Ultimi post
  • 30 set 2016

    Amap | Corso Calatafimi - Boccadifalco - Borgo Nuovo - Cep senza acqua fino a domani

    di Fabio Nicolosi

    Interruzione idrica nella fascia pedemontana della citta’ di palermo Si comunica che, a causa di un guasto improvviso all’acquedotto esterno della diga dello Scanzano, l’AMAP è stata costretta ad interrompere, la fornitura idrica, nei circuiti della fascia Pedemontana (Villagrazia, C.so Calatafimi Alto, Boccadifalco, Borgo Nuovo e CEP). L’interruzione idrica si protrarrà fino al termine dei lavori di riparazione. I lavori saranno ultimati, salvo imprevisti, nella tarda serata di domani, sabato 01/10/2016. A lavori ultimati, l’erogazione idrica tornerà a regime e si normalizzerà entro le 24 ore successive. Per qualsiasi informazione si potrà telefonare al numero 091279111 (risponditore automatico) o al numero verde 800-050911 (esclusivamente da telefono fisso).

    Leggi tutto
  • 30 set 2016

    Viabilità | Sottopasso di Via Belgio: i lavori per la riapertura slittano di un paio di mesi

    di Fabio Nicolosi

    Riportiamo un articolo della testata Meridionews in merito alla chiusura del sottopasso di Via Belgio Bisognerà aspettare la prima metà di novembre per vedere riaperto il sottovia di viale Regione siciliana laterale direzione Trapani all’altezza di via Belgio, interdetto alla circolazione veicolare da più di quattro mesi in seguito al rinvenimento di alcune crepe nel calcestruzzo del soffitto del sottopasso. "Attualmente – spiega Mario Li Castri, capo area tecnica comunale della Riqualificazione Urbana e delle Infrastrutture – gli operai del Coime stanno lavorando al ripristino dell’intradosso (la parte inferiore del tetto, ndr) - Ci vorranno ancora tra 30 e 45 giorni di lavoro per riaprire il sottopasso" Un’ordinanza sindacale dello scorso 4 maggio aveva incaricato il servizio Manutenzione strade e - appunto - il Coime di effettuare gli interventi di verifica e di messa in sicurezza. Finora sono state rimosse le porzioni murarie pericolanti dalle pareti e dal soffitto del bypass, evidenziando le armature in ferro, e – secondo quanto affermato ad inizio agosto a Meridionews dal Rup, l’ingegnere Massimo Verga - tutto si sarebbe dovuto concludere prima della riapertura delle scuole, quindi presumibilmente entro la prima metà di settembre. La riapertura del sottopasso non è avvenuta nei tempi stabiliti in precedenza per due motivi: la volontà di non limitarsi alla rimozione delle parti ammalorate ma al ripristino dell’integrità muraria, come dimostrano gli ultimi sviluppi; e la non impellentissima necessità di riaprire, dato che esistono alternative per raggiungere via Pietro Nenni.

