22 lug 2010

Cordoli via Maqueda: come non affrontare i veri problemi del traffico a Palermo


E’ passato solo un giorno da quando ieri, 22 Luglio, abbiamo riportato la testimonianza di A. Avanzi,  ingegnere milanese in visita turistica a Palermo durante lo scorso mese di Giugno. Un racconto molto lucido con le sue impressioni sul traffico a Palermo e le condizioni carenti del servizio pubblico. Bus intrappolati nel traffico, mancanza di corsie preferenziali, traffico paralizzato, caos etc.

Non è tardata ad arrivare ulteriore conferma al racconto del nostro amico.

Qualcuno si lamenta. Forse qualche personaggio incravattato? O forse qualcuno che in passato definiva i cordoli assassini paventando incidenti? Magari qualcuno che vuol tornare alla carica sulla questione cordoli, ma senza esporsi troppo viste le sonore cantonate prese in passato

Ricordiamo come lo scorso anno, nell’Aprile 2009, il consigliere Salvatore Orlando attraverso la stampa definì i cordoli illegali, assassini e pericoli.

Eppure non ci vuole una così grande elasticità mentale per capire che il traffico lungo via Maqueda, non è altro che la ripercussione del tappo veicolare che si verifica all’incrocio con Corso Tukory. E’ l’incrocio semaforico con corso Tukory il problema. Bisognerebbe avere il coraggio di affrontare i veri problemi del traffico anzichè usare i cordoli come capro espiatorio.

Eppure il Gds attraverso il proprio camper, ha affrontato svariate volte  il problema dei ritardi bus; e sembra strano che in questa occasione si voglia dare spazio ad una “disincentivazione” del mezzo pubblico. Pur senza nulla togliere al diritto di cronaca.

Ancora una nota: i cordoli in via Maqueda non sono stati installati circa 4 mesi come erroneamente riportato nell’articolo, ma a Novembre 2009 così come indicato nel seguente link.Pertanto in pieno periodo scolastico.

Pretendiamo un buon servizio pubblico celere? L’installazione dei cordoli è una base di partenza. Attendiamo sempre risposta da parte dell’Amat circa le nostre proposte sulla creazione di nuove corsie preferenziali con l’installazione di cordoli.


comune di palermoCORDOLIcordoli via maquedamobilita palermosalvatore orlandoSegnalatitrafficovia maqueda palermo

16 commenti per “Cordoli via Maqueda: come non affrontare i veri problemi del traffico a Palermo
  • peppe.pa 0
    22 lug 2010 alle 7:58

    ma veramente non è che prima la via maqueda fosse scorrevole come un’autostrada a 4 corsie, no? E’ il tratto finale, come avete detto voi, il vero problema… Certo che mi piacerebbe sapere chi è questo “deus ex machina” che ha il potere di scomodare il giornale di sicilia!!

  • turi77 110
    22 lug 2010 alle 8:47

    Beh, è chiaro che moltissimi commercianti basano i loro affari sulle auto parcheggiate in doppia, terza e quarta fila (vedi corso finocchiaro aprile). Chi ha “scomodato il giornale di sicilia” ha come unico scopo quello di intercettare questo grande bacino di voti..e non certo di risolvere il problema del traffico.. ne tantomeno proteggere i suoi concittadini dai “pericolosi” cordoli!
    Avete presente le proteste per il passante ferroviario a cardillo? Qui cambia l’argomento, ma la storia è sempre la stessa! E’ SEMPRE LA STESSA DA 6O ANNI MALEDIZIONE!

  • mediomen 1142
    22 lug 2010 alle 10:12

    Non leggo mai i giornali per avere informazioni, ma per capire dove è la disinformazione. Mi spiego meglio, se il giornale dice che i cordoli non funzionano, vuol dire che funzionano ma danno fastidio a qualcuno. Se dessero fastidio agli automobilisti non è notizia e non l’avrebbero data. Allora la notizia serve a qualcosa o qualcuno in particolare, ma questo non viene detto.

  • phrantsvotsa 465
    22 lug 2010 alle 10:43

    Ma poi in ogni caso…stiamo scherzando? Le strisce che delimitano la corsia preferenziale non possono essere oltrepassate comunque, per cui se venissero rispettare si avrebbe comunque questo caos. Ma allora di che stiamo parlando? Si esorta l’automobilista a infrangere il codice? Io non ho più parole…mi viene solo da svomare e scusate il termine!

  • Metropolitano 3345
    22 lug 2010 alle 12:18

    In Via Leonardo da Vinci in direzione delle autostrade, subito dopo l’incrocio con via/piazza Malaspina sul lato opposto del venditore di “Pani Ca Meusa” affianco del palazzo dell’assessorato alla Salute trovo quasi sempre auto parcheggiate in doppia fila, ma questo è niente, già perchè quando parcheggiano in doppia fila si permettono pure di occupare la corsia preferenziale, tuttavia non delimitata da cordoli ma da strisce bianche e gialle sbiadite.

