Articolo
22 giu 2018

Stop ai tram per scongiurare il fallimento AMAT ? Facciamo chiarezza sulla vicenda

di Antony Passalacqua

Nella giungla di dichiarazioni che si susseguono in questi giorni, fra contrapposizioni politiche e chi porta acqua al proprio mulino, ci sembra doveroso fare alcune precisazioni circa la vicenda che vedrebbe il probabile stop delle linee tranviarie per gli alti costi di gestione. Partiamo anzitutto da un dato di fatto, ovvero quello che tanti omettono di dire: il Trasporto Pubblico Locale in Italia, proprio nella sua definizione, si porta avanti grazie a contributi pubblici che in questo caso provengono da Enti quali Comune e Regione. La percentuale di copertura dei costi di produzione con ricavi tariffari (biglietti/abbonamenti) supera di poco il 30%, contro una media europea di oltre il 50%.  I ricavi risultano inoltre abbassati da chi non paga il biglietto. Ecco perché quando si parla di evasione e contraffazione dei titoli di viaggio, si pensa soprattutto a nuove tecnologie per ridurre al minimo il fenomeno e mantenere quella percentuale di introiti dai titoli di viaggio  fra il 30% e 35%. Il tram viene utilizzato? Sono poco più di 3mln annui i passeggeri trasportati e pertanto quando qualcuno vi dirà che non lo prende nessuno, un esperto in statistiche si rivolterà. Ironia a parte, il sistema comunque ha enormi potenzialità di crescita ma senza integrazione tariffaria non si andrà da nessuna parte. Pensiamo infatti all'utenza che ad oggi non prende il mezzo pubblico per la sconvenienza nel dover utilizzare ben due titoli di viaggio (biglietto Amat e Trenitalia). A maggior ragione con la riapertura del Passante Ferroviario. Perché l'Amat ha forti perdite? All'introduzione dell'avvio dell'esercizio delle linee tranviarie, non è seguita una rimodulazione del contratto di servizio che doveva prevedere maggiori risorse. Si è pensato invece di ripiegare sugli introiti derivanti dalla ztl centrale ma anche questi insufficienti (ztl1+ztl2 docet). Il tram ha un costo annuo di circa 10mln di euro. Aggiungiamo anche che l'azienda di via Roccazzo vanta un credito di circa 55mln di euro da parte della Regione (contributi riconosciuti e mai versati). Sempre sul fronte contributi regionali, evidenziamo inoltre che la Regione Sicilia è l'unica in Italia a non riconoscere i contributo/chilometro per i tram ma eroga le risorse finanziarie sui bus (urbani, autolinee extraurbane, etc.). E a ciò non aggiungiamo i tagli al tpl  in Sicilia. Ma ovviamente arriva l'inevitabile e si sapeva che i nodi sarebbero venuti al pettine. E qui andiamo ai nostri giorni. Il Comune di Palermo in data 20 Giugno dispone l'avvio di un'azione legale nei confronti della Regione per recuperare il credito vantato e riconosciuto, oltre al mancato riconoscimento del tram come mezzo di trasporto (contributi). La risposta della Regione non si fa attendere, e con un comunicato da parte dell'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone annuncia l'erogazione di 24mln circa di credito vantato nel giro di due settimane circa. Per la restante parte, 29mln circa, si dovrà attendere che Roma li versi alle casse regionali, e a sua volta al Comune. Insomma, un gran balzello dove sembra giocare sulla nostra pelle e mai nessuno che si assuma la propria responsabilità. Non ci interessano le beghe politiche e nemmeno l'esultanza da parte di chi vorrebbe lo stop del sistema tranviario solo per andare contro il proprio avversario o esclamare "l'avevo detto". Qui ci sembra che le responsabilità siano trasversali, basterebbe un briciolo di onestà intellettuale nel dichiararlo anche nei comunicati stampa. Il Comune di Palermo poteva dare avvio alla propria azione legale prima? Certamente, anche perché i crediti vantati da Amat non si sono cumulati in un solo anno. Si poteva avviare l'azione giudiziaria già il primo di esercizio tranviario se non addirittura prima. La Regione ha certamente le sue responsabilità nel non aver erogato regolarmente i contributi spettanti ad Amat e ufficialmente riconosciuti, continuando di fatto a cumulare un debito verso un'azienda pubblica. Sempre la Regione ad oggi non riconosce il tram (unica in Italia) come mezzo di trasporto pubblico ai fini dell'erogazione dei contributi chilometrici. Ciò al netto dei tagli al trasporto pubblico in Sicilia. E non ci sembra che le colpe siano da addossare solo ed esclusivamente all'attuale esecutivo regionale, perché anche il governo precedente non può ritenersi esente da responsabilità. Troppa disinformazione, troppe cose che tanti si guardano bene dal dichiarare, o addirittura arrivare alle azioni giudiziarie per delle somme dovute. Siamo alle comiche. Cosa accadrà nelle prossime settimane? Nelle casse di Amat arriveranno i denari, ma si dovrà predisporre un aumento per il contratto di servizio con il Comune di Palermo. Inoltre la rimodulazione del piano industriale Amat. Portare avanti politiche contro la contraffazione e l'evasione quali l'introduzione del biglietto a banda magnetica e severi controlli a bordo delle vetture, tamponare i tagli dei contributi regionali perchè anche la Regione dovrà fare la propria parte. Pensare a estendere la Ztl sembra prematuro (almeno quest'anno) anche se sarebbe più logico parlarne quando i tram transiteranno  nelle zone centrali della città. Prevedere l'aumento di una tassa locale per garantire un'entrata tributaria tale da poter offrire il trasporto pubblico gratuito ai residenti? Un'ipotesi da non scartare. Tagliare senza dubbio sprechi ma bisogna osare di più. Come la creazione di un'unica società che gestisca in ambito metropolitano i trasporti, inglobando quote societarie di Gesap e Autorità Portuale. La situazione è in continua evoluzione ma nel frattempo con questi chiarimenti abbiamo voluto arginare la tanta disinformazione dilagante.  

