biglietto e/o abbonamento. Tutto questo effettuato con 2 addetti. Il terzo addetto, opererà sui mezzi per garantire sempre il distanziamento e i flussi di uscita e salita dalle vetture. E verificare il titolo di viaggio. Inoltre saranno riaperti i punti commerciali di vendita dei biglietti, sempre da lunedì 4 maggio: via Giusti; Piazzale Ungheria; Piazza Indipendenza; Piazzale J. Lennon; via Nina Siciliana; via Basile capilinea della rete tranviaria. Sempre con gli stessi orari in vigore prima della sospensione. Gli uffici di via Borrelli, invece, rimarranno aperti dal lunedì al venerdì dalle 8,00 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 17,30.  

Leggi tutto    Commenti 16
Articolo
30 apr 2020

Nuove linee tram Bonagia-Mondello-Sferracavallo, il Comune illustra lo status della progettazione

di Mobilita Palermo

Palermo- Con una conferenza stampa  il Comune di Palermo fa il punto sui nuovi progetti delle linee tranviarie. Nel dettaglio si tratta del progetto relativo alle linee per Bonagia-Mondello Zen-Sferracavallo. Il Comune di Palermo aveva infatti partecipato all'avviso Mit-2018, un bando del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti che metteva a disposizione finanziamenti destinati agli Enti Locali per progetti di ampliamento delle proprie infrastrutture della mobilità: linee tram, metrò, reti filobus, parcheggi ed altri sistemi a guida vincolata. Ministero che lo scorso Dicembre aveva ufficializzato la non ammissione a finanziamento per i progetti di Palermo ed altre città, concedendo una "finestra"  dove poter trasmettere apposite integrazioni documentali entro il 30/04/2020. Ma tale termine, da quanto è stato ufficializzato dal Ministero, è slittato al 15 luglio 2020.  Pertanto il Comune ha esposto i chiarimenti circa le integrazioni che erano state richieste dal Mit: gli studi trasportistici aggiornati in funzione dell'intero sistema tranviario cittadino piuttosto che limitandolo alle sole linee oggetto del bando (e oggetto di contestazione del Mit) Vi riportiamo qui di seguito le slides mostrate dai progettisti con gli aggiornamenti e tanti dati che possono essere utili al dibattito.            

Leggi tutto    Commenti 17
Articolo
27 apr 2020

Il Consiglio Comunale approva la Consulta delle Biciclette

di Mobilita Palermo

Palermo - Con un voto unanime il Consiglio Comunale di Palermo ha finalmente approvato il regolamento della Consulta delle Biciclette. Una mission nata nel 2018 con l'intento di promuovere la ciclabilità e portare nelle sedi istituzionali la proposta di regolamento e renderlo ufficiale. Raccolta firme da parte delle associazioni Palermo Ciclabile e Mobilita Palermo, protocollo dell'intero documento a Palazzo delle Aquile e inizio dell'iter burocratico e pareri fra vari uffici: Comando Vigili Urbani, Ragioneria Generale, II e VII Commissione Consiliare, e infine approdare in Consiglio Comunale agli Odg. Certo, un iter non proprio breve considerando il tempo di attesa in Consiglio Comunale, ma che finalmente ha trovato luce Ma di cosa si tratta nello specifico? È un organismo consultivo, con funzioni di sostegno nella definizione degli indirizzi per promuovere l’utilizzo della bicicletta e sostenere politiche attive per la mobilità ciclabile; valorizzare l’esperienza e le competenze delle associazioni interessate alla promozione e allo sviluppo della mobilità ciclabile come sostegno all’azione di promozione dell’uso della bicicletta e di realizzazione di interventi  da parte dell’Amministrazione comunale. Non possiamo che ringraziare intanto i consiglieri comunali  che hanno rimarcato il proprio impegno al momento del voto, assieme l'Assessore alla Mobilità per l'atto portato a termine. L'augurio affinché ciò non rimanga un caso isolato ma possa spianare la strada anche per una proficua partecipazione e attuazione nel merito degli interventi sulla mobilità dolce a Palermo. E un particolare ringraziamento all'arch. Chiara Minì nella qualità di presidente dell'associazione Palermo Ciclabile (tutt'ora esistente malgrado qualche inesattezza) e consigliere Nazionale Fiab e l'arch. Daniele Panzarella che fin dalla raccolta firme hanno condotto tutte queste attività e necessarie a raggiungere questo importante risultato.      

