24 dic 2015

Il consiglio comunale delibera: Via al TRAM e alla ZTL a 100€


Dopo una settimana di discussione è stata finalmente votata a favore la rimodulazione del contratto di servizio di Amat, che prevede l’introduzione del Tram all’interno delle varie voci di spese, ma che prevede anche l’istituzione delle ZTL così come stabilito dal PGTU (Piano Generale Traffico Urbano).

Dopo una maratona di oltre 48 ore e dopo circa 402 emendamenti presentati si è dunque arrivati all’approvazione di questo importante atto.
Esso consente quindi non solo di usufruire del servizio proposto da Amat e che pone fine quindi alla discussione sull’affidamento del Tram, ma che prevede anche l’istituzione di una vera zona a traffico limitato regolamentata.
Numerose telecamere avranno il compito di controllare non solo i possessori di pass, ma anche se i veicoli sono provvisti di assicurazione e sono in regola con bollo e revisioni, insomma un modo per tutelare chi ogni giorno circola per le strade della città.

La ZTL avrà un costo di 100€ per ogni autovettura, non sono ancora stati chiariti i tempi e i modi con cui verranno distribuiti, ma presto vi forniremo notizie in merito.

Scriveremo un articolo di approfondimento per chiarire i numerosi dubbi e le numerose perplessità, non appena verrà pubblicato l’atto sul sito del comune.

In questa seduta consiliare fiume, sono stati discussi vari aspetti e centinaia di emendamenti.
Di seguito ne raccogliamo alcuni, anche curiosi:

  • Sostituire la cifra 120€ con 120,00€
  • Fornire ad ogni cittadino richiedente un pass per la ZTL un abbonamento gratuito per autobus, tram, carsharing e bikesharing (considerando il numero dei pass ci sembra una proposta bella ma irrealizzabile per motivi di bilancio dell’amat)
  • Abbassare il costo del pass ZTL da 120€ a 60€

L’atto è stato votato dai 41 consiglieri comunali presenti con 24 voti favorevoli 16 voti contrari e 1 astenuto.


amatbici elettrichebikesharingbombardiercarsharing elettricocarsharing palermocentro storicocomune di palermoconsiglio comunalecontratto di servizio amatesercizio tram palermoinquinamentomobilitamobilita palermopass ztlpiano trafficopiano traffico palermoSegnalatiSISTramtram palermozona a traffico limitatoZTLztl palermo

57 commenti per “Il consiglio comunale delibera: Via al TRAM e alla ZTL a 100€

Comment navigation

  • r302 195
    24 dic 2015 alle 15:55

    Tra gli emendamenti approvati, parcheggio gratis per i residenti nel centro storico (chi lo spiega all’APCOA?) ed abbonamento gratis ad una linea che attraversa il centro storico (esclusa la 101) per i possessori pass.

  • basilea 594
    24 dic 2015 alle 16:17

    Finalmente ! ha prevalso il buonsenso ! Avremo i tram in servizio normale coi passeggeri, avremo la soppressione di linee di autobus doppioni….e la citta’ di Palermo ci guadagnera’ !

  • Fabrizio Fulco 2
    24 dic 2015 alle 16:40

    Basilea, e i 100 euro per ogni auto che i palermitani dovranno sborsare ogni anno? Sono anche quello un guadagno? Sì, per le tasche di Olllando e dei consiglieri comunali!

    • basilea 594
      24 dic 2015 alle 16:52

      Chi non vuol pagare SI TOGLIE L’AUTOMOBILE ! E’ una tassa di proprieta’ come le altre !

      • proxy 3
        26 dic 2015 alle 13:54

        Vedi è a causa di persone come te che Palermo è e resterà la città mediocre che abbiamo oggi, ti sei posta i problemi che la ZTL provoca alle persone per bene? Non parlo di quelli che non pagano nulla, ma di quelli che sono allo stremo, e non possono fare a meno dell’amata/odiata auto.

      • augustedupin 123
        26 dic 2015 alle 18:17

        Chi non vuole pagare si toglie l’automobile? mi perdoni, ma credo sia un ragionamento un po’ egoistico. Non tutti sono giovani professionisti single in carriera, e con la passione per la bici. C’è gente che ha figli, anziani in casa, esigenze di mobilità di varia natura. Ben venga il disincentivo all’auto, ma senza ideologie del tipo bianco/nero, buono/cattivo, automobilista/ciclista.

