Articolo
03 set 2020

Ordigno bellico, domenica 13 il disinnesco. Evacuazione per 2.500 abitanti

di Fabio Nicolosi

Si svolgeranno domenica 13 settembre a partire dalle 6 del mattino le operazioni di evacuazione dell’area che sarà interdetta per permettere ai militari dell’Esercito il disinnesco di una bomba di fabbricazione americana - retaggio dei bombardamenti alleati del 1943 - rinvenuta all'interno di un'area del porto di Palermo, nei pressi di un vecchio bunker della Marina Militare. A partire dalle 6 di domenica, i circa 2.500 residenti dell’area interessata (si veda la mappa allegata) dovranno lasciare le proprie abitazioni, così come dovranno essere sgomberate dalle persone tutte le attività commerciali e gli uffici. L’avvio delle operazioni di disinnesco sarà annunciato da un suono di sirena, così come la fine che si ipotizza possa avvenire entro le ore 15. Il piano di protezione civile messo a punto nel corso di diversi incontri coordinati dalla Prefettura, prevede che i cittadini possano usufruire di tre centri di accoglienza temporanea: Stadio Comunale “Renzo Barbera” Pala-Uditore (Mangano) - Via Ugo Perricone Engel n.14 Pala-Oreto – Via Santa Maria di Gesù n.11 I mezzi dell’AMAT assicureranno il trasporto di quanti non potessero allontanarsi dall’area con un mezzo proprio. I servizi di assistenza potranno essere richiesti al numero 091.7401015 dal Lunedì al Venerdì (ore 09 - 13 e ore 14 - 18) Norme generali di comportamento Chiudere o disattivare contatori del gas e dell’acqua. Portare con sé i medicinali di bisogno, documenti e quanto strettamente necessario. Aiutare chi ne ha bisogno, specialmente anziani e persone con disabilità. Lasciare aperti, dal primo piano in su, vetrate e infissi in vetro, chiudendo però le serrande o le persiane. Queste le strade interessate Via Crispi F.sco dal 90 al 290; Piazza della Pace dal 1 al 13 Via Collegio di M. al Borgo intero tratto; Via Archimede dal 2 al 80 e dal 1 al 65. Via della Cera intero tratto. Vicolo del Celso intero tratto. Via del Commercio intero tratto. Via delle Prigioni intero tratto. Via Conte Ruggero dal 2 al 54 e dal 1 al 67. Vicolo Morici intero tratto. Via Dalia dal 2 al 50 e dal 1 al 59. Piazza Strazzeri V intero tratto. Via Ximenes E. dal 2 al 40 e dal 1 al 61. Piazza Ximenes E. intero tratto. Via Borgo Nuovo intero tratto. via Giuseppe La Masa intero tratto.Via Gabriele Bonomo intero tratto. Via Anime Sante intero tratto.Via Requisenz intero tratto. Via Empedocle dal 2 al 22 e dal 1 al 33. Cortile Anime Sante intero tratto.Via Auferi intero tratto. Vicolo Scalici intero tratto. Piazza Requisenz intero tratto.Vicolo Auferi intero tratto. Cortile Auferi intero tratto. Via Tommaso Campailla intero tratto. Via Domenico Scinà         intero tratto. Largo Edoardo Alfano intero tratto. Via Quintino Sella dal 2 al 16 e dal 1 al 11.Via Ettore Pais intero tratto. Via Rosario Gerbasi intero tratto. Via Cusimano intero tratto. Vicolo Basso intero tratto. Via Corselli intero tratto. Via Fiorelli intero tratto. Via dello Speziale intero tratto. Via del Medico dal 2 al 22 e dal 1 al 15. Via Bontà intero tratto. Piazzetta Mulino a Vento intero tratto. Piazza Vincenzo Linares intero tratto. Via Fiammetta intero tratto. Via Domenico Schiavo intero tratto. Via P.pe Scordia dal 88 al 190 - dal 59 al 173 Via Rosina Muzio Salvo intero tratto Via B.tto Gravina   dal 2 al 82 e dal 1 al 99 Via Emerigo Amari dal 2 al 100 e dal 1 al 87 Via Amm.glio Gravina dal 2 al 56 e dal 1 al 69 Via P.pe di Belmonte dal 2 al 44 e dal 1 al 55 Via P.pe di Granatelli dal 2 al 32 e dal 1 al 19 Via Mariano Stabile dal 1 al 29 Via Michele Miraglia  intero tratto Via Ruffino intero tratto Cortile San Marco intero tratto Vicolo San Marco  intero tratto Via Forno al Borgo Nuovo intero tratto Via Pier delle Vigne intero tratto

