Articolo
21 apr 2016

Amat | Spostato il capolinea delle linee 212 e 226

di Fabio Nicolosi

Il capolinea delle linee Amat 212 e 226 sarà spostato da piazza Anita Garibaldi al controviale di viale dei Picciotti, in prossimità dell'incrocio con via Amedeo D'Aosta. Lo ha stabilito l'Ufficio del Piano Tecnico del Traffico del Comune di Palermo in considerazione del fatto che oggi l'attuale capolinea è divenuto luogo di culto in onore di Padre Pino Puglisi. Il provvedimento istituisce, altresì, il divieto di sosta permanente su piazza Anita Garibaldi e viale dei Picciotti. Maggiori dettagli nell'ordinanza n. 479 del 18/04/2016

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
18 mar 2020

AMAT | Le periferie e il miraggio degli autobus di domenica

di Salvatore Galati

Oggi vi scriviamo delle domeniche passate con i mezzi pubblici. Premessa è vero che c'e carenza di autisti, ma la domenica essendo che le corse sono ridotte, gli autisti presenti in Amat riuscirebbero a coprire il servizio. Vi portiamo l'esempio di una linea molto frequentata come la 212, che porta dal capolinea di viale dei Picciotti alla borgata di Ciaculli, e per raggiungere la stazione bisogna fare il cambio col tram. Quando è entrato in funzione il tram, le vetture della linea 212 erano 4 e con frequenza di circa 15 minuti. Non male  dato che in altre zone della città i tempi di attesa sono molto più lunghi. Da qualche mese a questa parte,  sembra che l'Amat abbia carenza di autisti ma che è in corso la procedura concorsuale per assumerne altri 100. Ora capita che le vetture sono 3, ma spesso  si riducono a 2 a causa di guasti o carenza personale rimanendo  addirittura una sola vettura 1. Infine la domenica dove dovrebbero esserci 2 vetture, ma molto spesso si viaggia con una sola vettura. Per quanto ancora dovrà durare tutto ciò? Se bisogna puntare sui mezzi pubblici bisogna far si che l'Amat e il Comune di Palermo accelerino per risolvere queste problematiche: portare a termine il concorso per i nuovi autisti e da un altro lato rimodulare l'attuale Contratto di Servizio con ulteriori risorse finanziarie che equivarranno a più chilometri per il servizio.  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
08 giu 2020

AMAT | Il trasporto pubblico a Palermo? Il racconto di un episodio avvenuto sulla linea 212

di Gustavo Enrico

La passeggera era al capolinea dellla 212 intorno alle 14, doveva andare a Ciaculli, ma non c'erano autobus in partenza. Dopo mezz'ora finalmente un autobus all'orizzonte, non era una miraggio. Ma non sarebbe rirpartito, l'autista informò la passeggera che lui stava smontando dal turno, era a fine servizio, ma dopo di lui non c'era nessuno che lo avrebbe sostitutio. Il servizio sulla linea 212 nel pomeriggio quindi non era garantito. La passeggera non avendo scelta si mise a camminare a piedi. Sulla strada incrociò una automobile dell'Amat ferma al semaforo, comunicò che non c'erano 212 e gli risposero che non ne sapevano neinte. Poco dopo riusci a prendere la 210, per accorciare un pò la strada. Sull'autobus si lamentò con l'autista, e anche altre persone la seguirono. A questo punto il conducente, anche lui all'oscuro di tutto, comunicò che una vettura della 210 avrebbe preso a breve servizio sulla linea 212 per coprire l'assenza di personale. Scesa a pochi passi da Piazza Giafar, prima che la 210 svoltasse per andare verso il Parcheggio Oreto, la passeggera continuò a piedi fino a Ciaculli. Sembra un racconto di fantasia, molto avventuroso. Ma è la realtà del servizio di trasporto pubblico del comune di Palermo, soprattutto in periferia.  

Leggi tutto    Commenti 4