Articolo
11 feb 2020

Treno Punta Raisi-Cefalù: difficile ad Aprile. Ecco perché

di Antony Passalacqua

Come è già noto, la Regione sta lavorando da tempo  per attuare la velocizzazione dei collegamenti ferroviari tra Cefalù-Termini Imerese e l'aeroporto Punta Raisi.  Ciò sarà reso possibile grazie alla bretella realizzata durante i lavori del Passante Ferroviario a Palermo, e che serve la fermata “Maredolce”, evitando ai convogli di fermarsi a Palermo  C.le. Hanno destato però non poche perplessità le recenti dichiarazioni dell'Assessore alle Infrastrutture M. Falcone circa l'attuazione di questo collegamento veloce già a partire dal 2 Aprile. Tecnicamente molto improbabile e vi illustriamo il perché. Anzitutto l'attuazione dei nuovi orari avviene con cadenza semestrale, Giugno e Dicembre, e modificare tale orario "in corsa" creerebbe non pochi problemi. Altra questione rilevante, che evidenzia anche il Comitato Pendolari Sicilia, è che ad oggi non si conoscono le fermate che effettuerà questo nuovo collegamento; non si conosce il numero di convogli perché è chiaro che non potrà esserci UN SOLO treno giornaliero ma un servizio cadenzato. Infine non si conosce neppure la copertura finanziaria. In sostanza NON C'E' NULLA DI UFFICIALE, se non dichiarazioni che vanno a scontrarsi anche con le perplessità sorte all'interno degli uffici dell'Assessorato stesso. Il collegamento senza alcun dubbio si farà, ma preferiamo essere più realistici senza troppi e facili entusiasmi. Ecco perché Giugno è molto più realistico.

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
31 gen 2020

ZTL notturna: il Tar sospende il provvedimento (in attesa del contraddittorio)

di mobilita

A pochissime ore dall'entrata in vigore, il TAR ha sospeso il provvedimento che alle 23 avrebbe ridimensionato l'ingresso dei veicoli all'interno del perimetro storico anche nelle ore serali. Secondo quanto si apprende dal quotidiano Repubblica Palermo: il giudice Calogero Ferlisi, presidente della prima sezione, ha sospeso l’entrata in vigore del provvedimento e ho convocato Comune e Confcommecio per lunedì alle 12,30 per un contradditorio. Si attendono di conoscere i dettagli e le motivazioni che hanno portato il tribunale amministrativo regionale a bloccare l'avvio della ZTL notturna a così poche ore dall'entrata in vigore. Seguiranno aggiornamenti.

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
30 gen 2020

Viabilità | Cambiano i sensi di marcia nel quadrilatero tra via Archimede, U. Bassi, G. Raffaele, Manin, G. Castriota ed I. La Lumia

di Fabio Nicolosi

Premesso che lungo l’ asse che congiunge piazza Don Sturzo a via Duca della Verdura sono presenti degli incroci pericolosi che, ancorchè regolamentati, sono teatro di incidenti, quindici quelli documentati dal Comando della Polizia Municipale nel solo incrocio tra via Enrico Albanese e via Pasquale Calvi nell’ anno 2019 (dato parziale), alcuni dei quali anche gravi; vista la nota prot. 462 del 5/12/2019 del Gruppo Consiliare Palermo 2022 con la quale viene evidenziata la criticità dell’ incrocio tra la via Enrico Albanese e la via Pasquale Calvi, invitando gli Uffici competenti ad adottare gli opportuni provvedimenti L'ufficio traffico tramita ordinanza n°89 del 29/01/2020 ordina l'istituzione dei nuovi sensi di marcia nel quadrilatero tra via Archimede, U. Bassi, G. Raffaele, Manin, G. Castriota ed I. La Lumia ► VIA ARCHIMEDE Tratto compreso tra via I. La Lumia e via I. Carini: Istituzione del senso unico di marcia, in direzione di via I. Carini, con obbligo di fermarsi e dare la prece- denza ai veicoli che la percorrono. ► VIA FRANCESCO OMODEI Tratto compreso tra via I. Carini e via I. La Lumia: Istituzione del senso unico di marcia in direzione di via I. La Lumia, con obbligo di dare la precedenza ai ai veicoli che la percorrono. Sosta in senso obliquo sul lato sinistro nel senso di marcia, mantenendo la tariffazione ed i posti riservati. ► VIA FRANCESCO OMODEI Tratto compreso tra via I. Carini e via Ugo Bassi: Istituzione del senso unico di marcia in direzione di via Ugo Bassi, con obbligo di dare la precedenza ai ai veicoli che la percorrono. ► VIA ENRICO ALBANESE Tratto compreso tra via G. Raffaele e via P. Calvi: Istituzione del senso unico di marcia in direzione di via P. Calvi, con obbligo di fermarsi e dare la prece- denza ai veicoli che la percorrono. Sosta in senso obliquo sul lato sinistro nel senso di marcia, mantenendo la tariffazione ed i posti riservati. ► VIA ENRICO ALBANESE Tratto compreso tra via G. Castriota e via P. Calvi: Istituzione del senso unico di marcia in direzione di via P. Calvi, con obbligo di fermarsi e dare la prece- denza ai veicoli che la percorrono. Sosta in senso obliquo sul lato destro nel senso di marcia, mantenendo la tariffazione ed i posti riservati. ► VIA MANIN Tratto compreso tra via P. Calvi e via G. Raffaele: Istituzione del senso unico di marcia in direzione di via G. Raffaele, con obbligo di dare la precedenza ai ai veicoli che la percorrono. ► VIA MANIN Tratto compreso tra via P. Calvi e via G. Castriota: Istituzione del senso unico di marcia in direzione di Via G. Castriota. ► VIA G. CASTRIOTATratto compreso tra via Manin e via E. Albanese: Istituzione del senso unico di marcia in direzione di via E. Albanese.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
28 gen 2020

