Articolo
24 nov 2018

AMAP | Domenica 25 Novembre interruzione idrica nel centro storico e zona Stazione Centrale – Oreto

di Fabio Nicolosi

L'AMAP informa che, per lavori di manutenzione alla tubazione di alimentazione delle sottoreti "Oreto-Stazione e Centro Storico", dalle ore 8:00 alle ore 14:00 di domenica 25/11/2018, verrà interrotto l'approvvigionamento idrico nel Centro Storico (quattro Mandamenti) e nella zona Oreto e Stazione Centrale. L'erogazione idrica si normalizzerà, salvo imprevisti, nelle 12 ore successive. Per qualsiasi informazione si potrà telefonare al numero 091279111 (risponditore automatico) o al numero verde 800-91333 (esclusivamente da telefono fisso)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 nov 2018

Viabilità | Chiusa Via Scobar tra via Cosentino e via Lancia di Brolo a causa di una voragine

di Fabio Nicolosi

Con Ordinanza Sindacale n.301 è stato chiuso ieri, per motivi di sicurezza, il tratto di strada di via Scobar compreso tra via Cosentino e via Lancia di Brolo a causa della voragine creatasi sul manto stradale. L'Amap è incaricata di intervenire per la riparazione del sottoservizio. I mezzi provienenti da via Scobar dovranno svoltare a sinistra per via Migliaccio. I mezzi provenienti da via Cosentino dovranno immettersi in via Scobar e prendere per via Migliaccio. Per chi proviene da piazza Einstein e si immette in via Holm conviene girare per via Ballo per poinarrivare in via Campolo o in via Leonardo da Vinci. Ringraziamo Marco F. P. per le foto

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 nov 2018

Lentamente verso la normalita: i quartieri che a breve torneranno a ricevere l’acqua

di Antony Passalacqua

Palermo - Dalla serata di ieri 6 novembre è stato riattivato il prelievo delle acque dall’invaso Poma e conseguentemente si è proceduto al ripristino funzionale, a regime ridotto, del potabilizzatore Cicala di Partinico, riavviando i processi di trattamento, la cui ultimazione è prevista nell’arco della giornata odierna. Ultimato il trattamento di potabilizzazione, si procederà alla graduale immissione delle acque nell’adduttore Jato fino al raggiungimento dei serbatoi a servizio della zona Nord della città di Palermo. Effettuati i necessari controlli di qualità, verranno gradualmente riattivate le consegne ai Comuni della fascia costiera occidentale (Balestrate, Trappeto, Cinisi, Terrasini Aeroporto Falcone e Borsellino, Carini, Capaci, Isola delle Femmine) ed alla rete di Palermo. Permangono, inoltre, le condizioni di elevata torbidità che impediscono il prelievo delle acque dagli invasi Rosamarina e Scanzano ed il funzionamento a pieno regime del potabilizzatore Risalaimi. Prosegue il costante monitoraggio dei parametri di torbidità delle suddette fonti, non potendosi prevedere, i tempi per il superamento della criticità, che in atto permangono.   L'attuale situazione delle reti di distribuzione è la seguente:  COMUNI E UTENZE FASCIA COSTIERA OVEST Erogazione idrica in fase di riattivazione nelle prossime 24 ore CAPACI ISOLA DELLE FEMMINE AEROPORTO FALCONE BORSELLINO Erogazione idrica in fase di regolarizzazione nelle prossime 48 ore BALESTRATE TRAPPETO CARINI CINISI (non gestito da Amap) TERRASINI (non gestito da Amap) COMUNE DI PALERMO Erogazione idrica in fase di riattivazione nelle prossime 24/48 ore (zona NORD) ARENELLA VERGINE MARIA MONDELLO PARTANNA ZEN PALLAVICINO S. LORENZO STRASBURGO CRUILLAS LIBERTA’ MONTE PELLEGRINO BOCCADIFALCO-BAIDA BORGO MOLARA UDITORE Zone con lievi disagi: CENTRO STORICO ORETO-STAZIONE POLITEAMA ROCCELLA CIACULLI ZISA CEP BORGO NUOVO BONAGIA-FALSOMIELE Zone in cui permangono forti disservizi / mancanza di erogazione: BRANCACCIO-SETTECANNOLI BANDITA-FAVARA COMUNI E UTENZE FASCIA COSTIERA EST Erogazione idrica ridotta: FICARAZZI VILLABATE CASTELDACCIA SANTA FLAVIA BAGHERIA (non gestita da Amap) ULTERIORI CRITICITA’ NEI COMUNI DELLA PROVINCIA GESTITI DA AMAP CORLEONE: permane l’ordinanza di non potabilità per acqua torbida emessa dal commissario straordinario in data 04 novembre

