Ultimi post
  • 15 giu 2019

    Amat | Tornano le navette estive a Mondello e Sferracavallo

    di Fabio Nicolosi

    Da questa mattina, sabato 15 giugno, fino al prossimo 15 settembre entreranno in funzione quattro navette gratuite per i collegamenti dai parcheggi delle borgate marinare alle spiagge di Mondello e Sferracavallo. Il programma estivo dell’Amat prevede l’avvio di tre circolari (84-85-87) per il collegamenti parcheggi Galatea e Venere con la spiaggia di Mondello, una circolare (88) da Barcarello a Punta Matese e la linea 606 da viale del Fante a Mondello. Nel dettaglio, le navette gratuite sono: circolare 84 (parcheggio Galatea - Mondello Torre); circolare 85 (Mondello Torre – viale Venere); circolare 87 (Mondello Torre – Partanna); circolare 88 (Punta Barcarello – Punta Maltese). L’amat ricorda inoltre che i collegamenti con le località balneari di Mondello e Sferracavallo - Isola delle Femmine sono garantiti dai seguenti bus di linea: 544 piazzale John Lennon-Mondello, 603 Stadio-Mondello, 614 Stadio-Partanna Mondello), 616 Stadio-Sferracavallo e 628 Stadio-Sferracavallo-Isola delle Femmine; 544 John Lennon – Mondello; 806(Politeama – Mondello). Sul sito amat.pa.it è possibile consultare itinerari e frequenze.

    Leggi tutto
  • 14 giu 2019

    Raccolta differenziata | Dal 19 giugno possibilità di ritirare i Kit presso il CCR Picciotti

    di Fabio Nicolosi

    L’Amministrazione Comunale della Città di Palermo, di concerto con SRR, RAP e CONAI, con l’obiettivo di migliorare e dare ancor più strumenti alla cittadinanza per aumentare la percentuale di Raccolta Differenziata in città, per salvaguardare l’ambiente e migliorare la qualità della vita e il benessere di ciascun cittadino,  sta puntando sia sulla rete dei Centri Comunali di Raccolta con una programmazione temporale ben precisa sull’apertura degli stessi  ma, nel contempo, sta operando per avviare un altro step di Palermo differenzia 2. Da oggi, operatori della Palermo SRR in campo in alcune vie ricadenti nel V step, come Rudinì, via Mignosi e via Michele Cipolla, per la distribuzione porta a porta di un avviso con informazioni e modalità alternative consegna Kit. A darne comunicazione l’Amministratore Unico di Rap Giuseppe Norata. “Proseguono, infatti, le attività di Start–Up nell’area del V Step “Settecannoli” che coinvolgerà circa 10.000 famiglie e 400 attività commerciali – spiega Norata.  L’Area che sarà servita dal “porta a porta” abbraccia via Lincoln, via Decollati, via Matera, via Gangitano, Corso dei Mille , Piazza Torrelunga, via Diaz,  via Messina Marine, Foro Umberto I e chiude nuovamente con  via Lincoln”. La volontà dell’Amministrazione e di tutti gli attori coinvolti è di avviare questo nuovo step il primo di ottobre. “Con l’aumento dei CCR e l’estensione del Porta a Porta  – spiega  il Sindaco Leoluca Orlando –  stiamo offrendo ai cittadini di buona volontà la possibilità di prenderci cura di Palermo, di rispettare il suo decoro e fare un investimento sul futuro più sostenibile della nostra città. L’amministrazione e le aziende stanno facendo il massimo per garantire i servizi e ci auguriamo che da parte di tutti i cittadini vi sia una chiara presa di coscienza ed assunzione di responsabilità per il futuro dei nostri figli e nipoti”. “La Giunta ha dato indicazioni chiare a tutte le aziende coinvolte per imprimere un’accelerazione al sistema Porta a Porta che rappresenta, se rispettato dai cittadini, quello più efficace e semplice per aumentare la raccolta differenziata – aggiunge l’assessore all’Ambiente Giusto Catania.  Dopo questo nuovo step di avanzamento, pensiamo di rivolgere la nostra attenzione alle aree di confine nelle quali purtroppo si concentrano discariche incontrollate e comportamenti incivili come quello della migrazione dei rifiuti”. Ad oggi da parte dell’Ufficio Coordinamento CONAI, per quanto riguarda le Utenze domestiche, sono stati contattati  l’80% dei condomini. Il 40% degli stessi ha ricevuto da parte della RAP i relativi bidoni carrellati. Dei restanti si attendono dati per potere contattare referenti e /o amministratori. Tutta la totalità delle utenze non domestiche sono state già raggiunte e servite di bidoni carrellati. Presso le grandi utenze presenti nello step si sono organizzati anche eventi formativi curati dalla Palermo SRR volti a spiegare le corrette modalità di raccolta ed a dirimere dubbi sull’organizzazione della stessa presso l’utenza. Particolare attenzione si è rivolta agli istituti scolastici ed alle strutture sanitarie presenti nell’area, in alcuni di questi si sono svolte attività specifiche, propedeutiche all’avvio del servizio, che hanno interessato tutto il personale. Dal 19 giugno fino al 19 luglio chi non volesse attendere, il passaggio da parte della SSR presso i propri condomini, potrà ritirare gratuitamente, per la prima consegna, presentandosi con un documento di riconoscimento in corso di validità,  l’attrezzatura necessaria per una corretta RD, recandosi direttamente al CCR di viale dei Picciotti 84,dal lunedì al sabato, orario continuato dalle 9:00 alle 17:00;  o presso la seconda circoscrizione sita in via San Ciro 15 , nei giorni di martedì e giovedì dalle 9:00 alle 12:30 ed il mercoledì dalle 14:30 alle 16:00.  Resta comunque a disposizione della cittadinanza, nonché dei condomini  per definire appuntamenti dedicati per le relative consegne dei bidoni carrellati  o Kit familiari , l’Ufficio Start-up  di Via Resuttana 360,  aperto dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 16:30. Telefono: 091 760.15.15 o e 091 326905. L’Amministrazione comunale in tal senso ha dato mandato alla Palermo SRR Area metropolitana di consegnare già da oggi gli avvisi ai cittadini che volessero usufruire di questa opportunità.

