Articolo
13 ago 2015

Tram linea 1: il catalogo delle infrazioni sopra i binari

di peppe2994

Il cantiere della linea 1 del tram si avvia alla conclusione, ma già da tempo le vetture circolano fino a piazza Scaffa i giorni lavorativi per formare i conducenti, ed al contempo effettuare le migliaia di chilometri di collaudo su strada obbligatori. I cittadini mostrano interesse per questo grande treno che sfreccia per le strade. Purtroppo però non tutti rispettano quel paio di semplicissime norme necessarie per garantire l'esercizio della linea e la sicurezza propria ed altrui. A volte si verificano casi clamorosi che fanno notizia come i rifiuti ingombranti sui binari, ma giornalmente si presentano problemi. Nella foto in copertina potete vedere ad esempio un tram fermo a causa di un new jersey in cemento armato spostato sui binari da uno dei tanti motociclisti che effettuano l'inversione di marcia sulle strisce pedonali invece che sulla sicura rotonda,regolata da impianto semaforico 130 metri più avanti. Andando ad analizzare invece i malcostumi quotidiani, possiamo facilmente osservare automobilisti che percorrono le corsie tranviarie ed a testimonianza di quanto le infrazioni siano frequenti, possiamo intravedere due macchine sopra i binari all'incrocio con il semaforo rosso. Tanti cittadini non conoscono il significato di striscia di arresto, e come fosse una gara assistiamo un po' ovunque al giochino di chi si piazza più avanti al semaforo, eseguendo una serie di manovre pericolose. Spesso ciò causa disagio alla circolazione, ma quando ci si va a fermare sopra dei binari percorsi da vetture dal peso di tonnellate, la vicenda assume contorni allarmanti. Chiaramente non sono solo le auto ad occupare indebitamente i binari. Un altro classico è il venditore abusivo che fa quel che gli pare ignorando completamente la differenza tra un marciapiede, una strada ed una corsia tranviaria. Di certo lo spazio agli angoli non manca per continuare la propria attività illecita, ma secondo una mentalità che va per la maggiore nella nostra città con o senza tram l'abusivo non si muove da lì, come se quel metro quadrato fosse di sua proprietà. Chiaramente non sto difendendo il commercio abusivo, solo un paragone tra luoghi. Infine si passa a quello che la nota inviata palermitana di Striscia la Notizia ha definito "parcheggio creativo". Binari o non binari, tram o non tram, dove c'è un buco libero in poco tempo arriva un'auto che vi si "parcheggia" . Ogni incrocio è un parcheggio, soprattutto in corrispondenza di attività commerciali quali bar e tabacchi.   Al momento le vetture tranviarie vengono scortate dalla polizia municipale che eleva multe ogni qualvolta necessario, ma per quanto ancora si dovrà andare avanti così? Mi chiedo, cosa accadrà quando la linea sarà operativa per la sua interezza? Sfido chiunque, soprattutto adesso con il caldo a trovare meno di 15-20 macchine sui binari all'incrocio tra via Paolo Balsamo e Corso dei Mille. Tutte di gente che consuma gelati nei due locali poco più avanti. Va precisato che il vicino parcheggio all'interno della stazione centrale è chiaramente, come sempre libero. Il paragone tra un posto auto a pagamento ed uno libero poiché non destinato a tale uso non sussiste, perché i parcheggiatori abusivi sono arrivati pure sui binari, sia in quella zona che presso il centro commerciale Forum Palermo. Possiamo solo sperare che con il tempo la città accetti questo grande cambiamento del trasporto pubblico, anche se sulle invasioni di corsia, senza una adeguata videosorveglianza, le aspettative non sono tra le più rosee.

Leggi tutto    Commenti 14