Leggi tutto    Commenti 19
Articolo
21 giu 2018

Nuove zone blu in arrivo

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa l'istituzione di nuove aree a sosta tariffata (zone blu). Nuovi introiti per l'Amat anche se ancora ad oggi si attende la revisione del piano industriale, aggiornamento del contratto di servizio, e maggiore efficienza. Ma ne riparleremo dopo l'estate dato che è entrato in vigore l'orario estivo che comporterà dei disagi anche sulle linee "centrali".   Palermo - Il Dirigente del Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico – Area della Polizia Municipale –  ha emanato in data odierna l’Ordinanza n.852 con la quale dispone in merito alla regolamentazione della sosta degli autoveicoli ed alla individuazione degli stalli di sosta (posti H generici) per i portatori di handicap nei seguenti parcheggi: -          “Belgio” (localizzato in Largo Cavalieri del Lavoro, tra via Belgio e viale Strasburgo); -          “Piazzale De Gasperi Nord” e “Piazzale De Gasperi Sud” (entrambi all'interno della piazza Papa Giovanni Paolo II); -          “Mondello – via Saline” (localizzato a Mondello, tra la via Saline ed il viale dei Lillà). Nei parcheggi “Belgio”, “Piazzale De Gasperi Nord”, “Piazzale De Gasperi Sud”, la sosta a pagamento è vigente nelle fasce orarie di validità dalle ore 8.00 alle ore 14.00 e dalle ore 16.00 alle ore 20.00 dei giorni feriali. Nel parcheggio “Mondello – via Saline” la fascia di validità della sosta tariffata è fissata dalle ore 8.00 alle ore 20.00 di tutti i giorni compresi tra il 1° giugno ed il 30 settembre di ogni anno. Nei parcheggi in oggetto la tariffa oraria della sosta è di € 1,00.

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
18 giu 2018

Avete preso una multa? Ecco come verificare

di Fabio Nicolosi

Quanti di voi sanno che sul portale del comune di Palermo è disponibile per tutti i cittadini la possibilità di consultare se il proprio veicolo ha commesso un'infrazione e ha dunque una multa da pagare? Basta accedere al seguente indirizzo: Verifica sanzioni Codice della Strada Si verrà indirizzati in una nuova pagina.   Cliccando sul tasto "Accedi" alla destra del lucchetto verde, si entrerà in una nuova pagina, dove nello spazio sotto l'asterisco va inserita la targa del proprio veicolo.   Successivamente spuntare il quadratino "Non sono un robot" e cliccare in alto sulla scritta conferma. Se nessuna multa è stata emessa sul mezzo verrà visualizzato un messaggio che lo conferma, viceversa in basso verrà visualizzato il numero del verbale. Non vi resta che verificare...

