Articolo
15 mar 2017

Tre auto elettriche consegnate al comando provinciale dei carabinieri

di Fabio Nicolosi

Sono state consegnate ai carabinieri del comando provinciale tre Renault Zoé elettriche. La city car monta una nuova batteria capace di ricaricarsi con rapidità alle stazioni di ricarica a corrente alternata. Se guidata in percorsi urbani e periurbani, in condizioni di guida reali, l'autonomia di percorrenza è di circa 300 km con una velocità massima di 135 km/h. I bassi consumi, le altissime prestazioni e l'inquinamento prossimo allo zero, fanno dell'auto elettrica una grande innovazione ed è con questo spirito che le vetture sono state assegnate: una alla com pagnia di Piazza Verdi per muoversi nel dedalo di vie che costituiscono il centro storico di Palermo in linea con l'Ordinanza comunale che ha istituito la Ztl, una alla stazione dell'aeroporto «Falcone-Borsellino» e la terza alla compagnia di Cefalù, per vigilare le stradine di uno dei borghi più belli d'Italia

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mar 2017

Sovrappassi pedonali| Ascensore distrutto dai vandali: la videosorveglianza funziona davvero?

di Giulio Di Chiara

Nel nostro gruppo facebook ci segnalano brutte notizie: come si evince dalla foto pubblicata qualche giorno fa da F. Grillo, l'ascensore del sovrappasso di via Nazario Sauro, all'altezza di Piazza Einstein, l'ascensore è fuori uso ma non per un guasto tecnico, bensì per un altro atto di vandalismo. Inutile trovare un aggettivo per gli autori di questo "schifo", purtroppo la mamma dei cretini è sempre incinta. Il grado del danno recato alla struttura è talmente evidente che non è possibile dubitare sulla volontarietà del gesto. Oltre al danno, la beffa per quelle persone che utilizzano usualmente il sovrappasso e non possono utilizzare le scale per problemi fisici. Tuttavia, sapevamo e sapevano tutti che questi episodi sarebbero avvenuti ma ad oggi non abbiamo mai avuto notizie di indagini a seguito della visione di filmati provenienti dal sistema di videosorveglianza installato. Non solo in questo sovrappasso, ma anche in tutti gli altri dove si sono verificati casi analoghi, come muri sporcati da spray e vernici. Non dubitiamo sull'infrastruttura che c'è e si vede, ma sulla sua reale attività che dovrebbe consentire la sanzione penale degli atti di vandalismo attraverso la visione dei filmati. Insomma, ci chiediamo se dietro a questi schermi ci sia qualcuno che si attivi in sinergia con le forze dell'ordine. Siamo ben consci che alcune volte non bastano nemmeno i filmati per risalire ai malfattori, ma i cittadini che spesso si ritrovano a dover rinunciare ad un servizio chiedono (giustamente) delle spiegazioni. Se mai fosse possibile rendere pubbliche alcune di queste immagini, forse si darebbe più credibilità a questo servizio che non viene spesso percepito dalla collettività, la quale tende a dubitare sulla sua reale funzionalità. Confidiamo che gli enti preposti possano comunicarci qualcosa in tal senso, AMAT in primis che è gestore dell'infrastruttura, anche soltanto per confermarci che la videosorveglianza c'è e lavora, spiegandoci come funziona in generale questo servizio, con i suoi punti di forza e debolezza. Mettiamo a disposizione questo spazio di AMAT o delle Forze dell'Ordine per un confronto chiarificatore.  

