Articolo
19 mag 2010

La replica di Ferrandelli

di Andrea Baio

Riportiamo qui di seguito la replica del consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli, all'articolo inerente la protesta contro il passante ferroviario organizzata dal comitato di Cardillo e alcuni esponenti del partito, pubblicato da noi in data 17 maggio 2009 Ciao a tutti Non vi nascondo sinceramente che essere accusato di pressapochismo e di tutto quello che leggo, mi dispiace molto. Io lavoro realmente per questa città e per i palermitani ogni giorno per oltre 14-16 ore senza sosta (e vi assicuro che sono realemnte tante) con l'unica spinta che è quella di cambiare Palermo in meglio per tutti noi, per quanto possibile nelle mie forze e capacità, e per i nostri figli. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 43
Articolo
17 mag 2010

Ferrandelli va all’attacco… ma Di Pietro non gradirebbe!

di Andrea Baio

Apprendiamo dai giornali che i lavori per la realizzazione del passante ferroviario sono stati interrotti da un sit-in in zona Tommaso Natale-Cardillo, organizzato dal consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli e i cittadini aderenti al comitato per il no. Secondo quanto dichiara Ferrandelli: "È grande la soddisfazione quando cittadini e parti istituzionali rappresentative si uniscono per raggiungere insieme un obiettivo, e questa unione ha permesso che lo scempio architettonico, urbanistico e paesaggistico venisse al momento bloccato. Abbiamo chiesto l'immediata sospensione dei lavori e ottenuto la convocazione di un tavolo tecnico, in programma giovedì alle 17 a Villa Trabia, al quale prenderemo parte assieme al comitato cittadino di quartiere, al vicesindaco e assessore al Traffico Scoma e all'assessore ai Lavori pubblici Sergio Rappa. La proposta che Italia dei valori e il comitato locale dei cittadini fanno - continua Ferrandelli - è l'interramento della tratta in questione. Bloccheremo i lavori ogni giorno fino a quando l'amministrazione non accoglierà, dopo il tavolo di giovedì, le giuste istanze del territorio" (fonte:palermo.repubblica.it) Antonio Di Pietro all'inaugurazione del passante ferroviario (da Trenodoc) (altro…)

Leggi tutto    Commenti 77
Articolo
21 apr 2008

Via Bernini ferma al “palo”

di Giulio Di Chiara

Tratto da Repubblica.it I lavori si sono conclusi, ma via Bernini è ancora chiusa al traffico. A sollevare il caso è il comitato "No al muro circonvallazione", nato a febbraio da un´idea di Riccardo Colaianni, che abita a monte di viale Regione siciliana ed è stanco di sopportare ore di coda per raggiungere uno svincolo. Colaianni lanciò l´idea di creare un comitato dalle colonne di Repubblica e, in soli due mesi, ha raccolto più di cento adesioni. ...Continua a leggere

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 apr 2008

Piazzale Campania atto I

di Giulio Di Chiara

[photoxhibit=4] Clicca sulla foto per leggere l'articolo di Repubblica. Apprendiamo di come l'azione di tale comitato vada avanti ma non è molto condivisibile la loro posizione, visto che il genere di struttura progettata, nelle idee, è assolutamente innovativa e riqualificante per un'area che, attualmente, grava in un degrado urbano notevole, soprattutto in rapporto al contensto in cui si inserisce. Il progetto rinvigorirebbe un arredo urbano oramai dissestato (vedesi spartitraffico centrale oramai ricettacolo di immondizie, feci animali e a volte anche carcasse di automobili), oltre che aggiungere valore architettonico e commerciale all'intero quartiere. Inoltre, si troverebbe una soluzione definitiva all'incompiuto fondo Terrasi, oramai abbandonato da tempo immemore ma opportunamente recintato per chissà quale futuro cantiere... (altro…)

Leggi tutto    Commenti 17
Articolo
02 apr 2008

Via Crispi contro la pista ciclabile

di Giulio Di Chiara

Tratto da LA REPUBBLICA (01 aprile 2008) I residenti: "Traffico caotico". L´albergatore: "Andrò dal giudice" di Sara Scarafia I residenti hanno già avviato una raccolta di firme, mentre la direzione dell´hotel Ponte ha scritto una lettera al sindaco Diego Cammarata e minaccia di rivolgersi alla magistratura. La pista ciclabile di via Crispi finisce sotto accusa: «La verità è che questa amministrazione non sa nemmeno copiare dalle altre città», dicono gli abitanti della strada che costeggia il porto. La corsia riservata ai ciclisti, opera da un milione e 137 mila euro che collegherà per sei chilometri via Archirafi alla Favorita, nel tratto di via Crispi lato mare, subito dopo piazza Tredici Vittime, non piace a nessuno. Secondo residenti e commercianti è troppo larga e, proprio dove la strada si restringe a causa del cavalcavia, crea un imbuto che avrà pesanti ripercussioni sul traffico. «Basta guardarla per rendersi conto di quanto è fatta male - dice Achille Porcelli, residente al civico 119 di via Crispi - Si allarga proprio qui dove c´è il cavalcavia e la strada si restringe: subito dopo il semaforo del porto, dove si poteva tranquillamente allargare, invece si dimezza». (altro…)

Leggi tutto    Commenti 12