Articolo
03 giu 2020

Anello Ferroviario | Rimossi temporaneamente i binari dalla stazione “Imperatore Federico”

di Fabio Nicolosi

I lavori che vi mostriamo oggi riguardano degli interventi che RFI e la D'Agostino Costruzioni hanno concordato per permettere il minor impatto dei lavori dell'anello ferroviario sulla città e per permettere il risanamento di parte dell'infrastruttura ferroviaria tra le stazioni di Palermo Notarbartolo e Giachery Le foto sono state scattate nei pressi della stazione Imperatore Federico. Venendo incontro alla richiesta da parte della d'Agostino Costruzioni di utilizzo del sedime ferroviario come viabilità di cantiere per portare lo smarino dello scavo della parte di galleria "Ranchibile" sotto via Lazio verso l'area di stoccaggio a Sampolo (ex scalo ferroviario merci), sfruttando tale opportunità per il risanamento infrastrutturale RFI ha dapprima operato con una risanatrice per la rimozione dei binari, come testimonia la foto risalente a metà Maggio Successivamente ha messo a disposizione della D'Agostino il sedime evitando il continuo passaggio di mezzi pesanti da via Sicilia e zone limitrofe: Ringraziamo Giovanni V. e Giuseppe T. per le foto Quello che vi abbiamo appena descritto è il perfetto esempio di come i lavori possano fare da volano anche per lo sviluppo di altri cantieri, ottimizzando i tempi di blocco della linea e riducendo al minimo i disagi per i pendolari che al momento non possono usufruire del servizio proprio a causa di queste opere.

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
05 mag 2020

Anello Ferroviario: chiude fino al 13 settembre la linea tra Palermo Notarbartolo e Palermo Giachery

di Fabio Nicolosi

La notizia era già nell'aria da alcuni giorni. I lavori sono stati di fatto anticipati di circa un mese, sfruttando il calo notevole dei pendolari dovute alle restrittive misure che la pandemia Coronavirus ha imposto. La linea quindi risulta già chiusa da ieri lunedì 4 Maggio e oltre alla realizzazione della fermata Libertà permetterà il risanamento dell'infrastruttura tra Palermo Notarbartolo e Palermo Giachery. Nei giorni scorsi infatti il Cifi Palermo ci aveva mostrato un'immagine del treno cantiere che effettuerà la manutenzione Il comunicato ufficiale: Da lunedì 4 maggio a domenica 13 settembre 2020, per lavori programmati, propedeutici alla futura attivazione della fermata Libertà dell’Anello Ferroviario di Palermo, la linea ferroviaria Palermo Notarbartolo – Palermo Giachery sarà interrotta. Si riporta l'avviso emesso da Trenitalia:

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
29 apr 2020

FOTO | Anello ferroviario: per la prima volta dentro la nuova fermata Libertà

di Fabio Nicolosi

Il CIFI Palermo, che ringraziamo per il prezioso contributo, ha pubblicato ieri delle foto che per la prima volta abbiamo possibilità di vedere. Si tratta dello scavo della nuova fermata Libertà. Ci troviamo a pochi metri da via Sicilia e proprio sotto viale Lazio. Il cantiere infatti è stato per anni abbandonato, con lecite proteste da parte dei cittadini che per anni si sono ritrovati davanti casa un enorme cantiere fermo. Le foto che oggi vi mostriamo ritraggono il grosso ambiente sotterraneo che l'azienda D'Agostino sta realizzando e che sicuramente non immaginavamo fosse già in questo stato avanzato. Una testimonianza che deve dare forza e speranza a tutti i cittadini che anni hanno subito passivamente l'inadeguatezza della Tecnis nel portare avanti un'opera strategica per la città di Palermo. E' al momento in corso lo scavo di allargamento del camerone (che ospiterà i locali tecnici) fino a raggiungere la paratia di destra della rampa visibile nella foto di copertina. La fase successiva dipenderà dal blocco totale della linea dell'anello ferroviario (si pensa giugno ma attendiamo conferme) e permetterà la demolizione della paratia che collega la stazione all'esistente galleria cosí da proseguire i lavori di realizzazione della fermata.