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
10 lug 2020

LA SENTENZA | ZTL: Il TAR da ragione al Comune di Palermo e respinge il ricorso del 2016

di Mobilita Palermo

Dopo 4 anni di battaglie giudiziarie il Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Terza) con sentenza di merito ha giudicato inammissibile il ricorso del 2016 presentato da Italiaviva e Bispensiero con il supporto di Confcommercio Palermo, Confartigianato Palermo, Confindustria Palermo, CIDEC e Confimprese Palermo. Secondo i ricorrenti gli atti predisposti dalla giunta erano illegittimi perché nel bilancio di previsione 2015 non erano state previste entrate per circa 30 milioni, che l'amministrazione contava di incassare dai pass delle Ztl e il Piano generale urbano del traffico non era stato aggiornato. Il Tar condanna i ricorrenti al pagamento di 12mila euro di spese legali a favore del Comune, Amat, Legambiente Sicilia Onlus, Italia Nostra Onlus e Fondo Ambiente Italiano. Ecco la sentenza:

Leggi tutto    Commenti 13
Articolo
07 lug 2020

AMAT | Linee 101 – 102 – 103 – 104 – 106 –124 – 134 – 812 deviate per i lavori dell’anello ferroviario

di Fabio Nicolosi

A causa dei lavori per il completamento dell’Anello Ferroviario di Palermo, a partire dal 06.07.2020, fino al 30.11.2020 e comunque sino ad ultimazione dei lavori se precedente a tale data, è inibita la circolazione veicolare in piazza Ruggiero Settimo nel tratto compreso tra via Turati e via Emerico Amari. Pertanto le linee 101 – 102 – 103 – 104 – 106 –124 – 134 – 812 effettueranno il seguente percorso alternativo: Linea 101 – Da viale del Fante verso Stazione Centrale – normale percorso fino in via Della Libertà – a destra piazza Castelnuovo – via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – a destra via Roma – segue normale percorso per la Stazione Centrale. Provenienti da Stazione Centrale – segue normale percorso. Linea 102 – Da Stazione Notarbartolo verso Stazione Centrale – normale percorso fino in via della Libertà – a destra piazza Castelnuovo – via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – a destra via Roma – segue normale percorso per la Stazione Centrale. Da Stazione Centrale verso Stazione Notarbartolo – segue normale percorso Linea 103 – Da J. Lennon verso Porta Felice – normale percorso fino in piazza Virgilio – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – segue normale percorso. Da Porta Felice verso J. Lennon – segue normale percorso. Linea 104 – Da Parcheggio Basile verso Duca Della Verdura – segue normale percorso Da Duca Della Verdura verso Basile – normale percorso fino in via Della Libertà – a destra piazza Castelnuovo – via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – piazza via E. Orlando – segue normale percorso verso parcheggio Basile. Linea 106 – Da Parcheggio Emiri verso Stadio: da via Dante – a destra via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – a sinistra via Roma – segue normale percorso. Da Stadio verso Parcheggio Emiri: – segue normale percorso. Linea 124 – Da Parcheggio Emiri verso Stazione Centrale – segue normale percorso. Da Stazione Centrale verso Parcheggio Emiri – normale percorso fino in via Turati – via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – piazza via E. Orlando – segue normale percorso per parcheggio Emiri. Linea 134 – Da J. Lennon verso piazza XIII Vittime – normale percorso fino in piazza Virgilio – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – piazza XIII Vittime. Da piazza XIII Vittime verso J. Lennon – segue normale percorso Linea 812 – Da (Porto) via Crispi verso Montepellegrino – segue normale percorso Da Montepellegrino verso via Crispi – normale percorso fino in via Della Libertà – a destra piazza Castelnuovo – via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – segue normale percorso.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
03 lug 2020

