Articolo
08 feb 2021

Le nuove linee tranviarie senza catenaria e pali: i dettagli

di Mobilita Palermo

Cominciamo da oggi una serie di approfondimenti circa il progetto di ampliamento delle nuove linee tranviarie. Tracciati, fermate, rifacimento aree pedonali, rifacimento svincoli sulla Circonvallazione e alberature. Un tour a 360° ricco di informazioni e dettagli basandoci sui documenti del progetto definitivo. La tecnologia che verrà utilizzata  è interamente catenary free (priva di pali e linea aerea di contatto come le attuali linee in esercizio) e attualmente in uso, seppur con diverse soluzioni, in alcune città in Europa come Bordeaux, Siviglia,  Nizza tanto per citarne qualcuna. Fra i produttori spiccano colossi come Alstom, Bombardier, Hitachi, Siemens.   LE NUOVE LINEE  Il sistema scelto per la città di Palermo sarà con modalità di ricarica dei sistemi di accumulo ovvero ricarica presso delle fermate tramite pantografo. La tratta “A” Stazione Centrale-Croce Rossa sarà realizzata interamente catenary free assieme alla tratta B Notarbartolo-Giachery e tratta C Calatafimi-Stazione C.le. Il progetto di Palermo prevede le seguenti Sotto Stazioni Elettriche (S.S.E.) che alimenteranno quelle fermate attrezzate per la ricarica delle batterie a bordo dei rotabili. Ricarica che ribadiamo avverrà dall'alto tramite il pantografo. Le S.S.E. sono: • SSE1 BORGO VECCHIO • SSE2 LAURANA • SSE3 VILLA SOFIA • SSE4 NOTARBARTOLO • SSE5 GIACHERY • SSE6 BASILE Ogni SSE avrà la capacità di sostenere la ricarica di 2 tram alimentando ogni barra a 750Vcc con due cavi feeder da 300mmq. Le Fermate di ricarica sono: Borgo Vecchio-- SSE1 BORGO VECCHIO Cavour --SSE1 BORGO VECCHIO Villa Bianca --SSE2 LAURANA Giardino Inglese-- SSE2 LAURANA Villa Sofia --SSE3 VILLA SOFIA Giachery --SSE5 GIACHERY Stazione Notarbartolo --SSE4 NOTARBARTOLO Basile --SSE6 BASILE Infine  Giulio Cesare (in corrispondenza dello spartitraffico di fronte  piazza S.Antonio) e Stazione Centrale/Balsamo. Al Terminal Stazione Centrale/Balsamo e Giulio Cesare sono previsti degli interventi al sistema di Alimentazione Elettrica per collegare l'impianto di ricarica alla linea elettrica esistente attualmente in esercizio. Qui l'elenco delle fermate relative alla linea A  Stazione C.le-Croce Rossa     Fatto questo quadro, ci ritroveremo quindi con determinate tipologie di pensiline. Dal progetto definitivo, "Il sistema di fermata è stato articolato con una modularità ed adattabilità in funzione dello spazio urbano in cui si inserisce, e adattabile alle diverse situazioni di spazio". Qui riportiamo gli esempi della pensilina di fermata, pensilina con funzione di ricarica  e il palo di fermata.               E prendendo ad esempio la fermata "Borgo Vecchio" dove avverrà la ricarica, riportiamo alcune planimetrie dal progetto definitivo             Siamo certi che il lettore potrà farsi un proprio libero giudizio, potendo così notare molte incongruenze rispetto ad altre informazioni e/o dichiarazioni che circolano sul web. Ma continuiamo a ripeterlo:  la comunicazione istituzionale è praticamente assente.

Leggi tutto    Commenti 18
Articolo
02 feb 2021

Al via l’installazione delle colonnine di ricarica elettrica per auto

di antony977

Palermo - Individuate, a seguito di avviso pubblico, le due ditte incaricate di posizionare le centraline di ricarica elettrica per veicoli: si tratta di BeCharge ed Enel X, che potranno impiantare su suolo pubblico ottanta colonnine. Cosi come previsto dal bando l’operatore che avrà conseguito il maggior punteggio, in questo caso BeCharge, otterrà la priorità di assegnazione dei siti richiesti e a tal fine dovrà produrre la SCIA entro trenta giorni. Stessa cosa potrà fare Enel X per i siti non oggetto di altre istanze, mentre per quelli già precedentemente individuati (indicati in rosso nell’allegato), si procederà, in accordo con l'Amministrazione comunale, a verificare la fattibilità di ulteriori luoghi. È esplicitamente previsto dal capitolato che l’utilizzo delle colonnine non potrà essere soggetto ad alcuna forma di abbonamento obbligatorio e che gli utenti dovranno poter pagare sul posto in modalità telematica. Qui di seguito l'elenco dei siti dove verranno installate le colonnine e le due principali colonnine della BeCharge.      