    Leggi tutto

Leggi tutti

11 giu 2019

Il mare negato di Palermo

Il Comune di Palermo, come ogni anno, ha pubblicato i punti della costa in cui è vietato la balneazione. Un vero bollettino di guerra. Nell’ ordinanza firmata dal sindaco Leoluca Orlando si legge: “ Per il 2019 a Palermo sono ben otto i chilometri non balneabili per inquinamento: 400 metri di litorale a Vergine Maria, 500 a Barcarello, 200 a Mondello (all’altezza dello sbocco del Ferro di Cavallo), 3.700 dal porticciolo di Sant’Erasmo all’inizio di quello alla Bandita, altri 2500 metri dalla Bandita al lido Olimpo e poi altri 760 verso Messina”  A questi otto chilometri, bisogna aggiungerne quasi altri nove di costa non balneabile per “altri motivi”, ossia “ perché si tratta di punti troppo vicini ai porticcioli e quindi poco sicuri: 700 metri a Sferracavallo, 210 alla Fossa del gallo, 300 a Mondello, 500 all’Addaura, 200 alla Bandita e quasi sette chilometri dal porticciolo di Vergine Maria a Sant’Erasmo, ossia la parte che comprende il porto principale e tutto il Foro Italico” Ben 17 chilometri di costa, Rispetto all’anno scorso non è cambiato niente. Eppure nel 2016  il Prof Silvano Riggio – professore ordinario di Ecologia presso la Facoltà di Biologia dell’Università degli Studi di Palermo, alle domanda: Qual è il livello di balneabilità del mare lungo la costa di Palermo in questo momento? Rispose: “ Togliendo gli scarichi rimanenti la situazione si sistemerebbe molto rapidamente. Se si eliminano gli scarichi residui l’acqua ritorna buona, limpida. Cioè ritorna balneabile. Quindi si potrebbe aprire tutta questa costa che è fatta da almeno otto o dieci chilometri di spiagge alla balneazione, allo sport, al turismo. Si potrebbero fare tante cose ma la premessa è quello di risolvere questo stato di degrado assoluto che impedisce l’utilizzazione, la frequentazione della costa. Il degrado è dato anche da una situazione di abusivismo incredibile. Con l’abusivismo sono cavoli . In parole povere , il Prof. Riggio disse che era tutto un problema di volontà politica Il 30 maggio 2017, prima delle ultime elezioni amministrative il sindaco Orlando , in una intervista a “il Sicilia,it” annunciava trionfalmente : “Costa Sud balneabile entro l’anno”  “stiamo mettendo in sicurezza il mare di via Messina Marine: entro dicembre avremo completamente balneabile la Costa Sud, ben 7 km di costa per il quale abbiamo approvato il Pudm (Piano di utilizzo del Demanio marittimo, ndr), prevedendo che 4,4 km saranno concessi ai privati con benefici e investimenti di lavoro”  Sono passati quasi due anni e nonostante i proclami , le promesse e gli “annunci”  roboanti a Palermo il mare è e continua ad essere negato ai cittadini .  

