Articolo
14 gen 2020

Viabilità | Il ponte Bailey alla Guadagna sarà riaperto entro fine Febbraio

di Fabio Nicolosi

Sarà il Comune, tramite il Coime e la partecipata RAP, ad intervenire per la manutenzione straordinaria del ponte "Bailey" sul fiume Oreto all'altezza del quartiere della Guadagna. Il ponte, costruito nel 1996 dal Genio Civile, è stato chiuso per motivi di sicurezza nei giorni scorsi, al fine di consentire alcune verifiche sulle condizioni di sicurezza. L'intervento, che permetterà la riapertura al transito veicolare entro fine febbraio, consisterà nella rimozione e sostituzione di alcune assi di legno che costituiscono la base carrabile del ponte ed il successivo rifacimento del tappetino d'usura in asfalto. È quanto emerso nel corso di un incontro presieduto dal Vicesindaco e dall'assessore alle infrastrutture, nel corso del quale i tecnici hanno relazionato sulla tenuta strutturale del ponte. "È stato riferito che non vi sono problemi particolari alla struttura portante - ha detto l'assessore Prestigiacomo - e quindi si interverrà al più presto per eliminare possibili rischi connessi alla pavimentazione carrabile".

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
14 gen 2020

Riconversione dell’impianto di depurazione di Fondo Verde in impianto di pretrattamento dei reflui afferenti ed impianto di rilancio al polo depurativo di Acqua dei Corsari