  • Luca 129
    22 lug 2010 alle 12:39

    Io rilancio una soluzione semplice e immediata:
    mettere i paletti di acciaio a bordo marciapiede, in modo da non farci salire le macchine.
    E’ abbastanza semplice, e preventivo. E cmq serve inasprire le multe in modo esemplare per fermare questo stato di incivilta’: e non parlo solo della doppia fila, ma anche della sosta di fronte alle fermate dei bus, sulle strisce, in zone vietate, ai venditori abusivi, ai posteggiatori abusivi, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.
    Multe vere, non 50 euro…

  • Metropolitano 3345
    22 lug 2010 alle 12:51

    I paletti d’acciaio sarebbero utili anche per le piste ciclabili. Laddove mancano multe di almeno 200€. Ma secondo me i vigili non fanno neppure multe da 50 in questi casi. Quelli dormono o se svegli non svolgono bene il loro lavoro.
    Per le corsie degli autobus ci vogliono quei sistemi telecomandati dal conducente dell’autobus che nel momento in cui passano gli autobus i pali si abbassano e poi si rialzano subito dopo che il mezzo è entrato nella corsia preferenziale; così le corsie riservate sarebbero considerate zone inviolabili. Le sole strisce non significano niente per i tanti incivili che brulicano in questa città.

  • ciko 85
    22 lug 2010 alle 13:39

    non capisco: che si deve fare, toglierli, cosi ci si può infilare con più facilità nelle corsie preferenziali???

  • aziz 74
    22 lug 2010 alle 14:19

    Minchia sto Di peri ha propio la faccia di “chiddu ca sinni futti”,tanto le cose non possono cambiare a Palermo e quindi perchè affaticarsi tanto!!

  • Metropolitano 3345
    22 lug 2010 alle 16:03

    E’ quello che desiderano i commercianti della zona, ciko, nonchè gli automobilisti che vanno abitualmente in quei negozi.
    Tanto a quelli che glie ne frega dei problemi alla circolazione urbana ?
    Già corso Tukory è un disastro, ed invece di pretendere un miglioramento della percorribilità almeno dei mezzi pubblici la si vuole penalizzare e costoro pretendono di rimuovere i cordoli dalla via Maqueda.
    Non imparano mai !

  • Metropolitano 3345
    22 lug 2010 alle 16:06

    Comunque io l’ho notato pure che il problema si verifica solo in prossimità dell’incrocio con Corso Tukory, e non ci vuole molto a capirlo. Si migliori Corso Tukory o quel disagio continuerà a dare ripercussioni anche alla parte finale di via Maqueda. Le code in Corso Tukory poi coinvolgono anche la via Maqueda.

  • bacillino80 87
    22 lug 2010 alle 17:04

    Vi esorto a guardare questo video che ho girato nell’ultimo tratto di corso finocchiaro aprile lunedì pomeriggio intorno alle 18. E siamo solo in estate….
    Che dire?? VERGOGNOSO!!! Le macchine posteggiate in terza fila! E i motorini ovunque, gli ambulanti sui marciapiedi e la gente “intamata” che mette le 4 frecce al centro della strada e si ferma!
    Sono senza parole. Ha ragione quel signore di Milano. E’ vergognosamente triste questa realtà palermitana.

  • aziz 74
    23 lug 2010 alle 15:50

    Facciamo cosi’,diventiamo tutti incivili e tutto ci sembrerà normale all’improvviso,invece di mangiarci il fegato giornalmente vedendo lo scempio di una città che muore abbandonata da tutte le istituzioni che se ne strafottono e dagli stessi cittadini che la trattano come se fosse il cesso più sporco del mondo,la situazione è veramenta drammatica perchè non c’è neanche la minima percezione di un piccolo miglioramento nel breve anzi si addensano nubi oscure come Bellolampo e chissà cos’altro.La speranza riposta sulle nuove infrastrutture come il tram o la metrò (ma quando?)rimane tale e niente più se non sarà coordinata da una gestione regolare e limpida e che punti su una reale svolta dell’ urbanistica,fatta di isole pedonali e chiusura del centro storico con i nuovi servizi in grado di sostituire in toto l’uso dell’auto nelle zone nevralgiche della città.Io cmq sono prossimo alla rassegnazione,sono stanco di vergognarmi quando una turista fa le foto alle macchine sul marciapiede in pieno centro o alla munnizza dietro l’abside della nostra meravigliosa cattedrale.Sbattiamo contro un muro di gomma!!!

  • civispanormitanus 164
    23 lug 2010 alle 16:56

    Per l’unica soluzione logica è chiudere via maqueda al traffico e far transitare solo autobus, allora si che lo smog sarebbe ridotto!

  • Calò 80
    23 lug 2010 alle 20:29

    Se prima non si migliora la rete bus chiudere via Maqueda diventa difficile. E per migliorare la rete bus intendo tracciati diversi dagli attuali, cordoli ove possibile, più autobus e una frequenza maggiore sulle linee che dalle periferie portano al centro.


Lascia un Commento