Leggi tutto
20 apr 2019

Future linee del tram ecco come sarà rimodulato il servizio su gomma

Le future linee del tram faranno in modo di spostare l'intero servizio su gomma nelle periferie, si può anche introdurre un nuovo schema di linee urbane che abbracciano le fermate del passante con la linea T6 e l'anello ferroviario. Qui delle proposte: Linee 100-101-102-103-104-109-118-226-230-614-628-721-806 soppresse Linea 106:Parch.degli Emiri-Marturano Parch.degli Emiri-N.Siciliana-Perpignano-Camporeale-Serradifalco-Dante-Castelnuovo-Amari-Crispi-Giachery-Cantieri-Barca-Don Orione-R.Marturano-Amm.Denti di Piraino-T.De Revel-Amm.Nicastro-King-Sadat-Montepellegrino-Giachery-Crispi-Amari-Roma-Turati-Casyelnuovo-Dante-Serradifalco-Perpignano-Arculeo-degli Emiri-N.Siciliana -Parch.degli Emiri Linea 107: Stazione cle- Acquasanta Staz.cle-Lincoln-Foro Italico -Cala-Crispi-Giachery-Montepellegrino-Rizzo-Belmonte-Rampolla-King-Sadat-Montepellegrino-Giachery-Crispi-Cala-Foro Italico -Lincoln-Staz cle Linea 124:Parcheggio degli Emiri-Staz.c.le Dal parcheggio degli Emiri a via Cavour percorso ordinario segue per via Cala -Foro Italico- Lincoln-Staz cle-Lincoln -Foro Italico-Cala,-Crispi-Amari-Politeama-Dante-Latini-Houel-Goethe-percorso ordinario. Linea 125: Forum-Politeama Forum-Laudicina-Marine-Ponte di Mare-Foro Italico -Cala-Crispi -Amari-Politeama-Amari e percorso inverso Linea 224:Forum-Villabate Forum-Zaban-Testasecca-Mille-Montagne-Pomara-Villabate-Pomara-Galletti-Kolbe-Li Gotti-Marine-Laudicina-Forum Linea 225:Forum- Pomara Forum-Laudicina-Marine-Galletti-Pomara-Montagne-Mille-Testasecca-Pecoraino-Forum Linea 230 soppressa sostituita da linea 330 parcheggio Basile- Villaciambra Parch.Basile -Basile -Reg.Siciliana -Barone Scala-Villagrazia percorso ordinario fino Villaciambra-San Francesco di Sales -Usignolo -Allodola -Reg.Siciliana -Basile -Parch Basile Linea 231:circolare Brancaccio-Torrelunga S.Corleone (Staz FS Brancaccio)-Ingham -Pecoraino-Giafar-Mille-A.D'Aosta-Marine-Adorno-Picciotti-A.D'Aosta-San Giovanni di Dio-Zarcone -Brancaccio -Conte Federico-Giafar-Corsia lat A19-Conte Federico- Giafar-Pecoraino-Favier-S.Corleone( staz fs Brancaccio) Linea 234:Oreto-Basile Percorso ordinario fino a via Basile -Parch Basile-Reg.Siciliana -Aloi -Moneta-Perc.ordinario fino a Oreto Linea 246:Basile -Staz.cle Da parch.Basile -Raiti-Roccella-Madonia -Ughetti-Tricomi-percorso ordinario fino a staz cle -Oreto-Palermo-del Vespro-Parlavecchio -Tricomi-Cesalpino -Li Bassi -Madonia-Roccella-Raiti-Basile-Parch.Basile Linee 304-309-327-389 partenza da Osp Civico seguono per via Lodato -corso Re Ruggero-Piazza Indipendenza e percorsi ordinari Linea 462 soppressa sostituita da linea 534 Linea 516: Lennon-T.Natale Lennon-Reg.Siciliana-La Malfa -Corsia lat A29-Socrate-Mandorle-Part Mondello-Bolívar -Lanza di Scalea-Conca d'Oro-Lanza di Scalea -Bolívar -Nicoletti-T.Natale -Socrate -Reg.Siciliana-La Malfa -Reg Siciliana -Trabucco -Reg Siciliana -Michelangelo -Bernini-Reg.Siciliana-Einstein-Reg.Siciliana-Lennon Linea 534:Lennon-Baida-Castellana Lennon-Giotto-Galilei-da Vinci-Einstein-Reg.Siciliana-Di Blasi-Roccazzo-alla Falconara-Baida-alla Falconara-ai Villini Sant'Isidoro-Castellana-Di Blasi-Savonarola-Perpignano-Reg.Siciliana-Pitre-Reg Siciliana-D'Aleo-Nina Siciliana -Perpignano-Reg.Siciliana-Lennon 