Articolo
13 nov 2018

Viabilità | Chiusa Via Scobar tra via Cosentino e via Lancia di Brolo a causa di una voragine

di Fabio Nicolosi

Con Ordinanza Sindacale n.301 è stato chiuso ieri, per motivi di sicurezza, il tratto di strada di via Scobar compreso tra via Cosentino e via Lancia di Brolo a causa della voragine creatasi sul manto stradale. L'Amap è incaricata di intervenire per la riparazione del sottoservizio. I mezzi provienenti da via Scobar dovranno svoltare a sinistra per via Migliaccio. I mezzi provenienti da via Cosentino dovranno immettersi in via Scobar e prendere per via Migliaccio. Per chi proviene da piazza Einstein e si immette in via Holm conviene girare per via Ballo per poinarrivare in via Campolo o in via Leonardo da Vinci. Ringraziamo Marco F. P. per le foto

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 nov 2018

BANDO | Pubblicato il bando per il rifacimento del terminal passeggeri dell’aeroporto Falcone Borsellino

di Fabio Nicolosi

Gesap ha pubblicato sul sito sito il bando di gara relativo all’affidamento del servizio di direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell’intervento di “adeguamento e ristrutturazione del terminal passeggeri – nuovo scenario 2020 – primo lotto funzionale” dell’aeroporto Falcone Borsellino Punta Raisi – Cinisi (Pa) L’appalto è costituito in unico lotto stante la particolare inscindibilità della prestazione tecnica riguardante la Direzione lavori ed il Coordinamento della sicurezza per l’esecuzione dell’intervento di adeguamento e ristrutturazione del Terminal passeggeri dell’Aeroporto Falcone Borsellino di Palermo – Primo Lotto funzionale, avente unica ed esclusiva sede in Cinisi Punta Raisi; di contro l’eventuale articolazione dell’appalto in più parti non garantisce un servizio funzionale ed una compiuta utilità attesa l’unitarietà dei lavori cui la prestazione si riferisce. Le prestazioni oggetto dell’appalto devono essere eseguite per la durata corrispondente alla effettiva esecuzione dei lavori cui il servizio si riferisce e comunque fino alla loro conclusione e collaudo finale. Luogo principale di esecuzione dei lavori, di consegna delle forniture o di prestazione dei servizi: Aeroporto Falcone Borsellino - Cinisi (Palermo). Quantitativo o entità dell'appalto Il corrispettivo per la prestazione dei servizi relativi ai lavori del primo lotto funzionale è determinato in 2.213.991,10 euro, al netto degli oneri previdenziali e dell’IVA; detto importo è soggetto a ribasso. Valore stimato, IVA esclusa: 2.213.991,10 euro. Cauzioni e garanzie richieste L’operatore economico incaricato della prestazione di Direzione dei Lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dovrà essere munito a far data dalla stipula del contratto di una polizza di responsabilità civile professionale per i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività di competenza. Principali modalità di finanziamento e di pagamento e/o riferimenti alle disposizioni applicabili in materia L’appalto è finanziato con fondi propri della Stazione Appaltante. I pagamenti saranno effettuati con le modalità di cui all’art. 4 del CSP. Tipo di procedura: Procedura aperta Criteri di aggiudicazione Offerta economicamente più vantaggiosa in base ai criteri indicati nel capitolato d’oneri, nell’invito a presentare offerte o a negoziare. Scadenza offerta: 17/12/2018 ore 12.00 La prima seduta pubblica avrà luogo il 18/12/2018 alle ore 10.00 presso gli uffici GESAP Eventuali chiarimenti circa le modalità di partecipazione alla presente gara possono essere chiesti al Servizio gare e contratti della Ges.A.P. S.p.A., tel. +39 0917020734-150 (E-mail: protocollogesap@pec.it). Potete leggervi il bando direttamente cliccando QUI

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
09 nov 2018

FOTO | Passante Ferroviario: estratta la testa fresante della TBM “Marisol”

di Fabio Nicolosi

Nella giornata di ieri è stata estratta dalla fossa di Via Belgio la testa fresante della TBM "Marisol". La testa fresante contiene tutti gli utensili di scavo che incidono il terreno e permettono alla macchina di avanzare. La testa ruota a 1-10 giri al minuto (a seconda della sua dimensione e del materiale in cui scava) e rimuove piccole scaglie di materiale. Dentro il cilindro, alle spalle della testa rotante guardando il fronte di scavo, c'è una camera in cui è raccolto il materiale scavato, che a seconda del tipo di TBM, può essere estratto così com'è o mischiato a fango (“slurry shield”), la scelta dipende dalle condizioni dell'ammasso in cui si scava (ad esempio se ci si aspetta una gran quantità di polvere il fango può essere utile). Il materiale esce dalla camera su una coclea, o vite senza fine, e viene posto su un rullo trasportatore. Proprio nella giornata di mercoledì è stata estratta e sollevata la "coclea", parte del macchinario utilizzata per caricare lo smarino dalla camera di scavo al nastro trasportatore. Ringraziamo Ninni e Domenico per le foto: Vi terremo aggiornati sui prossimi pezzi che verranno portati in superficie

