Articolo
13 apr 2018

Un cittadino ad AMAT: “un cicloparcheggio a Lolli?”

di Giulio Di Chiara

Nell'ottica del trasporto intermodale, riportiamo la proposta di un nostro lettore che si rivolge ad AMAT relativamente al servizio di Bike Sharing: Oggi ho deciso di scrivervi per chiedervi di essere portavoce di una piccola istanza che moltissime persone chiedono da molto tempo. Per chi lavora o abita in centro città la stazione Lolli rappresenta un ottimo sistema di collegamento tra la periferia e il centro (oltre ad essere oggi l’unica fermata metro “Palermo centro”); un importantissimo tassello di quel progetto intermodale tanto decantato. Per queste ragioni non riesco a capire come proprio in questo sito non sia presente un Cicloparcheggio del bikesharing! La presenza del Cicloparcheggio potrebbe ad esempio permettere di raggiungere gli uffici e le attività commerciali, presenti anche in ZTL, in pochissimi minuti. Insomma come spesso accade si riflette poco su quelli che possono essere considerati i punti strategici per creare davvero intermodalità. Vi ringrazio per avermi ascoltato e spero che possiate aiutarmi in questa piccola battaglia. La Stazione Lolli è in effetti la fermata di trasporto su rotaia più vicina al centro cittadino e dispone di spazi abbastanza ampi per accogliere un ciclo parcheggio. Non sappiamo se AMAT abbia in precedenza valutato questa ipotesi e contattato RFI per cercare un'intesa sugli spazi. Ad ogni modo proveremo a inoltrare questa ipotesi a chi di competenza. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
08 feb 2018

VIDEO | Alla scoperta del nodo di Palermo da una prospettiva molto particolare

di Salvatore Galati

Facendo una ricerca su YouTube, è spuntato questo video di dicembre del 2017, che è stato ripreso dalla cabina di comando del macchinista. La tratta in questione è la Palermo-Giachery. Un tratto di passante ferroviario e un tratto di anello ferroviario. (da Palermo centrale fino a Palermo Notarbartolo è un tronco di Passante ferroviario, da Palermo Notarbartolo a Giachery, è un ramo di Anello Ferroviario) Nel video al minuto 13:08 si immortala la banchina della futura fermata (del passante) Imera-Giustizia, posta tra la stazione Palermo Orleans e Palermo Lolli, in direzione Aeroporto. Mentre al minuto 21:30 all'interno della galleria Ranchibile, si notano le pareti segnate in prossimità dei lavori della futura fermata Lazio-Libertà (dell'anello ferroviario). Ricordo che il Servizio Ferroviario Urbano di Palermo ha una frequenza di 30 minuti. Dalla stazione Centrale, la le partenze sono cadenzate al minuto '07 e al minuto '37. Le fermate attive sono le seguenti: Palermo Centrale (si può raggiungere il centro storico) Guadagna (si può raggiungere la zona Oreto e Buonriposo) Vespri (si può raggiungere il policlinico e il civico) Palermo Palazzo Reale - Orleans (si può raggiungere l'Università, piazza indipendenza, corso Tukory) Palermo Lolli (si può raggiungere la zona Dante e piazza Politeama) Palermo Notarbartolo (si può raggiungere la zona Notarbartolo e via Libertà) Imperatore Federico (si può raggiungere, la zona di via imperatore Federico, lo stadio, piazza Don Bosco e piazza Vittorio Veneto) Fiera (si può raggiungere la zona Fiera, la zona Sampolo) Giachery (si può raggiungere, la zona di via Duca la Verdura, via Monte Pellegrino e il porto) Il costo del biglietto di Trenitalia è di €1,50, valido 90 minuti, ed è possibile utilizzare i treni solo in un solo verso. Vi poniamo una domanda ma quando verrà istituito il Biglietto unico integrato tra AMAT e TRENITALIA? Molto probabile che verrà istituito all'apertura del passante? Ma come verranno gestiti gli abbonamenti? Trenitalia si adeguerà alla stessa modalità di biglietto come fa Amat? E' chiaro che il biglietto unico tra le due aziende è di vitale importanza per la città di Palermo, perché cosi si favorisce lo scambio tra i mezzi di Amat e Trenitalia e si invoglia anche l'utilizzo dei mezzi pubblici. Non è anche questo l'obbiettivo? Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
15 dic 2016