544 soppresso sostituito da 511 nella tratta LENNON a via Belgio, sostituito da 644 da viale Francia a Mondello Linea 511:Lennon-Autonomia Siciliana Lennon-Giotto-Borremans-Palagonia-Liszt-Zappala-Aquileia-Alpi-Nebrodi-De Gasperi-Restivo-Emilia-Campania-Brigata Verona-Artigliere-Leoni-Don Bosco-D'Azeglio-Cordova-Villabianca-Alessi-Autonomia Siciliana-A.Rizzo-Acquasanta-Guli-Cantieri-Barca-Don Orione-A.Rizzo-Rabin-King-I.Federico-Don Bosco-Di Giorgio-Lazio-Zappala-Liszt-Palagonia-Borremans-Galilei-Giotto-Lennon Linea 644:Francia -Mondello Francia-Strasburgo-Resurrezione-Pallavicino-Mater Dolorosa-Margherita di Savoia-Valdesi-Regina Elena -Teti-Principe di Scalea-Valdesi-Margherita di Savoia-Mater Dolorosa-Pallavicino-Resurrezione-Strasburgo-Francia Linea 603 soppressa sostituita da linea 731 Linea 731:Teti-P.pe di Scalea-M.di Savóia-Palme-Colombo-Vergine Maria-Papa Sergio I-Belmonte-Acquasanta Guli-Cantieri-Giachery-Montepellegrino-A.Rizzo-Belmonte-Papa Sergio I-Vergine Maria -Colombo -Palme -M.di Savoia -Valdesi -Regina Elena -Teti Linea 606:Campania-Mondello Campania-Brigata Verona-Artigliere-Diana-Favorita-Margherita di Savoia-Valdesi-Regina Elena-Teti-P.pe di Scalea-Margherita di Savoia-Mater Dolorosa-Pallavicino-Duca degli Abruzzi -Niscemi-del Fante-Artigliere-Liberta -Lazio-Campania Linea 607:Campania-Pallavicino-Mondello Campania-Brigata Verona-Artigliere-del Fante-Niscemi-Duca degli Abruzzi-Pallavicino-Mater Dolorosa-Margherita di Savoia-Segue come 606 fino a via P.pe di Scalea-Margherita di Savoia-Favorita-Ercole-Diana-Artigliere-Liberta-Lazio-Campania Linee 614 e 628 soppresse sostituite da 601-602 Linea 601:Francia-Sferracavallo Francia-Strasburgo-Lanza di Scalea-Conca d'Oro-Lanza di Scalea-Nicoletti-Sferracavallo-Catullo-Tacito-Sferracavallo-T.Natale-Cardillo-San Lorenzo-Strasburgo-Francia Linea 602:Francia-T.Natale Francia-Strasburgo-San Lorenzo-Cardillo-T.Natale-Sferracavallo-Catullo-Tacito-Sferracavallo-Nicoletti-Lanza di Scalea-Conca d'Oro-Lanza di Scalea-Strasburgo-Francia Linea 616 soppressa sostituita da Circolare SF:Staz.Sferracavallo-Barcarello Staz.Sferracavallo-Palazzotto-Sferracavallo-Manderino-Tritone-Barcarello-Punta Barcarello-Barcarello-Tritone-Mandarino-Sferracavallo-Torretta-Plauto-Rt Marconi-Plauto-Leone-Palazzotto-Staz.Sferracavallo Linea 645:Tommaso Natale-Mondello Tommaso Natale FS-Part.Mondello-Bolivar-Olimpo- Venere -Castelforte - Mattei -Saline-Glicine -Cavarretta - Pazienza -Diomede -PM 149 -Tolomea - Niso -Mercurio -Diomede -Pazienza - Apollo - Atlante - P.ZZA DELLA SERENITA'-Polibio - Amarilli -Partanna Mondello -Bolivar-Nicoletti-Sferracavallo-T.Natale-Mandorle-T.Natale FS Linea 646:Tommaso Natale Fs-Mondello Torre T.Natale Fs-Part.Mondello-Bolivar-Part.Mondello-Iandolino - Castelforte -Chirone -Nicoti -Antigone - Castelforte - Cavarretta - Galatea-P.pe di Scalea-Glauco-Regina Elena-Mondello-Piano Gallo-Mondello -Palinuro-Galatea-Carbone-Iandolino-Part.Mondello-Bolivar-Nicoletti-Sferracavallo-T.Natale-Mandorle-T.Natale FS. Linea 704: Francia- San Francesco di Paola Francia-Nebrodi-Belgio-Strasburgo-Restivo-Sciuti-Terrasanta-Cusmano-Virgilio-Houel-Goethe-N.Turrisi-S.Balsamo-San Francesco di Paola-Amendola-Sammartino-C.Nigra-Morello-Notarbartolo-Sciuti-Restivo-Emilia-Campania-Ausonia-Praga-Belgio-Nebrodi-Francia