PON Metro | Nel 2019 spesi più di 9,5 milioni di euro

di Fabio Nicolosi

Il Comune di Palermo ha speso nel 2019 poco più di 9,5 milioni di euro del PON Metro, raggiungendo, e anzi superando di poco, l'obiettivo prefissato di spesa per l'anno. Nonostante il risultato raggiunto, però, il sindaco Leoluca Orlando chiede che le procedure di gara siano più veloci e meno farraginose. Il raggiungimento dell'obiettivo di spesa emerge dai dati forniti dall'Agenzia per la coesione territoriale, l'organismo nazionale che coordina il programma comunitario nelle 14 città metropolitane. Palermo, anche grazie all'assegnazione di alcune premialità, ha una disponibilità complessiva di poco superiore ai 91 milioni di euro da spendere entro la fine del 2023 e divisi su cinque anni di intervento: innovazione tecnologica; sostenibilità, che include azioni per l'efficientamento energetico di immobili e servizi, e interventi per la mobilità sostenibile, interventi e politiche sociali, recupero di immobili da adibire a servizi di valenza sociale e, infine, una mini asse tecnica per la comunicazione e l'assistenza operativa. Già nel 2018, rendicontando circa 14 milioni, Palermo aveva speso quasi il 100% delle somme a disposizione e ora si attesta complessivamente al 102%. Nel corso del 2019, gli interventi che hanno comportato una maggiore spesa sono stati quelli sull'illuminazione pubblica, in particolare i progetti di riqualificazione degli impianti in corso nella zona di Partanna Mondello e della Litoranea Addaura - Arenella (2 milioni di euro) e a Mondello-Valdesi (1,9 milioni). Sul fronte delle politiche e dei servizi sociali, nel 2019 i servizi economicamente più rilevanti avviati sono stati i servizi dell'Agenzia sociale per la casa (570 mila euro), quelli per donne vittime di violenza (400 mila) e i centri di accoglienza diurni-notturni. I dati sono consultabili sul sito www.ponmetro.it "Questi risultati - afferma però il sindaco - sono certamente soddisfacenti e confermano il buon lavoro fatto dagli Uffici comunali che stanno seguendo il PON, ma se le procedure di gara fossero più snelle e veloci, i risultati sarebbero ancora più importanti. Vi sono gare che procedono a rilento, altre le cui commissioni di gara non si riuniscono da mesi, altre ancora per le quali le commissioni non sono state nemmeno formate per mancanza di componenti. Anche per questo ho chiesto di avere un resoconto progetto per progetto, partendo proprio da quelli il cui avvio sta tardando, in modo da poter individuare le cause e poter intervenire. Il PON Metro, come anche il Patto per il Sud, e ora anche l'Agenda Urbana, rappresentano risorse finanziarie straordinarie per risolvere tanti problemi e dare nuovi servizi alla città e non possiamo certo rischiare che lo sforzo della progettazione venga vanificato da norme e procedure troppo burocratiche che appaiono lontane dalla realtà degli enti locali".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 gen 2020