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
03 mar 2017

Monreale | Vita dura per i “furbetti” della strada: arriva lo Street Control

di Fabio Nicolosi

Anche la polizia municipale di Monreale da Mercoledì 1 Marzo si è dotata di “Street Control”: l’incubo degli automobilisti indisciplinati. L’apparecchiatura che sarà montata sulle automobili bianco e blu del Corpo dei vigili urbani e che consentirà di rilevare in tempo reale tutte le infrazioni al codice della strada con rilevamento immediato delle targhe anche con la pattuglia in movimento. Sarà quindi tolleranza zero per le strade di Monreale e del comprensorio. Una sorta di Grande Fratello che monitorerà in modo silenzioso il traffico veicolare e che farà multe “a strascico” a tutti i mezzi che risulteranno non in regola. Attraverso lo speciale apparecchio sarà garantito quindi ordine e disciplina nonché la sicurezza lungo le strade della città. In particolare il sistema non perdonerà proprio nessuna trasgressione al codice della strada; saranno rilevate e multate infatti le auto in doppia fila e in sosta vietata. Ma non finisce certo qui. Ad essere rilevate dallo Street Control che è collegato con banche dati assicurative e registri di automobili, saranno tutti i mezzi non in regola con gli obblighi assicurativi, privi di revisione e di tassa di circolazione. L’apparecchio rileverà, grazie al collegamento diretto con i database delle forze dell’ordine, anche tutte le auto rubate che passeranno sotto l’attento obiettivo che può rilevare fino a 100 targhe contemporaneamente. Tutto ciò faciliterà l’attività sanzionatoria, renderà più omogenei gli interventi delle pattuglie e velocizzerà la procedura. Considerato che, secondo le statistiche, 10 automobili su 100 sono sprovviste di assicurazione si prevede che il parco auto circolante nelle strade, grazie alla presenza costante dello Street Control, diminuisca di almeno il 10%. Arriveranno anche dei tablet con collegamento con banche dati ANIA e che avranno la stessa funzione dello Street Control, grazie allo scatto di una fotografia si potranno controllare e multare i mezzi in circolazione. Anche sugli smartphone in dotazione alla polizia municipale sarà installata un’applicazione che consentirà il controllo in real time dei veicoli. Durante le prossime settimane, in sinergia con i Carabinieri di Monreale e al fine di aumentare la sicurezza lungo le strade monrealesi, saranno organizzati posti di controllo nei pressi delle via d’accesso alla città. Articolo tratto da: MonrealeNews e Filodiretto Monreale

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
15 feb 2017

Tutti i tavoli tecnici di “Palermo Capitale Giovani 2017″ in 142 PAROLE…

di Giulio Di Chiara

[CURIOSITA' INIZIALE] Benvenuti, siamo tantissimi e abbiamo una grande occasione. QUALE? Valorizzare, attrarre, fare rete, percorso, ascoltarVI, mettere a sistema, GIOVANI..... OK, CHE BELLO! COSA FACCIAMO ? Scegliete il vostro tema di riferimento e recatevi nella stanza assegnata, dove ci saranno dei moderatori. [...] Eccoci, benvenuti a tutti. Presentatevi e fateci delle proposte. PROPOSTE PER I GIOVANI? PROPOSTE DI AZIONI CON I GIOVANI? Proposte. Generiche. Se non arrivate a parlare, compilate il form online. MA POI CHE SUCCEDE? In caso possiamo anche auto ri-convocarci. Probabilmente ci rivedremo. Le vostre proposte forniranno al Comune di Palermo un'indicazione per interventi e azioni. CON I GIOVANI? In generale. MA LE NOSTRE PROPOSTE POSSONO AVERE UN SEGUITO?  In generale...non è che ci danno soldi per questa nomina, è un riconoscimento..... ci sono progetti già avviati che rientreranno nel programma di questa candidatura... magari qualcuno verrà valorizzato.. [...]   Quello che avete letto non è un dialogo reale, ma una sintesi ricostruita dei tavoli tematici per "Palermo Capitale Italiana dei Giovani 2017". Un'occasione che ha spinto tanta gente e tante associazioni a partecipare ma che non ha fornito una guida chiara rispetto al percorso (se c'è) e agli obiettivi dell'iniziativa. Quali obiettivi? Purtroppo è stato veramente difficile coglierli e in certi frangenti è mancata la contingenza con il tema dei giovani. Alcuni partecipanti, presenti in altri gruppi di lavoro, hanno definito il tutto come "una passerella per associazioni" e nulla più. Non sosteniamo che tutto andrà perso, ma il disorientamento nei volti dei partecipanti era evidente. Non sapremo cosa accadrà, se accadrà e perchè accadrà, ed è stato tornare a casa con questo interrogativo. Ci è sembrato tutto improvvisato e a tratti distante dal tema della candidatura. E' stato fatto perchè probabilmente si doveva fare. Anche questa volta, speriamo che il tempo ci smentisca. Per completezza: a questo link è possibile compilare la scheda relativa alla PROPOSTA da avanzare al Comune di Palermo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 feb 2017

