Articolo
13 nov 2015

Arrivano i nuovi cassonetti per strada

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa l'arrivo di nuovi cassonetti per la raccolta rifiuti in città. Da ieri mattina  maestranze della Rap hanno iniziato le attività di messa su strada dei nuovi cassonetti apponendo contestualmente adesivi che ricordano ai cittadini orari e metodologie di conferimento.  I primi 80 cassonetti l’azienda li sta posizionando a Partanna,  in via Polibio, viale Cavarretta, via Castelforte, via Mattei, via Carbone, via Chirone, via Partanna Mondello, via Galatea. L’intenzione, compatibilmente con la disponibilità è quella di collocarli in tutte le circoscrizioni della città da via Messina Marina a via Duca degli Abruzzi fino a via Mater Dolorosa, via Pallavicino,  al centro storico, non tralasciando nessuna borgata che abbia cassonetti poco decorosi o poco capienti come, ad esempio, Sferracavallo o Mondello Ad annunciarlo il presidente della Rap Sergio Marino presente stamattina ad un sopralluogo a Partanna durante le attività di posa dei contenitori.  Complessivamente arriveranno 2000 cassonetti di cui 700 da 1100 litri e 1300 da 1700 con una capacità di 1700 litri.  

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
12 nov 2015

Il tram debutta in via Leonardo Da Vinci

di Antony Passalacqua

E' iniziato questa mattina il debutto delle vetture tranviarie lungo la linea 2 fra via Modica e via Leonardo Da Vinci. Anche qui, come già avvenuto sulla linea 1, inizieranno i test inerenti prove di velocità, frenata, sincronizzazione semafori, etc. Nel frattempo è in corso l'ultimazione della linea di catenaria (alimentazione elettrica) verso la stazione Notarbartolo. Foto: Carlo Guidotti

Leggi tutto    Commenti 20
Articolo
11 nov 2015

Convegno PON Infrastrutture e reti 2014 – 2020, quale sviluppo per la Sicilia?

di Antony Passalacqua

Investimenti complessivi per 1,84 miliardi euro, interventi concentrati su ferrovie, aeroporti e trasporto marittimo, con particolare attenzione al Mezzogiorno e ai sistemi intermodali. Questi, in estrema sintesi, gli elementi che caratterizzano il Programma Operativo Nazionale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per il riequilibrio modale, il decongestionamento delle aree metropolitane e del sistema autostradale, l'integrazione fra il sistema di trasporto locale e regionale, la rete nazionale e le grandi direttrici europee e transeuropee Ten-T. Coinvolte cinque regioni - Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia - e altrettante aree logistiche dove concentrare gli investimenti: sistema campano, pugliese, Polo logistico di Gioia Tauro, quadranti orientale e occidentale della Sicilia. Senza dimenticare il necessario impulso all'innovazione tecnologica e all'adozione di Sistemi di Trasporto Intelligente. Se ne è discusso venerdì 6 novembre a Napoli, al Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare, al convegno “PON - Infrastrutture e Reti 2014-2020”. Alla presenza del Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, e del Commissario europeo per le Politiche regionali, Corina Cretu, è stato presentato il programma di investimenti per il periodo 2014 – 2020. Nutrita la platea, ricca di ospiti di rilievo, tra i quali Michele Mario Elia, Amministratore Delegato del Gruppo FS Italiane. "Il PON Infrastrutture e Reti - ha detto nel corso della presentazione il Ministro Delrio - è parte di un più ampio programma di interventi infrastrutturali nel Sud Italia, che stiamo definendo insieme ai Presidenti delle singole Regioni, con l'obiettivo di costruire occasioni di sviluppo, per la logistica e per l'intera economia meridionale. Il nuovo Programma - ha proseguito - rafforza una strategia incentrata su intermodalità, sostenibilità dei trasporti e sistemi innovativi per aumentare efficienza e sicurezza. La ferrovia, a partire dalla linea ad alta capacità Napoli -Bari, e il trasporto marittimo, che si fa forza anche della nuova organizzazione definita nel Piano Strategico nazionale della Portualità e della Logistica, sono le modalità in cui investiamo per rendere il Mezzogiorno un'area sempre più centrale e vitale del sistema di trasporto euro-mediterraneo". Per le reti ferroviarie in Sicilia, spiccano il completamento del raddoppio fra Messina e Palermo e l'avvio imminente dei lavori di raddoppio fra in un tratto fra Catania e Palermo. La tratta “Bicocca - Catenanuova”, costituisce una fase funzionale del nuovo collegamento ferroviario veloce tra Palermo e Catania. Tale intervento consentirà di migliorare il servizio tra Enna e Catania, sia con un incremento delle frequenze dei servizi sia con una riduzione dei tempi di percorrenza tra i due capoluoghi di provincia. Il progetto prevede il raddoppio della linea tra la stazione di Bicocca e Catenanuova (entrambe incluse), per circa 38,3 km, di cui circa 26,7 km in affiancamento al binario esistente e circa 11,6 km in variante. La pendenza massima prevista è del 12 per mille e la velocità massima di tracciato sarà di 160 km/h nel tratto Catenanuova - S. Martino Piana e di 100 km/h tra S. Martino Piana e Bicocca. Oltre ad interventi di tipo infrastrutturale, funzionali all’adeguamento tecnologico e rotabile della tratta, verranno soppressi tutti i passaggi a livello attualmente previsti sulla linea. L’intervento in oggetto, unitamente al raddoppio della tratta Catenanuova – Raddusa Agira e alla velocizzazione della Roccapalumba – Marianopoli, definisce una macro-fase funzionale che nel breve medio termine consentirà un recupero dei tempi di percorrenza e un miglioramento dell’offerta commerciale dell’intero collegamento ‘Palermo – Catania’.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
26 ott 2015