MAL a Palermo, la risposta dell’assessore Catania

di Antony Passalacqua

Le associazioni Sicilia in Treno e l’Associazione Mobilita Palermo accolgono con interesse la risposta che l’Assessore Giusto Catania, cui va il nostro ringraziamento, ha reso pubblica accettando la sollecitazione costituita dalla nota congiunta che le due Associazioni hanno formulato a proposito della possibilità di realizzare a Palermo la Metropolitana Automatica Leggera richiedendone il finanziamento già con riferimento al bando di giugno 2020. E riportiamo qui di seguito la nota integrale dell'Assessore, invitando chi lo volesse a commentare nei gruppi FB di Sicilia in Treno e Mobilita Palermo.     "Grazie alle associazioni SICILIA IN TRENO e Mobilita Palermo per avere posto una domanda chiara ed esplicita all’amministrazione comunale. Mi consentirà di fare chiarezza sulle nostre intenzioni riguardo al futuro della mobilità sostenibile a Palermo. Alla domanda se vogliamo partecipare al bando che scadrà a Giugno 2020 rispondiamo in modo esplicito: stiamo lavorando all’adeguamento del progetto e abbiamo intenzione di presentare istanza al Ministero per la Metropolitana Automatica Leggera (MAL). Come è ben noto l’Amministrazione comunale è già in possesso del progetto preliminare della MAL di Palermo, la cui redazione fu finanziata con il Decreto n. 10403 del 04 Giugno 2004 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che assegnava al Comune di Palermo oltre otto milioni per la progettazione preliminare dell’opera denominata “Metropolitana leggera della città di Palermo, linea Oreto/Notarbartolo-Allaccio hub aeroportuale”. Il progetto preliminare dell’opera, consegnato dall’ATI progettista, risulta oggi approvato in linea tecnica in Conferenza dei Servizi. Nonostante l’esito positivo dell’iter progettuale, essendo l’opera priva della necessaria copertura finanziaria, non può essere approvata in via definitiva dal Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE). Nel corso del travagliato iter che ha infine consentito l’approvazione tecnica, l’amministrazione comunale ha inoltrato innumerevoli istanze agli Uffici competenti, affinché fossero stanziate le risorse finanziarie per la realizzazione dell’opera, ritenuta da sempre di importanza strategica per l’incremento della sostenibilità dei flussi di mobilità urbana ed extraurbana dell'intera area metropolitana di Palermo. La partecipazione al bando di giugno 2020 per l’assegnazione di fonti finanziarie da destinarsi alla realizzazione di infrastrutture per la mobilità di massa è un nostro obiettivo. Bisogna però sottolineare che il bando prevede, unitamente all’istanza, l’inoltro di alcuni elaborati progettuali e di specifiche analisi dei trasporti da redigere secondo indicazioni specifiche. Questi documenti attualmente non sono ricompresi fra quelli facenti parte del progetto approvato. Pertanto, serve un approfondimento tecnico e stiamo valutando con i progettisti e col Ministero di recuperare risorse finanziarie utili a redigere il necessario adeguamento progettuale. Siamo molto fiduciosi che questa interlocuzione possa avere un esito positivo. In ultimo, al riguardo alla possibilità che in futuro sia possibile procedere con l’integrazione tariffaria per utilizzare l’intera offerta di trasporto pubblico della Città di Palermo, si ricorda che l’Amministrazione comunale resta comunque subordinata a direttive europee, leggi statali e regionali che indirizzano la tariffazione del trasporto ferroviario. L'eventuale integrazione “straordinaria” con le linee di trasporto urbano dovrà essere gestita e indirizzata esclusivamente dalla Regione Siciliana. E anche su questo l'interlocuzione è avviata da tempo...

