Articolo
08 feb 2016

Viale Regione Siciliana: infrastrutture e interventi a breve

di Andrea Baio

EDIT: Ecco il LINK con la presentazione proiettata durante la conferenza stampa Si è svolta questo pomeriggio, a Palazzo delle Aquile, la conferenza stampa sul piano di interventi relativi al decoro e alla sicurezza stradale della circonvallazione. Al dibattito hanno preso parte il sindaco Leoluca Orlando, i presidenti di RAP e RESET, Sergio Marino e Antonio Perniciaro, e il comandante della Polizia Municipale Vincenzo Messina. Presenti inoltre la presidentessa di AMAP, Maria Prestigiacomo, e il vicepresidente di AMG, Giampaolo Galante. Secondo quanto esposto, il piano degli interventi - da realizzare in quattro giorni circa - prevederà la collaborazione e cooperazione degli enti sopra citati per cercare di contenere i disagi inevitabili. Qui in elenco i dettagli: - interventi sul verde stradale, per migliorare la visibilità e sicurezza: decespugliamento, pulizia dai rifiuti, etc. - mezzi di raccolta e spazzamento impiegati sull'asse viario - controlli sulla illuminazione pubblica - potature e controllo tecnico - pulizia caditoie - 141 addetti impiegati - pattuglie della municipale per la gestione del traffico La fine dei lavori è prevista per venerdì pomeriggio, con inizio lavori a partire da domattina. Per quanto concerne l'iter per la costruzione del sottopasso Perpignano e del raddoppio del ponte Corleone - interrottosi anni fa a seguito del fallimento della ditta Cariboni - ci sarebbe qualche novità in vista, essendo opere previste dal masterplan in accordo con Palazzo Chigi (i 300 milioni richiesti) ed etichettate come "massima priorità" dal Comune di Palermo, avendole inserite nel piano triennale delle opere pubbliche. Alla firma del protocollo, le opere - già progettate - dovrebbero essere finalmente in condizione di partire. Vi aggiorneremo in merito

Leggi tutto    Commenti 46
Articolo
29 gen 2016

Anello Ferroviario: Iniziati i primi scavi in Via Amari

di Fabio Nicolosi

Dopo la chiusura di Via Amari dei giorni scorsi ecco che vediamo i primi segnali degli interventi che verranno effettuati. Dopo aver spostato tutti i sottoservizi, inizierà quindi la rimozione della pavimentazione e la realizzazione tramite apposita trivella dei pali che saranno le spalle della galleria artificiale. Dopo le palificazioni, verrà realizzato una grossa soletta che una volta conclusa consentirà di riaprire la strada e di proseguire lo scavo della galleria direttamente dall’interno della galleria stessa, permettendo quindi di ridurre i disagi. Ci comunicano che durante questa prima settimana di lavori, gli operai visti in cantiere sono stati pochi, circa una decina, ma sappiamo che questo numero non verrà incrementato di tanto poiché così è previsto dal programma operativo. Ringraziamo Daniele C per gli scatti

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
20 gen 2016

Anello Ferroviario, scatta la chiusura di via E. Amari per 11 mesi

di Antony Passalacqua

Dopo ben 2 rinvii e le rassicurazioni sul proseguimento dei lavori da parte di Rfi, è' scattata questa mattina la preannunciata chiusura di via E. Amari per la realizzazione della nuova galleria ferroviaria. Il tratto di strada interdetto al traffico è compreso  fra via Crispi e via Scordia. I lavori consisteranno nella realizzazione delle paratie di pali su entrambi i lati dell’asse stradale per poi ricoprire tutto con il solettone di copertura. Stessa tecnica di lavoro già vista coi lavori del Passante Ferroviario. Nei prossimi mesi si assisterà anche alla chiusura dei tratti successivi fino a piazza Castelnuovo (compreso l’incrocio con via Roma) e la parziale chiusura dell’incrocio antistante l’ingresso del Porto.  Foto: Meridionews

