Articolo
10 dic 2020

Palermo allagata? Ma per quanto ancora? Il punto sugli interventi in corso e in progettazione

di Mobilita Palermo

Le piogge delle ultime settimane hanno messo a dura prova i vari sistemi idraulici per lo smaltimento delle acque meteoriche. Spesso viene data la colpa alle caditoie occluse, all'immondizia. Fattori che sicuramente influenzano l'accumulo di acqua nelle nostre strade, ma che purtroppo non sono i soli responsabili di scene piú e piú volte viste. Infatti negli anni a Palermo si è ignorata l'espansione della città e non si è adeguata la rete fognaria per reggere tale espansione. Ci troviamo infatti con opere idrauliche ferme a decine di anni fa e mai adeguate. Da alcuni anni le opere che necessiterebbero alla città sono sotto la struttura del commissario straordinario unico per la depurazione Prof. Maurizio Giugni che è l'ultimo nominato a seguito delle sentenze di condanna della Corte di Giustizia dell’Unione europea, per la non corretta applicazione della Direttiva 91/271/CEE sulle acque reflue. Parecchi sono stati i commissari che hanno portato avanti i vari interventi, ma purtroppo lungaggini burocratiche dovute alla macchinosa e lenta procedura degli appalti italiani non consente ancora l'avvio rapido di opere fondamentali. Nel titolo facciamo una domanda precisa: quanto tempo passerà ancora prima di tornare a non parlare di allagamenti in città? A chiarirci un po' le idee di pensa la nota del sub commissario Riccardo Costanza: Il Commissario straordinario unico per la depurazione Prof. Maurizio Giugni, nominato con DPCM dell’11/05/2020, sta realizzando su reti di drenaggio urbano e impianti di depurazione per l’adeguamento alle sentenze di condanna della Corte di Giustizia dell’Unione europea, per la non corretta applicazione della Direttiva 91/271/CEE sulle acque reflue. Con il DPCM dell’11/05/2020 sono stati nominati due sub commissari, Riccardo Costanza e Stefano Vaccari, per affiancare l’attività del Commissario. Il Commissario ha competenza su 151 interventi distribuiti su 91 agglomerati concentrati principalmente in Sicilia, Calabria e Campania. Attualmente in Sicilia sono in corso di attuazione 63 interventi su 49 agglomerati per un carico generato di circa 3,4 milioni di abitanti equivalenti, il cui costo complessivo è di circa 1,8 miliardi di euro distribuiti in tutte le province siciliane (tranne Enna). Gli interventi prevedono la realizzazione o il completamento di reti di drenaggio urbano e l’adeguamento e potenziamento di impianti di depurazione, ubicati prevalentemente sulla fascia costiera. Gli investimenti maggiori sono previsti in provincia di Catania con la realizzazione delle reti di drenaggio urbano e dei depuratori consortili di Misterbianco, Acireale, Mascali e Catania per un valore complessivo di circa un miliardo di euro. Sono previsti anche importanti interventi sugli schemi fognari e depurativi della città di Palermo, Messina, Agrigento che garantiranno il drenaggio dei reflui e l’idoneo trattamento depurativo. A Palermo sono previsti 13 interventi. In primis c’è l’adeguamento e potenziamento dell’impianto di depurazione di Acqua dei Corsari, il completamento del collettore sud-orientale, la riconversione dell’impianto di depurazione di Fondo