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
02 nov 2018

FOTO | Estratta la sezione di coda dello scudo della TBM “Marisol”

di Fabio Nicolosi

Ad un mese dall'abbattimento dell'ultimo diaframma della galleria Notarbartolo - De Gasperi, il disassemblaggio della talpa meccanico prosegue, ecco che martedì 30 Ottobre è stata estratta dal pozzo di estrazione la sezione di coda dello scudo, la parte anteriore del macchinario dove alloggiavano gli utensili di scavo e la testa rotante. Nelle foto che seguono, ringraziamo Ninni per gli scatti, potete notare come siano stati posizionati degli ulteriori blocchi per posizionare la parte restante dello scudo. Le operazioni dovevano prendere il via lunedì 29 Settembre, ma a causa delle condizioni metereologico non ottimali, forte vento, si è preferito posticipare per evitare problematiche. L'intera operazione di smontaggio della talpa meccanica dovrebbero concludersi entro il mese di Gennaio.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
31 ott 2018

Riaccesa l’illuminazione pubblica nelle piazze Giulio Cesare e Cupani

di Salvatore Galati

Alleluia! E' stata riaccesa l'illuminazione pubblica nelle piazze antistanti la stazione centrale. Si tratta della piazza Giulio Cesare e piazza Cupani. Dopo circa 7 mesi della relativa apertura al pubblico, riqualificate grazie al progetto di "Grandi Stazioni", eccole di nuovo illuminate. Si tratta dei lampioni centrali accesi dopo circa 7 mesi di riapertura delle piazze. Non possiamo non notare la lungaggine burocratica fra Grandi Stazioni e Comune di Palermo circa le competenze sull'attivazione di "un contatore elettrico" che ha impedito fino a ieri l'accensione del restante impianto.

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
19 ott 2018

Via Palinuro | Si sbloccano i lavori?

di Fabio Nicolosi

Si è tenuto ieri il tavolo tecnico presso l'Ass. Reg. Infrastrutture e Mobilità con l'Ass. Emilio Arcuri, il RUP Ing. Verga, i tecnici del Dipartimento Infrastrutture e Mobilità e del Dipartimento Tecnico, al fine di uscir fuori dall’impasse che vede fermo il cantiere di via Palinuro, per questioni che riguardano l'interpretazione di norme e lungaggini burocratiche. Dopo due ore di riunione si è convenuto che Il Comune dovrà redigere una nuova perizia di variante che prevede, tra l'altro, la realizzazione di un solaio carrabile al fine di oltrepassare il canale "Ferro di Cavallo”. Nei prossimi giorni la Regione, trasferirà al Comune di Palermo, i soldi necessari per il pagamento del primo stato d'avanzamento, e gli oneri di conferimento a discarica nonché altri oneri per gli espropri, per un importo complessivo di € 526.320,12. Vedremo dunque se e quando i lavori ripartiranno sperando che sia l’ultimo stop di un’opera fondamentale per la borgata di Montella e per la sua pedonalizzazione

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
16 ott 2018

Coincidenze per Giachery e Bike sharing: rispondiamo ad una vostra riflessione

di Giulio Di Chiara

Molte volte ci ritroviamo a rispondere a vostre domande in privato, nei social o per email, nel tentativo di veicolarvi informazioni attendibili. Cogliamo l'occasione di una riflessione inviataci dall'utente F.S. Ragusa per esporre le nostre risposte e punti di vista. Mi trovo proprio ora alla stazione Notarbartolo sul treno per Giachery, sono le 13.26, appena sceso dal treno del Passante devo aspettare 10 minuti per poter partire in quanto il treno si muoverà solo alle 13.37. Che pessimo modo di effettuare una coincidenza. Mi rivolgo a voi sperando che nel prossimo orario da dicembre cambi qualcosa (anche se ne dubito data la pessima gestione di Trenitalia). La soluzione sarebbe sicuramente quella di ridurre l’attesa della coincidenza, presente sia all’andata che al ritorno, oppure addirittura fare dei treni che vadano dalla Stazione Centrale a Giachery, lasciando sempre quelli per l’aereoporto e  implementando così il numero di treni presente nella tratta notarbartolo-centrale. Mi volevo inoltre soffermare su un altro argomento, gli stalli del Bike Sharing in viale delle Scienze: siamo a quasi 3 anni di attesa(se ne parla da gennaio 2016) e ancora non si è stati in grado di attivare il servizio. Da Bicipa danno la colpa a Unipa e nonostante le continue richieste non si arriva ad una soluzione (non credo che la colpa sia solo ed esclusivamente di unipa). Insomma che dire, per chi vuole utilizzare il mezzo pubblico alternativo alla macchina è una continua giungla!ma noi ci crediamo. Confidando in un vostro riscontro pratico vi auguro buona giornata. Iniziamo dal tema "coincidenza" tra Passante Ferroviario e Anello Ferroviario: ci sembra che 10 minuti siano tollerabilissimi, almeno in questo momento in cui il doppio binario non è del tutto attivo e ci si attesta su un orario di servizio prossimo all'aggiornamento. Ipotizziamo che qualche minuto di scostamento sia necessario per assorbire eventuali piccoli ritardi accumulati nel servizio. Circa i treni dalla Stazione C.le a Giachery, occorre considerare che ogni treno e i suoi km percorsi sono regolamentati da un apposito contratto di servizio con la Regione Siciliana che, tra le altre, deve poter garantire (anche economicamente) queste nuove tipologie di collegamento a percorrenza più lunga. Un pò lo stesso discorso che vale per i treni da Cefalù all'aeroporto. Cambiando focus, parliamo del bike sharing e del problema sollevato: assolutamente solidale e concorde su quanto obiettato dal nostro lettore. La macchina si è inceppata e non abbiamo aggiornamenti circa la vicenda che dovrebbe garantire gli stalli all'interno della cittadella universitaria. Le procedure di installazione erano state avviate per poi interrompersi. Contiamo di sollecitare l'AMAT nel darci delle risposte.

Leggi tutto    Commenti 13