di Fabio Nicolosi

Il 06/12/2019 é stato pubblicato la procedura per l’affidamento del “servizio di progettazione, direzione dei lavori, coordinamento per la sicurezza e servizi di rilievo e indagini a supporto della progettazione per l’intervento di riconversione dell’impianto di depurazione di fondo verde in impianto di pretrattamento dei reflui afferenti ed impianto di rilancio al polo depurativo di acqua dei corsari, compresa realizzazione della condotta di scarico d’emergenza". Tale bando ha come data di termine della presentazione delle offerte: 28/01/2020 10:00 L'importo per l'offerta economicamente più vantaggiosa: criterio del miglior rapporto qualità/prezzo è € 943.748,57. Sicuramente molti di voi si stanno chiedendo, Ma di cosa parliamo? Ve lo spieghiamo in poche parole e poi vi lasciamo ad una descrizione più accurata di questa che é una vicenda che vede il Comune di Palermo e i tecnici di Palermo i protagonisti. Al momento l'area di Partanna, Sferracavallo, Mondello, Tommaso Natale confluiscono tutte all'interno dell'impianto di depurazione di Fondo Verde, che visti i notevoli volumi ha dimostrato non essere un impianto all'altezza delle portate di acque nere oltre che scaricare le acque di pioggia nel ferro di cavallo. L'anno 2012 veniva finanziato con la Delibera CIPE n. 60/2012 cod. ID 33413 per un importo di € 18.473.730,00. l'adeguamento dell'impianto di depurazione di Fondo Verde Giardini comprese le opere di scarico a mezzo di condotta sottomarina” (cup d76d08000090005). Il suddetto intervento, con un costo previsto di € 18.473.730,00, è ricompreso nell’Accordo di Programma Quadro (APQ) “Depurazione delle acque reflue” sottoscritto dal Ministero dello Sviluppo Economico, dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, (MATTM) dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dalla Regione Siciliana in data 30 gennaio 2013 che individua quale Soggetto Attuatore il Comune di Palermo. A seguito di proposta formulata dal Comune di Palermo con nota prot.223/U del 01.08.2013, il Dipartimento Regionale dell’Acqua e dei Rifiuti (DRAR) con nota 36062 del 07.09.2013, ai sensi dell’art. 8 dell’APQ, ha chiesto al Dirigente Generale della Programmazione, nella qualità di “Responsabile Unico delle Parti” (RUPA), di avanzare richiesta presso tutti i sottoscrittori dell’APQ di spostare le risorse destinate all’intervento di che trattasi (ID 33413) all’intervento ID 33414 “Completamento Collettore Sud orientale”. Nell’ambito della successiva Delibera CIPE n. 69/2015 l’importo dell’intervento ID 33413 è stato rideterminato con l’assegnazione di un finanziamento di € 974.234,43 e con la riprogrammazione della differenza pari a € 17.499.495,57 a favore dell’intervento ID 33414 “Completamento Collettore Sud orientale”. Il precedente Soggetto Attuatore - Comune di Palermo - nel 2016 ha consegnato al Commissario Straordinario uno Studio di Fattibilità relativo ad un intervento denominato “Riconversione dell’impianto di depurazione di Fondo Verde in impianto di pretrattamento dei reflui afferenti ed impianto di rilancio al polo depurativo di Acqua dei Corsari, compresa realizzazione della condotta di scarico d’emergenza” e il “Documento Preliminare alla Progettazione” (DPP) relativo al medesimo intervento. Quanto oggetto della consegna da parte del Comune di Palermo riguardava un intervento completamente diverso da quello inserito in Delibera CIPE 60/2012 con il codice ID 33413 e contenuto nell’APQ. L’intervento proposto scaturisce da una complessa attività di revisione programmatica volta alla riconsiderazione di quanto originariamente programmato in APQ (cod. ID 33413) a seguito della constatazione che alcune scelte tecniche inserite nel suddetto intervento - realizzazione della condotta sottomarina di scarico delle acque depurate all’interno dell’Area Marina Protetta (AMP) di Capo Gallo – Isola delle Femmine - si sono rivelate irrealizzabili per il diniego opposto dal Commissario del Consorzio di Gestione dell’AMP con nota del 23 luglio 2013. Tale lavoro di revisione programmatica ha riguardato l’assetto del complesso delle principali infrastrutture fognario-depurative al servizio dell’Agglomerato di Palermo comprese nell’APQ ed è stato svolto su specifica richiesta del Sindaco di Palermo al MATTM, nell’ambito delle competenze di verifica tecnica ad esso assegnate dall’articolo 3, comma 3 dello stesso APQ. Le attività sono state svolte da apposito “Tavolo Tecnico” coordinato dall’Unità Tecnico Specialistica (UTS) del MATTM e del quale hanno fatto parte il Comune di Palermo, l’Ente d’Ambito ATO 1 - Palermo e il Dipartimento Regionale dell’Acqua e dei Rifiuti della Regione Siciliana (DRAR). In estrema sintesi, il “Tavolo Tecnico” ha preso atto della impossibilità, per l’opposizione del Gestore dell’AMP, di realizzare la soluzione progettuale oggetto dell’originario finanziamento CIPE che prevedeva il “revamping” dell’esistente impianto di Fondo Verde (in esercizio dalla metà degli anni novanta al servizio del “Bacino Nord”, senza uno scarico autorizzato delle acque depurate che vengono perciò risollevate ed immesse nella rete fognaria del “Bacino Sud” mescolandosi alle acque grezze) e la individuazione di uno scarico definitivo delle acque depurate con condotta sottomarina nell’AMP. A seguito di specifici approfondimenti in merito all’entità del carico generato nei due bacini del sistema fognario cittadino, il Tavolo Tecnico ha ritenuto che, in mancanza di uno scarico a gravità delle acque depurate, l’impianto di Fondo Verde dovesse assumere una diversa funzionalità, riconvertito a stazione di sollevamento per addurre le acque reflue grezze che vi giungono verso l’altro polo depurativo a servizio del Bacino Sud (impianto di depurazione di Acqua dei Corsari) utilizzando i volumi delle vasche attuali come capacità di laminazione nel tempo di pioggia, e individuando uno “scarico di emergenza” nel canale c.d. “Ferro di Cavallo” già oggi utilizzato per lo scarico delle acque di pioggia del Bacino Nord. La fattibilità in termini di capacità depurativa di tale soluzione è stata verificata in quanto