03 nov 2020

NUOVE LINEE TRAM | La gara per la verifica del progetto definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C è da ripetere


Il Progetto definitivo ed Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C subisce il primo stop forzato.

La determinazione dirigenziale n.8990 del 25 settembre 2020 dichiara, la procedura per la Verifica del Progetto Definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C deserta per mancanza di offerte valide.

Ripercorriamo velocemente le tappe:

con Determinazione Dirigenziale n. 26 del 23/05/2017 dell’Area Tecnica della Riqualificazione Urbana e delle Infrastrutture è stato approvato il Bando di Concorso Internazionale di progettazione del Sistema Tram Palermo – Fase II Progetto Generale e progetto 1°Stralcio;

con Determinazione Dirigenziale n. 18 del 23/05/2018 di questo Servizio sono stati approvati i verbali di gara della commissione giudicatrice e proclamato il vincitore del concorso internazionale di progettazione in argomento, identificato, nel costituendo Raggruppamento Temporaneo di Professionisti costituito da Ing. Cassata Ruggero (capogruppo), n.q. di legale rappresentante della società RGM S.r.l.; Ing. Bonadies Dino (mandante) n.q. di legale rappresentante della società Rpa S.r.l.; Ing. Scotti Alberto (mandante) n.q. di legale rappresentante della società Technital S.p.A.; Ing.
Cassata Giovanni (mandante), libero professionista;

con Determinazione Dirigenziale n. 28 dell’11.07.2018 di questo Servizio è stato approvato lo schema di contratto e il disciplinare prestazionale per l’affidamento dei servizi di progettazione del bando di concorso internazionale di progettazione in due fasi per la progettazione del “Sistema Tram Palermo – Fase II progetto Generale” e “– Progetto I° stralcio”, così come modificati per effetto della
negoziazione;

con atto Rep. 20 del 17/07/2018 e successivo atto aggiuntivo Rep. n. 44 del 18/12/2018, regolarmente registrati, è stato affidato al predetto Raggruppamento Temporaneo di Professionisti, il servizio di ingegneria e architettura relativo alla progettazione del “Sistema tram Palermo – Fase II progetto Generale” e “ Progetto I° stralcio” – Progettazione di Fattibilità Tecnica ed economica e prime indicazioni e prescrizioni per la stesura dei piani di sicurezza, limitatamente a: − linea “A”, linea “B”, linea “C”;

con nota prot.115/2018 è stato consegnato dal suddetto R.T.P.S. la progettazione dello Studio di fattibilità tecnico-amministrativo nei tempi assegnati, avviandosi quindi la progettazione definitiva dell’intervento;

con determinazione dirigenziale dell’Area Polizia Municipale – Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico – n. 8481 del 09.07.2019, integrata con determinazione dirigenziale n.12023 del 18.10.2019, è stata indetta, ai sensi dell’art.60 del D. Lgs. 50/2016 e ss.mm. ii, procedura aperta per l’affidamento del servizio di Verifica, ai sensi dell’art. 26 del d.lgs.50/16 e ss.mm.ii., del Progetto Definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tramviarie della Città di Palermo – Tratte A, B, C, per l’importo a base d’asta di € 977.690,06 comprensivo di spese ed oneri accessori ed al netto di IVA ed oneri previdenziali, approvando il bando e disciplinare di gara, unitamente ai relativi allegati;

con nota n.712049 del 14.07.2020 il Servizio Contratti, su mandato della Commissione di gara, ha trasmesso al RUP n. 17 verbali di gara, di seguito indicati, per gli adempimenti di cui all’art. 29 del D. Lgs. n. 50/2016, i verbali di
gara;
- n. 1 del 11.02.2020;
- n. 2 del 18.02.2020;
- n. 3 del 06.03.2020;
- n. 4 del 11.05.2020;
- n. 5 del 13.05.2020;
- n. 6 del 14.05.2020;
- n. 7 del 19.05.2020;
- n. 8 del 20.05.2020;
- n. 9 del 25.05.2020;
- n. 10 del 27.05.2020;
- n. 11 del 04.06.2020;
- n. 12 del 15.06.2020;
- n. 13 del 16.06.2020;
- n. 14 del 23.06.2020;
- n. 15 del 25.06.2020;
- n. 16 del 30.06.2020;
- n. 17 del 09.07.2020;

con nota prot.n.795915 del 03.09.2020 il RUP, riscontrando la superiore nota del Servizio Contratti ha richiesto alla Commissione di gara, ai sensi del punto 23 del disciplinare di gara, di formulare la propria proposta in ordine all’esito della procedura in argomento, non chiaramente esplicitata negli atti sopra richiamati;

con e.mail del 15.09.2020 il Presidente di gara ha trasmesso al RUP il verbale di gara n. 18 del 15.09.2020, con il quale la Commissione di gara ha dichiarato che nessun concorrente è in possesso di tutti i requisiti di partecipazione richiesti dal disciplinare di gara, proponendo l’adozione del provvedimento di esclusione di tutti i concorrenti alla procedura di gara;

Una brutta battuta d’arresto.
Adesso bisognerà ripubblicare la gara sperando di trovare qualche offerta valida.
Un ritardo sulla tabella di marcia prevista dal comune di Palermo che prevedeva l’inizio dei lavori per fine 2021.

