Ultimi post
  • 23 set 2017

    Viabilità | Un fine settimana tra manifestazioni sportive e religiose

    di Mobilita Palermo

    La Polizia Municipale rende noto le manifestazioni e gli eventi che si svolgeranno in città sabato 23 e domenica 24 settembre per cui sono previste limitazioni alla circolazione veicolare. Nelle giornate di sabato e domenica l’area antistante il Charleston a Mondello sarà interdetta al traffico veicolare per la manifestazione di crossfit “The South Mayhem”; sabato 23 oltre allamanifestazione "Palermo band Festival”  in piazza Caracciolo  continuerà, come previsto per ogni sabato di settembre, la chiusura della via Bonanno per il Santuario di S. Rosalia a Montepellegrino , mentre per le vie del quartiere S. Filippo Neri si muoverà la processione religiosa in onore di S.Pio. Domenica 24 settembre tre eventi su tutti: in via Libertà e a Sferracavallo. In via Libertà dalle prime ore del mattino chiusura al transito veicolare per lo svolgimento del “Memorial  Salvo D’acquisto” e nel primo pomeriggio la  manifestazione internazionale auto d'epoca “Raid dell’Etna;  a  Sferracavallo, ancora nel pomeriggio, la processione in onore dei SS. Cosma e Damiano. Considerato l’afflusso dei fedeli e la configurazione delle strade della borgata marinara, si porta a conoscenza dell’utenza che la processione prevede anche la chiusura temporale della bretellache bypassa piazza Beccadelli  (attraverso le vie dell’Arancio, del Cedro, viale Leone, via Plauto), in entrambe le direzioni. Si ricorda altresì la chiusura prevista per lavori di manutenzione  degli svincoli autostradali della A29 (di uscita e di immissione) in corrispondenza di Tommaso Natale e via Rosario Nicoletti. Chiusura prevista fino al 29 settembre; i veicoli con direzione Trapani, utilizzeranno l'uscita in corrispondenza dell'ospedale “N. Cervello” , mentre quelli con direzione Cataniapercorreranno  l'uscita precedente di Capaci o la successiva uscita Zona industriale nord. Sempre nella giornata di domenica, nel pomeriggio sono previste dalle ore 18,00 tre processioni religiose che partiranno rispettivamente da piazza S. Anna per le vie del centro storico in onore diMaria Ss.ma della Mercede e  dalla parrocchia Ss.mo Crocifisso a Pietratagliata e di Maria Ss.ma del Bell’Amore da via Belmonte Chiavelli. Infine, in tarda serata una manifestazione nel quartiere Zisa organizzata dalla locale confraternita. La Polizia Municipale seguirà tutte le manifestazioni previste impiegando nelle due giornate 430 agenti ed ufficiali del Corpo, (compresi i servizi di viabilità, polizia urbana e sicurezza delle sedi istituzionali), per assicurare il regolare svolgimento delle manifestazioni e la necessaria assistenza all’utenza per consigliare eventuali percorsi alternativi. In dettaglio la cronologia degli eventi: SABATO 23 SETTEMBRE dalle ore 00.00 del 22 settembre 2017 alle ore 24 del 24 settembre 2017 manifestazione sportiva “The South Mayhem” - Palermo, 22/24 settembre 2017   O.D. 1303/17 Limitazione della circolazione veicolare e pedonale in un tratto del viale Regina Elena VIALE REGINA ELENA Tratto compreso tra via Glauco e via Anadiomene, queste escluse: Chiusura al transito veicolare, ad eccezione dei veicoli di supporto della manifestazione. Istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta sui due lati della carreggiata. Dovrà essere lasciata libera una corsia di almeno m. 3 per l'eventuale passaggio di mezzi di soccorso e di emergenza. VIA GLAUCO Istituzione del senso unico di marcia in direzione viale Principe di Scalea. VIA ANADIOMENE Istituzione del senso unico di marcia in direzione viale Regina Elena VIALE PRINCIPE DI SCALEA Tratto compreso tra via Glauco e via Anadiomene: Istituzione del doppio senso di marcia, con possibilità di svoltare a sinistra sul viale Galatea, il cui flusso dovrà fermarsi e dare la precedenza. Parimenti i veicoli provenienti dal viale Galatea potranno svoltare a sinistra e proseguire verso via Anadiomene. S. Filippo Neri festeggiamenti in onore di S. Pio O. D. 1211/17 Limitazione temporanea della circolazione veicolare e pedonale Per il giorno 23 settembre 2017: Divieto di sosta