il progetto definitivo di potenziamento dell’impianto di Acqua dei Corsari (intervento ID 33412 compreso in APQ) già approvato, ha previsto una potenzialità complessiva per 880.000 Abitanti equivalenti sufficiente, secondo gli specifici approfondimenti svolti dal Tavolo Tecnico, per servire tutto il carico generato dall’agglomerato di Palermo (Bacino Sud e Bacino Nord). Per quanto di interesse per il presente documento, è utile precisare che i contenuti dello “Studio di Fattibilità” consegnato dal Comune di Palermo scaturiscono direttamente dalle scelte operate in sede di “Tavolo Tecnico” come espressamente dichiarato nello Studio stesso e che, pertanto, sono da ritenere scelte condivise con il MATTM cui compete la responsabilità di garantire la piena coerenza degli interventi con l’obiettivo di superamento delle condizioni che hanno portato alla condanna della Corte di Giustizia dell’Unione Europea. Per quanto riguarda gli aspetti economici, il DPP del Comune di Palermo prevede, per la realizzazione dell’intervento, una spesa stimata di € 5.500.000,00, ritenuta inizialmente contenuta nelle somme disponibili nella Delibera CIPE n.60 del 2012 e nell’A.P.Q. del 30.01.2013 che prevedevano un finanziamento di € 18.473.730,00. Come già anticipato, la soluzione individuata nel DPP del Comune di Palermo è stata definita, dal medesimo redattore, compromissoria ma determinante, oggi, per la risoluzione della procedura comunitaria di infrazione in tempi brevi, in quanto non sono state risolte le criticità derivanti dai vincoli ambientali per la piena normalizzazione del sistema fognario dell’intero “Bacino Nord”, sia ai fini del riuso del refluo depurato per scopi ambientali sia per ridurre la soggezione alla pericolosità idraulica dell’abitato. Allo scopo di proseguire nell’iter progettuale, la Struttura Commissariale ha proceduto ad effettuare diverse riunioni e sopralluoghi che hanno portato alla definizione di un primo documento programmatico comprendente il piano delle indagini geologiche, geognostiche, rilievi di dettaglio e di consistenza, studi specialistici ed approfondimenti tecnici, tutti propedeutici alla redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’intervento. In occasione di una delle riunioni tecniche di coordinamento, in data 18.10.2017 il Comune di Palermo ha comunicato di avere avviato la definizione di interventi orientati alla gestione delle acque di pioggia del Bacino Nord ed in particolare un sistema di intercettazione a monte dell’impianto di Fondo Verde verso l’esistente galleria del Collettore Nord Occidentale opportunamente attrezzata per la porzione utilizzata. Il Commissario Straordinario Unico (CSU), nel frattempo subentrato al Commissario Straordinario ex art. 7, comma 7, del D.L. 133/14, nel prendere atto positivamente delle iniziative del Comune che però modificano parzialmente l’oggetto dell’intervento che era stato delineato nello Studio di fattibilità e che è di competenza del CSU, ha invitato i Tecnici delle due strutture a definire i necessari raccordi per il prosieguo delle attività. Il Progetto preliminare del Comune di Palermo con la denominazione “Intervento di mitigazione dal rischio di allagamenti nella zona di Via Olimpo, tra la via Castelforte e la via Sandro Pertini” è stato discusso in sede di CdS in data 12.12.2018; in quella sede il rappresentante dell’Ufficio del CSU ha ribadito che una parte dell’intervento proposto si sovrappone a quello in carico al CSU come definito nei documenti programmatici che il Comune aveva consegnato (Studio di Fattibilità e DPP). Per tale motivo è stato chiesto ai rappresentanti del Comune di Palermo che venisse aggiornata la documentazione programmatica a suo tempo consegnata al Commissario tenendo conto delle opere previste nel progetto proposto. I rappresentanti del Comune di Palermo hanno concordato su questa esigenza riservandosi di produrre la documentazione non appena conclusa la CdS che è avvenuta in data 09.01.2019. A tal fine, in data 07.03.2019, previa convocazione con note prott. U-CU0259 del 28.02.2019 e U-CU0265 del 01.03.2019, si è svolta una riunione del tavolo tecnico per la ridefinizione dei contenuti dell’intervento ID33413 (“Riconversione dell’impianto di depurazione di Fondo Verde in impianto di pretrattamento dei reflui afferenti ed impianto di rilancio al polo depurativo di Acqua dei Corsari, compresa realizzazione della condotta di scarico d’emergenza”). Partendo dagli elementi contenuti nello Studio di Fattibilità e nel DPP, e tenuto conto degli approfondimenti eseguiti dallo stesso Comune e dall’AMAP S.p.A., è stata definita la portata di dimensionamento del sollevamento da realizzare all’impianto di Fondo Verde. Inoltre, sono stati definiti gli indirizzi progettuali per la mitigazione del rischio di allagamenti nell’area servita dall’impianto. Pertanto, le vasche esistenti verranno rifunzionalizzate per consentire la laminazione delle portate di pioggia. Una ulteriore capacità di accumulo verrà garantita dalla riconversione del tratto del collettore Nord – Occidentale, esistente e mai entrato in esercizio. Quest’ultimo intervento, però, rientra fra le opere previste nel “Progetto per l’intervento di mitigazione dal rischio allagamenti nella zona di Via Olimpo, tra la Via Castelforte e la Via Sandro Pertini” a carico del Comune di Palermo. Una nuova condotta premente scaricherà i reflui sollevati dall’impianto di Fondo Verde nell’esistente Canale Sampolo che consentirà il loro convogliamento a gravità verso il porto industriale; da qui i reflui verranno avviati fino all’impianto di Acqua dei Corsari. È stata confermata l’ipotesi dello studio di fattibilità di prevedere, in caso di superamento della capacità di accumulo disponibile (vasche esistenti dell’impianto e collettore Nord-Occidentale opportunamente funzionalizzati), lo scarico della portata in eccesso, mediante apposito scaricatore di piena, attraverso una nuova condotta di emergenza funzionante a gravità che consentirà di raggiungere il canale “Ferro di Cavallo” nel tratto finale prima dello sbocco lato Est del golfo di Mondello.