Leggi tutto    Commenti 22
Articolo
25 nov 2015

Tram, al via le prove tecniche sulle linee 2 e 3

di Mobilita Palermo

Il tram è adesso una realtà. Oggi è stato consegnato dal direttore dei lavori del consorzio che ha realizzato l’opera il certificato di ultimazione del progetto Tram e da domani, a partire dalle 8,30, dal deposito Leonardo Da Vinci, cominceranno le prove tecniche dei treni sui binari che scorrono lungo le line 2 (Borgo Nuovo - Stazione Notarbartolo), 3 (San Giovanni Apostolo - Stazione Notarbartolo) e 4, ovvero la circolare che collega la Stazione Notarbartolo con via Regione Siciliana. In quest’ultimo caso si tratta della prima volta che “Genio” si muove sull’asse ferrato di viale Regione Siciliana, arrivando fin in via Pollaci, ad angolo con corso Calatafimi. Così come è già successo per la linea 1 (Roccella - Stazione Centrale), anche per le linee 2,3 e 4 partiranno i test che serviranno ad ottenere il nulla osta all’esercizio da parte della commissione di agibilità. “Grazie alla consegna dei lavori, avvenuta entro novembre - afferma Gianfranco Rossi, direttore d’esercizio Amat del sistema Tram città di Palermo - è prevedibile l’avvio del pre-esercizio delle linee 2 e 3, A e B, nella prima decade di dicembre”.

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
12 nov 2015

Il tram debutta in via Leonardo Da Vinci

di Antony Passalacqua

E' iniziato questa mattina il debutto delle vetture tranviarie lungo la linea 2 fra via Modica e via Leonardo Da Vinci. Anche qui, come già avvenuto sulla linea 1, inizieranno i test inerenti prove di velocità, frenata, sincronizzazione semafori, etc. Nel frattempo è in corso l'ultimazione della linea di catenaria (alimentazione elettrica) verso la stazione Notarbartolo. Foto: Carlo Guidotti

Leggi tutto    Commenti 20
Articolo
11 nov 2015

Convegno PON Infrastrutture e reti 2014 – 2020, quale sviluppo per la Sicilia?