Leggi tutto    Commenti 13
Articolo
18 gen 2021

ANELLO FERROVIARIO | I progressi dei lavori a piazza Castelnuovo

di Fabio Nicolosi

Dopo alcuni mesi torniamo ad aggiornarvi circa i lavori dell'anello ferroviario in corso a piazza Castelnuovo. Nonostante alcuni proclami politici che avevano annunciato la riapertura della piazza entro Novembre 2020 i lavori sono tutt'ora in corso e le aree superficiali ancora occupate da mezzi e operai. Cosa è successo? Nelle parte alta della piazza RFI ha deciso di portare avanti dei lavori propedeutici alla realizzazione del 2° lotto. Nel periodo natalizio RFI assecondando le richieste pervenute dal Comune di Palermo, concordando con la D'Agostino Costruzioni, ha imposto un rallentamento dei lavori in corso nella parte bassa della piazza, all'angolo tra via Amari e corso Ruggero Settimo. I lavori in ogni caso è previsto che vengano terminati a fine Febbraio 2021 liberando la piazza ad eccezione del tratto dove è in corso lo scavo della discenderia che vedremo piú avanti nell'articolo. Nella galleria fotografica sottostante abbiamo voluto riportare alcune fasi costruttive della realizzazione del solettone che costituirà il tetto della fermata Politeama. Ringraziamo Umarell 2.0 e Claudio S. per le foto: Questi scatti invece mostrano i lavori all'angolo tra corso Ruggero Settimo e via Amari. Dopo aver terminato la realizzazione dei micropali, si stanno ultimando le fondazioni con i pali di fondazione. Nelle aree dove le palificazioni sono terminate si sta provvedendo a collocare le armature dell'ultimo tratto di solettone che congiungerà la galleria Amari alla fermata Politeama. I lavori sono ripresi da lunedì 11 Gennaio con la riconsegna delle aree del bypass natalizio voluto dai commercianti di via Ruggero Settimo. Infine aspetto importante è l'inizio dello scavo con la discenderia. Proprio da questa prospettiva è interessante apprezzare come in pochi giorni si sia già rimossa una parte notevole di terreno. I lavori al momento procederanno con lo sbancamento dei terreni, poi vi sarà un rallentamento temporaneo degli scavi dovuto alla realizzazione dei puntoni per permettere la messa in opera della trave di ripartizione che permetterà di stabilizzare la discenderia. Si precisa che le tavole di progetto pubblicate sono relative al progetto pubblicato sul sito del comune e potrebbero essere state oggetto di varianti in fase esecutiva. Ti potrebbe interessare anche: Scheda dell'opera Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali: Sito internet: http://palermo.mobilita.org Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo Telegram: https://t.me/trafficoemobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 gen 2021

Collettore Fognario | I lavori ripartiti il 7 Gennaio sono nuovamente fermi

di Fabio Nicolosi

Purtroppo questo appalto non gode di grande sorte. Francesco Raffa segnala che il 12 Gennaio, iniziati i lavori con un ritardo di 4 giorni rispetto alla data di inizio prevista, dopo qualche ora è stato ritrovato quello che sembra il resto di una pavimentazione antica. Il fatto ha comportato lo stop temporaneo dei lavori in attesa del sopralluogo della soprintendenza dei beni culturali. Il ritrovamento non sembra essere nulla di preoccupante. Secondo i sindacati le altre aree del cantiere andranno avanti come previsto. Ma come mai i lavori non sono iniziati il 7 Gennaio? Da Repubblica leggiamo che i lavori sono iniziati in ritardo causa maltempo. Vorremmo capire come mai questi lavori subiscano il maltempo e l'appalto dell'anello ferroviario, a poche centinaia di metri, invece no. Forse la nuova azienda ha ereditato la nuvola di Fantozzi che fino a qualche mese fa era anche sull'appalto dell'anello ferroviario?