Leggi tutto    Commenti 2
Segnalazione
13 gen 2020

Il ponte guadagna: il ponte dei desideri

di belfagor

Nel lontano 1996 fu inaugurato,“ in pompa magna”,  dal sindaco di allora , Leoluca Orlando Cascio,  il Ponte Bailey alla Guadagna . Si tratta di un ponte “provvisorio”, installato in pochi giorni dal Genio militare,  che doveva servire ad alleggerire  "momentaneamente" il problema del traffico caotico di tale zona della città . Nel giro di qualche mese, fu promesso dal sindaco, sarebbe stato sostituito da un vero ponte: il progetto era pronto e i  finanziamenti c'erano. Chiaramente si trattava della solita “promessa”. Infatti passano 23 anni da allora e del nuovo ponte Guadagna si sono perse le tracce. Nel novembre 2015  Palazzo delle Aquile  dispose  lo stop alla circolazione del ponte Bailey alla Guadagna per “urgenti lavori di manutenzione” , mandando il traffico in tilt per mesi. MOBILITA PA  pubblicò un articolo  : “Ponte Bailey alla Guadagna, le “promesse del Comune” Il ponte Bailey alla Guadagna resterà chiuso, con buona pace degli automobilisti che saranno costretti a fronteggiare ancora per  mesi gli ingorghi di via Oreto. Nessuna buona notizia per chi abita nella periferia est di Palermo e ogni giorno,per lavoro o studio, deve recarsi in centro. Da qualche mese, infatti il ponte, costruito dal Genio militare nel 1996,  è stato interdetto alla circolazione: il piano in legno presenta troppi danni e la sicurezza di chi lo attraversa è a rischio.     Così il Comune ha deciso lo stop alle auto e attende che una delle squadre del COIME si liberi per intervenire sul ponte.         “La struttura in sé è solida, ma il piano di legno è degradato e l’intervento eseguito a ottobre 2015  non ha risolto il problema: serve un intervento più radicale che durerà almeno un mese e che quindi si protrarrà fino a gennaio 2016”, spiegano dal Comune. Il problema è che il blocco della circolazione causa code e ingorghi paurosi in via Oreto, Il ponte costituisce l’unica alternativa a via Oreto e a viale Regione Siciliana per collegare la periferia con il centro città. Dopo  mesi dalla pubblicazione di tale articolo   la situazione era sempre la stessa. DA “LIVE SICILIA” del 18/02/2016 Buone notizie per il ponte Bailey della Guadagna, chiuso dallo scorso novembre per la disperazione degli automobilisti   ...Il Comune, nel corso di una conferenza di servizi indetta dal capo area alle Manutenzioni Mario Li Castri, ha infatti deciso di programmare gli interventi per la riapertura, anche se è difficile dire quando le auto potranno tornare a circolare sulla struttura montata dall’Esercito nel 1996. La Reset dovrà occuparsi di pulire le sponde del fiume, consentendo così ai tecnici e al Coime di effettuare le verifiche sui bulloni e sul manto stradale: a quel punto si avrà un quadro chiaro della situazione e dei lavori previsti,per i quali potrebbero volerci 30-40 giorni o anche di più. P.S. L’intervento del Comune del novembre 2015 dimostrava la totale disorganizzazione dell’amministrazione comunale. In parole povere avevano chiuso il ponte senza organizzare niente. Non esisteva  nemmeno un progetto , infatti ,dopo mesi  ancora” studiano “ se dovevano allargare il ponte oppure no. Eravamo nelle mani di “dilettanti alla sbaraglio”. Alla fine il ponte fu riaperto Il  23 maggio 2016, su pressione dell’opinione pubblica, senza che fossero fatti tali “urgenti “ lavori. Si disse allora che i lavori non erano stati svolti perché era nelle intenzioni dell’amministrazione Comunale  il “raddoppio del ponte”, rendendolo così percorribile nei due sensi di marcia. Sono passati quasi 4 anni è il Comune richiude di nuovo il Ponte Bailey della Guadagna per …..”.urgenti lavori  di manutenzione “. COMPLIMENTI !!!!!!