Leggi tutto    Commenti 13
Articolo
05 set 2018

Impianti fognari | Inaugurati i lavori di via Ripellino

di Fabio Nicolosi

Ieri pomeriggio il sindaco Leoluca Orlando insieme all'assessore alla riqualificazione, Emilio Arcuri, ha partecipato alla inagurazione dei lavori di realizzazione della fognatura a sistema separato nelle vie Ripellino e Carmine dalla via Pomara alla via Messina Montagne. I lavori hanno lo scopo di razionalizzare la raccolta e la veicolazione delle acque piovane e la razionalizzazione degli scarichi di acque nere provenienti dalle abitazioni. Si elimineranno pertanto tutti gli allagamenti che si verificano a seguito di eventi meteorici significativi. "In questa zona della città, che qualquno potrebbe definire solo "periferia" - ha detto il sindaco Leoluca Orlando - questa amministrazione porta avanti una opera molto importante, fondamentale e chiesta da tanto tempo anche da residenti e che garantirà una migliore vivibilità entro i prossimi dodici mesi. Questo è un altro passo avanti per la costruzione di una "unica città", senza centro o periferia". Per l'assessore alla Riqualificazione Emilio Arcuri, l'inizio dei lavori segna "la rottura di un incantesimo, trattandosi del primo degli appalti di quelle opere che impropriamente erano stare commissariate in passato. Oggi noi abbiamo un rapporto di collaborazione con il Commissario nazionale che gestisce queste opere ed altri interventi seguiranno in futuro. Entro l'anno infatti è previsto l'avvio di altri due cantieri a Palermo sempre legati ad opere fognarie." scheda tecnica lavori: Sono previsti due collettori separati per le acque bianche e le acque nere, che dipartendosi dalla via Pomara, si sviluppano per circa 400,00 m. sulla via Ripellino, per circa 100,00 m. su piazzale privato, per proseguire per circa 240,00 ml sulla via Carmine alla Figurella ed ha recapito finale nella fognatura esistente di via Messina Montagne realizzata nel 2007 e collaudata nel 2011. La popolazione servita dall'intervento che si andrà a realizzare è di circa 320 – 350 abitanti. L'attività di progettazione, prima preliminare e poi esecutiva, è stata svolta da funzionari comunali dal 2012 al 2014; nel 2014 a conclusione della progettazione esecutiva, c'è stata la validazione del R.U.P. e la successiva approvazione del Progetto esecutivo da parte della G.M. (deliberazione della G.M. n. 215 del 11/12/2014) anche ai fini dell'assunzione del mutuo con la Cassa DD.PP. 2015 - riconoscimento finanziamento dalla Cassa DD.PP. per € 399.906,28, la rimanente parte (€ 860.382,08) è finanziato con Delibera CIPE 60/2012; L'intervento in questione è inserito nell'A.P.Q. "Depurazione Acque Reflue". E' passato nella competenza prima del Commissario Straordinario Regionale (D.P.C.M. 07/12/2015) e poi del Commissario Unico Nazionale (D.P.C.M. 26/04/2017) che ne ha curato le fasi successive dall'indizione della gara fino all'aggiudicazione all'impresa Edil Aurora Strade S.r.l. di Favara con ribasso d'asta del 22,643%. Il contratto è stato sottoscritto il 12/06/2018, la consegna dei lavori è avvenuta il 10/07/2018. L'importo contrattuale è pari a € 771.874,74 comprensivo degli oneri per la sicurezza. il tempo utile per dare compiuti i lavori è stabilito in giorni 365 naturali e consecutivi, cosicché l'ultimazione dei lavori stessi dovrà avvenire entro il 10 luglio 2019.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
22 ago 2018