Adesso i lavori, sperando in ulteriore intoppi, potranno iniziare non prima del 2022


#vogliamoiltramamat palermobalsamobombardiercalatafimicommissione giudicatrice tram palermocomune di palermoconcorrimiCORSO TUKORYgiacherymobilita palermomobilitapalermonuove linee tramorari trampatto per palermopercorsi trampiattaforma dibattito tramprogetto nuove linee tramrete tranviaria palermoSegnalatistazione centraleTramtram palermotram stadiotram via notarbartolouniversità

9 commenti per “NUOVE LINEE TRAM | La gara per la verifica del progetto definitivo e del Progetto Esecutivo per la realizzazione delle nuove Linee Tranviarie della Città di Palermo -Tratte A, B, C è da ripetere
  • peppino1234 166
    03 nov 2020 alle 10:49

    Stanno usando tutti i possibili cavilli per impedire l’inizio dei lavori delle nuove linee dei tram: cosi’ intanto cambia il Sindaco e le linee tranviarie non si costruiscono. Da parte mia ,se dovevano costruire tram senza fili e in sede non protetta, e’ preferibile che non si costruiscano.Per non parlare che avrebbero voluto distruggere il capolinea tranviario Notarbartolo ….ASSURDO !

  • Jolas Rem 12
    03 nov 2020 alle 11:07

    Fatemi vedere se ho capito: 1 anno per decidere chi deve fare il progetto, 1 anno per fargli fare il progetto, 1 anno per decidere chi deve controllare il progetto, 1 anno per controllarlo e approvarlo, 1 anno per decidere chi deve fare i lavori, 4 o 5 anni per farli, 1 anno per decidere chi deve fornire i tram, 1 anno per farli arrivare, 1 anno per decidere chi deve fare la manutenzione e così via… e ognuno di questi passaggi, come abbiamo appena visto, può subire uno stop di circa un anno. Probabilmente mi sbaglio, ma non credo che in tutto il mondo funzioni così. Mi viene la nausea. Non entro nel merito del progetto o della sua opportunità o meno, dico solo che il sistema è assurdo

    • peppino1234 166
      03 nov 2020 alle 13:17

      Ma sicuramente !…..solo in Italia,quando si tratta di tram e’ tutto un problema:se si sopprimessero tante leggi burocratiche inutili che servono solo a perdere tempo!

  • Metropolitano 3972
    03 nov 2020 alle 14:03

    E te pareva… invece le linee esistenti sono state avviate senza tutti questi cavilli e tuttora esistono. Non esistono bravi politici, ma i “meno peggio” riescono a ridurre i tempi biblici.

  • rudi gi 132
    03 nov 2020 alle 22:24

    i così detti “poteri forti” ancora non si sono messi d’accordo come dividersi questa torta…..

  • belfagor 986
    04 nov 2020 alle 5:11

    Se non ho capito male la commissione di gara ha dichiarato che nessun concorrente è in possesso di tutti i requisiti di partecipazione richiesti dal disciplinare di gara, proponendo l’adozione del provvedimento di esclusione di tutti i concorrenti alla procedura di gara.
    In parole povere “bisognerà ripubblicare la gara sperando di trovare qualche offerta valida” e forse rivedere il progetto e i finanziamenti ( sempre se sono ancora disponibili).
    Ho la vaga sensazione che più che una semplice battuta d’arresto ci troviamo al “capolinea”.

  • Orazio 1697
    04 nov 2020 alle 22:35

    Ai sensi del Codice degli Appalti, art. 26, negli appalti pubblici occorre procedere alla verifica preventiva alla progettazione, che viene effettuata dal RUP per progetti inferiori a 1 milione di €. Qui si è ricorsi alla gara, visto l’importo..

    Spero che la prossima gara venga bandita con requisiti di aggiudicazione minori e con tempi abbreviati. In terza istanza eventualmente potranno ricorrere all’affidamento diretto.

    Non credo si tratti di una battuta d’arresto così grave.


Lascia un Commento