    • fabio77 769
      24 dic 2015 alle 17:32

      Paga 100 euro l’anno chi vuole – ed in alcuni casi deve – usufruire della ztl, non tutti i palermitani.

  • fabio77 769
    24 dic 2015 alle 17:49

    Amici di MoPa, sapete se a gennaio/febbraio verrà attivata la sola ztl1 oppure entrambe? Inoltre, i perimetri sono rimasti invariati o vi sono state modifiche?

    • Athon 879
      24 dic 2015 alle 18:34

      Pongo anch’io la stessa domanda. A questo punto occorre avere notizie certe circa i tempi di attivazione e i perimetri delle Ztl.

  • VAIA-2015 29
    24 dic 2015 alle 18:08

    Una domanda: quanto costerà il biglietto del tram? Il tram sarà integrato nell’abbonamento AMAT?

    • basilea 594
      24 dic 2015 alle 18:19

      IL TRAM e’ dell’A.M.A.T. quindi il biglietto e’ uguale a quello degli autobus cioe’ € 1,40 ; ovvio che valgono pure gli abbonamenti.

  • Lio Settantasei 224
    25 dic 2015 alle 13:09

    ma si sa se la ztl sarà attiva 24 ore su 24 e tutti i giorni??? cmq leggo con un senso di disgusto che sia qui che in altri articoli in giro x il web si festeggia con grande entusiasmo quella che nn è altro che l’ennesima tassa sui cittadini fatta in una città che ha uno dei redditi procapite più bassi di Italia e uno dei tassi di disoccupazione più altri, questa gioia nel prenderlo in quel posto nn ce l’aveva manco Cicciolina nei suoi films!!!

    • basilea 594
      25 dic 2015 alle 13:55

      L’entusiasmo e i festeggiamenti sono per l’ENTRATA IN SERVIZIO DEI TRAM !!!!!!! non certo per le tasse ! E comunque aggiungo che tutti coloro che per forza devono continuare a tenere il culo sul sedile dell’auto, CHE PAGHINO !!!!!!

    • normand 13
      25 dic 2015 alle 14:14

      ..sei disgustato? Non beh. .io francamente sono contento..in tutte le città del mondo, o quasi, il servizio in questione, essendo un servizio in ‘grande’ perdita (fisiologicamente in perdita , certo non per masochismo ), non viene gestito da privati (nessuno e’ pirla ) ma dalle municipalità..e’ cosi’ in tutto o quasi il globo terrestre..e, come dovunque, e’ chiaro che il peso della gestione vada sopportato anche dai cuttadini: il solo biglietto , ammesso che fosse pagato (figurati a Palermo dove se lo fai sei considerato un povero pirla), non può bastare ed è chiaro che in qualche modo la collettività paghi..quà si è deciso così : in fondo 1 ) non è una tassa, in quanto facoltativa : se non vuoi pagarla, non la paghi e non chiedi il Pass 2) stiamo parlando di poco più di 15 centesimi al giorno 3) con il Pass hai diritto al parcheggio sotto casa gratis e ad un abbonamento ad un bus 4) le ztl erano già state introdotte dal consiglio ad ottobre con l’approvazione del pgtu, come mai non di pisgnucolava allora? 5) l’ obiettivo delle ztl e’ anche quello di scoraggiare l’uso dell’ auto..altrimenti che ‘traffico limitato’ e’? (Non so, cosa si aspettava il panormosauro? Un auto in regalo con il pieno pagato dal comune anche per andare al cesso di notte? 6) ma possibile che pslermo e’ una delle poche città al mondo in cui si pretende un servizio perfetto e puntuale (bus, tram o quello che e’) purché gratis (guai a pagare il biglietto per carità ) e a spese della provvidenza divina?

      • datalano 2
        25 dic 2015 alle 20:20

        Un’altro effetto positivo potrebbe essere lo spingere un altro po di indecisi verso la bicicletta. Speriamo :)

    • Athon 879
      25 dic 2015 alle 15:29

      Si gioisce per l’entrata in servizio del tram e la futura attivazione delle zone a traffico limitato, segnale importante di civiltà che avrà l’effetto di rendere il centro storico di Palermo più vivibile per i residenti nonché godibile per chi lo visita o vi fa compere.

      Talvolta qualcuno si lamenta perchè magari sostiene che non cambia mai niente e che Palermo non è al livello delle altre città europee; quando invece le cose iniziano a cambiare e Palermo comincia ad allinearsi al resto d’Europa…qualcun altro si lamenta lo stesso.

