Articolo
18 mar 2020

AMAT | Le periferie e il miraggio degli autobus di domenica

di Salvatore Galati

Oggi vi scriviamo delle domeniche passate con i mezzi pubblici. Premessa è vero che c'e carenza di autisti, ma la domenica essendo che le corse sono ridotte, gli autisti presenti in Amat riuscirebbero a coprire il servizio. Vi portiamo l'esempio di una linea molto frequentata come la 212, che porta dal capolinea di viale dei Picciotti alla borgata di Ciaculli, e per raggiungere la stazione bisogna fare il cambio col tram. Quando è entrato in funzione il tram, le vetture della linea 212 erano 4 e con frequenza di circa 15 minuti. Non male  dato che in altre zone della città i tempi di attesa sono molto più lunghi. Da qualche mese a questa parte,  sembra che l'Amat abbia carenza di autisti ma che è in corso la procedura concorsuale per assumerne altri 100. Ora capita che le vetture sono 3, ma spesso  si riducono a 2 a causa di guasti o carenza personale rimanendo  addirittura una sola vettura 1. Infine la domenica dove dovrebbero esserci 2 vetture, ma molto spesso si viaggia con una sola vettura. Per quanto ancora dovrà durare tutto ciò? Se bisogna puntare sui mezzi pubblici bisogna far si che l'Amat e il Comune di Palermo accelerino per risolvere queste problematiche: portare a termine il concorso per i nuovi autisti e da un altro lato rimodulare l'attuale Contratto di Servizio con ulteriori risorse finanziarie che equivarranno a più chilometri per il servizio.  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
13 mar 2020

Coronavirus | Sospesi bus notturni e ridotti i pullman extraurbani

di Salvatore Galati

Palermo - Nell'ambito delle ulteriori misure di prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, adottate dal Presidente della Regione Siciliana con Ordinanza contingibile e urgente n. 5 del 12.03.2020, in ottemperanza dell’art. 4 comma 2 del citato provvedimento (misure da applicare ai servizi di trasporto sull'intero territorio regionale), AMAT Palermo S.p.A., con decorrenza immediata ha disposto quanto sotto riportato : Viene sospeso l’esercizio di tutti i servizi notturni : N1 – N2 – N3 – N4 – N5 – N6 – N7, 101N; Il servizio di trasporto pubblico urbano sarà svolto esclusivamente dalle ore 6.00 alle ore 21.00 Per i bus extraurbani il servizio sarà limitato alle sole fasce orarie 5:30-9:00,  13:30-16:00,   17:00-19:00

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 mar 2020

Coronavirus | Sospesa ZTL fino al 3 aprile

di Antony Passalacqua

Palermo - Il sindaco Leoluca Orlando ha dato disposizione oggi agli uffici di predisporre la ordinanza per la sospensione della ZTL fino al 3 aprile o comunque fino alla durata delle misure restrittive della mobilità previste dal governo nazionale per contrastare la diffusione del COVID-19. "Nel momento in cui un nuovo provvedimento del governo impone restrizioni rigidissime alla mobilità personale anche in ambito urbano - afferma Orlando -  limitando gli spostamenti soltanto a quelli strettamente necessari per lavoro, salute ed esigenze personali non rinviabili, è evidente che si determinerà un drastico calo del traffico cittadino e quindi viene meno l'esigenza della zona a traffico limitato." ATTENZIONE. La sospensione entrerà in vigore dopo la pubblicazione della ordinanza.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
11 mar 2020

L’aeroporto di Palermo costretto a varare un piano per fronteggiare il crollo del traffico passeggeri