Verde e altri interventi che prevedono il completamento di reti fognarie di zone periferiche della città e altri che mirano ad intercettare ed eliminare attuali situazioni di sversamento di acque nere nel sistema di canali di acque bianche o nel fiume Oreto. Di seguito una tabella riepilogativa dei 13 interventi con il dettaglio delle risorse programmate e l’attuale stato di avanzamento: Titolo intervento Stato attuale Realizzazione rete fognaria nella via Ripellino e Carmine dalla via Pomara e via Messina montagne, dalla via Ponticello etc e collettore fognario misto dalla via Palmerino al Fondo Badami Lavori ultimati Fognatura a sistema separato nella via Valenza del quartiere Villagrazia Lavori ultimati Realizzazione rete fognaria quartiere Marinella Lavori in corso Fognatura a sistema separato nella via Agnetta e nella via Etna nel quartiere Villagrazia Lavori in corso Collettore a sistema misto dalla via Palmerino Molara alla via Ponticello Oneto, dalla via Ponticello Oneto alla via Paruta e ramo della via Ponticello Oneto a Fondo Badami Lavori in corso Rete fognante Sferracavallo Lavori in corso Completamento collettore sud orientale Gara lavori aggiudicata Adeguamento e potenziamento dell'impianto di depurazione di Acque dei Corsari Lavori di man. straordinaria Progetto per la realizzazione della fognatura di via Cruillas con l'eliminazione degli scarichi di liquami nel Canale Mortillaro In corso la progettazione Progetto per la realizzazione della fognatura nella zona compresa tra la via Castellana e il Canale Passo di Rigano con l'eliminazione dei relativi scarichi nel Canale In corso la progettazione Eliminazione degli scarichi fognari nel Canale Boccadifalco mediante il loro convogliamento nella rete di valle In corso la progettazione Eliminazione dello scarico fognario di via Decollati nel fiume Oreto mediante convogliamento di liquami nel collettore sud orientale attraverso il collettore di via Stazione In corso la progettazione Adeguamento dell'impianto di depurazione di Fondoverde Giardini comprese le opere di scarico a mezzo di condotta sottomarina In corso la progettazione La Struttura Commissariale pone grande attenzione per gli interventi siciliani e proprio per questo è stato specificatamente delegato un subcommissario ad assicurarne l’attuazione. Occorre colmare nel più breve tempo possibile l’attuale gap infrastrutturale nel settore fognario/depurativo che rende la Sicilia principale destinataria delle sanzioni europee » afferma il Commissario Giugni. La Struttura Commissariale per la Depurazione sta lavorando con ogni energia per accelerare l’avvio e la rapida conclusione delle opere previste. Per Palermo c’è un impegno che guarda al coinvolgimento di tutti gli attori istituzionali, a cominciare dall’amministrazione comunale, per completare con una serie di grandi e piccoli interventi lo schema fognario-depurativo e far uscire il capoluogo dall’infrazione” dichiara l’Ing. Riccardo Costanza, Sub Commissario delegato per la Sicilia. Come possiamo notare dunque di carne sul fuoco ce n'è parecchia. Non ci resta che tenere alta l'opera civica di sorveglianza e monitoraggio degli appalti affinché questi appalti vengano avviati il prima possibile perché la città ne ha assoluto bisogno.