Leggi tutto
  • belfagor
    UNA MARINA DI ……POLEMICHE
    Purtroppo l’edizione di quest’anno della Marina di Libri , che si è svolta all’Orto botanico verrà ricordata non solo per il buon successo di pubblico registrato ma anche per una brutta polemica.
    Durante uno dei tanti dibattiti, il sindaco Orlando, senza un motivo e a “ freddo”, ha attaccato l’ex direttore del Teatro Biondo , Roberto Alajmo. Orlando ha detto che Alajmo non è riuscito a fare di Palermo la “città del teatro”, alludendo probabilmente al mancato conseguimento del titolo di teatro nazionale da parte del Biondo.
    A questa critica, assolutamente ingiustificata e fuori luogo, del sindaco, Roberto Alajmo ha risposto dalle pagina di "Repubblica",sostenendo il sindaco di Palermo percepisce il suo ruolo in termini assolutamente autoreferenziali.: «Non tollera più neanche il minimo distinguo alla sua narrazione trionfalistica»

    In parole povere Alajmo sostiene di essere stato sostituito perché si è rifiutato di trasformare il Teatro Biondo in un megafono delle idee e delle battaglie politiche del sindaco.

    Brutta polemica che avremmo preferito evitare
    Certamente il principale responsabile è stato il Sindaco che senza un motivo ha attaccato l’ex direttore artistico del Teatro Biondo . Tutto sommato aveva vinto e poteva evitare di infierire. Ma ha sbagliato anche Roberto Alajmo a rispondere a tale critica.
    E vero che ha detto ciò che tanti palermitani pensano e cioè che il nostro sindaco : “Non tollera più neanche il minimo distinguo alla sua narrazione trionfalistica», ma tale risposta è sembrata una reazione “scomposta” a una provocazione gratuita e ingiustificata. Inoltre butta un pesante sospetto sul nuovo direttore artistico, e cioè che la nuova gestione trasformerà il Teatro Biondo nel “megafono del sindaco”.
    Ma la cosa che inquieta è l’assenza di reazione da parte dell’opinione pubblica e soprattutto dei tanti intellettuali o presunti tali.
    Come scrive giustamente Giovanni Callea su Balarm : “A me colpisce il restante vuoto. Il fatto che non esista in città una terza voce, che possa, che sappia, che voglia esprimere un parere, una posizione, sull’accaduto e se necessario esprimere una posizione critica verso il Sindaco e la sua gestione paternalistica della città o, per chi la pensasse diversamente, verso Alajmo e la sua gestione errata del Teatro.”
    LEGGI Commenti 0
    14 giu 2019 08:36
  • belfagor
    Ztl : Arrivano altre 23 telecamere e Sferracavallo diventa ZTL