di Fabio Nicolosi

A seguito della drastica riduzione del traffico aereo, che ha già fatto segnare in questi primi dieci giorni di marzo una contrazione del 50 per cento del numero di passeggeri rispetto allo stesso periodo del 2019, Gesap, la società di gestione dell’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino, ha varato un piano straordinario che servirà a ridurre i costi di gestione, per tentare di mitigare in parte i danni economici causati dal crollo del traffico aereo di queste ultime settimane. Si punta principalmente alla razionalizzazione dell’efficienza energetica e alla rimodulazione delle operazione nel terminal, a partire dalla concentrazione e dall’accorpamento dei banchi check-in e dei gate partenze e arrivi. La società ha previsto anche la pianificazione dell’apertura dei varchi dedicati ai controlli di sicurezza e una serie di azioni che riguardano il personale, come lo smaltimento delle ferie residue, che i dipendenti dovranno fruire proprio in questo periodo, e il blocco delle prestazioni straordinarie. in aggiunta, per venire incontro ai lavoratori, l’azienda ha varato un programma di lavoro a distanza (smart working). Il piano garantirà la riduzione dei costi operativi e il mantenimento dell’efficienza dei servizi. “Dopo aver visto un periodo di forte crescita negli ultimi anni, l’aeroporto sta combattendo questa pesante crisi globale con l’unico scopo di garantire le attività e salvaguardare i posti di lavoro - afferma Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap - In questo clima surreale, è stato necessario varare un piano straordinario per il contenimento dei costi, augurandoci di superare rapidamente questo periodo e riprendere le attività con più forza”. Ci teniamo a precisare che misure simili, se non peggiori, sono state adottate da tutti gli aeroporti italiani. Ti potrebbe interessare anche: Alitalia riorganizza voli su aeroporti Milano e Venezia a seguito misure nuovo Dpcm Ryanair sospende completamente tutti i voli da e per l’Italia e tutti voli domestici all’interno del Paese.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 mar 2020

Amat, le misure di disinfezione su bus e tram

di Antony Passalacqua

Palermo - Nell'ambito delle misure di contenimento dell’emergenza COVID-19 ed in linea con le disposizioni emanate dalle Autorità competenti ed in attuazione del INFORMAZIONE AMAT Nell’ambito delle misure di contenimento dell’emergenza COVID-19 ed in linea con le disposizioni emanate dalle Autorità competenti ed in attuazione del DPCM 8 marzo 2020, si rende noto che l'AMAT Palermo S.p.A. ha emesso una serie di provvedimenti volti alla tutela del proprio personale e della cittadinanza. MISURE A TUTELA DEL PERSONALE VIAGGIANTE E DEI PASSEGGERI - L’accesso ai bus sarà consentito solamente dalle porte centrali e/o posteriori dei mezzi, al fine di isolare l'area passeggeri dall’area posto guida, che sarà interdetta da apposito nastro; - E’ sospesa la vendita di titoli di viaggio a bordo dei mezzi; - In aggiunta alla pulizia ordinaria e agli interventi di sanificazione già disposti, verranno effettuati interventi giornalieri di disinfezione dei mezzi di trasporto Bus, Tram, Car/bike sharing mediante prodotti a base alcolica/ozonizzazione. E come mostrato nel video,  dopo la vaporella a oltre 100° C  viene eseguita la pulizia con prodotti indicati dal Ministero per maggiore sicurezza.          UFFICI AMMINISTRATIVI E COMMERCIALI - E’ sospeso presso gli Uffici amministrativi il ricevimento del pubblico e del personale non dipendente ad eccezione degli Uffici Commerciali che utilizzeranno le postazioni di lavoro provviste di vetro di protezione. - Temporanea chiusura degli uffici commerciali di via Giusti, 7/b e Piazzale Ungheria e, parimenti, sospensione delle attività di vendita ed informazioni al pubblico presso i CIT di Piazza Bellini, Porto, Via Cavour, e Piazza Marina, dove non è possibile assicurare tutte le condizioni di sicurezza al potenziale contagio per il contatto diretto con il pubblico. Il CIT di piazza Mondello continuerà ad effettuare servizio di vendita biglietti/schede ZTL/schede parcheggio ed informazione. - L’emissione ed il rinnovo degli abbonamenti al trasporto pubblico verrà assicurato presso i seguenti punti vendita: 1) Via Borrelli (dal lunedì al giovedì ore 8,00-13,00 e ore 14,45-17,00 e venerdì 8,00-13,00) 2) Stazione Centrale (dal lunedì al venerdì ore 8,00-13,00; martedì e giovedì 14,45-17,00) 3) Piazza Giovanni Paolo II (dal lunedì al venerdì ore 8,00-13,00; lunedì e mercoledì 14,45-17,00) 8 marzo 2020, si rende noto che l'AMAT Palermo S.p.A. ha emesso una serie di provvedimenti volti alla tutela del proprio personale e della cittadinanza. UFFICI AMMINISTRATIVI E COMMERCIALI - E’ sospeso presso gli Uffici amministrativi il ricevimento del pubblico e del personale non dipendente ad eccezione degli Uffici Commerciali che utilizzeranno le postazioni di lavoro provviste di vetro di protezione. - Temporanea chiusura degli uffici commerciali di via Giusti, 7/b e Piazzale Ungheria e, parimenti, sospensione delle attività di vendita ed informazioni al pubblico presso i CIT di Piazza Bellini, Porto, Via Cavour, e Piazza Marina, dove non è possibile assicurare tutte le condizioni di sicurezza al potenziale contagio per il contatto diretto con il pubblico. Il CIT di piazza Mondello continuerà ad effettuare servizio di vendita biglietti/schede ZTL/schede parcheggio ed informazione. - L’emissione ed il rinnovo degli abbonamenti al trasporto pubblico verrà assicurato presso i seguenti punti vendita: 1) Via Borrelli (dal lunedì al giovedì ore 8,00-13,00 e ore 14,45-17,00 e venerdì 8,00-13,00) 2) Stazione Centrale (dal lunedì al venerdì ore 8,00-13,00; martedì e giovedì 14,45-17,00) 3) Piazza Giovanni Paolo II (dal lunedì al venerdì ore 8,00-13,00; lunedì e mercoledì 14,45-17,00)