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
09 dic 2020

AMAP | Interruzione temporanea dell’acquedotto jato: da San Lorenzo a Boccadifalco senz’acqua

di Mobilita Palermo

Amap informa che, non essendo ancora tornati alla normalità i valori della torbidità delle acque, prelevate dall’invaso Poma, aumentati per il maltempo di domenica 6 dicembre, potranno continuare i disservizi, consistenti in una forte riduzione delle pressioni in rete, fino all’interruzione totale dell’erogazione idrica, nella rete cittadina del Comune di Palermo, in particolar modo nei distretti pedemontani: Villagrazia, Borgo Molara, Boccadifalco, Borgo Nuovo e nei distretti: sottorete 11 “Noce – Uditore”, Strasburgo, Resuttana – San Lorenzo, Calatafimi. Inoltre si prevede l’interruzione totale del servizio distribuzione idrica nel distretto Bandita favara.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2020

Aeroporto Falcone Borsellino | Lo scalo è pronto ad ospitare i vaccini anti-covid

di Fabio Nicolosi

A metà del prossimo anno l’aeroporto di Palermo avrà una nuova area Cargo di mille metri quadrati. Lo annuncia Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap, la società di gestione dell’aeroporto internazionale di Palermo Falcone Borsellino. Da inizio anno, lo scalo aereo palermitano ha visto crescere le tonnellate di merce transitata dallo scalo (+147%), +50% di merce stoccata rispetto al 2019, in parte anche per la forte domanda di dispositivi di protezione individuale per combattere il Covid. Inoltre, in queste ore, Gesap ha dato il via libera alla possibilità di stoccare lotti di vaccino anti-covid nelle celle frigorifere dello scalo, garantendo così la catena del freddo. “L’ottima percentuale di crescita sul traffico merci – afferma Scalia – ci spinge ad investire sul settore. Stiamo infatti lavorando per far nascere già da metà 2021 una nuova area cargo di mille metri quadrati, per rendere Palermo hub del Cargo in Italia, in Europa e per i trasferimenti intercontinentali. L’aeroporto – conclude Scalia – resta un punto di riferimento per lo stoccaggio delle merci, e per questo motivo abbiamo messo a disposizione le due celle frigorifere per il mantenimento delle basse temperature, che potranno essere utili alla fondamentale conservazione dei vaccini anti-covid”.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
03 dic 2020

Tram | Dal Ministero 487 milioni per l’ampliamento della rete cittadina

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa l'approvazione del Mit (Ministero Infrastrutture e Trasporti) per il finanziamento di ulteriori linee tranviarie. Un bando del Ministero che metteva a disposizione finanziamenti destinati agli Enti Locali per progetti di ampliamento delle proprie infrastrutture della mobilità: linee tram, metrò, reti filobus, parcheggi ed altri sistemi a guida vincolata". Un anno fa  il Comune di Palermo non rientrò nei finanziamenti immediati per delle delle osservazioni sui progetti presentati da alcuni Enti quali Genova, Palermo e Brescia, ma concedendo tramite Decreto  una “finestra”  dove poter trasmettere apposite integrazioni.  Se ricordate, la storia del famoso "finanziamento perduto" che tanto clamore destò, nonostante il Decreto fosse scritto in lingua italiana. Palermo -  La Conferenza unificata Stato-Regioni ha approvato oggi la proposta della Ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture Paola De Micheli per l'intesa fra il MIT e il Comune di Palermo in merito al finanziamento delle nuove linee del Sistema Tram Palermo e dei relativi parcheggi di interscambio. Si tratta di un finanziamento di 487 milioni di euro interamente a carico del bilancio dello Stato nell'ambito del Fondo per il trasporto rapido di massa. Le nuove linee, che andranno ad integrare quelle già esistenti e quelle già finanziate con il Patto per il Sud, sono 4: - stazione centrale - Giachery (via mare) - Bonagia - Via Basile (Orleans) - De Gasperi - Sferracavallo - De Gasperi - Zen/Mondello. Le linee invece per cui si andrà in gara nel 2021 con il finanziamento complessivo di 296 milioni fra Patto per il sud, Comune e Regione, sono: - De Gasperi - stazione centrale - Notarbartolo - Giachery - Stazione centrale - viale Croce Rossa e via De Gasperi (asse via Roma/via Libertà) - Stazione Centrale - via Basile (staz. Orleans) - De Gasperi - Viale Francia “Le risorse che abbiamo voluto investire per il completamento della rete tranviaria della città di Palermo – ha dichiarato la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli - saranno funzionali a mettere in relazione i sistemi di mobilità veloce metropolitani con i sistemi di trasporto su gomma urbana ed extraurbani già esistenti, ponendo in essere una infrastruttura di trasporto organica ed intermodale che collegherà e renderà accessibili i centri nevralgici della città, i poli universitari e ospedalieri, i quartieri periferici e le borgate marinare. Si tratta di un progetto che dovrà contribuire alla crescita di una grande città che - ha puntualizzato la ministra De Micheli - senza alterare la propria storia e la propria bellezza, si affaccia al futuro con un progetto di mobilità green e al servizio dei cittadini". Sul progetto complessivo e sul ruolo del MIT, il sindaco terrà nei prossimi giorni una conferenza stampa con il ministro.