con rimozione coatta dalle ore 15.00 alle ore 21.00 in ambo i lati delle vie sotto elencate con Chiusura al transito veicolare, al passaggio della processione dalle ore 17.00 alle ore 23.00 e comunque sino al termine della processione seguendo il senso di marcia lungo l'itinerario di seguito indicato: Piazza Gino Zappa, via Luigi Enaudi, Via Rochy Marciano, via Primo Camera e via Fausto Coppi. Manifestazione Palermo band Festival” - . O.D. 1268/17 PIAZZA CARACCIOLO                    Intera area: chiusura al transito veicolare dalle ore 20 alle ore 24 del 22 settembre 2017 PIAZZA SANT’ANNA  Intera area: Limitazione al transito pedonale dalle ore 20 alle ore 24 del 23 settembre 2017. PIAZZA BOLOGNI                            Intera area: Limitazione al transito pedonale dalle ore 20 alle ore 24 del 23 settembre 2017. PIAZZA CASTELNUOVO    area circostante il Palchetto della Musica, Limitazione al transito pedonale dalle ore 20 alle ore 24 del 23 settembre 2017. DOMENICA 24 SETTEMBRE Ore 10,00 partenza  “8° Memorial   Salvo D'Acquisto”  ­gara podistica regionale Limitazione della circolazione veicolare e pedonale in Via Libertà e strade limitrofe per lo svolgimento della manifestazione -  chiusura al transito veicolare dalle ore 07, 00 O.D. 1239/17 VIA DELLA LIBERTA'- carreggiata centrale del tratto compreso tra la via Notarbartolo (esclusa) sino a Piazza Castelnuovo, compreso il tratto di piazza R. Settimo sino a vai E. Amari:  Chiusura al transito veicolare dalle ore 07:00 alle ore 12:00 del 25 settembre 2017 e comunque sino a cessata esigenza: PIAZZA CASTELNUOVO - Intero perimetro a costeggiare il tempietto della musica per una larghezza di mt. 3.00 che sarà transennato e con esattezza nei tratti Libertà -XX Settembre, Dante ­Paolo Paternostro e Paolo Paternostro - Piazza R. Settimo: Chiusura al transito veicolare dalle ore 07:00 alle ore 12:00 del 25 settembre 2017 e comunque sino a cessata esigenza: PIAZZA MORDINI per i giorni 24 e 25 settembre 2017 , istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta con chiusura al transito veicolare per la posa di n° 10 gazebi, solo per il giorno 25 settembre 2017 la chiusura sarà estesa solo lato Hotel Excelsior "lato monte"; PIAZZA FRANCESCO CRISPI lato Giardino Inglese per il giorno 25 durante e per tutta la durata della manifestazione chiusura al transito veicolare per la posa di n° 1 gazebo e n° 4 bagni chimici; il sopracitato circuito sarà transennato a cura della organizzazione e sarà consentito il transito negli attraversamenti di Via Archimede Via Siracusa, Via R. Settimo Piazza Castelnuovo e Via La Farina Piazza Crispi; Ore 14,30 “Raid dell’Etna” – 24 settembre 2017        O.D. 704/17 Via LIBERTA’ nel tratto compreso tra Via Siracusa (esclusa) alle piazze R. Settimo/Castelnuovo (escluse) - carreggiata centrale e P.zza F.sco Crispi /Mordini Via Siracusa: - Chiusura al transito veicolare, dalle ore 14,30 del 24/09/2017 alle ore 23,00 dello stesso, e comunque sino al termine della manifestazione che non potrà protrarsi oltre le ore 24,00; - Divieto di sosta con rimozione coatta, ambo i lati dalle ore 14.30 del 24/09/2017 alle ore 24,00 dello stesso, con esclusione dei veicoli partecipanti e regolarmente iscritti alla manifestazione. - Dovrà essere garantita per eventuali emergenze, una corsia di almeno 3,00 mt. nella carreggiata centrale; Nel tratto compreso tra: Piazza Mordini / Crispi (escluse) e Via Siracusa (esclusa) - carreggiata centrale per problemi di viabilità: - Chiusura al transito veicolare, dalle ore 14,30 del 24/09/2017 alle ore 24,00 dello stesso, e comunque sino al termine della manifestazione che non potrà protrarsi oltre le ore 24,00; Divieto di sosta con rimozione coatta, ambo i lati dalle ore 14,30 del 24/09/2017 alle ore 23,00 dello stesso, con esclusione dei veicoli partecipanti e regolarmente iscritti alla manifestazione. Nel tratto compreso tra le piazze Mordini/Crispi alle piazze R. Settimo/Castelnuovo - nelle carreggiate laterali di valle e di monte: Divieto di sosta con rimozione coatta, sul lato dx nel senso di marcia, dalle ore ore 08,00 del 24/09/2017 alle ore 24,00 dello stesso Nel tratto compreso tra