16 gen 2019

Viabilità | Possibili disagi su via Cala per lavori allo spartitraffico centrale


Saranno demolite tre porzioni del cordolo centrale di via Cala in corrispondenza degli attraversamenti semaforici.

I lavori realizzati dal Coime ed Amg Energia prevedono la demolizione e l’abbassamento del cordolo esistente e l’interramento degli eventuali cavi elettrici di pubblica illuminazione presenti all’interno del cordolo spartitraffico.

Si allega la planimetria degli interventi:

allalb_2019_01_14_43

Possibili disagi e code si verificheranno durante la durata dei lavori


amg energiacalacala palermocodecoimedisagimobilita palermoSegnalatispartispartitrafficotrafficovia cala

4 commenti per “Viabilità | Possibili disagi su via Cala per lavori allo spartitraffico centrale
  • filotramviaria 315
    16 gen 2019 alle 9:28

    Ma non ne hanno cose piu’ utili da fare ?????!
    Ieri ho osservato operai AMAT che dipingevano le strisce del passaggio pedonale fra piazza Magione e via Carlo Rao; due passaggi a distanza di un metro!!!! MA CHI CI PASSA DA LI !!!!! ma usasserop sta gente SFATICATA per VENDERE I BIGLIETTI SU TRAM e AUTOBBUS invece di REGALARE LO STIPENDIO cosi’ per fare cose inutili !!!

    • peppe2994 3380
      16 gen 2019 alle 12:18

      Mi faccia capire, persone che stanno lavorando, davanti ai suoi occhi tra l’altro, lei li definisce sfaticati.
      Ma non si vergogna ?

      Il rifacimento della segnaletica orizzontale è previsto nel contratto di servizio dell’AMAT.
      Ed affinché lo sappia, gli “sfaticati” come li chiama lei, lavorano anche la notte.

      Vuole per caso essere lei dall’alto della sua saccenza a decidere in quali zone devono essere rifatte le strisce pedonali ?

      Complimenti, alla fine della sua costante isteria tra i commenti di questo sito è arrivato anche ad insultare i lavoratori. Come il peggior panormosauro che se la prende con i conducenti dei bus.

  • filotramviaria 315
    16 gen 2019 alle 19:10

    Lei non ha capito il mio pensiero: innanzitutto qui se c’e’ uno che offende mi pare lei definendomi isterico. La ringrazio .Poi il mio discorso non vuole disprezzare chi lavora,ma piuttosto mi sembrerebbe piu’ NECESSARIO utilizzare i lavoratori vendere i biglietti su tram e autobus anche saltuariamente, oppure aggiornare le paline con le nuove linee notturne, o ancora presenziare tram e autobus anche a salvaguardia dei passeggeri da parte di giovani BASTARDI che insultano o disturbano per esempio gli anziani .Piuttosto che dipingere le strisce pedonali in punti con traffico scarsissimo. Quanto al fatto che dice lei che questi lavori sono previsti dal contratto AMAT, tengo a precisare che il problema sta in alto,nel senso che l’Azienda dei trasporti dovrebbe occuparsi SOPRATTUTTO e in primo luogo dei trasporti! e non di mille altre cose; ci dovrebbero essere quindi delle PRIORITA’ che invece non ci sono.
    Sappia soprattutto che io sono un utente giornaliero di tram e autobus e NON ME LA SONO MAI PRESA CON I CONDUCENTI per eventuali disservizi.
    Infine ,un mio pensiero: A che serve dipingere le strisce se poi nessun automobilista le rispetta fermandosi e soprattutto non ci sono piu’ i Vigili urbani a prendere multe agli automobiliste che non rispettano queste e altre regole.
    Sono isterico ? va bene, ma mi sembra che oggi si PERDA TEMPO su cose inutili trascurando le cose piu’ importanti.
    In tal caso quel lavoro diventa INUTILE. Si offende qualcuno dicendo questo ? Non mi pare. Tanti saluti

  • Irexia 775
    19 gen 2019 alle 14:44

    In qualunque azineda esiste la riaprtizione delle mansioni, a ciascuno secondo le proprie competenze; dubito che un operaio possa vendere titoli di viaggio…
    Non è mai inutile agire per mantenere le strade come prevede il codice della strada: ho notato, e ho anche scritto un articolo a proposito, che quando sono visibili le strisce, pedonali o di corsia, tutti gli automobilisti diventano più disciplinati. Tra l’altro in caso di incidente, al momento di decidere l’an e il quantum dei risarcimenti, credo proprio assuma un ruolo importante la segnaletica (orizzontale e verticale).
    Io anzi, chiedo a gran voce l’implementazione della segnaletica! Perché quando ci sono i semafori che prevedono più tempi di attraversamento (intendo dire quelli che mantengono il rosso per chi deve tirare dirtto ma cpnsentonola svolta a destra come quello in prossimità della fermata Giackery del passante per chi veine da via Crispi), non sono tracciate in maniera evidente e a diversi metri dallo stop le corsie inmodo da consentire poi la svolta? Per un esempio di quello che intendo, vedere il link:
    https://www.google.com/maps/@45.4149594,9.1750886,3a,75y,152.16h,77.42t/data=!3m6!1e1!3m4!1sY7EJRx37dN8bNKJO61V8uA!2e0!7i16384!8i8192

    Perchè le destinazioni tipo Porto, Autostrada, Stazione centrale (guarda caso anche destinazioni che possono interessare i turisti!) non sono segnalate con le frecce per terra o cartelloni di direzione grandi e ben visibili? Non sarebbeil caso di aggiornare la cartellonistica della circonvallazione? Ancora oggi l’uscita di via Belgio viene indicata come quella per raggiungere Mondello, cosa possibile vero, ma significativa del fatto che risale a prima del’apertura dello svincolo che porta all’Elenka…
    Con la strada, e la sua pericolosità, non si scherza…


Lascia un Commento