di Antony Passalacqua

Investimenti complessivi per 1,84 miliardi euro, interventi concentrati su ferrovie, aeroporti e trasporto marittimo, con particolare attenzione al Mezzogiorno e ai sistemi intermodali. Questi, in estrema sintesi, gli elementi che caratterizzano il Programma Operativo Nazionale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per il riequilibrio modale, il decongestionamento delle aree metropolitane e del sistema autostradale, l'integrazione fra il sistema di trasporto locale e regionale, la rete nazionale e le grandi direttrici europee e transeuropee Ten-T. Coinvolte cinque regioni - Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia - e altrettante aree logistiche dove concentrare gli investimenti: sistema campano, pugliese, Polo logistico di Gioia Tauro, quadranti orientale e occidentale della Sicilia. Senza dimenticare il necessario impulso all'innovazione tecnologica e all'adozione di Sistemi di Trasporto Intelligente. Se ne è discusso venerdì 6 novembre a Napoli, al Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare, al convegno “PON - Infrastrutture e Reti 2014-2020”. Alla presenza del Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, e del Commissario europeo per le Politiche regionali, Corina Cretu, è stato presentato il programma di investimenti per il periodo 2014 – 2020. Nutrita la platea, ricca di ospiti di rilievo, tra i quali Michele Mario Elia, Amministratore Delegato del Gruppo FS Italiane. "Il PON Infrastrutture e Reti - ha detto nel corso della presentazione il Ministro Delrio - è parte di un più ampio programma di interventi infrastrutturali nel Sud Italia, che stiamo definendo insieme ai Presidenti delle singole Regioni, con l'obiettivo di costruire occasioni di sviluppo, per la logistica e per l'intera economia meridionale. Il nuovo Programma - ha proseguito - rafforza una strategia incentrata su intermodalità, sostenibilità dei trasporti e sistemi innovativi per aumentare efficienza e sicurezza. La ferrovia, a partire dalla linea ad alta capacità Napoli -Bari, e il trasporto marittimo, che si fa forza anche della nuova organizzazione definita nel Piano Strategico nazionale della Portualità e della Logistica, sono le modalità in cui investiamo per rendere il Mezzogiorno un'area sempre più centrale e vitale del sistema di trasporto euro-mediterraneo". Per le reti ferroviarie in Sicilia, spiccano il completamento del raddoppio fra Messina e Palermo e l'avvio imminente dei lavori di raddoppio fra in un tratto fra Catania e Palermo. La tratta “Bicocca - Catenanuova”, costituisce una fase funzionale del nuovo collegamento ferroviario veloce tra Palermo e Catania. Tale intervento consentirà di migliorare il servizio tra Enna e Catania, sia con un incremento delle frequenze dei servizi sia con una riduzione dei tempi di percorrenza tra i due capoluoghi di provincia. Il progetto prevede il raddoppio della linea tra la stazione di Bicocca e Catenanuova (entrambe incluse), per circa 38,3 km, di cui circa 26,7 km in affiancamento al binario esistente e circa 11,6 km in variante. La pendenza massima prevista è del 12 per mille e la velocità massima di tracciato sarà di 160 km/h nel tratto Catenanuova - S. Martino Piana e di 100 km/h tra S. Martino Piana e Bicocca. Oltre ad interventi di tipo infrastrutturale, funzionali all’adeguamento tecnologico e rotabile della tratta, verranno soppressi tutti i passaggi a livello attualmente previsti sulla linea. L’intervento in oggetto, unitamente al raddoppio della tratta Catenanuova – Raddusa Agira e alla velocizzazione della Roccapalumba – Marianopoli, definisce una macro-fase funzionale che nel breve medio termine consentirà un recupero dei tempi di percorrenza e un miglioramento dell’offerta commerciale dell’intero collegamento ‘Palermo – Catania’.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
10 nov 2015

Posticipata al 4 gennaio la chiusura di via E. Amari

di Antony Passalacqua

Sembra che la chiusura di via E. Amari relativa ai lavori per l'Anello Ferroviario, verrà posticipata a dopo le festività. Ad annunciarlo è il Comune di Palermo attraverso un comunicato stampa che riportiamo qui di seguito. L'Amministrazione comunale accoglie con soddisfazione la comunicazione del rappresentante della Tecnis, l'impresa che per Rfi sta realizzando i lavori dell'anello ferroviario, di differimento, senza costi aggiuntivi per la stazione appaltante, al 4 gennaio degli interventi che prevedono la chiusura al traffico veicolare della via Emerico Amari. È bene ricordare ancora che in ogni caso i lavori che interesseranno la via Emerico Amari, prevedono sì la chiusura al traffico veicolare, ma anche una piena fruibilità e addirittura l'aumento della superficie utile dei marciapiedi. Via Emerico Amari potrà diventare un'isola pedonale per tutta la durata dei lavori. La realizzazione di una quinta di invito dal lato del porto, e un'altra più a monte, certamente funzioneranno da richiamo, non soltanto per quanti arrivano dal mare, ma anche per i cittadini che frequentano l'area centrale della città.  "Il rinvio della chiusura sarà una buona occasione - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - per  progettare gli  interventi utili per trasformare una pedonalizzazione necessaria in una nuova opportunità per incrementare e sostenere le attività commerciali in via Emerico Amari. Ancora una volta, nel processo di sviluppo e infrastrutturazione della città, seppure con fatica, è possibile, tenere insieme presente e futuro per fare Palermo ancora più bella e moderna".

Leggi tutto    Commenti 0