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
16 giu 2018

L’Education Hub, il bus itinerante di Manifesta 12

di Antony Passalacqua

Education Hub è un progetto del Dipartimento Educazione di Manifesta 12, realizzato in collaborazione con l’Università e l’Accademia di Belle Arti di Palermo, e la società per il trasporto pubblico AMAT. Il progetto è promosso da DGAAP, Direzione Generale Arte e Architettura contemporanea del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. L’Hub è una piattaforma itinerante il cui obiettivo primario è quello di coinvolgere in modo diretto nei progetti di Manifesta le diverse comunità dei diversi quartieri di Palermo. Il progetto avrà luogo in un vecchio bus dismesso i cui interni ed esterni sono stati interamente trasformati dagli studenti dell’Università di Palermo (Laboratorio di Disegno Industriale 3 della Prof. Viviana Trapani, Dipartimento Architettura) e dell’Accademia di Belle Arti (Corso di Graphic Design con la Prof. Cinzia Ferrara, Dipartimento di Progettazione e Arti Applicate) sotto il coordinamento dello studio di architettura di Madrid ENORME Studio. Il progetto Education Hub girerà per la città di Palermo per tutta la durata della biennale, facilitando così l’incontro e il dialogo tra Manifesta e le periferie della città ospitante anche attraverso un fitto programma di interventi site-specific, performance, laboratori, incontri, proiezioni, visite guidate alla città, progetti educativi digitali e molto altro ancora.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 giu 2018

Telefonino alla guida, nuove sanzioni della Polizia Municipale

di Antony Passalacqua

Palermo - Con 34 sanzioni nell’ultima settimana, continua l’operazione della Polizia Municipale per il contrasto all’uso del telefonino alla guida. Agenti del nucleo autovelox della Polizia Municipale, in abiti civili e a bordo di moto civetta hanno sorpreso 34 conducenti che utilizzavano il telefonino alla guida.  I controlli sono stati effettuati in diverse zone della città, via Notarbatolo, via Ausonia, via Ruggero Settimo, viale Strasburgo, viale Michelangelo, viale Croce Rossa, via de Gasperi, via Montepellegrino, via Sampolo, piazza Leoni, via Restivo. Per ciascun contravventore è scattata la sanzione di 161 euro e sono stati decurtati 5 punti dalla patente, come previsto dal codice della strada. Ammontano così a 128 le sanzioni dall’avvio del potenziamento dei servizi predisposti dal Comandante Gabriele Marchese sull’uso del telefonino alla guida, prima causa di incidenti stradali a livello nazionale, per la distrazione procurata. I controlli proseguiranno in tutte le zone della città.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 giu 2018

Polizia Municipale | Lancia una pietra ad una camionetta in transito. Arrestato 42enne

di Mobilita Palermo

Ci troviamo ancora una volta a dover raccontarvi un fatto increscioso avvenuto ieri nei confronti del corpo municipale dei vigili. Spesso criticati e maltrattati, sottorganico cercano di fare il possibile per migliorare la città. Non possiamo però tollerare atti simili a quelli che vi racconteremo perché il loro compito è far rispettare le regole e i regolamenti. Gli stessi che non si inventano loro, ma che vengono prescritti da delibere degli uffici comunali e che loro devono mettere in pratica. Un mestiere sicuramente difficile e complicato in una città che ha sempre rifiutato grandi cambiamenti e regole restrittive. Oggi quindi siamo qui a condannare questo atto grave ringraziando il corpo della polizia municipale per quello che ogni giorno fa, grazie. Ecco il comunicato stampa: Una camionetta della polizia municipale con a bordo due agenti del servizio controllo emissioni gas di scarico diretta in piazza Verdi, oggi intorno alle ore 14,45, mentre transitava in via Volturno all’altezza dell’Amap, è stata colpita da un pietra di circa dieci centimetri che ha mandato in frantumi il vetro laterale destro del mezzo. L’autore del gesto, C.M.S. di 42 anni è stato arrestato e condotto in caserma al Comando di via Dogali. Illesi gli agenti. E il commento del capo della polizia municipale: “A seguito dell’aggressione degli agenti in piazza Rivoluzione è venuto il momento di adottare la body cam durante i servizi, una videocamera di ridotte dimensioni indossata dagli agenti per la registrazione audio e video degli interventi per allentare tensioni e aggressività e fornire allo stesso tempo la documentazione di quanto è avvenuto"

Leggi tutto    Commenti 14
Articolo
04 giu 2018

Polizia Municipale | 21 sanzioni per uso telefonino alla guida

di Fabio Nicolosi

Agenti del nucleo autovelox della Polizia Municipale, in abiti civili e a bordo di moto civetta hanno sanzionato 21 conducenti di veicoli sorpresi mentre utilizzavano il telefonino alla guida. I controlli sono stati effettuati in diverse zone della cittá, via Ausonia, corso Calatafimi, via Duca degli Abruzzi, via Sammartino, via Empedocle Restivo. Per ciascun contravventore è scattata la sanzione di 161 euro e sono stati decurtati 5 punti dalla patente, come previsto dal codice della strada. 78 sanzioni in tre settimane è il bilancio dei servizi predisposti dal Comandante Gabriele Marchese sull’uso del telefonino alla guida, prima causa di incidenti stradali a livello nazionale, per la distrazione procurata. I controlli proseguiranno in tutte le zone della città.

Leggi tutto    Commenti 9