Articolo
15 gen 2020

FOTO | Via Partanna Mondello: I lavori alla vasca drenante

di Fabio Nicolosi

Sono in corso i lavori di realizzazione di una vasca drenante nello slargo antistante lo stabilimento "Guajana", tra le via Amarilli e Nestore. La vasca con tutte le opere collegate avrà un volume lordo di oltre 570 metri cubi e servirà a mitigare il fenomeno degli allagamenti per l’insufficienza del sistema di smaltimento delle acque bianche. Le acque piovane ruscellanti a causa dell’estesa impermeabilizzazione dei suoli, determinata dal disordinato sviluppo edilizio dell’area, verranno convogliate in vasche di sedimentazione per l’eliminazione degli inquinanti. Successivamente le acque a gravità giungeranno alle vasche di drenaggio raggiungendo la falda attraverso le rocce permeabili sottostanti che le filtreranno. Questa tipologia di interventi ecosostenibili per prevenire il rischio idraulico va sotto il nome di «sistemi di drenaggio urbano sostenibile» (in sigla, Suds), che hanno lo scopo di gestire le acque di pioggia per evitarne l’immissione nella fogna. Pur per concentrazioni modeste, tali sistemi sono anche in grado di trattare le sostanze inquinanti presenti nell’acqua; in alcuni casi possono anche prevedere l’accumulo e il riuso delle acque di pioggia. Ringraziamo Mario Scotto per le foto I lavori delle vasche di laminazione, dopo quelle di sedimentazione, programmati e finanziati dall’amministrazione comunale e realizzati dal personale del Coime, costituiscono un primo intervento di mitigazione da realizzare a breve termine per ridurre l’entità dei disagi dovuti agli allagamenti che si verificano nella borgata. I lavori, dall'importo di 480 mila euro, programmati e finanziati dall’amministrazione comunale e realizzati dal personale del Coime, dovranno essere consegnati entro marzo 2020. Ti potrebbe interessare anche: Riconversione dell’impianto di depurazione di Fondo Verde in impianto di pretrattamento dei reflui afferenti ed impianto di rilancio al polo depurativo di Acqua dei Corsari

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 gen 2020

Aree pedonali, via P. di Granatelli si rifà il look

di Antony Passalacqua

Palermo - Al via oggi i lavori coordinati e realizzati dal Coime, per realizzare una nuova pavimentazione in via Principe di Granatelli e in via Salvatore Vigo. E' stata infatti pubblicata venerdì l'Ordinanza dell'ufficio traffico che autorizza la messa in opera del cantiere. I lavori, che saranno divisi in cinque "lotti" per rendere sempre parzialmente fruibile l'accesso ai residenti e ai commercianti della zona, prevedono la sistemazione di una pavimentazione più idonea all'utilizzo prevalentemente pedonale e la collocazione di elementi di arredo urbano. Tutti gli interventi sono stati concordati con la Sovrintendenza per i beni culturali. Al termine dei lavori, previsto entro l'estate, la zona sarà inoltre dotata di punti di accesso alla rete del wi-fi gratuito comunale, come già fatto nella vicina via Principe di Belmonte e in altre zone della città. A supervisionare l'intervento sarà l'Assessorato al decoro guidato dal vicesindaco Fabio Giambrone, che sottolinea "l'importanza di un intervento realizzato interamente in house, con progettazione a cura degli Uffici comunali e materiale esecuzione tramite le maestranze del Coime".

Leggi tutto    Commenti 14
Articolo
14 ott 2019

Villa Tricoli: al via il restyling a cura del COIME

di Fabio Nicolosi

Un progetto tutto fatto in casa. Il comune di Palermo ha infatti affidato al COIME i lavori di restyling della villa Tricoli. La Villa Giuseppe Tricoli ha un giardino italiano di sette mila metri quadri a forma rettangolare, disteso fra alti palazzi della zona Campolo-Leonardo da Vinci. I vialetti interni sono in terra battuta e separano aree di prato sui cui crescono una decina di grandi alberi, con spettacolare fioritura stagionale, ed un paio di alte palme fortunatamente scampate al punteruolo rosso. Al centro c'è una semplice ma piacevole fontana circolare con giochi d'acqua e contornata da panchine in marmo. Su un lato della villa c'è un'area per bambini, pubblica, con scivolo, altalena, panchine. Sull'altro lato è presente un' area gioco a pagamento, gestita da privati. La villa è confinata da un muretto alto 50 cm cui è sovrapposta una ringhiera alta un altro metro. I tre accessi della villa sono tutti pedonali e carrabili, ma solo due pedonali sono aperti al pubblico. Si ringraziano Maurizio M. e Mario S. per le foto:

Leggi tutto    Commenti 14
Articolo
06 mag 2019

FOTO | Piazza Noce si rifà il look e ci spinge a una riflessione…

di Giulio Di Chiara

Voce a una segnalazione apprezzatissima pervenuta da un residente del quartiere Noce, che ci aggiorna su questo intervento di restyling urbano condito da una riflessione che merita di essere letta: può la bellezza essere il motore di rinascita di una città?   Carissima redazione, mi fa piacere segnalare i lavori di rifacimento di piazza Noce. Non si tratta del salotto di Palermo, né di un quartiere oggetto di particolari azioni di riqualificazione, e forse proprio per tale ragione balza all’occhio questo “gesto di attenzione” con tanto di progetto esteticamente apprezzabile. Un intervento di manutenzione giunto quasi al termine a opera del Coime per il decoro del quartiere, di cui allego alcuni scatti effettuati nel mio attraversamento quotidiano della piazza. Conosco e vivo da sempre la zona in questione, il quartiere Noce e ancor di più la limitrofa Zisa, eppure ne apprezzo gli aspetti positivi. In controtendenza rispetto ai famosi “nemici della contentezza”, sono del parere che sia la bellezza il motore del cambiamento di Palermo: scoprirne il vero volto sotto la coltre di polvere e munnizza. Se dovessi raccontare il mio quartiere citerei il castello della Zisa e il suo giardino, luogo per uno svago dietro l’angolo per le famiglie con passeggino ma anche luogo di aggregazione per le comunità straniere, che ho più volte visto riunite sul prato vestite a festa. “Salendo” verso sud, il grande parcheggio Emiri è un posteggio libero a disposizione di chi voglia approfittare del capolinea degli autobus o di una delle fermate della linea 4 del tram. In mezzo, i Cantieri Culturali sono un laboratorio in fermento e location di esposizioni di fama internazionale. Certo, si potrebbe raccontare anche delle erbacce selvatiche cresciute indisturbate intorno alle cancellate delle scuole della Zisa, dello slalom obbligatorio tra le deiezioni di cani al guinzaglio e i volantini pubblicitari sparsi sui marciapiedi della via Ettore Arculeo, delle scritte vandaliche anche sul prospetto di un palazzo in via Michele Piazza, delle condizioni indefinibili del manto stradale della via Ruggerone da Palermo, del posteggiatore abusivo che presiede il parcheggio di cui sopra guarda caso nelle ore di ricevimento della adiacente casa di cura, o ancora della presenza di interi arredi casa ben collocati nei pressi dei cassonetti che nulla hanno a che fare col servizio di ritiro gratuito dei rifiuti ingombranti. E’ una scelta. Chi si arrende dinanzi alla bruttezza sarà colui che a un turista descriverà Palermo parlando di sporcizia e inefficienza anziché di patrimonio Unesco, pedonalizzazioni, investimenti nel trasporto pubblico, ottimo cibo. E il suo contributo alla città sarà pari all’ennesimo sacchetto di immondizia.   Ho richiesto e ottenuto un intervento di diserbo contattando l’URP del Comune. Ho segnalato la presenza del posteggiatore sull’App dedicata. E mi sono lamentato per altro ancora, presso le sedi competenti. Di recente, una coppia di futuri sposi ha realizzato un bellissimo angolo cittadino con tanto di piante e murales. L’associazione Retake da tempo si sbraccia per ripulire la città. Come altri gruppi spontanei armati di scope che si danno appuntamento sui social network. Apprezzare la bellezza porta a ricercare altra bellezza a discapito della bruttezza. Concludo la riflessione con un interrogativo: la logica del “tanto è pieno di munnizza” dove ci porterà? A mio avviso ad azzerare il bello con il brutto. Mi ritrovo giornalmente a soppesare tra il frutto delle nostre colpe di cittadini palermitani e ciò che l’amministrazione comunale puntualmente non fa. Bene che ci vada saremmo pari, ma allora dovremmo accettare il fatto che facciamo tutti schifo? Un cordiale saluto G. Corrao

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
16 gen 2019

Viabilità | Possibili disagi su via Cala per lavori allo spartitraffico centrale

di Fabio Nicolosi

Saranno demolite tre porzioni del cordolo centrale di via Cala in corrispondenza degli attraversamenti semaforici. I lavori realizzati dal Coime ed Amg Energia prevedono la demolizione e l’abbassamento del cordolo esistente e l’interramento degli eventuali cavi elettrici di pubblica illuminazione presenti all’interno del cordolo spartitraffico. Si allega la planimetria degli interventi: Possibili disagi e code si verificheranno durante la durata dei lavori

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
26 nov 2018

FOTO | Campo Rom: prosegue la demolizione delle baracche

di Fabio Nicolosi

Proseguono gli interventi di dismissione e messa in sicurezza dell'area del Campo Rom della Favorita. Nella prospettiva di una graduale e completa riqualificazione dell'area, ieri pomeriggio sono state demolite e rimosse altre quattro baracche, dopo le tre sgombrate nei giorni scorsi. Gli interventi sono stati programmati di concerto con l'Assessorato alla Cittadinanza Solidale dal Comando di Polizia Municipale, impegnati da mesi nella esecuzione delle operazioni. Al campo nomadi gli interventi sono stati coordinati dal Commissario Francesco Adelfio con il coinvolgimento delle maestranze del Coime che sono intervenute con una ruspa. Le operazioni si svolgono sotto la supervisione del Comandante Gabriele Marchese, custode giudiziario dell'area, che sottolinea l'importanza di procedere alla immediata demolizione delle baracche, via via che queste vengono liberate, al fine di ripristinare una condizione di sicurezza complessiva. In questi giorni sono anche terminati gli interventi di messa in sicurezza dell'impianto elettrico dell'area, che costituiva fonte di pericolo per i pochi cittadini che ancora vivono nel campo, con la rimozione di diversi cavi volanti.

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
14 nov 2018

Giovedì 15 Novembre chiusi i Giardini della Zisa

di Mobilita Palermo

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa: Il Coordinamento Interventi Co.I.M.E. comunica che giovedì 15 novembre, a partire dalle ore 14.00, i Giardini della Zisa saranno chiusi per poter procedere in sicurezza ai trattamenti fitosanitari di routine. L'accesso al sito sarà consentito dal giorno successivo con i consueti orari.

Leggi tutto    Commenti 0