le piazze R. Settimo/Castelnuovo - nella carreggiata centrale per consentire il passaggio delle vetture in direzione Via R. Settimo: Chiusura al transito veicolare dalle ore 19,30 e sino al termine della partenze delle vetture iscritte alla manifestazione, per cui il traffico sul prolungamento di Via Turati direzione Dante potrà essere dirottato sulla laterale di Via Libertà ad eccezione di eventuali veicoli in emergenza ovvero, secondo la temporanea sospensione della circolazione veicolare che verrà effettuata dal personale del Comando P.M., al fine di consentire continuità in direzione Dante; Saranno consentiti, in sicurezza, gli attraversamenti dei veicoli provenienti da: Via La Farina in direzione di piazza Crispi e/o in direzione della carreggiata laterale di monte di via Libertà ; Via Archimede in direzione di Via Siracusa e/o direzione della carreggiata laterale di monte di via Libertà; I veicoli dopo le partenze da via della Libertà, si sposteranno secondo il seguente percorso. Dalle ore 19,30 alle ore 20,00 sospensione del provvedimento O.D. 93 del 2017; Le vetture iscritte alla manifestazione percorreranno il tratto e a velocità ridotta - non superiore a 10 Km/h. Limitazione temporanea della circolazione veicolare e pedonale in occasione dei    festeggiamenti in onore dei SS. Cosma e Damiano Settembre 2017 nella Borgata di Sferracavallo. O.D. 1212/17 Divieto di sosta con rimozione coatta dalle ore 10.00 in ambo i lati delle vie sotto elencate con Chiusura al transito veicolare dalle ore 15.30 alle ore 21.00 e comunque sino al termine della processione seguendo il senso di marcia lungo l'itinerario di seguito indicato: Via Torretta, Via Baglicello, Piazza B. Reina, Via San Marciane), Via Tacito, Via Ovidio, Via Catullo, Via Torretta, Via Plauto, Via Leone, Via E. Palazzotto, Via dell'Arancio, Via del Cedro, Via Sferracavallo, Via B. Masbel, Via Sferracavallo, Via Platone, Via Aristotele, Via Schillaci, Via Sferracavallo, Via del Manderino, Via Terenzio, Via dei Barcaglioli, Via Pegaso, Via Terenzio, Via Proserpina, Via dei Barcaglioli, Via Pegaso, Via Filisteo, Via Proserpina, Via dei Barcaglioli, Via del Manderino, Via Filisto, Via Proserpina, Via Firmicomaperno, Via Proserpina, Via Tritone, Via del Manderino, Via Filisto,Via Lucrezio, Via dei Barcaglioli, Via del Manderino, Via Pescatori, Via Lucrezio, Via Terenzio, via del Manderino, Via Sferracavallo, Piazza SS. Cosma e Damiano, Via Dammuso, Via Pescatori, Via Lucrezio, via Dei Barcaglioli, Via Dammuso, Via Tritone, Via Naiadi, Via Tritone, Via Ennio, Via tritone, Via Barcarello, Via Virgilio, Via Ennio, Via Duilio, Via Orazio, Via Virgilio, Via Dammuso, Via Cavallo, Via Orazio, Via Virgilio, Via Ennio, Via dei Barcaglioli, Via Dammuso, Via Pescatori, Via Scalo di Sferracavallo, Via Tabò, Via Dammuso, Via Amorello, Via Scalo di Sferracavallo, Piazza Marina, Via Toretta. A seguito delle sopraelencate chiusure il transito veicolare in direzione Sferracavallo dovrà essere dirottato lungo l'asse Via Arancio — Via del Cedro — Viale Leone — Via Plauto con l'eccezione per i veicoli dei residenti che potranno circolare compatibilmente con lo svolgimento delle manifestazioni immettendosi in direzione Sferracavallo da Via Schillaci, mentre per il raggiungimento della Città in uscita da Via del Manderino con obbligo di svolta a Sx consentita, poiché la via Dammuso sarà interdetta al transito veicolare.  La suddette chiusure dovranno essere presegnalata all'altezza della Piazza Tommaso Natale, Piazza delle Mandorle) e Via Rosario Nicoletti ( Direzione Sferracavallo ) e in Via Plauto (Direzione Palermo Centro) MANIFESTAZIONE QUARTIERE ZISA  O.D.1273/17 VIA GUGLIELMO IL BUONO Tratto antistante il Castello della Zisa (area arretrata sul marciapiede): Chiusura al transito pedonale dalle ore 22.30 alle ore 24 del 24.9.2017. VIA GUGLIELMO IL BUONO Tratto compreso tra piazza del Sacro Cuore e via Michele Piazza: Chiusura al transito pedonale dalle ore 22.30 alle ore 24 del 24.9.2017. VIA MICHELE PIAZZA Intero tratto: Chiusura al transito pedonale dalle ore 22.30 alle ore 24 del 24.9.2017 Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

