20 apr 2016

Passante Ferroviario | Tra Via Tranchina e la futura fermata La Malfa mancano solo i binari


Le belle giornate e il bel tempo aiutano sicuramente chi ci invia le foto, ma sopratutto gli operai che lavorano, ecco quindi che vi mostriamo lo stato di avanzamento dei lavori tra le fermate di San Lorenzo e Tommaso Natale.


 

Dopo aver realizzato la paratia di pali accostati e realizzato il cordolo a sommità della stessa, si è provveduto a scavare la trincea.
Alla base di essa si è realizzato un magrone di calcestruzzo che ospiterà la sede dei binari.

Prima dell’inizio dei lavori infatti la ferrovia qui scorreva in superficie, mentre è previsto il suo interramento.

Come si nota dalle foto sono stati già realizzati i cavidotti per il passaggio dei numerosi cavi per il corretto funzionamento di tutti gli apparati tecnologici ad utilizzo del servizio.

Il prossimo passo sarà quindi la cosa del ballast su cui posare le traverse e infine i binari.
Ultima, ma non per questa fondamentale, sarà la collocazione dei pali per la catenaria e infine l’installazione della linea ad alta tensione.

Ringraziamo giovanni75 per gli scatti:


capacicomitato viale delle alpifranciaibleiisola delle femminelavori passante ferroviario tommaso natalelavori tommaso natalemarinellamobilita palermomontemontipassante ferroviariopassante ferroviario palermopfppiazza tommaso natalerfisan lorenzo colliSISstato dell'artestato lavoristazione di tommaso nataletempistichetommaso nataletrafficotratta btratta b passante ferroviariotrenitaliavia daidonevia monti ibleiviale delle alpiviale delle alpi palermoviale franciaviale lazio palermo

2 commenti per “Passante Ferroviario | Tra Via Tranchina e la futura fermata La Malfa mancano solo i binari
  • Guarino1 181
    20 apr 2016 alle 17:37

    Ottimo reportage!
    Per il piano in superficie quale sarebbe il progetto? Cosa si intende realizzare? Si riesce a trovare?

    • Fabio Nicolosi 48181
      21 apr 2016 alle 0:49

      Purtroppo non vi è alcuna notizia in merito alla futura sistemazione delle aree superficiali in oggetto. Dovrà essere il comune a dettare le linee guida, ma al momento al comune fanno orecchie da mercante


Lascia un Commento