Maltempo Sicilia, riaperta la linea ferroviaria Palermo – Agrigento

di Antony Passalacqua

Da lunedì 26 ottobre completamente riaperta la linea ferroviaria Palermo - Agrigento, devastata in più punti dal maltempo che dieci giorni fa ha provocato allagamenti, smottamenti e danni ai sistemi  di gestione in sicurezza della circolazione treni. Conclusi con un giorno di anticipo, rispetto al programma, i lavori di ripristino dell’infrastruttura ferroviaria  grazie allo straordinario impegno che ha visto uomini e mezzi all’opera 24 ore su 24 per restituire all’esercizio centinaia di metri linea dove la furia degli elementi e il dissesto idrogeologico avevano causato ingenti danni. Le condizioni meteorologiche hanno consentito solo dopo un miglioramento registrato giovedì scorso un’accelerazione dei tempi di intervento delle squadre tecniche che, senza l’azione di disturbo di pioggia e vento, hanno potuto imprimere ritmi più serrati alle attività di ripristino di massicciata, binari e apparati tecnologici. Per alcuni giorni i treni potranno registrare un allungamento dei tempi di viaggio fino a circa 15 minuti per la necessità di dover procedere in alcuni punti, a scopo precauzionale, a una velocità ridotta. Proseguono, inoltre, anche in questo caso senza sosta, gli interventi che consentiranno di riaprire entro la prima settimana di novembre i tratti di linea Palermo -Catania che l’eccezionale ondata di maltempo ha gravemente danneggiato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 ott 2015

Il mercatino abusivo del Giardino Inglese

di Fabio Nicolosi

Mi sono recato Domenica con la mia famiglia al Giardino Inglese per stare tra la natura, il verde, e mi ritrovo in un mercatino del tutto abusivo e non si sa da chi sia stato autorizzato. Questa è la testimonianza di un nostro utente che ci invia queste foto. Ci chiediamo come sia possibile che all’interno di un giardino comunale ci si ritrovi davanti a queste scene, bancarelle abusive piazzate all’interno del giardino senza alcuna autorizzazione, senza alcuna determina. Ci chiediamo come sia possibile che addirittura un camion sia stato autorizzato ad entrare nel suddetto giardino sostando per un intera giornata all’interno dello stesso. Ci chiediamo dove sia la polizia municipale che dovrebbe controllare e curare questi giardini di Palermo. Guardando queste foto viene da pensare che ci sia un tacito accordo per cui è permesso a tale abusivo di entrare e piazzare la bancarella senza aver alcun problema e permettendo quindi un atto del tutto illecito senza che nessuno possa fare o dire altro. Chiederemo spiegazioni alla polizia municipale e al comune per capire se sono a conoscenza della situazione e come sia possibile tutto ciò.

Leggi tutto    Commenti 8
Segnalazione
30 set 2015

La discarica di Monte Pellegrino

di Pantera di Bellolampo

Domenica scorsa, da palermitano osservante, ho fatto l'acchianata al santuario di S.Rosalia.  Devo dire che ben poco è cambiato rispetto agli anni precedenti. Le rampe della scala vecchia presentano ancora delle recinzioni in bastoni metallici e rete arancione. Non dico di ripristinare il selciato in pietra, piuttosto sconnesso per i primi 2/3 del percorso, ma almeno di eliminare le reti di plastica e ripristinare i parapetti, quello sì! A questo aggiungo anche la foto. Se non apparteneva ad un campeggiatore, per esclusione, deve averlo lasciato uno di quegli  abusivi che nei primi giorni di settembre infestano la scala vecchia. Anche lì, controlli latitanti così come pure ai bordi della strada tra Santuario e belvedere, sacchetti in abbondanza . RAP, VV.UU., Presidente e consiglieri di Circoscrizione di preciso, di cosa vi occupate? I Palermitani meritano il promontorio più bello del mondo! Concludo con un plauso sincero all'Amat. Tra mezzi in attesa di fronte al santuario ed altri in circolazione, ho contato ben 7 autobus (di recente consegna) impegnati sulla tratta Politeama - Monte Pellegrino. Ottimo servizio.

Leggi tutto    Commenti 3    Proposte 0
Segnalazione
25 set 2015

Piazza Indipendenza, è giusto scarificare le strade durante le ore diurne? Si, per rendere la vita difficile

di Antony Passalacqua

Traffico in tilt a piazza Indipendenza per lavori di scarifica del manto stradale. La Rap sta eseguendo i lavori ma sembra tutto ad hoc per rendere la vita più difficile. Ma programmare questi lavori durante le ore notturne? Mancano le risorse economiche per pagare gli straordinari durante le ore notturne? Qualunque amministratore di buon senso, avrebbe messo a bilancio le opportune somme aggiuntive al fine di pianificare meglio questi lavori e arrecare meno disagi possibili. Utopia.   La foto è di repertorio.

Leggi tutto    Commenti 7    Proposte 0