Biglietto unico: dopo oltre 10 anni di attesa la montagna ha partorito il topolino. I dettagli

di Mobilita Palermo

Palermo - Un'attesa molto lunga, almeno dal 2008 quando Amat e Trenitalia decisero di scindere il biglietto del t.p.l. per divergenze commerciali. In questi dieci anni in città sono state realizzate 4 linee tranviarie, quasi completata un'infrastruttura per il trasporto rapido di massa quale il Passante Ferroviario, nuove stazioni ferroviarie, rimodulata l'intera rete bus,  una zona a traffico limitata, ma soprattutto l'integrazione infrastrutturale fra "ferro e gommato". A fronte di questi grandi investimenti e cambiamenti, forte è stata la necessità di dover istituire un titolo di viaggio integrato, perché l'integrazione non è solo infrastrutturale ma anche commerciale. Oggi infatti prendere due sistemi di trasporto è paradossalmente svantaggioso per l'utente che ogni giorno preferisce il mezzo pubblico per i propri spostamenti. Si scende da Borgo Nuovo per raggiungere l'Ars (Palazzo Reale), e si è costretti a proseguire con la linea 118 piuttosto che sfruttare la rapidità del Passante Ferroviario. Ma è solo un esempio di quello che accade quotidianamente. Nel 2020 la svolta, con l'annuncio del ripristino del biglietto unico integrato e la Regione a intercedere dal punto di  vista commerciale fra due SpA quali Amat e Trenitalia. Ma è davvero la svolta? Ci aspettavamo quindi biglietto da 90' integrato, biglietto giornaliero ma anche abbonamenti. E invece l'annuncio riguarda solamente il ripristino del biglietto unico giornaliero al prezzo di € 5,50 da utilizzare per l'intera giornata sull'intera rete bus, tram, passante ferroviario  (tratta urbana Roccella-Sferracavallo) e anello ferroviario. Una scelta che premia senza dubbio l'utente che utilizza occasionalmente il mezzo pubblico, oppure il turista durante il soggiorno in città. Ma il turista privilegerà soprattutto il bus per gli spostamenti: prende la linea 806 per recarsi a Mondello, la 389 per recarsi a Monreale, la 124 per recarsi al Castello della Zisa, la 327 per le Catacombe dei Cappuccini oppure il tram per piazza Ponte dell'Ammiraglio. Prenderà certamente il passante ferroviario per raggiungere l'Aeroporto o Cefalù, ma qui si tratta di tariffe non più urbane. Per chi si sposta ogni giorno attraverso la rete bus o metroferrovia, non cambierà nulla: rimarranno invariati i prezzi dei biglietti ordinari rispettivamente € 1,40 bus/tram e €1,70 per il Passante. Difficilmente si andrà a spendere € 5,50 ogni giorno per 25 giorni lavorativi, ovvero € 137,50. Considerate che un abbonamento Amat mensile per l'intera rete ha un costo di € 32,00 mentre Trenitalia € 31,50. Il “Biglietto Giornaliero Integrato Palermo” è acquistabile attraverso i seguenti canali: Biglietterie Trenitalia; Self Service; Alcuni punti di vendita AMAT (Agenzie di Viaggio Trenitalia); Agenzie di Viaggio di Trenitalia; Punti Vendita Autorizzati di Trenitalia (PVT); On line (sito www.trenitalia.com, Mobile e App di Trenitalia). L'avvio è previsto dal 4 Luglio e a titolo "sperimentale.   Qualche esempio da altre città in Italia. Gtt Torino biglietto 90' €2,50 e valevole sulla rete urbana e suburbana GTT di Torino, sulla metropolitana (1 sola corsa) e sulle linee ferroviarie Trenitalia e GTT (1 sola corsa) entro i limiti della prima cintura (stazioni di: Caselle città, Settimo, Chieri, Pessione, Candiolo, Alpignano). Biglietto Gtt Daily € 4,00  valido fino a termine del servizio del giorno della prima validazione, sulla rete urbana, suburbana Gtt e viaggi in metro illimitati. Amt Milano biglietto 90'  € 2,00   consente, nell'ambito della validità temporale e delle zone acquistate, di spostarsi percorrendo più tratte e combinando più mezzi, in modalità sia continuativa sia con più soste intermedie; pertanto è possibile effettuare con lo stesso biglietto viaggi di andata e ritorno, anche con più ingressi in metropolitana e su Trenord. Biglietto giornaliero Amt € 7,00 e vale 24 ore dalla prima convalida, senza limite al numero di viaggi nell'ambito territoriale Atac Roma biglietto 100'  € 1,50 valido per 100 minuti dalla prima timbratura. In metropolitana vale per una sola corsa, anche su più linee; Biglietto Roma 24h € 7,00  valido 100 minuti dalla prima timbratura. scaduti i primi 100 minuti il titolo può essere riattivato per ulteriori 100 minuti ripresentandolo presso un validatore, e così fino all'esaurimento delle riattivazioni disponibili. Dopo quanto detto, ci si sarebbe aspettati l'introduzione almeno di un abbonamento integrato mensile per soddisfare praticamente l'intera utenza che ogni giorno sfrutta il mezzo pubblico (studenti, lavoratori, pensionati, pendolari), chi effettua almeno due corse al giorno fra andata e ritorno. Ma diciamo di più, un abbonamento unico (con un costo entro € 45,00) avrebbe reso ancora più appetibile l'attuare rete di trasporto pubblico dal punto di vista commerciale, e captato nuovi potenziali utenti. Insomma, dopo tanti annunci e dopo tanto clamore creato attorno, pollice verso per la Regione per aver disatteso le aspettative.