Altro che 8000 multe per doppia fila: ecco i dati reali forniti dalla Polizia Municipale

di Fabio Nicolosi

Venerdì scorso avevamo pubblicato un articolo dove, riprendendo un articolo di Repubblica, citavamo alcuni dati circa le multe elevate dal servizio street control. Molti di voi ci hanno fatto notare che il numero delle sanzioni sembrava essere troppo contenuto e quindi abbiamo chiesto chiarimenti proprio al comando di Via Dogali che ci ha risposto: Lo Street Control nel 2016 ha rilevato le seguenti violazioni: 31.176 "soste irregolari" (e fra queste circa 8.000 doppie file e 369 soste su pista ciclabile) e 7.288 "circolazione su corsie riservate/emergenza", per un totale di 38.464 violazioni Abbiamo posto in evidenza le 369 sanzioni su piste ciclabili perchè, contrariamente a ciò che si pensa, è un aspetto che curiamo particolarmente perchè volto alla tutela dell'utenza debole Le vetture utilizzate dal servizio sono, in media, due per turno (mattina e pomeriggio dal lunedì al venerdì). Le sanzioni totali per sosta risultano essere: 161.164 di cui 38.464 con street control Le cifre più corpose riguardano le seguenti violazioni: 18.487 per divieto di sosta con rimozione veicolo 17.598 in prossimità incrocio 12.859 sul marciapiedi 12.077 doppia fila 11.965 strisce pedonali 10.428 (sosta in aree pedonali, passo carrabile , non vicino margine dx carreggiata in corrispondenza scivolo disabili, piste ciclabili) Adesso, i numeri sembrano essere più chiari e più adatti al caos giornaliero che tutti abbiamo sotto gli occhi. Aiutandoci con la matematica facciamo qualche calcolo: Considerando che il servizio è attivo dal lunedì al venerdì ed escludendo i festivi il servizio è stato attivo per 253 giorni Se il numero delle violazioni è 38464 e il numero dei giorni è 253, il numero di contravvenzioni giornaliere elevate da questo servizio è pari a 152,03. BEN 152 MULTE AL GIORNO! Un numero da brividi che fa proprio riflettere, come in città ci sia proprio bisogno di una maggiore educazione civica e un maggior rispetto del codice della strada. Dati su cui il futuro candidato sindaco dovrà riflettere, perchè se da un lato questi sono soldi che l'amministrazione intasca, dall'altro sono un grosso segnale di come la città sia infestata di auto in perenne violazione del codice della strada. Sarebbe anche interessante sapere quante di queste multe vengono pagate e a quanto ammonta l'incasso.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
07 feb 2017

Parco Cassarà 13% COMPLETED | E’ arrivato il momento “tanto atteso” dello spot elettorale?