    Leggi tutto

Leggi tutti

27 set 2016

Ponte di Mare : Un ponte poco conosciuto

Palermo ha avuto sempre un rapporto conflittuale con il Fiume Oreto.  Fino al 1586 solo due ponti attraversavano tale fiume, il Ponte di Corleone e il Ponte dell’Ammiraglio ( di costruzione Normanna). Tale scarsa propensione della città ad estendersi verso le sponde di tale fiume nasceva dal fatto che, fino alla metà del XVI secolo, la costruzione di ponti era , per la Sicilia in generale, un fatto occasionale. Ponti erano sorti qua e là, ove maggiormente si avvertiva il bisogno di evitare un guado pericoloso ma era sempre mancato un preciso disegno  complessivo  . Ciò era legato al fatto che la viabilità interna era scarsamente  sviluppata, sia a causa del territorio impervio, sia per la presenza di briganti che rendevano le strade poco sicure. Si preferiva utilizzare le navi per raggiungere le altre città dell’isola. Tale scarsa propensione  era anche favorita dal fatto che la città  ,fino a gran parte del 1600 , rimaneva chiusa dentro le proprie mura e bastioni per paura delle incursioni  dei corsari. Nel 1586 fu ultimato il terzo ponte, il Ponte di Mare, ma non doveva essere un ponte particolarmente ben costruito se nel 1717, durante il regno di Vittorio Emanuele II di Savoia, alcuni pesanti carri pieni di legname, nel transitarvi sopra   provocarono gravi danni alla struttura. Il senato fu costretto a intervenire per consolidare l’opera.  Già che c’erano ne approfittarono per abbellire il ponte  con una fontana con una statua del “Vecchio di Palermo” con una lapide        ( oggi tale lapide si trova murata nella Sala delle lapidi nel palazzo comunale). Il ponte fu riaperto l’anno successivo, ma, forse a causa della fretta, tali opere di “consolidamento” furono fatte, anche in questo caso,  in modo approssimativo. Infatti  nel 1772, l’Oreto, durante una improvvisa piena, lo demolì completamente. La ricostruzione del nuovo ponte iniziò dopo 5 anni e precisamente nell’ aprile 1777 .  Vennero progettati 3 archi e fondazioni più solide. L’opera fu completata nel gennaio 1778 ma solo nel 11 giugno le acque tornarono a passare sotto il nuovo ponte, in coincidenza dell’apertura al pubblico di Villa Giulia. Questa volta l’opera era stata costruita a “regola d’arte” tanto che durante l’alluvione del febbraio 1931, il ponte non subì danni, al contrario del Ponte della Guadagna e quello delle Teste mozzate.  La costruzione di Villa Giulia e del nuovo ponte fuil segnale che la città si appropriava di una parte della città e la utilizzava non solo per scopi “mondani e ludici”. Infatti il Piano di Sant’Erasmo era stato per secoli  luogo di “ Atti di Fede" da parte del Sant’ Uffizio. In tale Piano avvenne uno dei più tragici di questi ” Atti di Fede” e precisamente  il 6 Aprile 1724 furono bruciati Fra’Romualdo di Sant’Agostino e suor Geltrude Maria Cordovana. Fu uno degli ultimi “atti di fede”  della Santa Inquisizione in Sicilia: infatti anni dopo lo spirito dell’illuminismo arrivo anche  in Sicilia grazie al  viceré Caracciolo che abolì  tale  barbara  istituzione, tra le proteste e la scontentezza dei bravi “panormiti”.  Difatti, nonostante due suppliche, una Senatoriale e l'altra della Deputazione del Regno, chiedessero nel 1790, il …..ripristino dell'Inquisizione, il re Ferdinando la abolì definitivamente. Il ponte permise  l'apertura  della strada  litoranea  per Messina  e  per Agrigento e  Catania. Per ricordare tale evento  fu innalzata nel 1783 un obelismo, ancora esistente nella Piazza di Sant'Erasmo .  Anche grazie a tale ponte  la zona cominciò a svilupparsi sia sotto l’aspetto economico che turistico . Purtroppo con la fine della seconda guerra mondiale la zona cominciò a declinare  e a degradare. Ma torniamo al nostro ponte: Come abbiamo visto il ponte  ristrutturato  nel 1778 resistette fino al 1975 quando, a causa dei danni subiti per le alluvioni successive,  fu ampliato e consolidato con una struttura in cemento armato. Il Ponte unisce Via Ponte di Mare con Via Messina Marine e permette l’attraversamento della foce dell’Oreto. Fino agli anni 50 era affiancato da un Ponte ferroviario  che permetteva al treno , della tratta a scartamento ridotto Palermo Corleone , di arrivare alla Stazione di Sant’Erasmo ( totalmente distrutta nel 1953 )                                                                                                                                                                                                                                                   Nel complesso  tale ponte  è in discrete condizioni strutturali anche se il guard rail del marciapiede , lato monte, dovrebbe essere urgentemente sostituito, per motivi di sicurezza, Inoltre il marciapiede è estremamente ridotto e tra l’altro la vegetazione ( anomala? )  rende il passaggio dei pedoni  ( tra cui molti turisti del vicino Hotel San Paolo) poco agevole.

Leggi tutto
26 set 2016

Svolta a destra continua tra viale strasburgo e viale francia?

Buongiorno, vorrei fare una porposta per ottimizzare l'uso del semaforo tra viale strasburgo e viale francia: se venendo da viale strasburgo andando verso il centro città (direzione sud) si potesse girare in viale Francia con una svolta a destra continua, cosa per cui il semaforo è già predisposto, si eliminerebbe un traffico notevole su viale strasburgo senza alcun problema. Grazie Manuela

Leggi tutto
  • Palerma La Malata
    Vabbe'...fa schifo anche quest,o con le sue icone sproporzionatamente grandi con forme e colori a muzzo e con informazioni a metà o a un quarto e nemmeno un accenno a BiciPa ma è un sito temporaneo.
    Quello definitivo sarà adeguatamente informativo, ben ordinato e facile da navigare giusto? E avrà una mappa graficamente chiara di tutte le linee bus diurne e notturne e tram, giusto?
    http://www.amat.pa.it/index.html
    LEGGI Commenti 0
    01 ott 2016 00:34
  • mdm
    Il tram della famigerata linea 6 non viaggerà in sede protetta nella tratta dalla stazione centrale sino in viale Strasburgo. Questa la decisione del consiglio comunale: tram senza barriere.
    Le mie considerazioni su questa linea tranviaria sono note a tutti. Un tram su quell'asse cittadino non può essere sufficiente. Un tram addirittura che viaggi in una sede non protetta mi sembra addirittura ridicolo. Io rimango sempre più sbigottito...
    LEGGI Commenti 0
    29 set 2016 11:41
  • Athon
    LEGGI Commenti 0
    23 set 2016 21:09
  • loggico
    Perpignano
    Ennesimo incidente, ovviamente neanche stavolta si fara nulla...
    LEGGI Commenti 0
    21 set 2016 07:57
  • peppe2994
    Proposta di legge del sindaco Orlando:
    posteggiatori abusivi sorpresi due volte in carcere.

    http://livesicilia.it/2016/09/14/carcere-per-i-posteggiatori-abusivi-la-proposta-di-legge-di-orlando_783425/
    LEGGI Commenti 0
    16 set 2016 11:21