    Leggi tutto
  • 22 set 2017

    Da Lunedì 25 settembre entra in esercizio la ZTL

    di Fabio Nicolosi

    La Polizia Municipale informa la cittadinanza che da lunedì 25 settembre, conclusa la fase di preesercizio, prevista dall’ordinanza n. 1108/17 (“Attivazione del sistema dei varchi elettronici per il controllo degli accessi alla zona a traffico limitato "ZTLCentrale/ZTL1" - Periodo di pre-esercizio e successivo esercizio ordinario”), entrerà a regime l'ordinanza dirigenziale n. 485 del 31/3/2017 che istituisce la zona a traffico limitato nella fascia oraria dalle ore 8 alle ore 20 dal lunedì al venerdì, nel perimetro compreso da Porta Nuova a Porta Felice, da Piazza Giulio Cesare a Via Cavour. Sono cinque i varchi d’ingresso nella zona a traffico limitato, controllati da rilevazione elettronica: varco 1) Via Vittorio Emanuele, in prossimità di piazza Santo Spirito/Porta Felice; varco 2) Via Roma, in prossimità di piazza G. Cesare; varco 3) Via Porto Salvo, nei pressi di via Vittorio Emanuele; varco 4) Piazza Verdi, in prossimità di via Volturno, alle spalle del Teatro Massimo; varco 5) Via Gagini, a seguire l'ingresso da piazza Colonna; Le strade percorribili fuori dal perimetro della Ztl sono: via Lincoln, piazza Giulio Cesare, piazza Sant'Antonino, corso Tukory, via Re Ruggero, piazza Indipendenza, corso Calatafimi (tratto iniziale), corso Alberto Amedeo, piazza Vittorio Emanuele Orlando, via Goethe, via Nicolò Turrisi, via Villa Filippina, piazza S. Francesco di Paola, via Pignatelli Aragona, piazza Giuseppe Verdi, via Cavour, piazza XIII Vittime, via Francesco Crispi, via Cala e Foro Umberto I. Si accede liberamente all'Ospedale dei Bambini e ai posteggi di piazza Giulio Cesare e di piazza Spinuzza. DIVIETI Negli orari di validità della ZTL sono vietati l'ingresso, la circolazione e la sosta dei veicoli non autorizzati.  Non possono accedere in assoluto vetture alimentate a benzina di categoria Euro 0/1/2  e vetture alimentate a gasolio di categoria Euro 0/1/2/3.  La Polizia Municipale effettuerà i controlli dinamici all’interno dell’area con pattuglie motorizzate per gli accertamenti sui veicoli circolanti. Il possesso del pass non dà automaticamente diritto alla sosta lì dove essa è soggetta alla tariffazione oraria nelle cosiddette zone blu. Ai trasgressori saranno applicate le sanzioni, secondo quanto previsto dalla normativa vigente e come sotto riportato: circolazione in ZTL di veicoli non autorizzati, cat. Euro 0/1/2 alimentati a benzina o cat. Euro 0/1/2/3 alimentati a gasolio : Art. 7 comma lb) e comma 13bis del Codice della Strada; (164,00 euro) (114,80 se pagamento effettuato entro 5 giorni); circolazione in ZTL di veicoli non autorizzati, cat. Euro 3 e superiori alimentati a benzina o cat. Euro 4 e superiori alimentati a gasolio: Art. 7 comma 9 e comma 14 del Codice della Strada; (81,00  euro) (56,70 se pagamento effettuato entro 5 giorni); sosta in ZTL di veicoli non autorizzati in orario di vigenza della ZTL1: Art. 158 comma 21) e comma 6 del Codice della Strada. (41,00 euro). (28,70 se pagamento effettuato entro 5 giorni); Veicoli più inquinanti in transito 164 euro (56,70 se pagamento effettuato entro 5 giorni); veicoli meno inquinanti in transito 81 euro (56,7); veicoli in sosta in area ZTl 41,00 euro (28,70). Accesso  riservato ai possessori di pass. Possono accedere le vetture a basse o nulle emissioni: auto elettriche e ibride benzina/elettrico e benzina/gas, indipendente dalla classificazione Euro e dal luogo di residenza del proprietario. I residenti/domiciliati/accasermati possono accedere con qualsiasi veicolo. “Residenti” si intendono tutti coloro che hanno residenza legale entro l’area o lungo le strade perimetrali della ZTL, che abbiano assunto domicilio temporaneo per lavoro o cure mediche, gli accasermati.