Foto | In fase di realizzazione la vasca di prima pioggia al Foro Italico

di Fabio Nicolosi

I lavori fanno parte del progetto di disinquinamento della fascia costiera dall’Acquasanta al fiume Oreto, assegnati alla Tecnis per 15 milioni di euro e poi ceduti alla consociata Sikelia. Il progetto prevede il potenziamento del “Sistema Cala”, costituito dall’impianto di sollevamento porto e relativa condotta al collettore Sturzo, la realizzazione del collettore Sturzo, il potenziamento dell’impianto Porta Felice e il raddoppio della condotta permanente al collettore sudorientale. Il progetto della vasca di prima pioggia dell’impianto di sollevamento del Foro Italico di Palermo prevede la realizzazione di una vasca della superficie di circa 3.500 mq e di profondità circa 7 metri, localizzata in zona Foro Umberto I in prossimità dell’impianto di sollevamento esistente, a breve distanza dal mare. La profondità della vasca fa sì che l’opera debba essere costruita in presenza di falda di acqua marina fino all’altezza di circa 5 metri. La vasca è quindi soggetta a diversi fenomeni: forte pressione idrostatica negativa, aggressione chimica dall’esterno per l’acqua di falda salmastra, aggressione chimica interna per le acque di raccolta, viene realizzata contro una palificazione in parte esistente ed in parte realizzata per la costruzione dell’opera. E’ chiaro che in questa situazione i sistemi d’impermeabilizzazione tradizionali (membrane bituminose, teli bentonitici) non offrono alcuna soluzione percorribile, in quanto si tratta di realizzare platea e muri in presenza costante di acqua in pressione. In fase di progettazione si è quindi optato per la soluzione del sistema “vasca bianca” mediante impermeabilizzazione per cristallizzazione, cioè utilizzando degli additivi chimici che, addizionati al calcestruzzo, impermeabilizzano la sua intera massa sigillandone pori, capillari e microfessurazioni con una reazione chimica che forma al loro interno dei cristalli insolubili che bloccano il passaggio dell’acqua e quindi anche l’aggressione degli agenti chimici provenienti dall’esterno (cloruri, solfati, ecc.). Un altro particolare vantaggio dei prodotti cristallizzanti è la loro capacità di auto-sigillare le microfessurazioni anche se avvengono nel tempo, in quanto i componenti chimici che attivano la reazione sono sempre presenti nella massa del calcestruzzo. Ulteriori vantaggi di questa soluzione sono il fatto che la sua durata è perenne (cioè quella della struttura stessa), la sua economicità, semplicità e rapidità di esecuzione. Il completamento dell’opera è previsto entro la fine del 2018.

Leggi tutto    Commenti 30
Articolo
11 giu 2018

Ostaggi dentro casa, senza poter aprire le finestre: accade in via Ammiraglio Rizzo

di Giulio Di Chiara

Non aggiungiamo altro, se non invitare gli enti preposti ad intervenire. Il traguardo dei lavori non può costringere decine di famiglie ad un "sequestro" forzato: Spett. Mobilita Palermo, Mi chiamo Alessio P, sono un cittadino molto arrabbiato perchè oggi per l'ennesima volta si è aperta una voragine profonda diversi metri in zona Via ammiraglio Rizzo e Via Belmonte. Sarà la quarta in meno di un anno. Se a questo ci aggiungiamo che la puzza di fogna insostenibile, tra il il cinema Igea Lido e Villa Igea, ci costringe a stare con le finestre chiuse da anni per non essere sopraffatti dall'odore nauseante, potrete comprendere di cosa stiamo passando! Ci sentiamo abbandonati, arrabbiati e preoccupati, perchè è evidente che c'è un problema fognario importante ma nessuno vuole fare niente. Abbiamo segnalato il problema alla circoscrizione e all'Amap, ma le poche risposte sono state piuttosto elusive e inerenti al nuovo allaccio e ad un problema nella zona del l porto etc etc. Ci dicono che con i lavori che stanno facendo li migliorerà..., ma ho capito che non hanno intenzione di fare indagini serie: carotaggi, ispezioni dei condotti fognarie. Mi sento un cittadino di serie B o del terzo mondo. PS: Non ho aspettato la luce del sole per fare la foto che vi allego perchè probabilmente la RAP domani mattina coprirà il buco con un poco di bitume come sempre e farà finta di niente come al solito. Vi prego di aiutarmi

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
14 mag 2018

Amap | Ripristinata la fontanella di Via Resuttana

di Fabio Nicolosi

Anche grazie alla collaborazione con i cittadini, ecco ripristinata la fontanella storica sita in via Resuttana all'angolo con via Sacra Famiglia. L'intervento rientra nel piano ordinario di manutenzione di AMAP. Come per l'acqua pubblica e per tutti i beni comuni, ora c'è bisogno della collaborazione di tutti per tutelarla e rispettarla.

Leggi tutto    Commenti 2

Ultimi commenti