VIDEO | II progetto per un grande centro direzionale sulla trincea ferroviaria tra la ex stazione Lolli e la stazione Notarbartolo

di Mobilita Palermo

Vi proponiamo l'articolo del Prof Maurizio Carta in merito a questo progetto che potrebbe essere il rilancio di una zona per anni ostaggio di cantieri. Questo mese il viaggio sulle onde gravitazionali della creatività ci porta nel futuro, un futuro possibile per rendere le nostre città più attrattive, dinamiche e, quindi, più vivibili. L'orizzonte della Sicilia si è arricchito di tré nuove protagoniste: le Città Metropolitane di Palermo, Catania e Messina, le quali hanno cominciato a emettere le onde della loro esistenza. Ma cosa sono? Innanzitutto non sono una mera innovazione amministrativa o un modo per ridurre i costi, ma sono soprattutto un nuovo tipo di propulsori dello sviluppo, piattaforme di innovazione, luoghi più dinamici ma anche più accoglienti, più sicuri e più sostenibili. Abbiamo l'occasione di sperimentare una nuova generazione di città metropolitane che invertano il senso del declino regionale e che siano i motori potenti di quella Sicilia che non si arrende, che con creatività, forza, intuito e passione lotta, progetta e realizza un diverso futuro possibile e che abbiamo incontrato navigando sulle onde gravitazionali della creatività. Con questo spirito è stata affrontata dal Dipartimento di Architettura dell'Università di Palermo, insieme alla Regione Siciliana e alle Ferrovie dello Stato, la sfida di "dare una forma" alle nuove funzioni delle tré città metropolitane, configurando alcuni spazi dismessi o degradati come luoghi simbolici della rinnovata funzione propulsiva dello sviluppo. Ne è nato il Progetto Trinacrea, presentato a luglio dello scorso anno all'Expo di Milano. Il progetto, fin dal nome "trina-crea", intende trasmettere l'immagine di una Sicilia che riparte in maniera creativa dalle sue tré città metropolitane per riattivare il futuro, soprattutto dei giovani che dovranno tornare a considerare la Sicilia un luogo in cui investire i loro talenti, passioni e professionalità. Il progetto prevede la realizzazione di tré progetti di rigenerazione di aree ferroviarie a Palermo, Catania e Messina capaci di proporsi come nuovo modello urbano per generare un "effetto città" più creativo, intelligente e resiliente, in grado di incidere in maniera positiva sullo sviluppo, generando un ambiente favorevole capace di offrire nuove opportunità di lavoro ai gio- vani invece che costringerli a una dolorosa emigrazione alla ricerca del loro futuro. II progetto per Palermo, che ho avuto il piacere di coordinare con Tullio Giuffrè, Barbara Lino, Jessica Oliva e altri colleghi esperti, in particolare, si caratterizza per la realizzazione di un grande centro direzionale regionale e di innovazione sociale sulla trincea ferroviaria tra la ex stazione Lolli e la stazione Notarbartolo, la quale diventerà un nuovo e grande parco lineare. Un centro direzionale innovativo in cui trovino posto tutti gli uffici regionali in modo da aumentare la sinergia e l'efficienza, un luogo del governo trasparente caratterizzato da un nuovo rapporto più facile tra amministrazione pubblica e cittadinanza, aiutato anche dalle nuove tecnologie per l'intelligenza urbana. li progetto è contemporaneamente High Tech e High Touch, cioè è basato su una robusta componente tecnologica e digitale (con edifici intelligenti per un più facile accesso alle informazioni e sensori diffusi per il monitoraggio ambientale) ma anche empatico e attraente (con spazi pubblici attrattivi, luoghi per la socializzazione e mobilità slow). Il centro conterrà molteplici funzioni. Sarà un generatore di energie rinnovabili con un riciclo totale di acqua, suolo, rifiuti. Sarà un attivatore di nuova residenza per accogliere i nuovi stili di vita sostenibili in un quartiere autosufficiente. Ma sarà anche un nodo importante della grande rete ecologica urbana e dell'anello verde che attraverserà Palermo come un grande parco circolare. Dal punto di vista urbanistico la sua sostenibilità sarà garantita da una cubatura produttiva e innovativa che produce nuova qualità urbana invece di consumare suolo, e da un sistema di mobilità intermodale (tram e metropolitana) connesso al resto della città, al porto e all'aeroporto che lo renderà facilmente accessibile. A Palermo il progetto Lolli-Notarbartolo si propone, quindi, come un quartiere-par co caratterizzato da edilizia sostenibile, da produzione innovativa, da innovazione sociale, da mobilità sostenibile e da produzione di energia da fonti rinnovabili. Il quartiere, oltre al centro direzionale di nuova generazione con una grande piazza che continua su un tetto-giardino con orti urbani, conterrà im "innovation center" per incubare idee e progetti dei giovani creativi e per alimentare e coltivare il talento della città. Ci sarà un "social fablab" per accogliere imprese della creatività digitale o della manifattura innovativa, insieme a un polo museale della scienza e della tecnica nella ex stazione Lolli. Il tutto è raccordato in un nuovo ambiente urbano caratterizzato da un parco lineare di quasi due chilometri che ricopre la trincea ferroviaria, restituendo connessione e qualità al quartiere Malaspina, insieme a nuova residenza a bassa densità e attività commerciali di qualità. Vi starete domandando: ma è solo un'idea? Si adesso è solo un'idea, che però ha già avuto importanti adesioni dai diversi soggetti istituzionali ed economici interessati, che ha nel nuovo piano regolatore della città una importante premessa. Ma soprattutto è un pensiero progettuale che già ha cominciato ad emettere le sue onde gravitazionali del cambiamento. E, come diceva Walt Disney, "se lo puoi pensare, lo puoi fare'. E a tutti noi spetta il compito di pensarlo collettivamente per rafforzarne la sua realizzabilità. II progetto Lolli-Notarbartolo si propone come un quartiere-parco caratterizzato da edilizia sostenibile, produzione innovativa, innovazione sociale, mobilità sostenibile e produzione di energia da fonti rinnovabili. Ecco anche un video illustrato dall'autore all'Expo di Milano: Fonte: I Love Sicilia