Leggi tutto    Commenti 33
Articolo
03 dic 2020

Bike Sharing | Installate tre nuove postazioni, ecco dove.

di Fabio Nicolosi

Dopo numerosi mesi di stallo, il servizio bike sharing ha ripreso l'installazione di nuove postazioni in città. Sono stati resi operative tre nuove postazioni: piazza Magione piazza Giachery (adiacente alla stazione FS) piazza Acquasanta (anche qui vicino gli stalli car sharing park) I prossimi step prevederanno nuovi park per gli studenti di Unipa (e non solo) e nelle vie Pindeminte e Parlatore.

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
02 dic 2020

Installata la nuova rotatoria fra via Galilei e via Borremans

di Mobilita Palermo

Palermo - Come preannunciato qualche giorno fa , è stata completata questa mattina la realizzazione della nuova rotatoria posta tra via Galileo Galilei e via Gugliemo Borremans. La rotatoria risulta delimitata da cordoli e segnaletica verticale e  avrà il compito innalzare il livello di sicurezza in questo incrocio dove in passato si sono verificati vari incidenti stradali.          

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
01 dic 2020

Viale Francia | Indignazione per gli alberi inglobati nei marciapiedi, RFI chiarisce le lavorazioni in corso e lo stato pre e post intervento

di Mobilita Palermo

EDIT 14.30 integrazione RFI: il getto è stato realizzato in questa maniera per poter poi sagomare al meglio con un taglio del cls indurito l’aiuola a margine di ogni albero. Con l'intervento in atto sono stati liberati gli alberi che, prima dei lavori erano completamente chiusi con asfalto (vedi foto allegata da Google Earth); viene consentito il passaggio per le persone a mobilità ridotta tra albero e muro di confine. EDIT 12.40 C.S. Sergio Marino: Questa mattina l'assessore Sergio Marino dopo segnalazione del vicesindaco Fabio Giambrone si è recato sul luogo e ha rilevato che quanto stava eseguendo la ditta che opera nel contesto dei lavori delle FF SS era davvero censurabile e privo di ogni minimo rispetto per le alberature presenti! I lavori che erano in corso sono stati bloccati, infatti era in corso il deposito da parte di una betoniera di cemento direttamente sulle radici degli alberi fino alla base del fusto. Sono stati chiamati i responsabili delle ferrovie che sono intervenuti. Saranno disposte la realizzazione di cercini giuste prescrizioni impartite dal settore verde e giardini Le immagini che vi mostriamo, fanno indignare e non poco. Ci troviamo in Viale Francia, strada che è interessata dai lavori di realizzazione della nuova viabilità all'interno dell'appalto del raddoppio del passante ferroviario di Palermo. Già nelle settimane scorse il cantiere era stato interessato da un sequestro di un'area a causa del seppellimento di strutture lignee, una pedana metallica, lastre ondulate di Eternit, fusti in plastica contenenti residui di vernice, scarti edili, residui di asfalto e tubi in plastica. Oggi l'ennesima beffa. Un filare di alberi viene del tutto inglobato nei nuovi marciapiedi in corso di realizzazione. Cosa prevedeva il progetto? Possibile che non sia stata ipotizzata un'aiuola per gli arbusti? In che modo gli alberi potrebbero ricevere acqua se la pavimentazione li ingloba totalmente? Ma la direzione dei lavori che si occupa della sorveglianza dov'è? Chi ha mai potuto realizzare questo? E che non ci vengano a dire che è una soluzione temporanea e che i lavori sono in corso, perchè è stata fatta un errore grosso a cui bisogna rimediare e anche velocemente. Ringraziamo Alessandro Di Dio per le foto: Ci auguriamo che questo articolo possa immediatamente arriva a chi dovrà porre rimedio a questa vergogna. Precisiamo che tali lavori sono stati affidati a delle imprese direttamente da RFI e che il Comune di Palermo non ha voce in capitolo Ancora una volta il ruolo dei cittadini si è rilevato fondamentale per monitorare i cantieri e il loro sviluppo.

Leggi tutto    Commenti 21