      I 100 euro per avere il pass non sono obbligatori per nessuno. Il pass lo avrà solo chi proprio non vuole rinunciare alla macchina per muoversi nelle ztl. I disabili avranno il pass gratis, quindi potranno accedere tranquillamente con le proprie auto nelle ztl. Tutti gli altri possono benissimo andare a piedi o comprare una bicicletta, vincendo la cronica pigrizia, guadagnando in salute ( e forse anche in socialità) e riappropriandosi della propria, bellissima, città.

      Ad ogni modo “i redditi procapite più bassi d’Italia e uno dei tassi di disoccupazione più alti” in fondo si aggiungono alle ragioni che danno man forte all’idea secundo cui la macchina non conviene. Chi va in bicicletta non paga nulla; chi usa sempre la macchina paga un botto di carburante ogni anno (più altro ovviamente, tra bolli, revisione, assicurazione e manutenzione). La bicicletta ha un prezzo soltanto al momento dell’acquisto.

      • fabio77 769
        25 dic 2015 alle 19:12

        E’ vero che la sedentarietà fa male e la bicicletta fa bene, guardiamo però anche a chi sta un po’ dietro rispetto a noi: non tutti hanno le gambe, il fiato, il cuore e l’età per andare in bicicletta. Consideriamo poi anche chi vive nelle estreme periferie: chi proviene da Sferracavallo, o Acqua dei Corsari, per fare un esempio, e va lavorare ogni giorno al centro all’interno della ztl, non può farsela nè a piedi e manco con la bicicletta. Dobbiamo dare a tutti la possibilità di lasciare parcheggiata la macchina, IMPLEMENTANDO UN SISTEMA SERIO, EFFICIENTE ED IMPECCABILE DI DI MEZZI PUBBLICI. A mio avviso è questa la vera scommessa per il futuro. Buon Natale e serenità a tutti.

        • Athon 879
          26 dic 2015 alle 5:11

          Nel nuovo piano regolatore generale, chiamato “Palermo 2025”, sono previste altre tre linee del tram, stavolta ad induzione magnetica, quindi senza pali, elettricità e nemmeno barriere, visto che attraverseranno il centro storico collegandolo anche alle zone più decentrate.

          Sono poi in corso i cantieri per l’Anello e il Passante ferroviario. In ultimo, anche in senso cronologico, pure la metropolitana automatica leggera è ancora in programma.

          Sono opere importanti che chiaramente non possono essere realizzate da un giorno all’altro. Ad ogni modo trovo che la strada imboccata, guardando le cose con lungimiranza, sia davvero quella giusta.

          Speriamo che la scommessa per il futuro venga vinta.

          • basilea 594
            26 dic 2015 alle 11:02

            Sappi che il tram linea 5 colleghera” la linea 1 al capolinea Notarbartolo ( Linee 2 – 3 – 4 ) e quindi al DEPOSITO di Borgo Nuovo; pertanto sara’ con PALI, FILI e BINARI come quelle attuali [ P E R F O R T U N A !!!!! ] quelle pseudocazzate moderne dell’induzione magnetica oltre che FANTASCIENZA non servirebbero a niente perche’ lo scopo della linea 5 sara’ anche quello di collegare i due depositi !!! Il percorso sara’ Stazione c – Via Lincoln – Foro Italico – Via Francesco Crispi – Via Duca della Verdura – Via Notarbartolo.
            Infine per Palermo e’ IMPOSSIBILE costruire tram senza barriere ben massicce perche’ si e’ gia’ visto il PANORMITA SAURO come invade gli incroci ! e se ne accorgera’ quando verra’ TRAVOLTO da un tram !

          • basilea 594
            26 dic 2015 alle 11:17

            Hai solo una vaga idea di come funzione l’induzione magnetica ?? credi che possa camminare su strade intasate da automobili e volare sopra di esse ?? si …NEI CARTONI ANIMATI FORSE…!

          • Athon 879
            26 dic 2015 alle 16:30

            Mi sono limitato a riportare quanto è stato messo nero su bianco nel piano regolatore generale di un paio di mesi fa.

            Aggiungo che la linea 4 collegherà la Stazione Centrale alla Stazione Notarbartolo passando dalla Cala; la 5 la Stazione Centrale a Piazza Castelnuovo e poi, attraverso il Viale della Libertà, proseguirà verso Viale Strasburgo, via Lanza di Scalea e Mondello; la linea 6 collegherà la linea 3 all’altezza di Corso Calatafimi al Parco d’Orléans, servendo anche Bonagia e Falsomiele.