- I non residenti/domiciliati/accasermati aventi necessità di lavoro, studio e salute possono accedere purché abbiano una vettura meno inquinante (da Euro 4 a Euro 6 e Benzina Euro 3), elettrica o ibrida. I cittadini con ridotta mobilità, i medici convenzionati con il SSN e i cittadini che necessitano di cure mediche continuative possono accedere con qualsiasi veicolo. Tutti i cittadini, ma solo con il pass giornaliero e solo con vetture meno inquinanti (da Euro 4 a Euro 6 e Benzina Euro 3), elettrica o ibrida. I guidatori di vetture del servizio Car-Sharing, che non necessitano di proprio pass personale. Possono accedere i ciclomotori e i motocicli (incluse le motocarrozzette).- Il pass, durata e costi Il pass può essere giornaliero, mensile, semestrale e annuale.  (acquistabile nei punti Amat, delegazioni Aci ed esercizi commerciali). Per ciascuno periodo indicato, il numero di accessi è illimitato. Per “Residenti” si intendono tutti coloro che hanno residenza legale entro l’area o lungo le strade perimetrali della ZTL, che abbiano assunto domicilio temporaneo per lavoro o cure mediche, gli accasermati. Tutti i costi sono al netto dei diritti fissi e di istruttoria e dell’eventuale costo di spedizione per chi volesse ricevere il pass a casa. I costi sono i seguenti: Annuale Residenti (con vetture da Euro 0 a Euro 2 o Diesel Euro 3) – 90 euro Residenti (con vetture da Euro 4 a Euro 6 o Benzina Euro 3) – 80 Euro Parenti di coloro che risiedono nella ZTL e necessitano di assistenza domiciliare – 100 Euro Non residenti con motivi di lavoro, studio o salute (con vetture da Euro 4 a Euro  o Benzina Euro 3) – 100 Euro Per tutti, con vetture ibride benzina/elettrico o benzina/gas – 50 euro Autolinee, mezzi pesanti turistici (noleggio con conducente per trasporto di persone e bus turistici), servizi turistici di linea – 600 Euro Semestrale Per tutti, con vetture a benzina (da Euro 3 a Euro 6) e a diesel (da Euro 4 a Euro 6) – 50 euro Per tutti, con vetture ibride benzina/elettrico, benzina/metano e benzina/gpl – 25 euro Autolinee, mezzi pesanti turistici (noleggio con conducente per trasporto di persone e bus turistici), servizi turistici di linea – 300 Euro Mensile Per tutti, con vetture a benzina (da Euro 3 a Euro 6) e a diesel (da Euro 4 a Euro 6) – 20 euro Per tutti, con vetture ibride benzina/elettrico, benzina/metano e benzina/gpl – 10 euro Autolinee, mezzi pesanti turistici (noleggio con conducente per trasporto di persone e bus turistici), servizi turistici di linea – 120 Euro Giornaliero Per tutti, con vetture a benzina (da Euro 3 a Euro 6) e a diesel (da Euro 4 a Euro 6) 5,00 euro, di colore azzurro Per tutti, con vetture ibride benzina/elettrico, benzina/metano e benzina/gpl – 2,50 euro, di colore verde Autolinee, mezzi pesanti turistici (noleggio con conducente per trasporto di persone e bus turistici), servizi turistici di linea – 30,00  Euro Il pass per le auto elettriche è sempre gratuito. Il pass per i cittadini con limitata o impedita capacità motoria è sempre gratuito. Per attivare la scheda pass giornaliero si può usare un sms o la app “Ztl Palermo”, prima di entrare all’interno della zona a traffico limitato. Tramite sms, inviando un messaggio al numero 339.9942927 scrivendo Ztl (spazio) targa (spazio) codice segreto univoco. Il codice è riportato sui pass stampati dal web oppure sotto una striscia grigia da grattare nei pass cartacei da acquistare nei punti vendita. Sono autorizzati all’accesso nella ZTL Centrale ed esentate da ogni formalità: veicoli di polizia stradale, dei vigili del fuoco, dei servizi di soccorso, velocipedi, ciclomotori e motocicli, veicoli a trazione animale e a braccia. “Lista bianca” (lista di targhe autorizzate individuabili da contrassegni d’istituto e/o da evidenti simboli apposti nella carrozzeria): – taxi (compresi noleggio con conducente fino a 9 posti compreso il conducente), – veicoli del servizio di ‘car sharing’, – veicoli adibiti al servizio di persone con limitata o impedita capacità motoria – veicoli di servizio degli enti pubblici, – veicoli del corpo diplomatico , veicoli di servizio delle A.S.P., delle Aziende Ospedaliere, mezzi della Protezione Civile. Ti potrebbe interessare anche: La MAPPA NAVIGABILE della ZTL con perimetro, varchi, telecamere e sportelli ACI dove richiedere il pass ZTL | Ecco i cinque varchi controllati dalle telecamere Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