    Novità per la ZTL : il Comune è pronto a piazzare altre 23 telecamere per sanzionare chi, con la propria automobile, sfora il perimetro senza autorizzazione. La giunta Orlando, grazie ai fondi del Pon Metro, ha infatti affidato alla sua partecipata Sispi la cura del progetto relativo ai nuovi occhi elettronici, L’investimento sarà di 600 mila euro e le 23 telecamere si aggiungeranno alle cinque già installate e funzionanti.
    Per l’assessore alla “Mobilità” Giusto Catania :“Queste nuove telecamere serviranno ( solo)al controllo degli accessi scoraggiando quindi quelli delle vetture più inquinanti, ed anche ad una più corretta rilevazione dei flussi veicolari “.
    Cioè saranno sperperati soldi pubblici per niente. Infatti tali nuove telecamere ( come le vecchie) non sono abilitate a controllare se le auto che transitano nei varchi della ZTL sono in regola con l’assicurazione e con la revisione periodica e se sono rubate. Chiaramente all’assessore Catania e al Comune non interessa ciò, chi sa perche?
    A loro interessa solo che siano in regola con i pagamenti della ZTL.
    Si continua a parlare di lotta all’inquinamento ma stranamente nell’area della ZTL non esiste nessuna centralina di rilevamento . E così nelle ore in cui la circolazione è libera circolano, spesso a tutta velocità, auto rubate, senza assicurazioni e non revisionate. E poi ci lamentiamo che in Via Roma i pedoni vengono falciati come birilli da pirati della strada.
    Ma le novità non si fermano qua.
    Come è riportato da “ LIVE SICILIA” del 8/06/19 ,sarà istituita la ZTL a Sferracavallo. Il sindaco Leoluca Orlando ha dichiarato :Su Sferracavallo, vediamo questo intervento anche ovviamente in chiave fortemente turistica, per una sempre maggiore attrattività della borgata e per il rilancio complessivo della costa perché Palermo e i palermitani ricoprano e tornino a vivere pienamente il proprio mare”.
    Il nostro sindaco si guarda bene di parlare di parcheggi e di potenziamento del servizio pubblico. L’importante e estendere la ZTL e fare cassa.
    Chi sa se da tali limitazioni sono esclusi i consiglieri comunali e gli assessori ? ( vedi articolo su Mobilita PA del 10/05/2019)
    LEGGI Commenti 1
    09 giu 2019 08:08
  • belfagor
    ASILO NIDO LA MIMOSA: IL COMUNE HA PERSO IL FINANZIAMENTO REGIONALE
    La notizia , poche righe sul Gds.it del 21 maggio , è scarna : Il comune di Palermo ha perso 602 mila euro destinati al recupero dell'asilo "La Mimosa" di Pallavicino. .
    COMPLIMENTI !!!!!!
    Comprendiamo che l’informazione nostrana non è interessata a queste notizie che possono mettere in cattiva luce “l’amministrazione” comunale, ma forse due righe in più la nostra stampa l’avrebbe potuto dare.
    Cercheremo noi, con i nostri modestissimi mezzi e utilizzando questo spazio gentilmente offerto da “Mobilita Pa” di colmare questo vuoto informativo.
    La vicenda del recupero dell’asilo nido “ La mimosa” parte da lontano.
    Nel 2011 l’asilo fu chiuso, ufficialmente, per “urgenti” lavori di manutenzione e da allora l'edificio è stato abbandonato e vandalizzato e spesso occupato abusivamente .
    Nel 2014 la Regione approva un decreto di finanziamento per la ristrutturazione dell'asilo di 602 mila euro Occorreva preparare un progetto ma la cosa non era possibile perche , come ha dichiarato l'assessore con la delega all'Edilizia scolastica, Maria Prestigiacomo, non era stato possibile effettuare il sopralluogo perché il locale risultava occupato.
    Effettivamente la struttura era stata occupata
    Qualcuno si domanderà ingenuamente : Perché il Comune non ha fatto sgomberare l’edificio?. La risposta la diede nel gennaio 2018 il consigliere comunale della settima circoscrizione, Ferdinando Cusimano : “ La dentro c’è gente che sta scontano perfino gli arresti domiciliari . L'ho scoperto facendo ulteriori richieste presso il Tribunale e l’ufficio del Patrimonio. E adesso mi chiedo: chi ha dato l'autorizzazione?
    Bella domanda !!!!
    Finalmente il 20 marzo 2019 Comune ha sgomberato i locali occupatil dell’asilo nido ma ….era troppo tardi.