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
03 mar 2020

Trasporto pubblico, la Corte dei Conti Ue bacchetta Palermo

di Antony Passalacqua

Palermo - I progetti cofinanziati dall'Ue a Napoli e Palermo per aumentare l'uso dell'autobus e del tram hanno "subito notevoli ritardi". E una volta che "i progetti sono stati completati, il numero effettivo di utenti è risultato significativamente inferiore a quello programmato". E' quanto si legge in una relazione della Corte dei Conti Ue sulla mobilità sostenibile, redatta dopo aver visitato otto città in quattro Paesi europei (Italia, Spagna, Germania e Polonia). Solo nel caso di Madrid l'uso dei trasporti collettivi è risultato competitivo con quello dell'auto, con un miglioramento del traffico negli anni.La relazione esamina i lavori per la linea 1 della metropolitana e l'acquisto di nuovi autobus a Napoli, con costi rispettivamente di 573 e 14 milioni di euro, di cui 430 e 11 da fondi Ue. A Palermo, i revisori hanno esaminato la costruzione della linea del tram e l'acquisto di autobus nuovi, con 137 e 11 milioni di euro stanziati (103 e 8 dall'Ue). Nonostante l'acquisto di nuovi bus, inoltre, sia nel capoluogo campano che in quello siciliano l'età media del parco vetture è aumentata dal 2013 al 2018 da 12,1 a 13,4 anni per Napoli e da 10,3 a 12,4 anni per Palermo. In generale, sottolineano i revisori Ue, nonostante i finanziamenti Ue nelle città europee non c'è stata "riduzione significativa nell'uso dell'automobile e l'inquinamento in molte città tuttora supera i limiti di sicurezza". (fonte Ansa). E poco più di un anno fa i commissari della Corte dei Conti  Ue vennero a Palermo per stilare la propria relazione, e incontrarono noi di Mobilita Palermo e i ragazzi di Parco Uditore (fra le associazioni più attive in città) presso i locali del Dipartimento della Programmazione della Regione Sicilia a piazza Sturzo. Si parlò della tranvia a 360°: benefici, criticità, possibile incremento passeggeri, cantieri. Avevamo evidenziato i vantaggi per i residenti di quelle aree attraversate dalla tranvia rispetto al passato. Ma soprattutto della carenza di comunicazione in città in tema mobilità durante la realizzazione dei lavori. L'assoluta mancanza del biglietto unico integrato nell'attuale sistema di trasporti in città, una criticità sempre attuale, e di Enti Pubblici che a stento riescono a dialogare fra loro. L'eventuale introduzione del biglietto integrato aumenterebbe senza dubbio il numero dei passeggeri sia per la tranvia che per il Passante Ferroviario. E infine abbiamo voluto evidenziare una parte della politica locale non proprio "preposta" alle proprie funzioni o quantomeno  che lascia proprio a desiderare, svogliata. Anche per quanto abbiamo assistito in qualche riunione in Commissione Urbanistica. Questo è quanto possiamo testimoniare noi diretti interessati, e quanto è stato messo a verbale dai commissari.

