Articolo
11 ott 2016

Previsto il completamento della corsia ciclabile di Via Dante, ma che ritardi…

di Fabio Nicolosi

Con l'ordinanza n°1202 del 6 Ottobre emessa dall'ufficio traffico viene istituita la nuova corsia ciclabile da Via Dante a Via Guglielmo il Buono, diciamo un completamento della corsia realizzata qualche mese fa. Abbiamo più volte commentato e segnalato la pericolosità della corsia ciclabile di via Dante che potete leggere tramite i seguenti link: Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Sarà l'Amat che si occuperà di realizzare la segnaletica, collocare i cordoli e installate la segnaletica verticale e orizzontale. Sarà invece compito del Coime la realizzazione di una rampa di attraversamento nell'aiuola spartitraffico a Piazza Principe di Camporeale. La corsia si interrompe nel marciapiede che conduce ai giardini della zisa, viene quindi da chiedersi in che modo poi un turista possa tornare indietro. La corsia infatti è monodirezionale ed è davvero assurdo pensare che si sia pensato a come raggiungere uno dei luoghi simbolo della cultura della città di Palermo senza però pensare al percorso inverso. Come sempre ci si perde in un bicchier d'acqua. Dobbiamo inoltre far notare come per la realizzazione di una corsia così semplice si stia perdendo davvero troppo tempo, l'annuncio della corsia su via dante risulta essere del 17/12/2015. Un anno per completare meno di 2km di corsia ciclabile, e senza contare gli errori commessi quali l'ampiezza della corsia ciclabile e la pulizia pressoché assente. Ecco delle tavole dettagliate per capire come avverrà il collegamento della corsia esistente con quella di nuova realizzazione:

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
22 set 2016

Da oggi abbonamenti bike sharing direttamente online

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa la nuova procedura di attivazione degli abbonamenti bike sharing direttamente online .   Palermo- Da oggi abbonarsi al servizio bike sharing (BiciPa) dell’Amat diventa più semplice, grazie alla registrazione online attraverso smartphone, tablet (App Amunì) o collegandosi dal computer al sito www.bicipa.it. La novità è stata annunciata dall’Amat nel corso di un convegno inserito nel programma della settima europea della mobilità, organizzato dal Comune di Palermo e dall’azienda di trasporto pubblico. Se prima per abbonarsi era necessario recarsi allo sportello di via Giusti, da oggi basterà un semplice “Tap” sullo schermo del proprio dispositivo, sia esso telefono o tablet, o con un click dal computer di casa. Con dei semplici passaggi, sarà possibile registrarsi, attivare l’utenza e prelevare la bicicletta presso il cicloparcheggio preferito, senza l’utilizzo della card. Il cliente dovrà, dopo la registrazione, precostituirsi un credito per gli utilizzi della bicicletta. La ricarica minima è di 5 euro. L’Amat, per il lancio del nuovo servizio, ha deciso di attivare una promozione che consente di abbonarsi . Novità anche nelle modalità di pagamento che potrà essere effettuato con qualsiasi carta di credito (anche prepagata) e sistema di Paypal.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
17 set 2016

FOTO | BiciPa: Nuove ciclostazioni attivate

di Fabio Nicolosi

Il servizio di bike-sharing gestito da Amat continua l'installazione di ciclo-stazioni in città; mancano ancora altre stazioni per essere completate e avere quella capillarità necessaria tale da rendere il servizio appetibile.   Sono stati aperti altri quattro parcheggi in piazza XIII Vittime, piazza Borsa e piazza P. Camporeale e Piazza Bellini. Ciascun parcheggio consta di 10 stalli eccetto l'ultimo che ne possiede solo 5 Il parcheggio di Piazza Bellini, in un primo momento previsto nella piazzetta antistante l'ingresso di giurisprudenza dopo una segnalazione alla sovrintendenza è stato riprogettato e ricollocato secondo le indicazioni dell'Amministrazione Comunale e della Sovrintendenza BB.CC.AA. Ma mentre si inaugurano nuove postazioni, ce ne sono altre che vengono danneggiate: Alla Stazione centrale la stazione sarà spostata da piazza Giulio Cesare in un’area nelle vicinanze. Al momento è vuota, ferma per i danni al quadro elettrico e i continui furti in barba alle telecamere di sorveglianza e al gps installato sulle bici. Al Foro Italico, dopo che a giugno tre bici erano state rubate e ripescate nei fondali del porticciolo della Cala, pochi giorni fa, nonostante la stazione fosse fuori servizio, ignoti hanno tentato di portare via i fili elettrici di alcuni stalli. Stessa sorte è toccata al parcheggio del Teatro Massimo, dove, su 15 stalli, ben 13 sono fuori uso e da molti fuoriescono i fili elettrici strappati, mentre sulla piattaforma, imbrattata da scarabocchi e scritte offensive contro la municipalizzata, vengono abbandonate bottiglie di vetro e lattine vuote. Da dicembre mancano all’appello ben 8 bici da 500 euro l’uno, sparite nel nulla nonostante il GPS, ma che se ne faranno? A preoccupare è anche il numero degli abbonati, appena 603 e troppo pochi per un servizio sul quale l’amministrazione puntava per rivoluzionare la mobilità. Una delle causa per la quale l’azienda non ha ancora fatto molto è la possibilità di utilizzare il servizio senza carta di credito, ma con una semplice carta prepagata, metodo già utilizzato in numerose altre città d'Italia. Infine nonostante siano passati nove mesi dall’inaugurazione del servizio, dei 37 cicloparcheggi previsti nel progetto iniziale ne sono stati attivati sinora 21, troppi intoppi burocratici? O forse l'Amat se la sta prendendo comoda vista le scarse risposte fornite dalla cittadinanza?