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
30 dic 2020

Collettore Fognario | Dal 7 Gennaio riprendono i lavori, prevista la chiusura di Via Roma, ma non solo

di Fabio Nicolosi

Da Gennaio la AMEC S.r.l. procederà all'ultimazione dei lavori di disinquinamento della fascia costiera dall’ Acquasanta al fiume Oreto – Adduzione delle acque al depuratore di Acqua dei Corsari mediante il potenziamento del “Sistema Cala”. Per consentire il completamento di tali opere saranno necessari provvedimento di chiusura strada e di deviazioni stradali. Sono tre le ordinanze dell'ufficio traffico emesse in questi giorni e che vi ricapitoliamo: - ORDINANZA N° 1122 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO NON OLTRE IL 26 FEBBRAIO 2021, O SINO ALL’ ULTIMAZIONE DEI LAVORI, SE PRECEDENTE TALE DATA VIA STEFANO CANZIO Tratto compreso tra piazzale Anita Garibaldi e viale Amedeo d’ Aosta: Chiusura al transito veicolare e strada senza uscita per la realizzazione di un pozzo. Istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. VIALE AMEDEO D’ AOSTA Chiusura del varco di uscita, ubicato nello slargo antistan- te la scuola Franchetti, con occupazione dell’ area ove sa- rà realizzato il pozzo. Istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. - ORDINANZA N° 1118 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO DAL 7/1/2021 AL 13/3/2021 O SINO ALL’ ULTIMAZIONE DEI LAVORI SE PRECEDENTE TALE DATA VIA ROMA Tratto compreso tra via Cavour e via F. Bentivegna, escluse Chiusura al transito veicolare e pedonale, ad eccezione di un camminamento protetto almeno su uno dei marciapiedi. VIA ROMA Sospensione della corsia riservata direzione Stazione Centrale nel tratto Amari – Cavour, con chiusura della stessa. VIA F. GUARDIONE Tratto compreso tra via Carella e via Roma: Strada senza uscita con istituzione del doppio senso di marcia sino al civ. 78. Chiusura al transito veicolare e pedonale tra il civ. 78 e via Roma, con istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. Su almeno un lato di marciapiede sarà lasciato un passaggio non inferiore a m. 1. VIA F. GUARDIONE (FASE 2) Tratto compreso tra via Villaermosa e via Roma: Strada senza uscita con istituzione del doppio senso di marcia sino al civ. 93. Chiusura al transito veicolare e pedonale tra il civ. 93 e via Roma, con istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. Su almeno un lato di marciapiede sarà lasciato un passaggio non inferiore a m. 1. VIA CAVOUR Tratto compreso tra via Roma e via Villaermosa: Mantenimento del doppio senso di marcia. VIA VILLAERMOSA Intero tratto: Sosta regolamentata in senso parallelo sul lato destro nel senso di marcia, laddove prevista. ► Per metri 15 prima della via Stabile, sui due lati della carreg- giata, vigerà il divieto di sosta con rimozione 0-24. ► Istituzione temporanea di fermata bus AMAT tra il civ. 39 ed il civ. 41 VIA M. STABILE Tratto compreso tra via Villaermosa e via Roma: Istituzione del senso unico di marcia in direzione mare. Per metri 15 dopo la via Wagner, sul lato sinistro nel senso di marcia, vigerà il divieto di sosta con rimozione 0-24. Fermarsi e dare la precedenza ai veicoli che percorrono via Roma. VIA M. STABILE Tratto compreso tra via Michele Amari e via Roma: Istituzione del senso unico di marcia in direzione monte. Fermarsi e dare la precedenza ai veicoli che percorrono via Roma. All'interno dell'ordinanza è contenuta anche l'indicazione dei percorsi alternativi che riportiamo integralmente: - ORDINANZA N° 1119 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO SINO DAL 7/1/2021 AL 28/2/2021 O SINO ALLA CONCLUSIONE DEI LAVORI SE PRECEDENTE TALE DATA VIA FRANCESCO CRISPI Sulle due carreggiate, in attraversamento, all’ altezza di via Domenico Scinà, in più fasi distinte, per consentire tutti i collegamenti, interessando solo parzialmente la carreggiata. Chiusura al transito veicolare e pedonale, prevedendo un camminamento protetto da monte a valle e viceversa.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 dic 2020

