29 ott 2013

Capitale europea: ma con che coraggio?


viaboccone

Questa che vedete in foto è via Silvio Boccone, a due passi dalla Stazione Centrale. La situazione è sempre la stessa, da anni. Lo stato in cui versa perennemente è semplicemente vergognoso: nessun controllo, nessuna pulizia. La strada è sempre sporca, maleodorante di urina ed i marciapiedi ricoperti da centinaia di escrementi. Ho scelto di mostrarvi questa via perché è emblematico di quanto questa città sia scesa in basso. Sarebbe interessante conoscere i criteri secondo i quali viene effettuato il servizio di pulizia e raccolta dei rifiuti: basta girare l’angolo, magari in un vicolo non troppo frequentato, e regna lo schifo più totale.

Lo so, non c’è nulla di nuovo…ma è sempre meglio ricordarlo, perché ho come l’impressione che questa città si abitui a tutto. D’altro canto, non riesco a concepire come un’amministrazione comunale con uno standard minimo di dignità politica e orgoglio personale possa permettere che le cose versino in questo stato. Di fronte a questo scempio non c’è scusa che tenga.

Caro sindaco, candidare una città come Palermo a “Capitale Europea della Cultura 2019″ è un passo enorme e altamente ambizioso, che presuppone uno sforzo abnorme per adeguarsi anzitutto agli standard minimi di civiltà (e sarebbe solo il primo passo). Diventare capitale europea della cultura implica un lavoro sodo che faccia convergere sforzi comuni verso un unico obiettivo. Qui invece ho l’impressione che si voglia imparare a correre senza avere nemmeno le gambe. La domanda che mi sorge spontanea è: ma con che coraggio? Ci credete veramente o è la solita trovata spot? Se vale la prima, non pensate sia il caso di cominciare a dare un minimo di decoro a questa città? Se vale la seconda, suggerirei di evitare di infierire prendendo in giro dei cittadini che hanno già subito anche troppo. Risparmiateci almeno questa…


amiacomune di palermodegradoemergenza rifiutimobilita palermoraprifiutisporciziavia boccone

Articolo precedente

Articolo successivo

24 commenti per “Capitale europea: ma con che coraggio?

Comment navigation

  • Antonio73 96
    30 ott 2013 alle 11:07

    Ma finiamola di mettere sempre in discussione la candidatura di Palermo a capitale della cultura nel 2019 (e non certo domani). Ma ne avete amore per questa città? Tra l’altro tra poco ci sarà un percordo arabo – normanno inserito come patrimonio dell’unesco. Sono immagini che fanno male sicuramente queste discariche, ma cosa c’entra la candidatura? Cerchiamo di lottare tutti insieme invece e di non fare i disfattisti inutili, infatti come i panormosauri sono un danno per questa città lo sono anche i pessimisti e disfattisti che comunque non portano nulla alla causa.

  • liberoilverso 14
    30 ott 2013 alle 11:10

    per dovere di cronaca, riporto quanto segue:

    “Sfida da 370 milioni di euro”

    29 ottobre 2013 – 19:44 – Politica

    (..)l’amministrazione comunale investira’ circa 370 milioni, di cui l’85% per investimenti strutturali e il 15% per eventi soprattutto in bassa stagione, da qui sino al 2019?. Lo ha detto l’assessore alla Cultura del Comune di Palermo, Francesco Giambrone, nel corso della presentazione della nuova linea editoriale di Travelnostop.

    I progetti e “gli investimenti andranno avanti lo stesso anche se Palermo non dovesse essere prescelta.” Entro un mese e mezzo si conoscera’ la short list e anche se dovesse passare solo una delle tre citta’ siciliane candidate (oltre a Palermo in lizza ci sono Siracusa ed Erice), puntiamo a fare sinergia perche’ la prescelta possa fare da traino per tutte le altre e la Sicilia intera”. In tema di collegamenti aerei, Giambrone ha annunciato una trattativa aperta con Airberlin “dopo gli ottimi risultati giunti dall’accordo tra Volotea e il Comune”.
    (siciliainformazioni.com)

    A riprova di quanto ho cercato di spiegare.

  • antony977 165912
    30 ott 2013 alle 12:42

    Appunto, sono opportunità da non lasciarsi sfuggire.
    Sarebbe come dire: c’è munnizza e allora non ha senso fare il tram :D


Lascia un Commento