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
07 apr 2016

Bike-Sharing | Possibile effettuare la ricarica della tessera online e nuovi parcheggi attivi

di Fabio Nicolosi

Dopo alcuni mesi dall'entrata in esercizio, finalmente è stata attivata la possibilità di ricaricare il proprio credito della tessera del servizio BiciPa online. E' possibile effettuare la ricarica della tessera del servizio BiciPA attraverso la procedura che potrete seguire nell'area riservata, seguendo questi semplici passaggi: dal sito www.bicipa.it 1) recarsi nella area abbonati; 2) accedere con le credenziali personali 3) cliccare su "Ricarica il tuo credito"; 4) scegliere il taglio di ricarica desiderato (da 5 a 50 Euro); 5) attendere il caricamento della piattaforma Banca Sella ed 6) effettuare il pagamento seguendo le istruzioni del portale. dall'App Amunì 1) accedere all'area BiciPA 2) inserire le credenziali personali 3) selezionare "profilo" 4) cliccare su "Ricarica credito"; 5) scegliere il taglio di ricarica desiderato; 6) attendere il caricamento della piattaforma Banca Sella ed 7) effettuare il pagamento seguendo le istruzioni del portale. E' stato attivato il cicloparcheggio da 15 postazioni di piazzale Ungheria. Si trova all'interno dell'omonima area di parcheggio e in prossimità della piazzetta Flaccovio. Non ci ha molto convinto la scelta di realizzare la ciclostazione all'interno dell'area destinata al parcheggio delle auto, quando poteva benissimo essere collocata sul marciapiede evitando così di levare preziosi stalli alle auto. Infine per quanto riguarda lo stallo di Piazza Bellini si attende di definire la nuova collocazione, visto che in seguito ad alcuni sopralluoghi si è deciso che l'attuale collocamento non era proprio ideale. Sono iniziati i lavori per la realizzazione delle stazioni a piazza G. Cesare e via Volturno (Tribunale) che dovrebbero essere completati entro 15 giorni.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
06 apr 2016

La corsia ciclabile che fa discutere i palermitani sul web: è normale o pericolosa?

di Giulio Di Chiara

In queste ore si sta diffondendo sui social una foto inerente la corsia ciclabile recentemente istituita su via Dante, che ha la caratteristica di essere delimitata sul lato destro dal marciapiede e sul lato sinistro da una fila di parcheggi. Oggetto del dibattito è proprio la disposizione spaziale della corsia, che in questo modo dovrebbe disincentivare il parcheggio di veicoli a motore su di essa. Leggendo i commenti, per diversi cittadini questa è una soluzione mai vista prima e totalmente non attuabile. In realtà, così come avevamo mostrato in questo articolo, è una composizione spaziale già utilizzata altrove e anche con buoni risultati. Un ulteriore esempio è la città di Verona: su Corso Porta Nuova, arteria stradale del centro città a doppio senso di marcia, la corsia ciclabile è ricavata tra il muso delle auto parcheggiate e il marciapiede (nella foto). Pertanto vogliamo ulteriormente sfatare questo clamore per qualcosa che a Palermo non era probabilmente mai stato presentato. Semmai è utile concentrarsi su altri aspetti dell'infrastruttura: ad esempio, proprio come fatto a Verona, questa tipologia di corsia ciclabile ci sembra più indicata laddove sia presente un parcheggio a pettine, in modo da scongiurare l'eventuale collisione tra uno sportello aperto e il transito di un ciclista. In casi di parcheggio parallelo come quello di via Dante, viene generalmente istituita una fascia di rispetto a fianco della corsia stessa per consentire queste operazioni contemporaneamente in maggiore sicurezza.     Riguardando la foto di via Dante ci sembra che tale "accortezza" non sia stata pensata, forse perchè la dimensione della carreggiata imponeva spazi di manovra decisamente minori, anche per la compresenza della corsia preferenziale dall'altro lato della strada? La criticità più evidente nella foto di via Dante non è tanto la disposizione spaziale, quanto l'assenza di spazi adibiti alla salita/discesa dal veicolo (tra l'altro destinato ad un portatore di handicap) senza invadere la corsia ciclabile e dunque incorrere in un potenziale rischio. Confidiamo infine nelle segnalazioni dei cittadini circa episodi come questo:  