Leggi tutto    Commenti 47
Articolo
12 apr 2016

Passante Ferroviario | Lolli: Installata la macchinetta per l’emissione dei titoli di viaggio

di Fabio Nicolosi

Dopo l'apertura della fermata avvenuta qualche settimana fa e dopo le richieste di numerosi passeggeri è stata collocata a Lolli la macchinetta per l'emissione dei titoli di viaggio Dopo l'apertura della fermata Lolli, avvenuta il 16 Febbraio, ci eravamo subito accorti della mancanza di una macchinetta per l'emissione dei biglietti. Era stato apposto sul pannello con gli orari un avviso su un foglio bianco che indicava dove poter comprare i biglietti, un disagio non da poco per chi arrivato all'ultimo momento in stazione spesso si è dovuto fare di corsa un tratto di strada per non rischiare di prendere il treno. Le numerose segnalazioni e proteste però sono servite, infatti è stata installata la nuova macchinetta che servirà all'emissione dei biglietti. Al momento la stessa non risulta attiva, ma da quello che ci hanno riferito, verrà attivata entro il fine settimana. Teneteci informati in merito. Vogliamo anche far notare che la fermata, nonostante sia stata aperta da quasi due mesi al momento si presenta come il giorno dell'inaugurazione, infatti è pulita e non sono presenti atti di inciviltà come scritte o danneggiamenti provocati da qualche vandalo. Segno che quando qualcosa risulta bello, è nel rispetto di tutti mantenerlo così e non peggiorare la situazione. Ringraziamo Dali La per le foto:

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
17 feb 2016

VIDEO e FOTO | Ecco il reportage dell’ inaugurazione di Lolli e della visita all’ACC di Palermo

di Fabio Nicolosi

E' stato un intenso pomeriggio quello che ieri ha seguito l'inaugurazione di Lolli e Guadagna. Abbiamo visitato l'ACC di Palermo e successivamente tramite treno ci siamo recati a Lolli. Per motivi probabilmente di tempo da programma era prevista anche la sosta a Guadagna, ma il treno si è semplicemente fermato pochi secondi per ripartire alla volta di Lolli. A Lolli insieme al presidente della regione Crocetta e del ministro alle infrastrutture e trasporti Delrio è stato tagliato il nastro simbolico di inaugurazione della fermata. Al momento tra Palermo C.le e Giachery sono in movimento? 29coppie di treni al giorno con frequenza 30’ dalle 6.06 alle 20.05 Tutti i treni effettuano servizio nelle nuove fermate di Lolli e Guadagna, ad eccezione di 4 coppie che in prima fase non fermano a guadagna Ma andiamo alla descrizione di dettaglio delle fermate: Fermata Maredolce Realizzata in superficie, posizionata fra Brancaccio e Bivio Oreto sulla bretella ferroviaria che collega le linee Palermo - Messina e Palermo - Trapani/Punta Raisi, è attrezzata con: due banchine lunghe 125 metri, coperte per circa 52 m con pensilina; un sottopasso di collegamento delle due banchine; fabbricato tecnologico; impianto di illuminazione (marciapiedi, vani scala, rampe per persone a ridotta mobilità e con disabilità e parcheggio antistante); parcheggio pavimentato per complessivi 20 posti auto, di cui 3 per persone a ridotta mobilità. Al momento la fermata non è ancora operativa in quanto si attende che vengano attivati dei treni che da Cefalù o Termini by-passino la Stazione Centrale per dirigersi direttamente verso Palermo Notarbartolo. Probabilmente ciò avverrà a fine 2016 quando verrà riattivata la tratta Palermo Notarbartolo - Aeroporto Falcone Borsellino Fermata Guadagna Guadagna realizzata fra Palermo Centrale e Notarbartolo, sulla linea Palermo - Trapani/Punta Raisi è interrata e articolata su due livelli: due accessi indipendenti sui marciapiedi di Via Fichidindia, attrezzati con scale fisse e ascensori per raggiungere le banchine della fermata; due banchine interrate lunghe 125 metri, realizzate in unica galleria artificiale. Fermata Lolli Posizionata fra Palermo Centrale e Notarbartolo, sulla linea Palermo - Trapani/Punta Raisi, si sviluppa su quattro livelli, di cui tre interrati. Realizzata in una zona centralissima di Palermo, in corrispondenza della omonima antica stazione (non più in esercizio) a poche centinaia di metri da Piazza Politeama. I livelli sono così distribuiti: area esterna pavimentata e munita di impianto di illuminazione da cui si accede alla scala di ingresso alla fermata ed al blocco ascensori; androne di ingresso, al primo livello interrato (quota - 5,30 m) da cui con scale fisse, scale mobili e ascensori si raggiungere quota - 11 m dove c’è la banchina del binario. A quota -17,80 m è ubicata la banchina del binario che sarà attivato nel 2017, a conclusione dei lavori della galleria Giustizia-Lolli. Tra le critiche che dobbiamo fare c'è quella di non aver prevista alcuna rastrelliera per le bici nonostante l'ampio spazio libero, ma sopratutto la mancanza dell'emettitrice automatica di biglietti! Fondamentale per una fermata così centrale. Fortunatamente entrambi i problemi sono risolvibili in ben poco tempo. Ecco un video che mostra gli attuali lavori e che cita alcuni dati significativi di questa importante opera da oltre 1,1 miliardi di euro: Ed ecco una carrellata di fotografie da noi realizzate: Tra le novità da segnalare vi è la nuova nomenclatura della fermata Imera che si chiamerà Imera - Papireto proposta da noi nel lontano 2011 e non più Giustizia.