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Articolo
13 gen 2020

Anello Ferroviario | Si predispongono le matrici per i pali di fondazione in Area 6

di Fabio Nicolosi

Dopo aver concluso le operazioni di bonifica bellica e lo spostamento dei sotto-servizi, si inizia a lavorare alla realizzazione dei pali di fondazione Si tratta di oltre 200 pali adiacenti a formare il perimetro della galleria Amari che dalla fermata Porto condurrà i treni fino alla fermata Politeama. Come si nota dalle foto, sono in corso di realizzazione una serie di pali adiacenti l’uno con l’altro. Alternativamente i pali vengono armati a formare una struttura di contenimento del terreno in cemento armato. Al fine di garantire l’esatta collocazione dei pali è necessario costruire un cordolo guida lungo tutto il perimetro dell’area. A tale scopo, successivamente allo scavo della trincea, sono state posizionate delle matrici in polistirolo. Ricordiamo che da cronoprogramma l'area dovrà essere riconsegnata il 31 Luglio 2020. Di seguito si riporta lo schema delle fasi esecutive utili alla perforazione dei pali. 1. Scavo del terreno; 2. Trasporto, per mezzo dell’elica, del materiale scavato sino al cestello posto alla sommità. Il terreno viene quindi scaricato a terra; 3. Getto del calcestruzzo pompato attraverso il tubo getto; 4. Posa in opera della gabbia di armatura La tecnica che verrà adottata permette un totale equilibrio tra materiale asportato (terreno) ed introdotto (calcestruzzo). La perforazione effettuata in tale modo, diminuisce significativamente la deformazione e la decompressione del terreno attorno alla parete, eliminando i movimenti di assestamento ed i loro effetti negativi sulle strutture nelle vicinanze. Tale sistema è stato adottato nell'intero appalto in virtù dei molteplici vantaggi che offre, tra i quali il basso impatto ambientale. Le particolari caratteristiche del calcestruzzo impiegato nella realizzazione dei pali e la metodologia di esecuzione, consentono di ottenere coefficienti di permeabilità della paratia tali da assicurare la ritenuta idraulica in presenza di falda a tergo. Quest’ultima, giornalmente monitorata attraverso l’uso di piezometri. Con la metodologia in utilizzo, lo scavo di sbancamento potrà essere effettuato in assoluta sicurezza senza venute d’acqua, il che non solo assicura l’operatività successiva in cantiere, ma preserva altresì il terreno circostante escludendo detensionamenti del terreno a tergo.

Leggi tutto    Commenti 5
Segnalazione
08 gen 2020

Che fine ha fatto il progetto per il raddoppio del Ponte Corleone?