di Giulio Di Chiara

Che fine farà questo parco? Non lo sappiamo, oramai subiamo i fatti che ci vengono propinati. Mentre la gente e i bambini delle scuole protestano dietro i cancelli, la magistratura fa il suo corso. A Marzo del 2016 raccontavamo delle lungaggini burocratiche che stanno tenendo quest'area lontana dai cittadini e scommettevamo sull'evoluzione della vicenda. Per adesso, ci stiamo prendendo in pieno. approvazione del bilancio comunale in cui devono essere preventivati 600.000€ da destinare alla caratterizzazione dell’area (ottobre 2015) gara pubblica per l’affidamento ad uno studio professionistico che dovrà eseguire le attività di caratterizzazione affidamento incarico e inizio delle attività di caratterizzazione (Gennaio-Febbraio 2016?) termine delle attività di caratterizzazione (in cui verranno coinvolti tecnici del comune, della provincia e dell’ARPA), presumibilmente entro Luglio 2016 A Luglio 2016 scadrà l’affidamento temporaneo dell’area al Comune, affidamento che inevitabilmente dovrà essere prorogato dal procuratore Bando per l’affidamento dei lavori di bonifica Affidamento dell’incarico e avvio dei lavori di bonifica Termine della bonifica e provvedimento del procuratore che sancisce la riconsegna definitiva dell’area al Comune e riapertura del parco. A che punto è l'iter? Il punto evidenziato in grassetto indica l'esatto avanzamento ad oggi. Giusto qualche giorno fa il Comune ha comunicato infatti che "entro il mese di febbraio sarà indetta la gara per la caratterizzazione dei rifiuti pericolosi nell’area del Parco Cassarà che renderà possibile la pianificazione degli interventi di rimozione e bonifica nelle tre aree sottoposte a sequestro dalla magistratura e, quindi, la progressiva riapertura alla fruizione pubblica in condizioni di sicurezza e salubrità". C'è la magagna sotto? Nell'articolo dell'anno scorso titolavamo la notizia con "Il Parco Cassarà in letargo potrebbe essere “svegliato” in vista delle prossime elezioni?". Quel titolo non era buttato lì a caso, per un motivo fondamentale: come più volte ripetuto,  la parte denominata verde del parco ha già assistito ad un intervento di bonifica del suolo e esiste un documento ufficiale relativo ad un sopralluogo congiunto con i tecnici di NOPA, ARPA e Coime avvenuto nel Febbraio 2014, dove viene riportato che quest'area può essere fruita dai visitatori, in quanto non sussistono valori di inquinamento che superano i limiti previsti dalla legge. Nonostante ciò, il magistrato ha continuato a confermare la chiusura dell'intero parco. Il Comune di Palermo, dal canto suo NON ha mai richiesto a gran voce la riapertura parziale a fronte di questo documento. Ecco che arriviamo al riferimento delle prossime elezioni. Nel comunicato di qualche giorno fa leggiamo anche che: Allo steso tempo gli uffici dell’amministrazione hanno richiesto all’autorità giudiziaria l’autorizzazione all’accesso nella zona rossa sottoposta a sequestro perché si possa da subito procedere alla rimozione dell’amianto visibile senza attendere la fine delle procedure di caratterizzazione. Questi lavori saranno svolti con fondi dell’amministrazione comunale.   QUINDI? Quel che ci turba è come mai, giusto adesso il comune riesce a avanzare richieste parallele al magistrato, chiedendo fondamentalmente delle deroghe al provvedimento, mentre dal 2014 ad oggi non ha avuto la stessa energia per richiedere la riapertura parziale con tanto di documenti che suffragano la bontà della richiesta. Non insinuiamo, ma proviamo a ragionare a voce alta.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
07 feb 2017

Controlli autovelox per il rispetto dei limiti di velocità, i presidi di Febbraio

di Mobilita Palermo

La direzione del Corpo di Polizia Municipale informa di aver disposto presidî mobili di controllo con l’uso di Autovelox in vari siti della città, come previsto dal decr. pref. 45/2006 e successive integrazioni, per garantire la sicurezza della circolazione dei veicoli e dei pedoni attraverso il rispetto dei limiti di velocità. Vi segnaliamo quelle che saranno le postazioni dove sarà possibile trovare gli autovelox nella settimana da lunedì 06 febbraio a domenica 12 febbraio: APP. 105/SE Viale Reg. Sic. N.O. Carr. Centrale dir. CT, Viale Reg. Sic. N.O. Carr. Centrale dir. TP, Viale Reg. Sic. S.E. Carr. Centrale dir. CT, Viale Reg. Sic. S.E. Carr. Centrale dir. TP APP. 105/SE MOBILE su strade urbane locali Viale Diana, Viale dell'Olimpo, Via Lanza di Scalea, Viale M. di Savoia, Viale Ercole, Viale Michelangelo, Via E. Basile. BOX FISSO Viale R. Siciliana N.O. Carr. Centrale alt. La Loggia dir. TP, Viale R. Siciliana N.O. Carr. Centrale alt. Civ. 3666 dir. CT, Viale R. Siciliana N.O. Carr. Centrale alt. P.Pe di Paternò dir. TP TELELASER Via Pitrè, Via Libertà, Viale Diana, Viale Ercole, Via Croce Rossa, Via Oreto, Viale dell'Olimpo, Via Nicoletti, Viale del Fante.. Via Pitrè, Via Libertà, Viale Diana, Viale Ercole, Via Croce Rossa, Via Oreto, Viale dell'Olimpo, Via Nicoletti, Viale del Fante.. Viale R. Siciliana N.O. Carr. Laterale dir. CT Viale R. Siciliana N.O. Carr. Laterale dir. TP Viale R. Siciliana S.E. Carr. Laterale dir. TP Viale R. Siciliana S.E. Carr. Laterale dir. CT

Leggi tutto    Commenti 0