    Leggi tutto

Leggi tutti

08 set 2017

L'alluvione di Palermo del 1557

Parlare di alluvioni quando da mesi non piove e c’è il rischio di razionamento idrico, può essere considerato un esempio di eccessivo e inutile allarmismo.. Nella realtà non è così. Storicamente si ricordano poche ma disastrose alluvioni : nel 1557, 1666, 1769, 1772, 1778, 1851, 1862, 1907, 1925 ed infine l'alluvione del 1931 Molte di queste grandi alluvioni sono avvenuti dopo periodi eccezionali di caldo o di siccità. Ciò è dovuto al fatto che dopo un periodo di  grande caldo il terreno ,arso dal sole, diventa impermeabile all’acqua piovana . Inoltre i temporali, dopo tali periodi di siccità, sono violenti e improvvisi . Impropriamente si parla di “bombe d’acqua, perchè vengono scaricate in poche ore grandi quantità di pioggia che il terreno non riesce ad assorbire. Se a questo si aggiungono le responsabilità umane e la scarsa manutenzione e prevenzione … il danno è fatto. Nella storia di Palermo le alluvioni, come abbiamo ricordato, sono state poche , anche se molto disastrose. La prima, di cui abbiamo testimonianze storiche , fu quella  del 27 settembre 1557, in assoluto quella più disastrosa. L’estate di quell’anno era stato molto calda e siccitosa, per tale motivo la gente sperava che piovesse. Non sappiamo se si organizzarono processioni o si invocarono le varie sante protettrici della città ( ancora erano 4), in tal caso dobbiamo pensare che si esagerò con le invocazioni e le processioni.Tra il 21 e il 22 settembre 1557 finalmente inizio a piovere. Purtroppo la tanto invocata pioggia continuò , senza alcuna pausa ,sino al 27 quando le precipitazioni s' intensificano rovesciando sulla città «acqua senza fine et cum vehemenzia extrahordinaria». Al tramonto del 27 le precipitazioni assumono le caratteristiche di un nubifragio e il “ muro-diga” , costruito nel 1554 ( cioè tre anni prima),  all' altezza del ponte di Corleone per intercettare le acque che scendevano da Monreale per dirottarle nel fiume Oreto ,cedette. L' onda di piena con il suo carico di fango e detriti si riversò verso la città «con multa furia» e intorno alle 20 colpì con estrema violenza le mura cittadine all' altezza della chiesa dell' Itra. Nonostante tali mura fossero spesse un metro e ottanta, non resistettero alla violenza dell’acqua e cedettero ,provocando una breccia lunga quarantaquattro metri e alta quattro (ampia cioè circa 176 metri quadrati) . L'acqua in piena  entrò in città e si riapproprio dell’antico corso del Kemonia ( che era stato incanalato sotto la città) continuando il suo percorso sino a Ballarò e allagando la piazza della chiesa del Carmelo. L’acqua in piena proseguì per via dei Calderari  danneggiando il monastero della Martorana e quello della Moschitta oltre a far crollare molte case. Incanalandosi per la via dei Lattarini l' acqua si divise in più braccia: Una parte allago la Vucciria vecchia, mentre un' altra distrugge i magazzini di frumento vicino la chiesa di Nostra Signora della Misericordia e i depositi di legname. Le travi trasportate dalla furia della piena martellarono come degli arieti le case e le botteghe della Loggia dei Catalani  ( l’attuale Vucciria) ,il cuore pulsante del commercio e della finanza palermitana, distruggendo  quasi tutto  .L' onda di piena s' incanalo, quindi, nella strada della Merceria per dirigersi verso la Cala dove, abbattendo le mura vicino alla Dogana vecchia, esaurì la sua corsa devastatrice gettandosi in mare. La massa d' acqua che si era riversata nelle strade della città fu imponente dato che raggiunse ,nelle strade coinvolte, un livello fino a tre metri. Le prime luci dell' alba del 28 settembre  illumino  una città devastata e invasa dal fango e dai detriti. I cadaveri giacevano nelle strade, nelle chiese, sotto le macerie e nel mare, dove galleggiano accanto alle carogne degli animali sorpresi nelle stalle.Un testimone del tempo così descrisse la catastrofe : «horribile la obscurità della notte, li terremoti delle case che cascavano, li stridi de li homini, li ululati delle donne et lo spavento della morte con la continua pioggia». Dopo il disastro si cominciò a fare un primo bilancio dei danni .Il maestro Razionale  del Regno scrisse che le vittime erano stati almeno duemila, mentre  gli animali da soma morti superavano le 200 unità. La stima dei danni  fu di circa duecentomila scudi computando anche un migliaio di case completamente distrutte, oltre tremila salme di frumento irrecuperabili, merci, tessuti, arredi di numerose case scomparsi nel fango. Il Pretore e i giurati palermitani organizzarono i soccorsi ripulendo le strade, puntellando le case pericolanti e, soprattutto, facendo seppellire i morti. Un vero e proprio flagello di Dio che il cardinale di Palermo esorcizzò, tanto per cambiare,  imponendo tre giorni di penitenza, confessioni, digiuni e partecipazione a processioni. Una tempesta perfetta provocata da un evento meteorico eccezionale che s' innestò sui guasti provocati dall' azione degli speculatori edilizi e ( tanto per cambiare) sulle difficoltà da parte dell' amministrazione comunale  a mettere in sicurezza il territorio. Dopo il disastro si cominciarono a cercare i responsabili .La versione ufficiale attribuì  tale responsabilità a un gabelliere che aveva ostruito con delle fascine  la  condotta del maltempo per impedire che i contrabbandieri la  utilizzassero . Ma le responsabilità  ,e i responsabili, erano altre. Una relazione di Don Pietro Agostino, Maestro razionale del Regno, inviata al vicerè Juan de la Cerda duca di Medinaceli il 7 ottobre 1557, permette non solo di ricostruire l' evento, ma anche di comprendere le reali cause e le responsabilità. Nel 1505 gli abitanti della città ammontavano a 25 mila mentre al momento del disastro la popolazione era triplicata.La città perciò era cresciuta, in pochi anni, notevolmente. Bisognava trovare nuove aree per costruire nuove case. Palermo era ancora una città medievale, ristretta dalle mura difensive, con strade strette e tortuose, e aspirava a diventare una città rinascimentale al pari delle altre realtà urbane italiane ed europee. Bisogna perciò recuperare aree destinate all' edilizia abitativa, e ciò poteva avvenire solo se si utilizzavano  anche quelle aree sottoposte a rischio idrogeologico come quelle che insistevano nell' area del fiume Kemonia, tradizionalmente sottoposte a inondazioni in caso di maltempo. Per tale motivo , bisogna favorire la lottizzazione e la speculazione edilizia poiché la città aveva  fame di spazi edilizi. E qui si inseriscono gli speculatori. Era necessario deviare e canalizzare i fiumi cittadini per creare aree edificabili. Con i soldi pubblici vengono intercettate le acque meteoriche che da Monreale s' incanalavano nella depressione che porta alla Fossa della Garofala (viale delle Scienze). Il Senato di Palermo, conscio del pericolo, aveva costruito nel 1554 ( cioè appena 3 anni prima) un muro-diga a due miglia dalla città all' altezza del ponte di Corleone per intercettare  tali acque per  deviarle nel fiume Oreto. Perciò , da una parte gli speculatori  che si accaparrano i terreni alluvionali , per pochi soldi, dall’altra parte il Senato che le rende edificabili, una specie di Sacco di Palermo ante litteram. Per esempio , un certo La Valli,  che si era arricchito esercitando  la professione  dell' aromataro  e …..del prestito a usura, compra per pochi soldi dei terreni in un area soggetta al rischio  d’inondazione ,cioè   in Via Castro, poi costruisce ben 500 abitazioni., tutto questo con la complicità degli amministratori cittadini che rendono edificabili tali terreni. L'eccezionale evento meteorico mette allo scoperto tale speculazione. Tale relazione di Don Pietro Agostino, Maestro razionale del Regno, è stata trovata ……dopo secoli, “ben conservata” negli archivi . Alla fine la colpa di tale disastrosa alluvione fu del….. gabelliere che aveva ostruito con delle fascine  la  condotta del maltempo per impedire che i contrabbandieri la  utilizzassero. P.S. Queste cose accaddero nel lontano  1557, ben 460 anni fa. Oggi certamente non potrebbero accadere …… o no.    

