Articolo
15 dic 2015

Perdersi in un bicchiere d’acqua al cospetto del Teatro Massimo

di Giulio Di Chiara

C'è tutta via Libertà con i platani che riflettono il rossore delle luci natalizie. C'è lo splendido Teatro Politeama che fa da cornice a tante persone che parlano nella piazza, ragazzi che giocano e bambini che scorazzano tra le panchine all'inseguimento di una palla. Poi c'è tutto l'asse Ruggero Settimo che è un fiume di teste che si muovono, si fa fatica quasi a camminare, con negozi luminosi, artisti di strada, associazioni di volontariato e l'odore delle caldarroste che si alza quasi fosse la nebbia invernale. Non una macchina, non un clacson. Arrivi al Teatro Massimo e ti inebri con le colonne illuminate e il frontone che si affaccia sulla piazza, anch'essa strapiena di gente, di mormorio e di acquisti natalizi tra uno zucchero filato e un palloncino che vola. Fino a qualche anno fa era impensabile. Continui e pensi che c'è un altro pezzo di città, un altro asse da passeggiare tra i negozi che nel frattempo vanno aprendo. Tutto bello, via Maqueda fino a ieri era un mix di saracinesche chiuse e negozi di cineserie. Ti viene voglia di arrivare fino alla stazione centrale, quasi non ti accorgi nemmeno delle distanze a camminare serenamente tra la gente.   Poi però sei costretto a deviare, perchè ci sono bancarelle squallide a venderti la cover del cellulare o il caricabatterie da 2 €. Non percepisci nemmeno gli arredi tra una vetrina e un'altra, le fioriere servono solo a delimitare gli stalli di questi tavoli pieni di merce. Davanti l'ingresso di una chiesa o davanti il negozio non importa, sono ovunque. E la loro tranquillità, dei venditori ambulanti, ti fa capire che nessuno li controlla. Nessuno fa rispettare l'ordinanza sindacale che vuole gli ambulanti categoricamente fuori dal centro storico. Viaggiando anche in Italia ricordo benissimo le scene in cui gli abusivi scappavano alla vista di una forza dell'ordine. Qui nemmeno questo, sebbene una pattuglia dei vigili urbani sia ferma a Piazza Verdi, quindi a 100mt di distanza. Si dovrebbe solo applicare un'ordinanza facendo sgomberare tutto e tutti. Quella bella sensazione di ordine e di Natale viene improvvisamente meno e fai bile perchè vedi che nulla cambia, quegli ambulanti sono lì da mesi, da anni e tutti lo sanno. Così la pedonalizzazione rimane bella fino a un certo punto e ritorni a casa con l'amaro in bocca, con la falsa illusione che quel pomeriggio avevi passeggiato in un centro storico europeo. Se il Teatro Massimo potesse parlare ne avrebbe di cose da dire, a differenza di sindaco, assessori e municipale che vedono e tacciono.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
22 mag 2015

In arrivo i varchi e telecamere verbalizzanti nelle aree pedonali

di antony977

Tempi duri per incivili e trasgressori delle aree pedonali in Centro Storico. L'Amministrazione Comunale ha avviato l'acquisto tramite il mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (Consip), di un sistema di controllo degli accessi nelle aree pedonali del Centro Storico. Si tratta di varchi automatizzati che invieranno i dati rilevati ad un sistema centrale di controllo dove, attraverso alcune postazioni operatore, saranno validati dalla Polizia Locale ed inviati al sistema di verbalizzazione  (emissione sanzioni) già in uso presso il comando della Polizia Municipale di Palermo. Spesa complessiva € 210.000,00 iva inclusa Qui una copia della delibera    

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
03 feb 2015

FOTO| Arrivano gli arredi nelle aree pedonali: si inizia da una piazza

di Giulio Di Chiara

Così come previsto, cominciano ad arrivare i primi arredi che andranno ad abbellire gli spazi pedonali individuati nel PUT. Si comincia con Piazza Rivoluzione, dove sono state sistemate le prime panchine in marmo, a delimitare l'area carrabile dall'area pedonale. In questa come nelle altre aree individuate, saranno apposte anche rastrelliere, cestini per i rifiuti e dissuasori per delimitare gli ingressi. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
17 dic 2014

Non vedo, non sento: via Maqueda addobbata con luci e abusivi

di Giulio Di Chiara

Avvicinandoci al Natale le vie del centro si riempiono progressivamente di gente e da qualche giorno sono anche spuntate le luminarie di rito. Quest'anno mi sento di dire che c'è una nuova piccola novità, ovvero la consapevolezza che un pezzo di centro storico si sta lentamente annettendo a quello che i palermitani concepiscono come "centro": via Maqueda, quantomeno il primo tratto. Le recenti vicende sulle pedonalizzazioni, le iniziative dei commercianti e la chiusura temporizzata di questo asse hanno permesso a tutti i cittadini di riscoprire un pezzo di centro storico e la spensieratezza di passeggiare in uno spazio esente da veicoli a motore, auto parcheggiate e smog. Anche i negozi della zona sembrano averne giovato, qualche nuova attività investirà qui a breve. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
31 ott 2014

Protestano i commercianti contro la pedonalizzazione dei Lattarini e piazza S.Anna

di antony977

Le recenti pedonalizzazioni sembrano creare malcontento fra i commercianti. Parliamo delle aree di via Discesa dei Giudici, piazza S.Anna e Lattarini. Anche qui si parla di cali d'incassi, attività sull'orlo del fallimento, e fedeli  che non va più in chiesa sempre a causa delle piazze pedonalizzate. Nel frattempo, in via Maqueda continuo l'afflusso di gente e ben 7 nuove attività commerciali si accingono ad aprire in quel tratto di strada chiuso al traffico. Chi era contrario ieri, oggi chiede la chiusura h24 dell'intera strada.   (altro…)

Leggi tutto    Commenti 29
Articolo
23 ott 2014

Parcheggi sulla corsia preferenziale di via Roma: Telegramma per i commercianti

di Comitato

Come già avvenuto nel 2012, si ritorna a parlare della possibilità di parcheggiare le auto lungo la corsia preferenziale di via Roma. Stessi attori, stesso copione. Ad avanzare la proposta infatti è la Confesercenti, che chiede formalmente di lasciar parcheggiare le auto lungo la corsia preferenziale di via Roma nel tratto tra corso Vittorio Emanuele e la Stazione Centrale durante le domeniche. Stavolta però l'Amministrazione Comunale sembra voler sperimentare questa proposta. E come due anni fa, ribadiamo il nostro NO ad una simile proposta aberrante attraverso lo stesso telegramma di allora:   (altro…)

Leggi tutto    Commenti 18
Articolo
01 ago 2014

Le fioriere a Piazza Rivoluzione già spostate: tira e molla sulla “pedonalizzazione” (?)

di Giulio Di Chiara

Oggi era il giorno della pedonalizzazione (?) in Piazza Rivoluzione. Ci si consenta il "?" accanto la parola "pedonalizzazione" dato che è nota la nostra diffidenza su provvedimenti di pedonalizzazione fatti con fioriere facilmente spostabili da singoli individui. E infatti.... (altro…)

Leggi tutto    Commenti 22

Ultimi commenti