Leggi tutto    Commenti 20
Articolo
27 giu 2020

UFFICIALE | La manutenzione del TRAM Palermo passa da Bombardier a CAF

di Mobilita Palermo

La notizia era già da tempo nota in AMAT, ma solo adesso possiamo ufficializzarla. Oggi Palermo sta scrivendo una nuova pagina nel libro dei trasporti pubblici. Il 30 Giugno sarà l'ultimo giorno della canadese Bombardier a Palermo, dal 1 Luglio ad occuparsi della manutenzione dei tram sarà la spagnola CAF. L'azienda si è aggiudicata con un ribasso del 3,2% della base d’asta la gara di appalto per l’affidamento del servizio triennale di manutenzione dei rotabili e degli impianti fissi. Gli oneri del nuovo servizio di global service quadriennale saranno pari a € 16.000.000 a fronte dell’importo dell’attuale contratto di circa € 23.000.000 che saranno cosí suddivisi: € 2.008.026,12 oltre iva per il servizio, nel bilancio 2020; € 4.016.052,25 oltre iva per il servizio nel bilancio 2021; € 4.016.052,25 oltre iva per il servizio nel bilancio 2022; € 4.016.052,25 oltre iva per il servizio nel bilancio 2023;  € 2.008.026,13 oltre iva per il servizio nel bilancio 2024;  € 3.807.603,80 oltre iva per eventuali interventi aggiuntivi e proroga, nel bilancio 2024. Ma per giungere alla conclusione sopra la strada è stata tutt'altro che semplice. Con deliberazione del consiglio di amministrazione nella seduta del 03.02.2020 è stato indetto il terzo esperimento di procedura aperta, ai sensi del d.lgs. n.50/2016 e s.m.i., gestita tramite piattaforma telematica, per l’affidamento del servizio di global service del sistema tram, per 4 anni, in quanto i due precedenti esperimenti sono andati deserti per mancanza di offerte. La base d’asta quadriennale è stata fissata ad € 16.562.000,00 oltre iva, oltre una eventuale proroga tecnica per un periodo max di sei mesi (€ 2.070.250,00 oltre iva) e il 10% di eventuali interventi aggiuntivi (€ 1.863.225,00 oltre iva), pari ad € 20.495.475,00 oltre iva, oltre gli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso pari ad € 32.193,00 oltre iva, per un importo complessivo presunto di € 20.527.668,00 oltre iva. La prima seduta pubblica per la verifica dei requisiti di ammissione si è svolta in data 26.03.2020; successivamente la commissione di gara si è riunita in seduta riservata per la verifica dell’offerta tecnica, in data 30 e 31 marzo u.s.; mentre le operazioni di gara relative alla seconda seduta pubblica, fissata in un primo momento per il giorno 8 aprile 2020, sono state rinviate al 10 aprile alle ore 17:00, poi al 14.04.2020 alle ore 10:30, poi a data da destinarsi su disposizione del cda e infine, sempre su disposizione del cda nella seduta del 23.04.2020, al primo giorno utile che è stato fissato per il 28.04.2020 alle ore 10:30. La gara è stata aggiudicata, in via provvisoria, alla costituenda ATI Caf Italia srl/Eds Infrastrutture spa, unica partecipante alla procedura de quo. Il CDA nella seduta del 24.06.2020 approva i verbali di gara (protocollo telematico n.2278) n. 1 del 26.03.2020, n. 2 del 30.03.2020, n. 3 del 31.03.2020 e n. 4 del 28.04.2020 con i quali si aggiudica, in favore della ATI Caf Italia srl/Eds Infrastrutture spa, la gara per l’affidamento del servizio di global service del sistema tram, per 4 anni – 3° esperimento.