    Un decreto dell'assessorato regionale alla Famiglia e alle politiche sociali, del 30 ottobre 2018, ha revocato il finanziamento a causa del “ mancato avanzamento fisico-precedurale del progetto”
    P.S. Preferisco non commentare la notizia perché rischio di essere denunciato per “ lesa maestà”
    LEGGI Commenti 1
    07 giu 2019 05:57
  • belfagor
    MANCA IL PANE NEGLI ASILI COMUNALI ….E ALLORA DATEGLI IL PANCARRE’
    Il consigliere comunale di Palermo, Sabrina Figiccia ha denunciato un incredibile vicenda : “E’ davvero paradossale quanto avviene negli asili gestiti da Palazzo delle Aquile. Dopo il caso della carne sospesa dai pasti dei bambini perché la convenzione con la ditta era scaduta, adesso si scopre che pure il pane non viene più dato da mangiare ai piccoli alunni perché l’appalto è scaduto da tempo e, come da tradizione, negli uffici dell’assessorato all’Istruzione di via Notarbartolo nessuno ha pensato bene di rinnovarlo in tempo, “
    A quanto sembra gli efficienti burocrati comunali avrebbero consigliato di distribuire, al posto del pane fette biscottate e pancarrè. Qualcuno aveva pensato alle. Brioches ma l’idea è stata scartata. Effettivamente l’ultima persona che aveva consigliato ciò, la regina Maria Antoniettà, finì ghigliottinata e al nostro sindaco , oltre alla poltrone, tiene molto……. al sua testa.
    LEGGI Commenti 0
    03 giu 2019 19:35
  • belfagor
    IL MARE NEGATO
    Il Comune di Palermo, come ogni anno, ha pubblicato i punti della costa in cui è vietato la balneazione. Un vero bollettino di guerra.
    Nell’ ordinanza firmata dal sindaco Leoluca Orlando si legge:
    “ Per il 2019 a Palermo sono ben otto i chilometri non balneabili per inquinamento: 400 metri di litorale a Vergine Maria, 500 a Barcarello, 200 a Mondello (all’altezza dello sbocco del Ferro di Cavallo), 3.700 dal porticciolo di Sant’Erasmo all’inizio di quello alla Bandita, altri 2500 metri dalla Bandita al lido Olimpo e poi altri 760 verso Messina”
    A questi otto chilometri, bisogna aggiungerne quasi altri nove di costa non balneabile per “altri motivi”, ossia “ perché si tratta di punti troppo vicini ai porticcioli e quindi poco sicuri: 700 metri a Sferracavallo, 210 alla Fossa del gallo, 300 a Mondello, 500 all’Addaura, 200 alla Bandita e quasi sette chilometri dal porticciolo di Vergine Maria a Sant’Erasmo, ossia la parte che comprende il porto principale e tutto il Foro Italico”
    Ben 17 chilometri di costa,
    Rispetto all’anno scorso non è cambiato niente.
    Eppure nel 2016 il Prof Silvano Riggio – professore ordinario di Ecologia presso la Facoltà di Biologia dell’Università degli Studi di Palermo, alle domanda:
    Qual è il livello di balneabilità del mare lungo la costa di Palermo in questo momento?
    Rispose: “ Togliendo gli scarichi rimanenti la situazione si sistemerebbe molto rapidamente. Se si eliminano gli scarichi residui l’acqua ritorna buona, limpida. Cioè ritorna balneabile. Quindi si potrebbe aprire tutta questa costa che è fatta da almeno otto o dieci chilometri di spiagge alla balneazione, allo sport, al turismo. Si potrebbero fare tante cose ma la premessa è quello di risolvere questo stato di degrado assoluto che impedisce l’utilizzazione, la frequentazione della costa. Il degrado è dato anche da una situazione di abusivismo incredibile. Con l’abusivismo sono cavoli .

    In parole povere , il Prof. Riggio disse che era tutto un problema di volontà politica

    Il 30 maggio 2017, prima delle ultime elezioni amministrative il sindaco Orlando , in una intervista a “il Sicilia,it” annunciava trionfalmente :
    “Costa Sud balneabile entro l’anno”
    “stiamo mettendo in sicurezza il mare di via Messina Marine: entro dicembre avremo completamente balneabile la Costa Sud, ben 7 km di costa per il quale abbiamo approvato il Pudm (Piano di utilizzo del Demanio marittimo, ndr), prevedendo che 4,4 km saranno concessi ai privati con benefici e investimenti di lavoro”

    Sono passati quasi due anni e nonostante i proclami , le promesse e gli “annunci” roboanti a Palermo il mare è e continua ad essere negato ai cittadini .
    LEGGI Commenti 0
    30 mag 2019 14:32