Articolo
17 set 2019

Controllo su velocipedi a pedalata assistita e sequestri: chiarimenti della Polizia Municipale

di Antony Passalacqua

Palermo - Potenziati i controlli sulle biciclette elettriche circolanti nel territorio cittadino, tre bici sequestrate e dodici sanzioni. Sabato mattina, come comunica la polizia municipale, sono stati elevati dodici sanzioni ai conducenti di tre biciclette elettriche.  Il servizio è stato programmato a seguito delle segnalazioni riguardanti la pericolosità dei velocipedi all’interno delle aree pedonali. Su sette mezzi di micromobilità elettrica controllati, soltanto quattro erano in regola. Le biciclette elettriche irregolari sono state sequestrate ai fini della confisca poiché modificate con pulsanti attivanti circuiti elettrici. I conducenti sono stati sanzionati perché i mezzi erano sprovvisti di targhe, di certificato di circolazione e di copertura assicurativa; due dei ciclisti non indossavano il casco protettivo e uno era privo di patente di guida per i ciclomotori. Il gruppo di lavoro per il controllo dei velocipedi a pedalata assistita intensificherà i controlli in particolare nelle aree pedonali a tutela dell’incolumità dei pedoni e per consentire la corretta fruibilità del territorio. In merito alla rilevata pericolosità  di alcuni mezzi utilizzati in città, in particolare all’interno delle aree pedonali, la Polizia Municipale ricorda che l’utilizzo dei cosiddetti  mezzi di micromobilità elettrica, tra cui biciclette elettriche (non a pedalata assistita), segway, monowheel, overboard e pattini, non è consentito in città, neanche nelle aree pedonali. I velocipedi a pedalata assistita possono circolare, esclusivamente azionando i pedali, come le semplici biciclette, dando la precedenza alla circolazione dei pedoni e prestando particolare cautela nelle aree pedonali. A differenza di altre città d’Italia, il comune di Palermo non ha autorizzato la sperimentazione dei meccanismi per la mobilità personale a propulsione elettrica, pertanto la circolazione di tali mezzi elettrici all’interno del territorio è consentita esclusivamente ai veicoli a servizio delle persone con disabilità o ai giocattoli per bambini. Infatti, ai sensi dell’art. 46 CdS, “Non rientrano nella definizione di veicolo: a) le macchine per uso di bambini, le cui caratteristiche non superano i limiti stabiliti dal regolamento; b) le macchine per uso di invalidi, rientranti tra gli ausili medici secondo le vigenti disposizioni comunitarie, anche se asservite da motore”. La circolazione di qualsivoglia veicolo deve essere rispettosa della civile convivenza, evitando in ogni caso interferenze con la circolazione dei pedoni. A norma del c. 4 art. 182 CdS, “i ciclisti devono condurre il veicolo a mano quando, per le condizioni della circolazione, siano di intralcio o di pericolo per i pedoni. In tal caso sono assimilati ai pedoni e devono usare la comune diligenza e la comune prudenza”. La Polizia Municipale nell’ultimo anno ha sequestrato, ai fini della confisca, 118 biciclette elettriche irregolari, modificate con pulsanti, anche dissimulati o nascosti, che attivavano il circuito elettrico in assenza di azione dei pedali, trasformandoli di fatto in ciclomotori. L’utilizzo di queste biciclette elettriche viene sanzionato alla stregua di quanto previsto per i ciclomotori sprovvisti di assicurazione e targa, i cui conducenti vengono sanzionati anche se del caso, perché privi di casco e patente di guida.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
01 ott 2015

Via libera alle bici lungo le corsie preferenziali

di administrator

Con apposita ordinanza, viene dato il via libera al transito delle biciclette lungo le corsie preferenziali dei mezzi pubblici. Si tratta di un provvedimento che era già previsto dal Piano della Mobilità Dolce (uso promiscuo della corsia riservata al trasporto pubblico) e che apre nuovi scenari per incentivare l'utilizzo della bicicletta. Augurandoci che molte di queste corsie vengano "protette" da appositi cordoli per salvaguardare ulteriormente la sicurezza dei ciclisti. Diciamo che si è legalizzata una pratica che già i ciclisti usavano. Il provvedimento sarà valido non appena verrà posta la segnaletica. Tutti i velocipedi avranno l'obbligo di seguire il senso di marcia della corsia preferenziale. Inoltre viene istituito il limite di 30 Km/h da collocarsi in più punti della corsia riservata. Riportiamo qui di seguito stralcio dell'ordinanza con l'elenco delle strade interessate.    

Leggi tutto    Commenti 19
Articolo
22 lug 2014

E Corso Vittorio Emanuele diventò ciclabile

di Fabio Nicolosi

A distanza di poche settimane dalla proposta sull’anello ciclabile ecco che una parte di questa nostra proposta viene accolta. Mobilita Palermo riesce ad ottenere un "si" ad una proposta maturata in tanti dibattiti all'interno di questa comunità, pertanto auspichiamo che insieme a cittadini propositivi si possano avanzare e discutere nuove soluzioni. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 17

Ultimi commenti