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
25 giu 2020

Piste Ciclabili: quanto è importante la sicurezza stradale

di Mobilita Palermo

Palermo - L'immagine che vi mostriamo fa parte degli interventi di rifacimento/messa in sicurezza/manutenzione dell'attuale rete ciclabile cittadina annunciata qualche settimana fa dall'amministrazione comunale. E' la novità rilevante, ovvero l'utilizzo di vernice bicomponente rossa con l'obiettivo di evidenziare maggiormente  la presenza degli attuali percorsi ciclabili e dei nuovi itinerari, in special modo gli attraversamenti. Tanti sono coloro che disconoscono il significato dell’apposita segnaletica stradale, tanti sono coloro che rischiano ogni giorno a causa del comportamento sconsiderato di alcuni automobilisti (velocità elevata in primis), tante sono le persone che ci hanno rimesso la propria vita. Certamente nessuno nega le criticità riscontrate lungo il tratto di via dell'Olimpo e ben note a tutti da tempo dato che tale percorso esisteva già (o per meglio dire stava scomparendo): sosta selvaggia, attività abusive lungo la ciclabile, e avvallamenti creati dalle radici degli alberi. Si, perché ancora nel 2020 si pagano scelte errate fatte 40 anni fa circa: solo un genio poteva pensare di piantare delle "chorisie" sui marciapiedi, rendendoli poi impraticabili. L'auspicio è che le altre aziende ex municipalizzate possano intervenire per risolvere le criticità strutturali (sistemazione cassonetti, marciapiedi spaccati). Tornando alle ciclabili, l'interrogativo che si pongono tanti è il seguente: può una striscia continua per terra creare una ciclabile? Si, secondo il C.d.S.  La ciclabile all'interno del Parco della Favorita è infatti a norma. E' più che legittimo il timore di tanti nel percorrerla in bici a causa della velocità delle auto (nonostante il limite di velocità), e non sono in pochi a chiedere l'installazione di cordoli. Ma un cordolo può essere oltrepassato già a 20km/h e pertanto non verrebbe salvaguardata l'incolumità del ciclista che si sentirà  "soggettivamente" più protetto. Quindi il problema è la realizzazione di una ciclabile ben protetta, con "muri/filo spinato/fossato", o chi percorre le strade a proprio uso e consumo? E ancora: se in autostrada ci si guarda bene dall'oltrepassare la striscia bianca alla nostra destra, perché la stessa striscia bianca/gialla in città non può essere rispettata? Altro dato statistico: nel primo semestre del 2019 sono stati 10 i pedoni falciati dalle auto. Numeri che fanno certamente riflettere su quanta responsabilità abbia chi è al volante. Perché oltre alla propria vita, c'è da salvaguardare quella di chi ci cammina intorno. Vi terremo aggiornati circa i lavori di ripristino delle corsie e piste ciclabili (anche qui è importante la differenza) mostrando lo stato di fatto e il prossimo avvio dei lavori del nuovo percorso ciclabile fra via Praga e via P. di Villafranca. Inviateci pure foto e/o segnalazioni su eventuali criticità .    