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
25 apr 2020

Si discute l’istituzione dell’Ufficio Biciclette: ma esiste già e nessuno lo sa

di Mobilita Palermo

Palermo - Sembra cominciare a entrare nel vivo il dibattito locale politico circa la mobilità post Covid-19. Ne abbiamo giusto dibattuto un paio di giorni in un'intervista con Matteo Dondè sui possibili scenari che si presenteranno nelle nostre città come conseguenza delle nuove norme sul distanziamento, negli spostamenti quotidiani e quali strategie adottare. Tanti sono gli spunti e le idee da attuare anche nel breve termine. E proprio ieri pomeriggio durante una riunione del consiglio comunale svoltasi in teleconferenza, si è dibattuto su un paio di ordini del giorno proposti dalla Commissione Urbanistica. Odg scaturiti dopo l'audizione di un'associazione Fiab tenutasi la stessa mattina in Commissione Urbanistica e incentrati sulla mobilità dolce. E riportiamo qui di seguito copia di entrambi gli atti discussi.   Ottimi i propositi e fa sempre piacere che la politica ne discuta e prenda provvedimenti verso questi temi. I due odg sono passati entrambi, fra favorevoli, astenuti e qualche malumore. Qui il video. Ci sembra però doverosa qualche precisazione da fare circa le proposte indicate nel secondo odg. Si parla di ufficio biciclette, ma è alquanto strano che in commissione nessuno abbia fatto presente che tale organo esiste già. Dal Piano della Mobilità Dolce:  "L'Ufficio Biciclette del Comune di Palermo è stato creato già a partire dal 2010, quale parte integrante dell’Ufficio oggi denominato Ufficio del Piano Tecnico del Traffico - U.O. Gruppo Mobilità."       E qui vi riportiamo un nostro articolo dove oltre a illustrare le funzioni dell'ufficio biciclette, abbiamo lamentato la non funzionalità. Badate bene alla data...    Le domande che ci poniamo: anziché dibattere e dedicare tempo a un qualcosa che già esiste, perché non farlo invece funzionare o mettere personale apposito che ne assicuri le piene funzionalità? E inoltre, coerentemente con questi propositi sarebbe più opportuno approvare la Consulta delle Biciclette ferma da due anni all'ordine del giorno in Consiglio Comunale e in attesa di prelievo e approvazione. Un organo pienamente partecipativo il cui documento aveva già fatto tutti i passaggi (con esito positivo) necessari fra Commissioni e Ragioneria e approdata infine in Consiglio. Insomma, entriamo nel merito di cose concrete. Infine circa la proposta di ampliamento del periodo gratuito del bike sharing attualmente pari alla prima mezz'ora di utilizzo, vi invitiamo a fare una pedalata di 30'. E' un invito rivolto a chi non è utente abituale della bicicletta: senza dover correre,  a un'andatura normale e verificate la distanza percorsa in questo arco di tempo. Trenta minuti possono essere un tempo relativamente breve ma scoprirete cosa sono realmente le distanze da un mezzo alternativo alla vostra auto. Perché la bicicletta è da considerarsi un mezzo di trasporto a tutti gli effetti, non solo rivolto allo svago. Ad ogni modo non sarà sufficiente il solo incentivare l'utilizzo del bike sharing se non accompagnato da interventi di moderazione del traffico. Per farvi un banale esempio, non c'è alcuna correlazione fra il voler incentivare  l'uso delle biciclette e l'abrogazione della ztl diurna. Sono due cose completamente opposte.    

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
19 apr 2020

AEROPORTO FALCONE BORSELLINO | Atterrato un Boeing 777F con 56 tonnellate di materiale sanitario e accessori medicali

di Fabio Nicolosi

E’ atterrato alle 15,40 all’aeroporto internazionale di Palermo Falcone Borsellino il Boeing 777F della Qatar Airways Cargo con a bordo 56 tonnellate di materiale sanitario e accessori medicali acquistate dalla Regione Siciliana, grazie alla collaborazione con l'Upmc di Pittsburgh, insieme a cui gestisce l'Ismett nel capoluogo. Il Boeing 777F è decollato ieri dall'aeroporto internazionale di Shanghai-Pudong per poi fare scalo a Doha, da dove oggi è ripartito alla volta di Palermo. “Da oltre un mese arrivano voli carichi di dispositivi di protezione individuale contro il Coronavirus - ha detto Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap spa, che ieri ha seguito i lavori di sbarco del grosso carico di materiale sanitario - L’aeroporto di Palermo è operativo e garantisce il servizio pubblico essenziale. Saremo pronti, quando la normativa lo prevederà, alla ripresa delle attività. In questo momento, siamo costantemente in contatto con le compagnie aeree. A maggio, intanto, riattiveremo i cantieri dei lavori in aerostazione”. "È il frutto - sottolinea soddisfatto l'assessore Razza - di una articolata e silenziosa programmazione, immaginata dal presidente Musumeci ed avviata ormai più di un mese fa. Questo materiale è ossigeno costante per quanti sono impegnati nelle strutture sanitarie siciliane, una scorta che contiamo di approvvigionare con regolarità. E' un grande risultato perché da mesi tutti i Paesi del mondo cercano queste cose e le cercano, tutti, nello stesso posto. La Regione Siciliana ha dimostrato, quindi, di avere fatto meglio di altri". Su disposizione del presidente della Regione Nello Musumeci, il materiale verrà distribuito, principalmente, nelle strutture ospedaliere, ma anche tra i medici di base, i pediatri, le case di riposo, le residenze per anziani. Nei prossimi giorni è previsto l'arrivo di un terzo volo, mentre l'ultima parte del carico, quella più corposa, arriverà via nave.

Leggi tutto    Commenti 2

Ultimi commenti