Leggi tutto
21 set 2017

Viale Regione Siciliana: Proposta per un sovrappasso pedonale all'altezza del parcheggio di Piazzale John Lennon

Sulla circonvallazione il semaforo pedonale in corrispondenza del parcheggio bus di piazzale John Lennon è sacrosanto ma per gli automobilisti è una 'camurria', per molte ore al giorno ed ambedue i versi si creano delle code tali che bisogna aspettare il verde due-tre ed anche più volte prima di superare l'ostacolo. Per cui propongo di fare un sovrappasso pedonale in modo da eliminare l'attraversamento ed il relativo semaforo. Nell'immagine allegata ho fatto un rozzo taglia-incolla di quello esistente in corrispondenza di Via Nazario Sauro giusto per verificare che lo spazio ci sarebbe. Forse si renderebbe necessario espropriare una striscia di un paio di metri dal cortile di quel grande condominio, ma forse nemmeno quello.

Leggi tutto
  • danyel
    Palermo: tra poco capitale della cultura e, invece:
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/23/palermo-leterna-incompiuta-tra-rifiuti-e-odori-nauseanti/3871106/

    Come si può continuare così? Ancora, nel 2017?
    LEGGI Commenti 7
    23 set 2017 14:18
  • belfagor
    VUCCIRIA : RISANAMENTO SOTTO MINACCIA . I PUSHER SCORAGGIANO CHI RESTAURA I PALAZZI

