Articolo
18 set 2017

Raddoppio Fiumetorto – Ogliastrillo | Fotostoria dell’attivazione del nuovo binario tra Lascari e Ogliastrillo

di Fabio Nicolosi

Nei giorni scorsi vi avevamo annunciato l'attivazione della macrofase 9 dei lavori del raddoppio Fiumetorto - Ogliastrillo. Raddoppio che è diviso in due lotti, il primo in fase di conclusione tra Fiumetorto e Ogliastrillo e il secondo già aggiudicato che attende di essere cantierizzato proprio tra Ogliastrillo e Castelbuono (al momento è tutto fermo per problemi tra Rfi e il Comune di Cefalù). Grazie al prezioso apporto del Cifi sezione Palermo, siamo stati in cantiere qualche giorno prima dell'attivazione per documentare i lavori di preparazione. Altre foto invece sono pervenute durante i lavori e che riportiamo nella galleria in fondo all'articolo Il vecchio binario costiero verrà dismesso e con esso anche numerosi passaggi a livello situati ai Km 59+855, Km 60+319 e Km 63+441. Una volta completato la dismissione della vecchia tratta ferroviaria si potrà completare l'effettivo raddoppio della linea che al momento è in nuovo tracciato ma sempre a binario singolo tra Lascari e Cefalù. L'ultimo treno è transitato prima delle ore 22 di venerdì 15 Settembre, quando hanno preso il via le operazioni che si sono concluse domenica 17 settembre. Venerdì notte si è ultimata la posa della massicciata e dei binari, già predisposti all'interno del camerone artificiale in contrada Ogliastrillo, nella giornata di sabato numerose squadre di tecnici Rfi e Italferr si sono adoperate per completare i vari collegamenti elettrici. Infine domenica alle 9:05 è partito dalla nuova stazione di Campofelice il treno tecnico, che, per primo, ha viaggiato sulla nuova tratta ferroviaria Campofelice-Ogliastrillo. Il treno, alle 9,20, è transitato da Ogliastrillo. Dal punto, nel quale la bretella di collegamento del binario lato monte della nuova tratta si immette nella vecchia linea. Il treno tecnico, col quale è stata provata la linea e sul quale hanno viaggiato i Tecnici di RFI e TRENITALIA, è arrivato sul terzo binario della vecchia stazione di Cefalù alle 9,25 in punto. Il tutto, nel rispetto, assoluto, degli orari previsti nel cronoprogramma della, complessa, operazione. Il tutto, con la precisione di un orologio svizzero. Il tutto, con l’intercity Roma-Palermo fermo sul secondo binario della stazione di Cefalù, in attesa della partenza per Palermo, fissata per le 10,00. Ringraziamo l'ing Di Paola per la testimonianza Vi lasciamo alla galleria: Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
14 set 2017

Linea Palermo – Messina: dal 15 al 17 settembre possibili disagi per i viaggiatori

di Fabio Nicolosi

Al fine di consentire i lavori per l’attivazione della variante Lascari-Cefalù Ogliastrillo compresa la Galleria Monte Poggio Maria, dalle 22:00 del 15 settembre fino alle 10:00 del 17 settembre la circolazione ferroviaria tra Cefalù e Campofelice sarà interrotta. Il servizio verrà garantito con autobus sostitutivi che fermeranno nei piazzali antistanti le stazioni di Lascari, Campofelice e Cefalù. La tratta in autobus sarà Cefalù-Termini Imerese, da Termini Imerese si continuerà in treno. Ecco tutte le modifiche e i servizi previsti Ti potrebbe interessare anche: Raddoppio Fiumetorto – Ogliastrillo: Dal 17 Settembre i treni transiteranno dentro la nuova galleria FOTO | Raddoppio Fiumetorto – Ogliastrillo: installato il binario dispari FOTO | Raddoppio Fiumetorto – Ogliastrillo: I lavori di demolizione della stazione di Lascari Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 ago 2017