Leggi tutto    Commenti 14
Articolo
16 mar 2016

Bike-Sharing | Attivate le ciclostazioni a Piazza Castelnuovo e Piazza I. Florio

di Fabio Nicolosi

Sono stati attivati ieri altri due stalli per il bike sharing Attivati 2 cicloparcheggi BiciPA nelle piazze Castelnuovo e I. Florio. Nella giornata di ieri i nuovi punti di prelievo e rilascio bici composti da 15 e 10 postazioni. Il primo é ubicato alle spalle del Palchetto della musica il secondo nella zona pedonale di via P. Belmonte (a valle della via Roma) e costituiscono importante snodo della mobilità per chi desidera utilizzare il servizio per gli spostamenti casa - lavoro e per lo shopping in centro. Verrà attivato nei prossimi giorni anche la stazione situata presso il parcheggio Ungheria. Tutti i ciclo parcheggi sono disponibili nella mappa della mobilità che trovate in fondo all'articolo. Ti potrebbero interessare anche: Bike-Sharing | Ripresa l’installazione delle ciclostazioni di Piazza Castelnuovo e altre quattro aree Bike sharing | Iniziata campagna abbonamenti: tariffe e modalità di utilizzo Mappa della Mobilità di Palermo

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
02 mar 2016

Nuova pista ciclabile di via Dante: dubbi e perplessità per un lavoro a metà

di Andrea Baio

Come da ordinanza, sono stati eseguiti gli interventi di realizzazione della nuova corsia ciclabile di via Dante: da piazza Castelnuovo a piazza P.pe di Camporeale.  La corsia è monodirezionale, ovvero può essere percorsa in bicicletta solo andando da piazza Castelnuovo in direzione piazza P.pe di Camporeale. Andando nello specifico, la fila di parcheggi è stata traslata verso sinistra, lasciando lo spazio necessario alla pista. Quello che non convince è l'assenza di barriere fisiche tra la pista ciclabile e la carreggiata, che in alcuni tratti vede solo la presenza di cordoli, a nostro avviso non sufficienti a garantire la sicurezza dei ciclisti (che potrebbero essere messi in pericolo anche da automobilisti maldestri in fase di parcheggio). Ancora più pericolosa è la presenza di dislivelli dovuti a buche o presenza di tombini. Si ha l'impressione per l'ennesima che le cose vengano fatte tanto per dire che sono state fatte. Non basta una spruzzata di vernice a terra per fare una corsia ciclabile, così come non basta un cordone di catene e brutti dissuasori in cemento per fare un'area pedonale. Un intervento va pensato, studiato e realizzato anche grazie al supporto di professionisti di settore. Se non ci sono i soldi per realizzarlo adeguatamente, forse è meglio reperirli prima di "arrunzare" qualcosa? Sebbene la pista non sia ancora ufficialmente attiva, già è possibile tra l'altro notare la presenza di scooter e ostacoli di vario genere che impediscono il passaggio delle biciclette: questo elemento fa già presagire un fallimento qualora non verranno garantiti i controlli necessari, così come è già successo alla pista ciclabile di via Lincoln ad esempio. Il minimo che ci si aspetta quindi, è quanto meno un rifacimento del manto stradale che garantisca una buona qualità dell'asfalto, nonché l'eliminazione dei dislivelli esistenti; non c'è tra l'altro bisogno di ricordare che il rifacimento del manto stradale dovrebbe essere un intervento oridinario, e non straordinario (come ad esempio ha voluto far passare l'amministrazione comunale per quanto riguarda quello che è stato fatto giorni fa in viale Regione Siciliana). La nostra città si presta molto alla mobilità ciclabile, essendo per lo più pianeggiante e con spazi di percorrenza brevi. Sarebbe un peccato trasformare una buona intenzione nell'ennesima occasione mancata.

Leggi tutto    Commenti 34