Leggi tutto    Commenti 22
Articolo
16 feb 2016

DIRETTA | Inaugurano le fermate Lolli e Guadagna: foto “live” e tutti i dettagli

di Fabio Nicolosi

Immagini in diretta in continuo aggiornamento, restate sintonizzati! Dopo molti anni di lavori e disagi finalmente possiamo goderci i primi risultati. Era il 23 febbraio 2008 quando venivano avviati i cantieri della tratta A del passante ferroviario. Oggi, con l'entrata in servizio di queste due nuove fermate, si conclude una parte dei lavori. Per completare infatti l'effettivo raddoppio manca ancora la risoluzione della criticità incontrata durante lo scavo della galleria tra Imera e Lolli esattamente sotto Vicolo Bernava. Abbiamo letto un avviso di esproprio pubblicato online e su alcune testate locali per le oltre 60 famiglie che da anni vivono fuori casa, costretti ad abbandonare le case per problemi di incolumità pubblica visto che una parte delle loro case durante lo scavo sono state danneggiate e rischiano il crollo. Al momento il servizio quindi tra le stazioni di Palermo Centrale e Notarbartolo verrà effettuato a binario unico, il che comporterà una frequenza di un treno ogni mezz'ora. Nuovi avvisi e cartelli alla Stazione Centrale Vi portiamo a conoscenza che a causa del viaggio inaugurale verranno soppresse alcune corse: Il programma di oggi prevede una visita all'ACC di Palermo, successivamente saliremo su un treno che fermerà alla stazione Guadagna e dopo una breve pausa ci recheremo a Lolli dove avverrà il taglio del nastro e dove vi sarà un discorso da parte di tutte le autorità presenti. Cos'è un ACC? ACC - Apparato Centrale Computerizzato L'ACC è il più moderno sistema di controllo e gestione della circolazione dei treni nelle stazioni. Comprende una unità di elaborazione delle logiche di movimento, una unità interfaccia operatore, dotata di video terminali, e da una funzione di supporto che gestisce la diagnostica, la manutenzione e le funzioni di servizio. Vantaggi tecnico-operativi dell'ACC: miglioramento del servizio alla clientela; maggiore regolarità dell'esercizio; massimo livello di sicurezza; aumento delle potenzialità di traffico dell'impianto; riduzione dei tempi di fuori esercizio dell'impianto; semplicità operativa; ottimizzazione delle fasi di manutenzione; gestione delle anormalità e delle emergenze con il massimo livello di sicurezza. Se volete invece consultare gli orari, vi invitiamo a dare una lettura a questo articolo Ecco gli ultimi ritocchi a Guadagna foto di Giuseppe P. e Filippo G. Ecco alcune foto di G.C. presso Lolli, qui i binari sono collocati a livelli differenti In merito alla tratta C del Passante Ferroviario è stata individuata nella fine dell'anno 2016 la data della prevista riapertura.

Leggi tutto    Commenti 38
Articolo
09 dic 2015

Passante Ferroviario | Slitta la riapertura di Guadagna, Maredolce e Lolli

di Fabio Nicolosi

EDIT: Aggiunto il video dell’intervento di RFI Qualche mese fa si era parlato della possibile riapertura delle fermate Guadagna, Maredolce e Lolli per Dicembre 2015. A seguito della conferenza sulla mobilità che si è tenuta Lunedì 7 Dicembre presso la Fiera Del Mediterraneo dov’è stato presentato il bikesharing abbiamo avuto modo di apprendere anche che, per quanto riguarda i lavori del passante ferroviario e la consegna delle tre fermate, tutto è stato posticipato di qualche settimana, all’incirca entro fine Gennaio 2016. Grazie alle foto che ci avete inviato infatti sappiamo che a Guadagna sono stati effettuati nei giorni scorsi delle prove di carico su un tratto di galleria, a Lolli è stata già installata la scala mobile e anche durante il fine settimana si vedono lavoratori in azione e che anche a Maredolce ( ex Brancaccio residenziale ) si sta lavorando senza sosta per rispettare questa ulteriore scadenza. Inoltre per quanto riguarda l’intoppo di Vicolo Bernava, l’Ing Palazzo di Rfi ha dichiarato che i progettisti stanno mettendo a punto il progetto definitivo che sarà pronto entro la fine dell’anno. Prima lo visioneranno gli ingegneri e poi lo presenteranno a tutti gli enti interessati, compreso il Comune. L’idea di massima è quella di intervenire con uno scavo dall’esterno ma è tutto ancora in fase di definizione. Ecco il video girato dall’amico Salvo Galati, proprio durante l’intervento dell’Ing Palazzo di Rfi

Leggi tutto    Commenti 21

Ultimi commenti