Leggi tutto    Commenti 14
Articolo
13 giu 2020

Manutenzione ciclabili e nuovi progetti, l’Amministrazione ci riprova

di Mobilita Palermo

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa i prossimi interventi di manutenzione sulle ciclabili cittadini e la realizzazione di nuovi percorsi ciclabili già finanziati. Evidenziamo l'accoglimento della proposta delle associazioni (Mobilita, Palermo Ciclabile, Ciclabili Siciliane) di rimarcare con vernice rossa gli attraversamenti ciclabili al fine di evidenziarne la "presenza". Tanti sono coloro che disconoscono il significato dell'apposita segnaletica stradale, tanti sono coloro che rischiano ogni giorno a causa del comportamento sconsiderato di alcuni automobilisti. Segnaliamo inoltre l'abbandono della promiscuità sulle corsie di  via Libertà tanto criticate qui dentro, come lo furono su via Maqueda in virtù del fatto che vengono a crearsi notevoli conflitti fra pedoni e biciclette. E proprio le bici devono sottrarre spazio alle auto piuttosto che ai pedoni. Prevista si la manutenzione della ciclabile della Favorita, ma in una visione più vasta non si parla più di chiusura parziale di un viale della Favorita, installazione autovelox ed altro ancora per renderlo più fruibile. Perché ad oggi l'elevata velocità all'interno del Parco della Favorita lo riteniamo un problema di primaria importanza.     Palermo - Il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Mobilità Giusto Catania hanno tenuto stamani, a Palazzo delle Aquile, una conferenza stampa nel corso della quale hanno illustrato le azioni, gli interventi ed il cronoprogramma che l'Amministrazione comunale attuerà per lo sviluppo della mobilità sostenibile tra giugno e dicembre 2020. Alla conferenza hanno partecipato, tra gli altri, l'Amat – che “riveste un ruolo strategico in questa iniziativa ed alla quale va il mio apprezzamento”, ha sottolineato il sindaco – rappresentata dal suo presidente, Michele Cimino e dall’ingegnere Domenico Caminiti, dirigente dei Servizi Speciali per la Mobilità. Oltre a loro, presenti in videoconferenza,  liberi professionisti, esponenti delle associazioni di appassionati della mobilità su due ruote e semplici cittadini. Il piano prevede la manutenzione degli itinerari ciclabili esistenti, la realizzazione di nuove ciclabili: Asse Nord-Sud, Asse Mare-Monti ed il Progetto “Go to school”, per poco più di sessanta chilometri complessivi. I lavori partiranno già lunedì 15 giugno, con la manutenzione degli itinerari ciclabili esistenti - 48 chilometri in tutto – consistente nel rifacimento della segnaletica orizzontale bianca discontinua in mezzeria e continua di margine,  installazione di pittogrammi e frecce di direzione ogni 15 metri ed attraversamenti ciclabili ben visibili, in corrispondenza delle intersezioni. Gli interventi di messa in sicurezza delle piste già esistenti – che da cronoprogramma dovrebbero concludersi nella prima settimana di settembre – riguarderanno le seguenti vie: -       Via della Favorita, viale Diana, viale Regina Margherita (direzione piazza Valdesi), viale Regina Elena, viale Principe di Scalea, viale Regina Margherita (direzione viale Venere) viale Ercole, viale Diana (direzione piazza Leoni), viale Venere e via dell’Olimpo. -       V. Messina Marine (da piazza Sperone a Stand “Florio”) Foro Umberto I, via F.Crispi, via Piano dell’ Ucciardone, via dell’Arsenale e via Quinta Casa; -       Piazza G. Cesare, via Lincoln, via Archirafi; -       Via Dante(dir. Monte) Via Dante (dir. Mare) Via Serradifalco, piazza P.pe di Camporeale, piazza Sacro Cuore e via G. il Buono; -       Piazza Caponnetto (Giachery), via Don Orione, via A. Barca, via I. Rabbin, via M.L. King; -       Viale del Fante (da viale Diana a via Case Rocca); -       Via A. Rizzo, via A. Siciliana, via G.Alessi, via M. Rutelli, via G. D’Annunzio, piazza Unità. d’Italia, via