    Mesi fa, abbiamo accolto con grande soddisfazione l'inizio dei lavori di restauro dei Palazzi di Piazza Garraffello (Palazzo Ramacca , Palazzo Sperlinga e Palazzo Mazzarino). Alcuni privati non soltanto avevano deciso di restaurare tali palazzi ma hanno promesso, entro tre anni, di ridare dignità alla piazza da anni centro della “movida” cittadina e....dello spaccio di droga. Purtroppo non tutti sono d'accordo. In un recente articolo su “Repubblica” apprendiamo che gli spacciatori di droga e alcuni proprietari dei locali si “oppongono” al risanamento. Le famiglie che gestiscono la droga hanno “inviato” delle minacce a tali imprenditori . Per loro Piazza Garraffello deve rimanere una “zona franca” dove poter continuare a fare i loro “affari”. Di fronte a tale arroganza questi imprenditori hanno chiesto il sostegno del Comune e della Prefettura. La prossima settimana verranno montati i primi ponteggi e la gru, speriamo che tutto proceda senza problemi. Purtroppo i segnali non sono confortanti. La violenta rissa scoppiata giorni fa a Piazza Garraffello, con due feriti e l'omicidio del Capo sono dei brutti segnali Le autorità non si devono limitare a generici atti di “solidarietà”. Occorre che il quartiere venga “risanato” anche socialmente e culturalmente ,perciò maggiore presenza delle forze dell'ordine e installare più telecamere. Inoltre i cantieri di tale restauro dovrebbero essere presidiati dalle forze dell'ordine . Se questa scommessa fosse persa sarebbe la dimostrazione che chi sostiene che Palermo non è una città civile ( vedi il giudice di Trento) ha ragione. Vogliamo essere una città europea non una citta medio orientale ….con il tram.
    Ma anche noi cittadini dobbiamo fare la nostra parte. Questi imprenditori devono sentire che hanno l'appoggio di tutti noi. Lunedì si svolgerà un consiglio “di strada” organizzato dalla prima circoscrizione aperto a tutti i cittadini. Faccio mie le parole del presidente della Prima circoscrizione “Non basta cambiare i regolamenti della movida per cambiare il volto della Vucciria....il sogno è quello di trasformare Piazza Garraffello da piazza dello spaccio a piazza della cultura”
    LEGGI Commenti 2
    22 set 2017 07:03
  • belfagor
    "Siamo in un posto civile, non a Palermo": frase choc di un giudice a Trento

    Da “Palermo Today “ 20/09/2017

    "Avvocato, lei taccia, perché qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo". A pronunciare questa frase è stato, come racconta l’avvocato Stefano Giordano al rientro in città, il presidente del tribunale di Trento nel corso di un’udienza di rinvio al Riesame.
    "E' un fatto gravissimo - ha dichiarato Giordano all’Adnkronos - oltre che una frase razzista. Il presidente del tribunale del Riesame, il dottor Carlo Ancona, nel condurre l'udienza con un indagato palermitano e con il sottoscritto come difensore, mi ha impedito di svolgere la mia arringa proferendo quella frase. A questo punto, ho chiesto, e solo dopo numerosi sforzi, ho ottenuto la verbalizzazione di quanto accaduto".
    "Purtroppo, nonostante le numerose richieste, non sono riuscito a ottenere dalla cancelleria del Tribunale del Riesame di Trento copia del suddetto verbale. Manifesto la mia preoccupazione - conclude il legale ) - per quanto accaduto in quanto avvocato, in quanto cittadino italiano e, soprattutto, in quanto palermitano"
    Il legale palermitano, figlio del presidente del "maxiprocesso" di Palermo Alfonso Giordano, fa sapere inoltre di essere in procinto di preparare insieme al presidente del'Ordine di Palermo, l'avvocato Francesco Greco, un esposto che sarà prontamente inviato al Csm e alle altre autorità istituzionali competenti.
    LEGGI Commenti 3
    21 set 2017 11:10
  • Palerma La Malata
    Viale Regione Siciliana, direzione Trapani, accanto il Maria Eleonora Hospital.
    Congratulazioni al Comune di Palermo che ha dato l'autorizzazione per l'installazione di un videocartellone alto 2 piani e largo circa 20 metri.
    Sanno che la maggior parte degli automobilisti e motociclisti Palermitani non guardano ne' la segnaletica verticale, ne' quella orizzontale. Sanno pure che ormai molti guidano guardando più il proprio telefono invece che la strada e ora ci piazzano pure un bel videocartellone gigantesco che cerca di attirare gli occhi di chi guida.
    Ah sì! Questo nostri governantucci hanno capito come rafforzare la qualità della vita dei cittadini! Con un bel videocartellone! Minchiaa!!! Di ottima qualità!.. Minchiaaa troppuuu bbellooo!!!

    http://palermo.mobilita.org/2016/12/28/palermo-e-una-citta-visivamente-inquinata-un-cittadino-ci-incalza-e-vi-incalza-rispondete/
    LEGGI Commenti 1
    14 set 2017 23:28
  • belfagor
    ORLANDO: PALERMO NON E' UNA CITTA' EUROPEA.
    Intervenendo alla cerimonia di apertura della Giornata Europea della Cultura Ebraica, il sindaco Orlando ha dichiarato „"Palermo non è una città europea ma una città mediorientale in Europa. Palermo é Istanbul, Gerusalemme, Beirut: Istanbul, Gerusalemme e Beirut con il tram ed il wi-fi“.
    P.S. Che Palermo aspira a diventare una città "multietnica" ci può anche stare ma sostenere che Palermo è una città mediorientale in Europa, con...... il Tram ed il wi-fi, è indice di una certa confusione.
    LEGGI Commenti 20
    11 set 2017 08:01
Ultimi commenti