Tram Palermo | Presentato da Ministra De Micheli il piano e finanziamento per completamento rete cittadina

di Fabio Nicolosi

E' di 480 milioni lo stanziamento del Ministero dei Traporti per il completamento della rete tranviaria della città di Palermo Palermo. A presentare il progetto che di fatto cambierà definitivamente il volto della città in tema di trasporto di massa sono stati in videoconferenza la ministra la Ministra Paola De Micheli, il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore alla Mobilità Giusto Catania. I 40 nuovi chilometri di rete su cui si snoderanno le nuove quattro tratte che dovrebbero essere completate entro il 2026 si aggiungeranno a quelle già esistenti e in via di appalto per un totale di 84 km di rete interconnessa con 12 parcheggi complessivi di interscambio che serviranno circa 80 milioni di passeggeri all'anno con una media fra 100 e 120 mila passeggeri al giorno) e, dato molto importante ad una riduzione di emissioni di Co2 di circa 9.500 tonnellate ogni anno. Il progetto si integrerà quindi con le linee già in esercizio dalla Stazione Centrale a Brancaccio e dalla Stazione Notarbartolo a Borgo Nuovo-Cep e a Corso Calatafimi, nonché con le linee in fase appalto per cui si andrà in gara nel 2021 con il finanziamento complessivo di 296 milioni fra Patto per il sud, Comune e Regione (Corso Calatafimi - Basile/Orleans, Stazione Centrale-De Gasperi, Notarbartolo - Giachery, Stazione centrale - Croce Rossa/De Gasperi, Stazione Centrale - Basile/Orleans, De Gasperi-Viale Francia). Le nuove tratte finanziate ora dal MIT, servite da 35 vetture, collegheranno le borgate marinare dell'area nord (Mondello e Sferracavallo), i quartieri di San Filippo Neri e Bonagia, il polo sanitario Civico-Policlinico-Ismett e l'Ismett ed il water front della città con un incremento stimato di circa 35 milioni di passeggeri all’anno. Con esse, naturalmente sono previsti la realizzazione di parcheggi di interscambio (circa 1.400 nuovi posti auto), opere di riqualificazione di strade, spazi urbani e verde e nuove piste ciclabili. La Ministra Paola De Micheli ha sottolineato l’importanza della collaborazione fra le strutture del Ministero e del Comune: "Abbiamo trovato negli uffici del comune di Palermo la competenza e l'intelligenza per seguire passo dopo passo il progetto delle nuove quattro linee di tram – ha detto la titolare del Dicastero dei Trasporti. “Abbiamo assegnato 481 milioni di euro sui 504 mln richiesti dal comune, ma fino al 2026 abbiamo un piano sui trasporti molto ambizioso e chiederemo di finanziare il differenziale anche col Recovery fund e nel primo semestre del prossimo anno contiamo di completare il finanziamento". "Con queste linee, 120 mila persone, pari al 39% del totale, passeranno dall'auto al tram: un numero impressionante che testimonia l’impatto sulla qualità della vita urbana che questa opera determinerà per Palermo. Certo, avremo anni di disagi con i cantieri, ma una volta conclusi i lavori, ad opera finita, i vantaggi saranno evidenti per tutti.” La Ministra ha anche sottolineato come “la tranvia di Palermo si inserisce in un disegno complessivo per la Sicilia e per il Meridione, di cui fanno parte gli interventi per il rafforzamento infrastrutturale del sistema ferroviario e quelli per la viabilità provinciale.” "Siamo di fronte ad un progetto storico, destinato a cambiare il volto di Palermo non solo rispetto alla mobilità ma sicuramente rispetto alla vivibilità di intere zone, dalla periferia nord a quella sud, dalle borgate marinare al waterfront centrale. Un progetto, certamente il più imponente per la rigenerazione urbana mai avviato a Palermo, frutto di una straordinaria collaborazione fra le strutture tecniche del Comune e del Ministero ed una attenta sensibilità da parte della Ministra, che ha creduto fortemente nell'idea proposta dalla nostra città. Un progetto, infine, che avrà un grande impatto anche sull'occupazione, con la previsione di circa 7000 persone coinvolte nel periodo di realizzazione delle opere." Il Sindaco ha anche sottolineato come "questa opera vedrà certamente il suo avvio operativo ben oltre la fine del mio mandato, un motivo in più per esserne orgoglioso come una di quelle opere che fanno la storia della città, ben oltre i tempi di una amministrazione comunale." A sottolineare il positivo impatto sull'ambiente è l'Assessore Giusto Catania, che ricorda come "oltre 100 mila palermitani ogni giorno lasceranno a casa la propria auto, con un contributo determinante alla qualità della vita, alla qualità dell'aria, alla lotta contro le emissioni inquinanti. Si tratterà inoltre di un sistema di trasporto che si integrerà con progetti di riqualificazione complessiva, con l'ampliamento delle aree pedonali e verde in tutte le zone cittadine interessate. Nel dettaglio, la linea “F” si snoderà dalla stazione centrale toccando il Foro Italico, la Cala, via Crispi fino alla stazione Giacher. Il piano di finanziamento prevede anche la riqualificazione della zona con un parcheggio di interscambio al Foro Italico con 397 posti auto. Gli interventi interesseranno anche il lungomare del Foro Italico dove saranno eseguiti lavori di rigenerazione urbana, nuove piste ciclabili e aree pedonali e alla Cala, via Crispi e piazza XIII Vittime dove saranno realizzate opere di verde urbano, aree attrezzate e il miglioramento della mobilità dolce. La Tratta "D" (innestandosi con la "C" in corrispondenza della stazione Orleans) servirà il percorso del polo ospedaliero e mediante la realizzazione del nuovo ponte sul fiume Oreto consentirà il collegamento anche con i quartieri di Falsomiele e Bonagia. La tratta "E2" percorrendo viale Strasburgo, attraverserà via Lanza di Scalea e lo Zen collegando la zona nord della città con la borgata di Mondello. Anche in questo caso, l'intervento prevede importanti opere di riqualificazione in viale Strasburgo, così come allo Zen dove verrà realizzata la nuova piazza del "Mercato". Interventi di ristrutturazione saranno eseguiti anche sul lungomare di Mondello dove sarà privilegiata la mobilità dolce e il pedone. In questa ampia zona della città i parcheggi da realizzare saranno tre: Strasburgo con 161 posti auto, Mongibello con 289 e Galatea con 360. La tratta "G" (innestandosi con la fermata "E" in corrispondenza della fermata di "Cardillo") raggiungerà Sferracavallo attraversando via Lanza di Scalea, via Nicoletti e via Palazzolo. Il Terminal sarà realizzato al centro della borgata attraverso un nuovo percorso . Qui è previsto anche l'ampliamento del parcheggio di interscambio della fermata del passante ferroviario per un totale di 112 posti auto. Tutte le nuove tratte saranno realizzate con la tecnologia Catenary Free e senza barriere e le vetture saranno alimentate da batterie ultra leggere e ad alta capacità.