Raddoppio Fiumetorto – Ogliastrillo: Dal 17 Settembre i treni transiteranno dentro la nuova galleria

di Fabio Nicolosi

Con la circolare territoriale n° 10 viene sancita la messa in esercizio della nuova galleria “Monte Poggio Maria” di 4.128 m di lunghezza, fra le progressive Km 58+302 e Km 63+034. La nuova traccia ferroviaria prevede che i treni dalla nuova stazione di Lascari si immettano nella galleria uscendo nei pressi di Ogliastrillo. Il vecchio binario costiero verrà dismesso e con esso anche numerosi passaggi a livello situati ai Km 59+855, Km 60+319 e Km 63+441 che hanno permesso di ridurre i rischi sia di chi utilizza e conduce il treno, sia di chi vi abita nei pressi. L'abolizione di questi passaggi a livello e l'introduzione di questi nuovi binari, necessita anche di una modifica degli apparti di segnalazione, elettrici e degli ACEI (Apparato Centrale Elettrico a Itinerari) sia alla stazione di Cefalù che a Campofelice di Roccella. Il prossimo step sarà l'attivazione dell'intero doppio binario tra Campofelice e Ogliastrillo, probabilmente entro fine anno, che porrà la parola FINE al primo lotto del raddoppio Fiumetorto - Castelbuono Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
23 giu 2017

Stop ai treni sulla Palermo – Agrigento e Palermo Catania da Sabato 24 a Domenica 25 Giugno

di Fabio Nicolosi

Per consentire a Rete Ferroviaria Italiana di rendere operative le modifiche per il potenziamento infrastrutturale e tecnologico realizzate nella stazione di Fiumetorto e sul tratto di linea in direzione Campofelice di Roccella, sabato 24 e domenica 25 giugno sarà variato il programma di circolazione di alcuni treni regionali delle linee Palermo – Agrigento e Palermo – Catania – Siracusa. Consistenti gli interventi eseguiti: upgrade tecnologico dei sistemi di gestione della circolazione a Fiumetorto, come previsto dall’Accordo di Programma per il rilancio produttivo e lo sviluppo dell’area di Termini Imerese; modifiche dell’infrastruttura per la velocizzazione della linea verso Catania e Agrigento; completamento, sul tratto Fiumetorto – Campofelice di Roccella, dei lavori per il rinnovo dei sistemi tecnologici e attivazione del telecomando per la gestione della circolazione treni nelle stazioni Fiumetorto e Campofelice dal Centro Coordinamento Circolazione di Palermo; entrata in funzione della nuova sottostazione di Campofelice per l’erogazione di corrente continua a 3,4 kv per l’alimentazione della linea aerea di contatto elettrico utilizzata dai mezzi di trazione. Gli interventi rappresentano un’ulteriore fase di un più ampio programma di miglioramenti in corso di realizzazione sulle direttrici Palermo – Messina, Palermo - Catania e Palermo – Agrigento, e consentiranno di elevare gli standard di regolarità e innalzare il livello di qualità del servizio. Investimento complessivo, oltre 10 milioni di euro, di cui circa metà provenienti da fondi messi a disposizione dalla Regione. Sabato 24 e domenica 25, quindi, la mobilità sarà garantita da servizi sostitutivi su gomma. Gli autobus fermeranno nei piazzali antistanti le stazioni ad eccezione di Bagheria, dove la fermata sarà effettuata in corrispondenza del passaggio a livello. Le informazioni di dettaglio sui provvedimenti, con l’elenco completo dei treni interessati, giorni, orari e fermate sono disponibili nelle stazioni, uffici assistenza clienti e sui canali informativi on line del Gruppo FS. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
03 mag 2017