di belfagor

Nel dicembre 2016,  l’allora Primo ministro  Renzi e il sindaco Orlando  firmarono il “ PATTO PER PALERMO” che prevedeva l'erogazione di 764 milioni per opere di miglioramento della città. Era certamente una  notizia importante  che poteva  risolvere alcuni dei più gravi  problemi  infrastrutturali della città . . Tali  fondi NON ERANO VINCOLANTI e potevano perciò  essere spesi dal Comune per quelle opere che si ritenevano prioritarie. Gran parte di questi nuovi finanziamenti   il Comune  li  destinò  alla realizzazione di nuove linee di Tram ( circa 98 milioni) e per un nuovo  restauro del Teatro Massimo ( 22 milioni). Solo 4 milioni (4.663.954,51 per la precisione) furono  destinate al Sottopasso Perpignano, e 5,3 per il “Raddoppio del Ponte Corleone”: Mentre furono destinati ben 4,7 milioni per la pista ciclabile green way  Palermo–Monreale, opera, certamente suggestiva ma  che francamente non era prioritaria. Nella realtà i nuovi finanziamenti erano solo 322 milioni, il resto erano somme già stanziate e mai utilizzate dal Comune e che però solo in parte potevano essere recuperate. Ciò è molto importante per capire il pasticcio che si è verificato dopo. RIASSUMENDO :  Di questi 322 milioni  , il Comune destinò : -    98 milioni per la realizzazione di 9 nuove linee di Tram -    22 milioni per un nuovo restauro del Teatro Massimo  -    4,7 milioni per  la pista ciclabile green way  Palermo–Monreale  -    4 milioni per il sottopasso Perpignano -    5 milioni per il raddoppio del Ponte Corleone  Appare evidente  che tale suddivisione dei finanziamenti  era alquanto discutibile e cervellotica. Per esempi le cifre destinate al sottopasso Perpignano e per il raddoppio del Ponte Corleone erano ridicole Dall’ assessorato comunale alle Infrastrutture  giustificarono tali scelte con il fatto che tali cifre dovevano aggiungersi ai vecchi finanziamenti e proprio per questo  si disse : «si attendono verifiche da Roma sui fondi ex Agensud».  Cioè si sperava di recuperarli. Purtroppo ciò non è stato possibile. Lo stesso assessore Arcuri ammise: “Abbiamo fatto un tentativo di recuperare le somme con il ministero delle Infrastrutture, ma il tentativo è andato a vuoto". Il Comune pensò allora  di dirottare le risorse stanziate dal “Patto per Palermo”per il Sottopasso  di Via Perpignano   per  il raddoppio del Ponte Corleone ” che ha la massima priorità visto lo stato in cui versa oggi». Ma tale strategia “alternativa” presentava un “piccolo problema”. Per il raddoppio del Ponte di Corleone ci vogliono 21 milioni : come pensava  il Comune di completare tale opera con soli 9,8 milioni? Ma  c’èra un rischio ancora più forte I fondi del “ Patto per Palermo” vengono erogati a condizione che vengano spesi entro il 31 Dicembre 2019. In un articolo pubblicato su " MOBILITA PALERMO" dal titolo emblematico: " Il bando per il Ponte Corleone è prossimo alla pubblicazione , ma è corsa contro il tempo" si esprimevano forti preoccupazioni. E che queste preoccupazioni non erano  campate in aria lo dimostra il fatto che durante la seduta del Consiglio comunale del 13/03/2018 il consigliere di maggioranza, Sandro Terrani (capogruppo di Mov139)  lanciò  l’allarme : "Apprendendo dello stato di gravità rispetto allo stato di degrado avanzato in cui versa il ponte Corleone…. si chiede l'immediata convocazione in Aula dell'assessore per fare chiarezza sulla stabilità della struttura e lo stato di avanzamento degli interventi previsti".  Il 28 maggio 2018 , durante una conferenza stampa il Sindaco Orlando e l’assessore alle infrastrutture Emilio Arcuri annunciarono  trionfalmente  che era  tutto pronto per i lavori di manutenzione e restauro strutturale del Ponte Corleone : «il Rup, l’Ingegnere Massimo Verga ha pronto il bando di concorso internazionale per la ri-progettazione delle bretelle laterali al ponte, il cosiddetto “Raddoppio” ex Cariboni. Il bando per la ri-progettazione esecutiva ha un valore di 1,3 milioni di euro. Una volta completata questa fase, sarà necessario un secondo bando, relativo invece ai lavori, per un importo di circa 17 milioni di euro, cofinanziati dal Patto per Palermo». Che tutto non era pronto lo dimostra il fatto che solo dopo 10 mesi fu effettivamente bandito il primo appalto  Il 22 febbraio 2019 fu pubblicato il seguente articolo : “ Si sblocca finalmente l’atteso bando per la revisione del progetto di Raddoppio del Ponte Corleone, sulla Circonvallazione di Palermo”. “Dopo l’ inchiesta di “Striscia la notizia”” sul rischio di perdere i fondi del “Patto per Palermo”, il Comune infatti ha pubblicato ieri la «gara europea per l’affidamento del servizio di revisione della progettazione definitiva per la costruzione per il “Raddoppio della Circonvallazione di Palermo” relativo al tronco compreso tra via Giafar e via Altofonte, Progetto ex Agensud 32/8/a – Progetto stralcio relativo ai lavori di costruzione dei ponti laterali sul fiume Oreto. CIG: 743304137. Il bando pubblicato ieri scadrà il 17 aprile 2019 e ha un valore di 1,3 milioni;  l’intero appalto invece sarà affidato entro l’anno con un altro bando che avrà un importo di 17 milioni di euro, finanziati dal “Patto per Palermo”. Dopo tale notizia calò un assordante muro di silenzio. Riassumendo: Il bando pubblicato per il “ Progetto stralcio relativo ai lavori di costruzione dei  2 ponti laterali sul fiume Oreto” doveva chiudersi il 17 aprile Poi bisognava  fare un nuovo  bando per assegnare i lavori per tali due corsie laterali Poi bisognava progettare  e fare un secondo bando, relativo invece ai lavori del ponte principale, per un importo di circa 17 milioni di euro, cofinanziati dal  “Patto per Palermo». Le notizie ufficiali purtroppo si fermano qua. -    Che fine ha fatto la «gara europea per l’affidamento  della progettazione definitiva dei 2 ponti  laterali”? -   E’ stato fatto il bando per la realizzazione  di tali due ponti laterali ? -    E’ mai stato pubblicato il bando da 17 milioni per la messa in sicurezza  del ponte principale? Ricordiamo che il Patto per Palermo, termina 31.12.2019. C’è il rischio concreto della perdita dei fondi. Infatti, come sottolineava l’Arch. Nicola Di Bartolomeo, Capo Area Infrastrutture del Comune : “Bisogna scongiurare che sia arrecato all’ ente un danno all’ erario derivante dall’ eventuale ritardata attuazione di un’operazione specificamente individuata nel Patto per lo sviluppo della città di Palermo, per la quale la delibera CIPE 25 del 10 agosto 2016 IMPONE che le obbligazioni giuridicamente vincolanti per l’affidamento dei lavori devono essere assunte entro il termine ultimo del 31 dicembre 2019».  P.S.  Mancano ormai pochi giorni alla scadenza  e del progetto del Ponte di Corleone si sono perse le tracce, come si sono perse le tracce  anche per le altre opere che si dovevano realizzare ( il  nuovo restauro del Teatro Massimo , la pista ciclabile green way  Palermo–Monreale e il sottopasso Perpignano) , sacrificati per realizzare 3 nuove linee di tram, che….. forse non si realizzeranno. COMPLIMENTI  