Leggi tutto    Commenti 66
Articolo
11 dic 2020

Parco “Ninni Cassarà” | Al via i lavori per l’esecuzione delle indagini ambientali preliminari nella “sub area verde”

di Fabio Nicolosi

Sono stati consegnati ieri alla ditta aggiudicataria i lavori per l'esecuzione delle indagini ambientali preliminari nella “sub area verde” all'interno del Parco Urbano “Ninni Cassarà”. I carotaggi previsti sono dodici, con prelievo sia di campioni di terreno sia di acque di falda. All'esito positivo delle analisi del sottosuolo è subordinata la riapertura alla pubblica fruizione dell'area verde del Parco. “Il Parco Cassarà – dichiara il sindaco, Leoluca Orlando - potrà finalmente tornare ad essere fruibile in sicurezza da parte dei cittadini, offrendo dalla prossima primavera un'ampia area per lo svago, la socialità, la vita all'aria aperta. Speriamo che una volta riaperto si possa anche riprendere il cammino già avviato prima della chiusura per la sua valorizzazione e per renderlo ancora più attraente per palermitani e turisti". "Siamo fiduciosi – commentano gli assessori Giusto Catania e Sergio Marino - nel risultato positivo di questi accertamenti, dopo il lavoro compiuto per la pulizia e la bonifica dell'area. Confidiamo inoltre nella rapida esecuzione di prelievi ed esami da parte dell'impresa, sì da poter velocemente procedere alla riapertura". Il parco era stato chiuso nel 2014 dopo il ritrovamento di materiali e sostanze inquinanti in superficie e nel sottosuolo. Attualmente è diviso in tre zone, in base alla gravità dell'inquinamento: una verde, estesa circa 15 ettari e accessibile da corso Pisani, e poi una rossa inibita al pubblico e una gialla, intermedia fra le due. Nella zona verde si è proceduto in diverse fasi alla rimozione manuale e meccanica dei materiali inquinanti. L'importo complessivo delle indagini ammonta a quasi 95mila euro (per la precisione € 94.739, Determinazione dirigenziale n.10847 dell’11/11/2020 – Area della Pianificazione Urbanistica). Foto di Stefano Patania.

Leggi tutto    Commenti 3