            Suppongo che l’induzione magnetica sia prevista nella fattispecie, giustamente, per le aree più centrali e dalla spiccata rilevanza storico-architettonica. Pali, elettricità e barriere in pieno centro infatti sarebbero troppo impattanti.

            Ad ogni modo non stiamo parlando di fantascienza: http://www.ferrovie.it/portale/leggi.php?id=2539

            Infine trovo che l’affermazione finale, quella che chiama in causa il “panormosauro” che con la propria macchina impedirebbe il passaggio del tram in un percorso senza barriere, sia l’approccio più sbagliato da cui derivare le proprie considerazioni.

            Infatti dire “non costruiamo linee tranviarie senza barriere perchè tanto il “panormosauro” invaderebbe i tragitti” non è molto diverso dal sostenere cose come “meglio non aprire imprese perchè poi magari arriverebbe qualcuno a chiedere il pizzo” oppure “meglio non avviare nessun progetto di rimboschimento delle montagne perchè tanto poi qualcuno appiccherebbe incendi”. Francamente non credo sia questa la linea di pensiero da seguire per affrontare le questioni.

          • Athon 879
            26 dic 2015 alle 16:49

            Da notare inoltre, come d’altra parte si può anche osservare in foto, che un tragitto tranviario può essere delimitato non solo da cancellate più o meno alte ma anche da piccoli “muretti” dall’altezza di uno scalino.

      • goran63 4
        25 dic 2015 alle 19:49

        Vero che i 100 euro non sono obbligatori per chi abita fuori dalle zone ztl ma credo non ci siano alternative per i residenti.

      • punteruolorosso 2257
        26 dic 2015 alle 10:08

        100 euro li recuperi lasciando la macchina 10 giorni all’anno in garage. e con 20 giorni di astinenza ci guadagni pure!

      • basilea 594
        26 dic 2015 alle 11:11

        Lo scopo principale e’ obbligare la gente a abbandonare le automobili !!! e usare i mezzi pubblici,che con le nuove linee tramviarie e le linee di autobus ristrutturate,costituiranno una valida alternativa.

  • Lio Settantasei 224
    26 dic 2015 alle 0:30

    ma ancora nn avete capito nulla di come vanno le cose in Italia, qui da noi si finanziano solo opere pubbliche con i costi più alti x poterci mangiare meglio infatti le inchieste sul tram di Palermo sono partite già e nei prossimi mesi vedremo cosa ne esce, ma tranquilli nessuno paghera nulla apparte noi ovvio… è stato costruito un tram con una tecnologia di 10 anni e a un costo pari a nn so quante migliaia di bus, quando si calcola la tariffa da applicare si tengono in considerazione solo i soggetti che saranno obbligati a pagare, è cosi che si fanno i bilanci e nn con ipotesi campate in aria, dal punto di vista ambientale MAI e NESSUNO hanno dimostrato effettivi miglioramenti quindi quando dite “si fa ovunque” vi rispondo che ovunque è già stato provato che nn serve a nulla, vedi quello che sta succedendo a Milano e a Roma in questi giorni… siete dei grandi ingenui se pensate se tutto questo è fatto x il bene della città, serve solo x spillarci altri soldi e fare dell’inutile propaganda politica, far credere di far qualcosa di utile quando nn si è capaci di far nulla di buono, vi butto un’ altra osservazione, come mai le auto elettriche del car sharing hanno le stresse tariffe dei modelli base a benzina??? ma nn dovrebbero costare meno che inquinano meno e si dovrebbe incoraggiare l’uso???

    • basilea 594
      26 dic 2015 alle 11:06

      Il problema non e’ solo l’inquinamento,ma piuttosto l’INGOMBRO IMMANE che le automobili maledette causano per le strade INSUFFICIENTI A CONTENERLE ! quindi occorre giustamente SCORAGGIARE luso dell’automobile ! e ben vengano le TASSE e i BALZELLI !!!!!

    • peppe2994 3400
      26 dic 2015 alle 11:12

      Che c’è, il tram ti ha ostruito l’ingresso di casa?
      I tram rispetto ai bus hanno la corsia preferenziale, al contrario dei bus dove le corsie preferenziali sono ostruite. Poi sono più grandi e comodi, sicuri per gli autisti che non rischiano di essere aggrediti, e soprattutto posso sapere tra quanto arriverà un tram.
      La metti sul piano dell’inquinamento? Me ne sto fregando altamente.