Foto e Video Esclusivi | Riapre lo stabilimento ex Ansaldo Breda di Carini

di Fabio Nicolosi

Era il 2015 quando, dopo la cessione dell'AnsaldoBreda al gruppo giapponese Hitachi, lo stabilimento di Carini venne escluso dalla trattativa. Futuro incerto, scioperi, manifestazioni. Fortunatamente però lo stabilimento a fine 2016 venne rilevato da RFI, che tutelando i lavoratori decise di non licenziare nessun operaio e di riassorbirli tutti. Ieri mattina la riapertura. Il piano prevede la saturazione delle attività con l'impiego di 62 lavoratori. La prospettiva è di poter dare lavoro anche alle prossime generazioni. Gli operai sono stati ospitati per sei mesi presso l'officina di Catanzaro Lido per un corso di aggiornamento e formazione in vista della riapertura dell'officina di Carini In questi giorni si stanno ultimando le operazioni di manutenzione e ripristino dell'officina a cura di RFI e si potrà dunque dare il via alle prime lavorazioni. Il sito industriale si occuperà inizialmente di revamping delle autoscale con possibilità in futuro di incrementare il lavoro con altri mezzi d'opera o treni diagnostici di Rete Ferroviaria Italiana. Le scale mobili serviranno per la manutenzione degli impianti elettrici delle linee ferrate migliorando la sicurezza e quindi la qualità dei trasporti. Le prime macchine a passare sotto le mani degli operai saranno delle autoscale Keller. Il revamping si differenzia dal restyling per il fatto che coinvolge anche interventi più impegnativi sugli impianti e sulle parti meccaniche. Alcune operazioni comunemente compiute in fase di revamping sono la sostituzione o l'installazione degli impianti di condizionamento e riscaldamento, la sostituzione dei carrelli, l'adeguamento delle porte di accesso alle normative di sicurezza vigenti, la sostituzione o riparazione dei cristalli delle finestrature o degli impianti di illuminazione e il rinnovo, totale o parziale, della sedileria. Operazioni meno comuni ma svolte in occasione di revamping particolarmente impegnativi possono essere le modifiche strutturali alla cassa (con l'oscuramento di finestrini o il ridimensionamento degli stessi), le modifiche al telaio del sottocassa, la sostituzione degli elementi che compongono l'intercomunicante o di parti dei motori quando presenti. Ecco quindi qualche immagine della riapertura dello stabilimento avvenuta ieri: Ecco il video del taglio del nastro Ed il video degli interventi Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
02 mag 2017

Avviata la Petizione per intitolare un padiglione del Museo di Pietrarsa a Piero Muscolino