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
05 mar 2020

Anello Ferroviario | Via Sicilia, per 10 giorni la strada sarà ristretta nel tratto oltre viale Lazio

di Fabio Nicolosi

Per dieci giorni un tratto di via Sicilia sarà interessato alla cantierizzazione per l'effettuazione di rilievi tramite inclinometri nell’ambito dei lavori dell'Anello ferroviario di Palermo. Il provvedimento di chiusura al transito veicolare e pedonale di due porzioni di sede stradale, oltre viale Lazio, lato piazza Quattro Novembre scatterà il prossimo 16 marzo e durerà fino al 25 marzo e comunque fino al termine dei lavori

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
07 giu 2019

Anello ferroviario | I lavori per la realizzazione della stazione Libertà rimandati a data da destinarsi

di Fabio Nicolosi

La notizia che vi stiamo dando viene fuori da una riunione tra la regione siciliana e il comitato pendolari, avvenuta il 29/05/2019 proprio presso l'assessorato regionale infrastrutture e trasporti. Dalla riunione è infatti emerso che la IPO (Interruzioni Programmate in Orario) che doveva essere attivata questa estate dal 9 giugno all'8 settembre è stata rinviata a data da destinarsi. Questo comporterà che il cantiere di via Sicilia proseguirà il suo silenzio e nessun escavatore potrà proseguire le operazioni di realizzazione della fermata Libertà nel cantiere dell'anello ferroviario. Un'ulteriore ritardo che fa slittare notevolmente i lavori. Ricordiamo infatti che un interruzione programmata è un operazione che richiede tempi lunghi e che spesso viene fatta coincidere con il periodo estivo per ridurre i disagi sui pendolari e sugli utilizzatori del servizio passeggeri. Possiamo quindi immaginare che non vedremo alcun lavoro fino a giugno 2020. La situazione Tecnis è sempre più drammatica e ci mettiamo nei panni di tutti quei residenti e commercianti che da anni attendono la fine di un cantiere che vedono deserto giorno dopo giorno provocando solo disagi senza alcun beneficio. I dettagli: Il servizio rimarrà regolare fino al 22 luglio quando, in ragione della minore domanda di trasporto verrà ridotto, al servizio sarà assegnata la frequenza di 1 collegamento all'ora (invece dei 2 attuali), anche se questa non è una novità. La ripresa delle due frequenze avverrà dal 26 agosto.