      I bus devono sparire!

      • Lio Settantasei 224
        26 dic 2015 alle 13:07

        ne tram ne ztl scoraggiano l’uso delle auto e da quando ci sarà la ztl attiva dovreste come minimo andare a ringraziare tutti gli automobilisti che entreranno visto che grazie a loro si finanzia il tram quindi mi aspetto di vedervi ai bordi delle strade con cartelli con scritto GRAZIE DI PAGARCI IL TRAM

  • gionnipa 4
    26 dic 2015 alle 11:16

    Da qualcosa bisogna pur iniziare quindi un plauso a chi è riuscito a ottenere il via libera alle tre linee del tram. Ma sono troppo poche – e per niente collegate – per determinare una svolta nella mobilità della nostra città. Ci sono novità anche solo in termini di progetto sulle altre 3 linee previste? Secondo me sono indispensabili per completare un lavoro ad oggi a metà!

    • basilea 594
      26 dic 2015 alle 11:23

      La futura linea tramviaria 5 Stazione Centrale – Stazione Notarbartolo completara’ la rete attuale collegando tutte le linee.
      Dal 1° gennaio 2016, il percorso del tram 5 verra’ fatto provvisoriamente dall’autobus 102 che seguira’ l’itinerario per v. Notarbartolo – duca della verdura – Francesco Crispi – Lincoln; abbandonando l’attuale percorso e partendo dal capolinea tramviario di Notarbartolo (linee 2 – 3 – 4 ).

      • gionnipa 4
        26 dic 2015 alle 16:48

        Basilea grazie per la risposta ma non risponde a quel che mi chiedevo sui tempi di attuazione delle altre linee. Quanto ai percorsi, non si può non ammettere che passare dal tram all’autobus (con tutto quello che significa la parola autobus a Palermo) è un grosso disincentivo, per i tempi di percorrenza e non solo. Quindi largo al tram ma che possa diventare capillare nel più breve tempo possibile.

  • basilea 594
    26 dic 2015 alle 11:38

    I passeggeri che giungeranno alla Stazione Notarbartolo da Borgo Nuovo coi tram 2 e 3 o dall’incrocio Calatafimi col tram 4, troveranno coincidenza con l’autobus 102 allo stesso capolinea e in futuro col tram 5. e questo vale per risposta a chi in passato ha detto se vuole potra’ anche andarci mas poi trovera’ la coincidenza dal 1° gennaio 2016 coll’autobus 102 e in seguito col tram 5.

  • basilea 594
    26 dic 2015 alle 11:41

    Avete pubblicato il mio commento incompleto.Allora correggo: si diceva: che va a fare a Notarbartolo ? si mangia il panino ? ; se vuole potra’ mangiarlo e poi prendera la coincidenza con l’autobus 102 dal 1° gennaio 2016 e poi col tram 5.

    • omega 150
      26 dic 2015 alle 13:25

      e quindi di qua al 2050 (anno dell’inaugurazoine della linea 5) usando la c.d. “metro” per il tratto notarbartolo-centrale, si dovrà fare un biglietto in più?

      • basilea 594
        26 dic 2015 alle 19:18

        Dal 1° gennaio 2016 scendendo dai tram linee 2 – 3 – 4 a Notarbartolo FS, si prendera’ DALLO STESSO CAPOLINEA l’autobus 102 che non andra’ piu’ a piazzale Giotto-Lenon, ma partira’b dal capolinea tramviario Notarbartolo e percorrendo via Notarbartolo – Duca della Verdura – Giachery – Francesco Crispi/Porto – Foro Italico – Via Lincoln , arrivera’ alla stazione centrale capolinea tram 1. CON LO STESSO BIGLIETTO perche’ sia i tram che il 102 (autobus e futuro tram 5 ) sono dellì’A.M.A.T. Invece chi vuole prendere il passante ferroviario (metropolitana FS ) fara’ un altro biglietto.

        • omega 150
          28 dic 2015 alle 10:27

          e quindi imbottigliandosi nel traffico normale del 102 è vanificato ogni sforzo di velocizzazione!