di Antony Passalacqua

Oggi proponiamo una nuova petizione curata dall'Associazione Ferrovie Siciliane per intitolare all’ingegnere-scrittore Piero Muscolino (Roma 09/06/1938 – Roma 06/09/2013), già dirigente delle Ferrovie dello Stato, uno dei padiglioni espositivi del Museo Ferroviario Nazionale di Pietrarsa a Portici (Napoli). Il “Reale Opificio Meccanico, Pirotecnico e per locomotive” di Pietrarsa, che si sviluppa su un’area di 36mila metri quadrati (di cui 14mila coperti) fu fondato nel 1840 da Ferdinando II di Borbone, Re del Regno delle Due Sicilie. Nel 1975, terminata l’attività produttiva, l’area industriale fu inizialmente chiusa e solo in seguito si decise di trasformarla in Museo: l’apertura avvenne nel 1989. Molti dei rotabili d’epoca, che oggi rendono il Museo di Pietrarsa uno dei più importanti musei ferroviari d’Europa, anni prima dell’apertura del Museo furono “accantonati” in numerosi scali ferroviari nazionali dall’ing. Piero Muscolino, che comprese, prima di tanti altri, l’importanza di tutelare alcuni dei rotabili delle Ferrovie dello Stato, molti dei quali pezzi unici e dal valore inestimabile. Oggi il Museo di Pietrarsa è affidato alla Fondazione FS Italiane, costituita nel 2013 dalle Ferrovie dello Stato Italiane, Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana, con lo scopo di valorizzare il patrimonio storico, tecnico, ingegneristico e industriale del gruppo FS. Nel riconoscere l’attività svolta da Piero Muscolino, si ritiene doveroso ottenere tale intitolazione per i seguenti motivi: • Piero Muscolino è stato uno dei più alti e noti Dirigenti delle Ferrovie dello Stato: assunto nel 1965, è andato in quiescenza nel 2000; • Fu membro della Segreteria tecnica della Presidenza dell’Ente Ferrovie dello Stato e direttore del settore attività museali e cultura ferroviaria delle FS; • Fu, tra gli altri, uno dei dirigenti delle Ferrovie dello Stato che hanno fortemente voluto il Museo di Pietrarsa, e dal 1982 ne condusse i lavori fino all’apertura al pubblico avvenuta nel 1989; • E’ stato uno dei massimi conoscitori di storia dei trasporti in Italia, ha scritto numerose pubblicazioni a tema ferroviario, con particolare riferimento alle linee secondarie delle Ferrovie dello Stato, anche della Sicilia, e sul trasporto pubblico locale. Come sottoscrivere la petizione Sottoscrivere la petizione è semplice, ed è possibile aderire in più modi: nelle postazioni permanenti in alcune città, attraverso la nostra e.mail, o utilizzando il servizio postale. Per aderire è sufficiente scaricare e compilare il modulo per singola sottoscrizione (download), o per sottoscrizione multipla utile per gruppi o associazioni (download), e scegliere una delle modalità di consegna. Si ricorda che i campi richiesti sul modulo (cognome, nome, città di nascita, carta identità, etc…) sono obbligatori, non sono ammesse correzioni, e la firma deve essere leggibile. Sottoscrizione attraverso il servizio delle postazioni permanenti E’ possibile sottoscrivere la petizione nelle seguenti città: • Messina, presso Giovanni Russo, tel. 3473354886 • Lamezia Terme, presso Salvo Morale, tel. 3456969046 • Roma, presso Mattia Squasi, tel. 3356683452 Sottoscrizione attraverso il servizio di posta elettronica Scaricare, stampare, compilare e scansionare il modulo e inviarlo all’indirizzo di posta elettronica [email protected] (1) (2) Sottoscrizione attraverso il servizio di poste italiane Scaricare, stampare, compilare e inviare il modulo in busta chiusa a: Associazione Ferrovie Siciliane, Rione Santa Chiara CPL Mimosa, 98121 Messina (2) Note (1) Sono accettati solo i file in pdf. (2) E’ obbligatorio allegare copia front/retro del documento d’identità di ogni singolo sottoscrittore. • Modulo per 10 sottoscrizioni (download) • Modulo per 1 sottoscrizione (download)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 mar 2017

FOTO | Raddoppio Fiumetorto – Ogliastrillo: installato il binario dispari

di Fabio Nicolosi

Qualche giorno fa è stata demolita la stazione di Lascari famosa per la scena del film "Nuovo Cinema Paradiso". La stazione ha fatto spazio ai futuri binari. Ci siamo recati proprio lungo la tratta Fiumetorto Ogliastrillo per documentarvi lo stato dei lavori, ormai in fase terminale. Lungo la statale 113 che collega Buonfornello a Cefalù tanti mezzi ed operai in azione, specialmente nei pressi della fermata Lascari dove si sta realizzando il rilevato ferroviario sopra al quale verrà posato il binario che affiancherà quello esistente. Nei pressi della vecchia stazione di Lascari / Gratteri è in corso di realizzazione un muro di contenimento per la nuova sede ferroviaria. Risulta invece già interamente posato il binario dispari fino ad Ogliastrillo, entro fine mese le ditte che si stanno occupando dei lavori sperano di posare anche il binario pari e riuscire ad aprire l'intera tratta entro Giugno. Ricordiamo che il termine per la consegna dei lavori di questo primo lotto è fissato per fine 2017 e dal ritmo osservato oggi la scadenza potrebbe essere tranquillamente rispettata. Durante la visita abbiamo potuto fotografare il passaggio di numerosi treni che dimostrano l'importante di questa dorsale ferroviaria e l'importanza del raddoppio che permetterà di migliorare la frequenza, riducendo i ritardi.

Leggi tutto    Commenti 6