G.Giusti, piazza boiardo, via R.Zandonai, via G.Borremans, via A. Pacinotti, via G.Galilei e piazza De Saliba; -       Viale Strasburgo (dalla v. Maltese), via E. Restivo, via G. Sciuti, via E. Notarbatolo, via D. della Verdura,via M. di Villabianca, via G,C.A. dalla Chiesa, via P.Calvi, via P.Bertolino, via I. Carini, via marchese di Roccaforte. Tra il primo luglio ed il 30 settembre, invece, è prevista la realizzazione della nuova pista ciclabile nell’Asse Nord-Sud che si snoderà per 3,80 chilometri lungo via Praga, via Ausonia (tratto via Praga-via De Gasperi), via Ausonia (via De Gasperi- via Emilia),  via Emilia, viale Campania (via Emilia- viale Lazio), viale Piemonte, via B.Giuliano, via G. Leopardi, via P. Mattarella (via Notarbartolo- via Almeyda), via P. Mattarella(via Almeyda- via C. Nigra) in promiscuo sul marciapiede, via P. pe di Villafranca (via Caltanissetta-via Dante). Dal primo di ottobre a metà novembre partirà l'esecuzione della nuova pista ciclabile ASSE Monti-Mare (lunghezza 3 chilometri e mezzo). Le strade qui interessate sono: viale Michelangelo (tratto compreso tra via F. Paladini e via G.L. Bernini); viale Michelangelo (tratto compreso tra via G.L. Bernini e via Santuario Cruillas; viale Lazio (tratto compreso tra via Aspromonte e viale Campania); via Generale A. Di Giorgio; via Imperatore Federico (tratto compreso tra piazza Don Bosco e via della Favorita). Il progetto “Go to school”, finanziato dal PON metro per un importo pari ad un milione euro per promuovere gli spostamenti casa-scuola, prevede la realizzazione, tra novembre e dicembre 2020, di una rete secondaria di percorsi ciclabili di connessione con le piste già esistenti e l’allocazione di nuove ciclo stazioni in via Mulini alla Zisa e via M.Piazza per la condivisione di biciclette biposto. Sono stati coinvolti in questa iniziativa quattro Istituti scolastici”: “Pio La Torre”, “Ninni Cassarà”, I.T.I. “Vittorio Emanuele e Liceo Scientifico “A. “Einstein”. Il primo percorso individuato ha come scuola “pilota” l’Istituto “Pio La Torre”; è lungo 3,80 chilometri ed interesserà la via D. Camarda, via L. Grassi, via M. Scoto, via degli Emiri, via Nina Siciliana, via F. Brunelleschi, via G.L. Bernini, via De Saliba (da viale R. Siciliana a piazza De Saliba). Il percorso che ha come scuola di riferimento il “Liceo Scientifico Albert Einstein” è lungo 2,20 chilometri ed interesserà le vie Generale Di Maria, Generale Cantore, G. Cusmano (da via Cantore a via Catania), Catania (da via Cusmano a via P.pe di Villafranca), Campolo (da via Pacinotti a via Serradifalco), Lulli (da via Serradifalco a via Malaspina), U. Giordano (da via Zandonai a via Daidone), Daidone, Via U. Giordano (da via Daidone a via Notarbortolo) A. Boito (da via Notarbartolo a Piazza Tosti). In questo caso è previsto il posizionamento di tre ciclostazioni in via Cilea (angolo via Zandonai), via Campolo (angolo via Pacinotti) e presso il Liceo A. Einstein, che vanno ad aggiungersi a quelle già esistenti in largo Lavagnini e via Terrasanta. L’Istituto tecnico Industriale “Vittorio Emanuele III” ed il Liceo Linguistico “Ninni Cassarà”  sorgono, infine, in luoghi dotati di itinerari ciclabili. Il “Vittorio Emanuele III” è ubicato in via Duca della Verdura dove è presente la corsia riservata al Trasporto pubblico locale (TPL)ed è consentito in promiscuo il transito alle biciclette. Tale corsia si connette con la pista ciclabile di piazza Giachery e con quella di via Notarbartolo. Il “Ninni Cassarà” di via Don Orione è servito dalla pista ciclabile che si snoda dalla via Ammiraglio  Rizzo a via Don Orione e prosegue lungo la via dell’Arsenale e raggiunge il Nodo Giachery. In entrambi gli istituti sarà prevista la collocazione di due ciclostazioni a servizio degli studenti e del personale scolastico.     Foto: Giri di Boa

Leggi tutto    Commenti 16