      • basilea 594
        26 dic 2015 alle 19:22

        E aggiungo che per costruire le linee 1 – 2 – 3 – 4 hanno impiegato dal 2007 al 2015 perche’ ci sono i fondi europei, e ci sono pure per le linee 5 – 6 e prolungamento del 4; diversamente ,senza fondi europei, oggi non esisterebbe neppure 1 metro di linea tramviaria .Quindi la linea tram 5 non sara’ inaugurata nel 2050 ma molto molto prima. CHIARO ?

  • drigo 404
    26 dic 2015 alle 17:25

    La Metro è “cosiddetta” proprio perchè non è una metropolitana, e chi la vuola definire tale lo fa senza motivo. Il Comune lo ha sempre chiamato con il suo nome, ovvero anello ferroviario.
    La questione del biglietto integrato è un problema di dialogo e accordo tra Trenitalia e Amat, ostacolato dal fatto che Amat non ha oggettivamente le risorse per chiudere un accordo di questo tipo con Trenitalia. Qui il problema non è il comune di Palermo, ma la Regione Sicilia che da quattro anni non corrisponde ad Amat i contributi regionali per il TPL, che ormai ammontano a 60.000.000 €.
    Rompono tutti le scatole con questa ZTL definita vessatoria, ma nessuno di questi consiglieri comunali da 4 soldi si è mai azzardato a sollevare la questione dei crediti che Amat vanta nei confronti dell’Assessorato Regionale ai Trasporti e che è la vera causa del dissesto dell’Amat.
    Per farla breve, il biglietto integrato mi sa che rimarrà un miraggio, a meno che non arrivi un Babbo Natale che dia ad Amat le risorse, magari per creare un consorzio di trasporto (eliminando così anche i monopoli delle autolinee provinciali private).

  • augustedupin 123
    26 dic 2015 alle 18:19

    Solo una curiosità a titolo informativo: a Napoli la metro da Vomero a Stazione centrale costa solo un euro. E attraversa tutta la città.

    • basilea 594
      26 dic 2015 alle 19:26

      si,ma per costruirla hanno impiegato almeno 40 anni con disagi devastanti. E ancora non e’ tutta completa.

  • joyce973 136
    27 dic 2015 alle 11:06

    Qualcuno per favore mi spiega la differenza tra la ztl 1 e la ztl 2? Si paga comunque per entrambe ?

  • se68 458
    27 dic 2015 alle 13:20

    ..nelle città normali si utilizzano le schede ricaricabili, valevoli per metro tram e bus, così quando cambi mezzo non devi stressarti piu di tanto. E’ evidente che solo in questo modo possano funzionare i mezzi pubblici….nelle città normali.

  • se68 458
    27 dic 2015 alle 13:28

    ..ecco, qualcuno sa spiegarmi se se ne parla ( di carte prepagate o ricaricabili,utilizzabili per tutti i mezzi pubblici, che, abbattono, tra l’altro, il costo della singola corsa) o è un miraggio a Palermo. Perchè, personalmente io la farei di corsa, e penso tanti palermitani, diversamente…

  • moscerino 308
    27 dic 2015 alle 15:03

    DOMANDE:
    A) per chi è residente in altro comune vale lo stesso il pagamento delle 100€?
    B) nel costo dei 100€ è previsto il pagamento delle aree blu?
    C) esiste esenzione per auto a uso trasporto disabile?
    D) l’applicazione della tassa, mi sembra inappropriata nel periodo in cui non si può usufruire della PFP, o sbaglio?
    E) provvedere alla salubrità dell’atmosfera, non passa anche attraverso il controllo dei sistemi di climatizzazione degli ambienti chiusi, come mai non si provvede ad incentivare l’uso di energie rinnovabili anche in questi settori?
    F) sbaglio o questo sistema aumenterà i costi del posteggiatore abusivo nei parcheggi di scambio?
    Sarebbe gradita la risposta.

  • joyce973 136
    28 dic 2015 alle 10:06

    Non c’è ancora molta chiarezza sui dettagli, che poi proprio dettagli non sono.
    Comunque rifletto su un cosa: non vi pare un’enorme contraddizione?
    Il Comune, per diminuire l’inquinamento e il traffico urbano, costruisce con i nostri soldi una grande infrastruttura, ma per farla funzionare ha bisogno proprio che molte macchine continuino a girare (pagando) per il centro della città: vale a dire, anziché svuotare il centro dalle macchine, deve sperare che anzi ne sia pieno, altrimenti non può finanziare il tram, che però serve proprio ad andare in centro.
    Non se mi sono spiegato..


Lascia un Commento