Leggi tutto    Commenti 8
Segnalazione
26 apr 2018

Ponte Corleone, un ponte da attraversare delicatamente

di belfagor

In questi giorni il Ponte di Corleone  con i suoi problemi di staticità e con il suo progetto di raddoppio è tornato prepotentemente di attualità.  Vorrei riproporre un “vecchio” articolo sull’argomento che fu pubblicato il 1/09/2016 su MOBILITA PA  . Nonostante sono passati  quasi 2 anni mi sembra ancora attuale : Ponte Corleone, un ponte da attraversare delicatamente Poche sono le notizie sul ponte che sorgeva un tempo in questa zona e che permetteva l’attraversamento del fiume Oreto . Certamente , insieme al Ponte Ammiraglio, era uno dei più antichi . Si trovava sulla strada che collegava Palermo a Corleone, importante via di collegamento verso l’entroterra. Accanto a tale ponte sorgeva un convento di monache basiliane  con annessa chiesa, di origine normanna, dedicata alla Madonna dell’Oreto, costruita nel 1088 ( i resti di tale chiesa sono ancora visibili) . Il ponte andò distrutto nel 1720 a causa di uno straripamento del fiume. C’è da ricordare che nel passato l’Oreto era in parte navigabile e molto pescoso. Fino a cento anni fa, alla foce del fiume Oreto, si pescavano storioni lunghi quasi due metri. Due stupendi esemplari, pescati nel 1911, si trovano in mostra ancora nelle vetrine del museo di via Archirafi. Nel 1962 nella stessa zona dove sorgeva il vecchio ponte crollato, ne fu costruito un altro, che permise alla costruenda circonvallazione (pianificata negli anni  50 e prevista dal Piano regolatore generale di Palermo del 1962) di superare il fiume. Purtroppo tale nuovo ponte venne  progettato senza le due  corsie d’emergenze. Ciò ha determinato edetermina ingorghi quotidiani, soprattutto nelle ore di punta . Tale problema fu affrontato dal Comune, che progetto un sistema che permettesse di non interrompere il traffico dell’arteria. Tale  progetto prevedeva due piccoli ponti che  avrebbero affiancato quello principale, con una larghezza di circa 10 metri ed una lunghezza di quasi 200 metri. Nel 2006 finalmente vennero inaugurati i lavori in pompa magna, In un primo momento  i lavori procedettero speditamente . Il progetto prevedeva la costruzione di pilastri mentre il ponte vero e proprio sarebbe stato costruito a breve distanza e poi spostato in loco attraverso la valle dell’Oreto. In realtà il cantiere si è arenato abbastanza presto. Nel  Novembre 2008, dopo quasi 2 anni di cantiere ed a 1 anno dalla consegna  dell’opera, i lavori erano molto indietro. La  Cariboni s.r.l., la ditta che aveva vinto l’appalto  e che era stata anche incaricata di realizzare lo svincolo di via Perpignano, aveva grossi problemi finanziari , problemi che gli impedirono di completare l’opera. Nel  Dicembre  2008 il comune revoco l’appalto. Ma Il  ponte, attualmente,  in che condizione è ? Già nel 2004 ,in una relazione commissionata dal Comune, non godeva di ottima salute, soffrendo specialmente le vibrazioni dei grossi mezzi pesanti ( TIR, autobus ecc. ecc. ). A rigor di logica, in attesa dei lavori di manutenzione , si sarebbe dovuto vietare il transito di tali mezzi . Ma ciò non era possibile perché la Circonvallazione  rappresenta l’unica via di comunicazione veloce tra l’autostrada A19 Palermo-Cataniae l’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo. Proprio per ovviare a tale problema negli anni 80 l’amministrazione comunale aveva previsto la creazione di una seconda arteria centrale sopraelevata. I primi lavori per tale opera cominciarono alla fine degli anni 80 con la costruzione di alcuni pilastri per tale sopraelevata. I lavori però furono abbandonati e i pilastri costruiti sono ancora visibili. Da allora il ponte,  che presentava già nel 2004 dei seri problemi strutturali,  non ha subito interventi manutentivi degni di nota. L’unica cosa che l’amministrazione comunale ha fatto è stata quella di  apporre dei cartelli di limite di velocità a …30Km /h.  Un po’ poco, non pensate?

Leggi tutto    Commenti 2    Proposte 0
Articolo
17 apr 2018

Viabilità | Scattata la chiusura del Ponte Corleone, traffico e lunghe code

di Mobilita Palermo

Questo post è in continuo aggiornamento e vi fornirà info sulla viabilità lungo la giornata. EDIT ore 14: La chiusura si è adesso spostata nella carreggiata opposta, direzione Messina, code già dallo svincolo di Corso Calatafimi. I lavori se seguono l'andamento di questa mattina dovrebbero concludersi in un paio d'ore e la strada dovrebbe essere liberata per le 17.30. Ore 10: É scattata da qualche minuto la chiusura della corsia lato Trapani del ponte Corleone, sul posto presenti la Polizia Municipale. Lunghe code, com'era prevedibile si stanno formando. Al momento la coda è già oltre lo svincolo Oreto e sta arretrando verso lo svincolo di Villabate. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 4