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
22 gen 2020

Ztl notturna, al via dal 31 Gennaio

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa l'avvio della Ztl notturna. Palermo - La Giunta comunale nel corso della seduta di oggi pomeriggio ha approvato la proposta formulata dagli Uffici della Mobilità e dall'assessore Giusto Catania per la modifica del regolamento della ZTL. Secondo il nuovo regolamento la “ZTL Centrale” avrà validità esclusivamente nei giorni della settimana indicati e secondo le seguenti modalità: -TUTTO L'ANNO dal lunedì al giovedì nella fascia oraria 8,00-20,00; DALL’1 MAGGIO AL 31 OTTOBRE: - il venerdì nelle fasce orarie 08,00-24,00; - il sabato nelle fasce orarie 0,00-06,00 e 20.00-24.00; - la domenica nella fascia oraria 0,00-06,00; DALL’1 NOVEMBRE AL 30 APRILE: - il venerdì nelle fasce orarie 08,00-20,00 e 23,00-24,00; - il sabato nelle fasce orarie 0,00-06,00 e 23.00-24.00; - la domenica nella fascia oraria 0,00-06,00. "I dati che ci sono stati forniti dagli Uffici attraverso il monitoraggio dei varchi di accesso alla ZTL- dichiara l'assessore Catania - mostrano chiaramente che durante le ore serali e notturne delle giornate di giovedì, venerdì e sabato si verifica un incremento significativo degli accessi veicolari in corrispondenza dei varchi 'Roma' e 'Porto Salvo', con le conseguenti ricadute negative in ordine ai livelli di inquinamento, congestione veicolare e vivibilità. Proprio questo incremento veicolare e i correlati aspetti di sicurezza pubblica - continua Catania - che sono stati oggetto di recenti riunioni con la Prefettura di Palermo e con le Forze di Polizia, durante le quali è stato posto l'accento sulle criticità che si determinano nel Centro Storico di Palermo durante le ore notturne per via della crescente frequentazione di esercizi pubblici, ci hanno convinto che fosse necessario modificare il regolamento". Si richiama l'attenzione sulla parziale modifica inerente i pass temporanei giornalieri, introdotta al paragrafo 13 del disciplinare in allegato. Infatti, mentre per i permessi giornalieri con accesso in orario diurno potranno essere rilasciati anche a posteriori entro le ore 24,00 del giorno in cui è stato effettuato il transito, per le fasce orarie notturne, è obbligatorio procedere all'acquisto del permesso giornaliero prima dell’ingresso in ZTL. Tale regime potrà essere modificato con il completamento del progetto di controllo elettronico dei varchi. Ovviamente, la validità dei pass giornalieri richiesti per le giornate di venerdì e sabato è estesa fino alle ore 06.00 del giorno successivo senza che sia necessario l'acquisto di un nuovo permesso.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
16 gen 2020

Viabilità | Dal 20 Gennaio chiude via Candelai per la riqualificazione della pavimentazione stradale

di Fabio Nicolosi

Il prossimo 20 gennaio è prevista la chiusura di via Candelai per consentire l'esecuzione dei lavori di riqualificazione della pavimentazione stradale. Questi dureranno circa 70 giorni. L'ufficio traffico rende noto agli automobilisti alcuni percorsi alternativi: 1) Da via Roma: immettersi in via Napoli, piazza Bottego, via Bari, discesa dei Giovenchi, piazza S. Onofrio, via Panneria, via Spirito Santo e raggiungere via Candelai. 2) Da via Montevergini: percorrere via Celso via S.Agata alla Guilla, piazza Sett’Angeli, via dell’Incoronazione, via Matteo Bonello, via Papireto, piazza V. Emanuele Orlando, via Nicolò Turrisi, via Salesio Balsano, via Volturno, piazza Giuseppe verdi, via Cavour, via Roma, via Napoli, piazza Bottego, via Bari, discesa dei Giovenchi, piazza S. Onofrio, via Panneria, via Spirito Santo e raggiungere via Candelai. 3) Da via V. Emanuele: precorrere via Matteo Bonello, via Papireto, piazza V. Emanuele Orlando, via Nicolò Turrisi, via Salesio Balsano, via Volturno, piazza Giuseppe verdi, via Cavour, via Roma, via Napoli, piazza Bottego, via Bari, discesa dei Giovenchi, piazza S. Onofrio, via Panneria, via Spirito Santo e raggiungere via Candelai. 4) Da corso Alberto Amedeo: percorrere piazza V. Emanuele Orlando, via Nicolò Turrisi, via Salesio Balsano, via Volturno, piazza Giuseppe verdi, via Cavour, via Roma, via Napoli, piazza Bottego, via Bari, discesa dei Giovenchi, piazza S. Onofrio, via Panneria, via Spirito Santo e raggiungere via Candelai. 5) Da corso Camillo Finocchiaro Aprile: percorrere piazza V. Emanuele Orlando, via Nicolò Turrisi, via Salesio Balsano, via Volturno, piazza Giuseppe verdi, via Cavour, via Roma, via Napoli, piazza Bottego, via Bari, discesa dei Giovenchi, piazza S. Onofrio, via Panneria, via Spirito Santo e raggiungere via Candelai. 6) Da via Goethe: percorrere via Nicolò Turrisi, via Salesio Balsano, via Volturno, piazza Giuseppe verdi, via Cavour, via Roma, via Napoli, piazza Bottego, via Bari, discesa dei Giovenchi, piazza S. Onofrio, via Panneria, via Spirito Santo e raggiungere via Candelai. 7) Da piazza Delle Stigmate/via Antonio Amico percorrere: via Alessandro Scarlatti, via Gaetano Donizzetti, piazza Giuseppe Verdi, via Cavour, via Roma, via Napoli, piazza Bottego, via Bari, discesa dei Giovenchi, piazza S. Onofrio, via Panneria, via Spirito Santo e raggiungere via Candelai.

Leggi tutto    Commenti 6