Leggi tutto    Commenti 21
Articolo
02 mar 2020

AMAT | Linea 134: salgono i controllori a bordo e il panico assale gli utenti

di Mobilita Palermo

Oggi vi descriviamo la scena che ci siamo trovati davanti qualche giorno fa sulla linea 134 dell'AMAT. La linea bus 134 (direzione: John Lennon) ha 16 fermate e viaggia tra Sturzo - Politeama e Piazzale John Lennon per un tragitto totale percorribile approssimativamente in 23 minuti. È operativa dalle 05:50 alle 21:56 tutti i giorni. Durante il suo regolare percorso salgono due controllori, a bordo del mezzo sono presenti una quindicina di persone. Non appena gli utenti, anche se chiamarli utenti, visto il comportamento, è un complimento si rendono conto che i due che sono saliti non sono due semplici cittadini, ma sono dei controllori di Amat la situazione inizia a degenerare. I due controllori iniziano a compiere il loro dovere: chiedere i biglietti. A bordo in pochi hanno il biglietto obliterato, anzi in pochi hanno proprio il biglietto. Inizia quindi una situazione paradossale in cui i due controllori si ritrovano con un autobus dove su 15-20 persone solo in 3 sono in regola, due studenti con abbonamento e chi vi sta raccontando l'episodio con regolare biglietto obliterato. Iniziano a domandare i documenti per redigere i verbali, i vari utenti non ne vogliono sapere, iniziano le scuse, le spiegazioni del perché, del come, del quando. Atteggiamento classico di chi sa di essere in torto e cerca in qualche modo di essere graziato. Dopo alcuni minuti di agitazione, i controllori scelgono la strada più leggera, obbligano tutti gli utenti a timbrare il biglietto e alla prima fermata utile proseguono per la loro strada, abbandonando il bus. A bordo la discussione é proseguita per l'intero itinerario e tutti coloro che non avevano il biglietto cercavano le scuse classiche: "Lo faccio sempre, oggi me lo sono dimenticato", "Il tabacchino era chiuso e non l'ho potuto comprare", "La macchinetta non funzionava". In conclusione Il comportamento dei controllori è stato corretto? A nostro avviso si, perché sarebbe stato inutile redigere delle multe che non sarebbero mai state pagare, invece obbligando tutti a timbrare chi non aveva il biglietto lo ha dovuto acquistare e invece chi lo aveva, lo ha dovuto timbrare e quindi ne dovrà acquistare uno nuovo. Il fenomeno dei portoghesi é davvero cosí diffuso? Si e non lo dice AMAT, lo dicono gli utenti che giornalmente frequentano gli autobus e che ci riportano le lamentele di chi da cittadino civile compra un abbonamento e vede salire decine e decine di persone che usufruiscono del servizio, magari pure lamentandosi per l'attesa, senza che abbiano l'abbonamento o che obliterino il biglietto In che modo é possibile arginarlo? Purtroppo noi non siamo in grado di trovare una soluzione. Impossibile al momento chiedere che in ogni autobus sia presente a bordo un controllore, guardia giurata o bigliettaio. Peró il fenomeno c'è ed è grave. Si potrebbe iniziare obbligando i passeggeri a salire dalla porta anteriore e mostrare il biglietto o l'abbonamento? Si Si potrebbe consentire l'acquisto del biglietto maggiorato a bordo del mezzo? Si Ma possono queste misure contrastare il fenomeno? Difficile, ma sono dei piccoli tentativi. Intanto purtroppo nonostante la flotta sia stata rinnovata con mezzi nuovi, ci ritroviamo ancora senza mezzi dotati di GPS, con pensiline di 30 anni fa, con pochi autisti e sopratutto ci troviamo con migliaia di persone che utilizzano il mezzo pubblico senza pagare il biglietto!

Leggi tutto    Commenti 29