Leggi tutto    Commenti 4    Proposte 0
Articolo
08 gen 2020

Passante Ferroviario | Iniziati i lavori di riasfaltatura di via Monti Iblei

di Fabio Nicolosi

Quasi un mese fa annunciavamo che il comune ed RFI avevano raggiunto un accordo su via Monti Iblei. La RAP si sarebbe occupata di asfaltare il tratto di strada non interessato o interessato solo parzialmente dai lavori, mettendo cosí la parola fine a quello che poteva essere l'ennesima vergogna alla palermitana. Questa mattina gli operai hanno iniziato con il tratto compreso tra via A. De Gasperi e via Belgio. Il tratto in questione é stato chiuso al transito veicolare per permettere di eseguire i lavori. I lavori interesseranno tutta via Monti Iblei fino al collegamento con viale Francia. Ringraziamo Cristian S. e loggico per gli scatti:

Leggi tutto    Commenti 13
Articolo
27 dic 2019

Viabilità | Chiuso a tempo indeterminato il ponte Bailey alla Guadagna

di Fabio Nicolosi

Tramite l'ordinanza n°1551 emanta il 23/12/2019, si determina la chiusura al transito veicolare e pedonale del ponte Bailey alla Guadagna con decorrenza immediata, sino all’ eliminazione delle cause di pericolo, che dovrà essere comunicata al servizio mobilita’ urbana per la revoca della presente ordinanza: il COIME provvederà al posizionamento di barriere pesanti del tipo new jersey, posizionate alle estremità, per assicurare il rispetto dei divieti, verificandone periodicamente il corretto assetto. In considerazione dei disagi conseguenti e che non esistono itinerari alternativi si raccomanda a tutti gli uffici e servizi competenti di attivarsi con ogni urgenza per garantire una rapida riapertura del ponte in condizioni di sicurezza. Già ad Agosto 2018 avevamo realizzato un reportage tramite l'ausilio di un drone proprio per fornire un quadro della situazione. Purtroppo in mancanza di manutenzione ordinaria interventi come quelli che vi stiamo raccontando saranno sempre più frequenti con tutti i disagi che ne conseguono. Vi terremo aggiornati non appena la situazione verrà ripristinata.

Leggi tutto    Commenti 18