Articolo
10 apr 2017

Nuove linee tram, pronto il bando internazionale per la progettazione

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa il nuovo bando internazionale per l'ampliamento dell'attuale rete tramviaria in città.     Palermo - Sarà approvato questa settimana il Bando internazionale, con procedura aperta per la progettazione generale della seconda fase del Sistema Tram Palermo e per la progettazione definitiva del I stralcio, riguardante tre tratte in particolare: - Tratta A 6 /1- prolungamento della linea 1 esistente per Km 11,550 (A/R), dalla Via Balsamo alla Viale Croce Rossa - Tratta B 5/1 - prolungamento della linea 1 esistente per Km 1,330 (A/R), dalla Stazione FF.SS. Notarbartolo alla Via Duca della Verdura. Tratta Linea Stazione FF.SS. Notarbartolo, Via Notarbartolo sino a Via Duca della Verdura (angolo Via della Libertà) - Tratta C 4/1 – prolungamento della linea 3 esistente per km 8,180 (A/R), secondo l’attuale schema (singolo binario per ogni carreggiata), lungo Viale della Regione Siciliana sino alla Stazione FF.SS. Orleans. Tratta Linea Svincolo Calatafimi, Viale della Regione Siciliana, Via Ernesto Basile, Stazione FF.SS. Orlean   Il concorso è aperto agli Architetti e agli Ingegneri singoli o in raggruppamenti, iscritti nei rispettivi Ordini professionali o Registri professionali dei paesi di appartenenza, abilitati all'esercizio della professione. Possono partecipare anche ingegneri e architetti junior, nei limiti previsti dalla legge. La partecipazione al concorso sarà possibile esclusivamente online tramite il portale www.concorrimi.it Il costo massimo dell'intervento GENERALE da realizzare è fissato nell'importo di 657 milioni di euro, di cui 515 per le sole opere. Il costo massimo dell'intervento del primo STRALCIO da realizzare è fissato nell'importo di 198 milioni di cui 157 per le sole opere. Il concorso di progettazione è articolato in due fasi: 1. la prima fase, in forma anonima, è finalizzata a selezionare le migliori proposte progettuali da ammettere alla successiva fase. Saranno ammesse le migliori proposte nella misura del 50% dei partecipanti, con il limite massimo superiore di 5 (cinque) proposte; 2.la seconda fase, anch'essa in forma anonima, è finalizzata a individuare la migliore proposta progettuale tra quelle selezionate nella prima fase. Durante la prima fase, i proponenti dovranno fornire all’Amministrazione, oltre al quadro economico e ad allegati grafici, le proprie idee inerenti a. i percorsi delle linee e l’indicazione sull’ubicazione dei depositi, e le motivazioni di adesione/variazione alla Proposta di studio di fattibilità; b. le caratteristiche funzionali;, c. le componenti architettoniche e tecniche di design, comunicazione visiva e di impatto urbano ed architettonico del Sistema Tramviario; d. le componenti, gestionali del Sistema Tramviario, tenuto conto, per tale ultimo aspetto, di tutti gli  altri sistemi di trasporto pubblico presenti e programmati nel territorio comunale e della loro intermodalità; e. gli interventi di riqualificazione urbana conseguenti all’inserimento della tramvia nel tessuto urbano, da realizzare contestualmente nell’ambito del progetto; f) i requisiti dell’opera da progettare, delle caratteristiche e dei collegamenti con il contesto nel quale l’intervento si inserisce nonché delle misure idonee a salvaguardare la tutela ambientale, i valori culturali e paesaggistici, con particolare riguardo anche alla mitigazione degli effetti del rumore e delle vibrazioni ed all’inserimento urbanistico; g) le specifiche tecniche costruttive utilizzate e l’indicazione delle norme tecniche da applicare; h) le componenti impiantistiche in dotazione al sistema; i) l’innovazione e l’ecosostenibilità; l) gli interventi di verde, arredo urbano, alberature, finiture architettoniche degli spazi aperti coinvolti nel processo di riqualificazione urbana indotto dalla tramvia; m) il materiale rotabile proposto, con la comparazione, in termini di costi di costruzione e gestione (su anni 20), di almeno due tipologie differenti di tecnologia scelta fra i sistemi più all’avanguardia, che in ogni caso dovranno essere del tipo ibrido al fine di consentire l’utilizzo delle linee esistenti su catenaria. Le considerazioni esposte dovranno essere supportate da idonea documentazione, anche di natura commerciale, certificazione attestante quanto asserito. La Commissione giudicatrice sarà nominata dal Sindaco entro la scadenza del bando e sarà composta da tecnici ed esperti del settore. Una volta pubblicato, il bando sarà aperto per 60 giorni (per la prima fase). I criteri di valutazione su cui si baserà il giudizio della commissione di valutazione sono - Qualità della proposta di articolazione dei percorsi delle tratte e dell’ubicazione delle fermate e dei depositi - Qualità della proposta di rigenerazione urbana - Accessibilità, fruibilità e sicurezza della struttura e del materiale rotabile - Qualità delle soluzioni tecniche e tecnologiche e scelta dei materiali con riferimento alla sostenibilità ambientale, alla manutenibilità e al benessere degli utenti - Qualità della proposta economico/gestionale/manutentiva Il vincitore del concorso riceverà un premio di 100.000 euro mentre la proprietà del progetto resterà del Comune di Palermo. Il Vincitore potrà avere affidato l’incarico per la redazione del progetto definitivo, nonché l’incarico di coordinatore della sicurezza e direttore dei lavori in fase di esecuzione. Nel caso in cui accettasse l’incarico, non sarà corrisposto il premio di 100 mila euro relativo al bando di progettazione. Al concorrente risultato secondo classificato è riconosciuto un premio di  50.000 mila euro, al terzo trentamila e sia al quarto che al quinto un premio di 20.000 euro.    

Leggi tutto    Commenti 19
Articolo
07 apr 2017

La bonifica del fiume Oreto danneggia i volatili?

di Fabio Nicolosi

EDIT 2: Nel pomeriggio la Forestale ha diffuso un comunicato stampa in cui afferma di aver bloccato i lavori e smentisce il comune EDIT: Con riferimento alla falsa notizia riportata stamattina da una testata giornalistica locale e dall'Agenzia ANSA seconda la quale "sono stati bloccai dagli uomini della forestale i lavori di pulizia del fiume Oreto" perché l'amministrazione "doveva richiedere i pareri di valutazione di incidenza ambientale" si sottolinea che detta notizia è destituita di qualsiasi fondamento e che i lavori proseguono e proseguiranno senza interruzione. Gli Agenti della Guardia Forestale, recatisi oggi pressi gli uffici del Comune, hanno infatti costatato la assoluta correttezza del procedimento amministrativo in quanto i lavori in questione sono unicamente oggetto di comunicazione e non soggetti ad autorizzazione. Nessun provvedimento è stato quindi intrapreso per l'interruzione dei lavori. Dopo l'avvio dei lavori di bonifica del fiume Oreto era apparso sui social una protesta da parte della Lipu Sezione di Palermo che consigliava di sospendere i lavori: In merito alla “bonifica” (così soprannominata dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando) del fiume Oreto che sta avvenendo in questi giorni per protrarsi anche nelle prossime settimane, la Lipu di Palermo esprime pareri molto duri e contrastanti. Raso al suolo tutto il verde che faticosamente era cresciuto dopo l’ultima “bonifica” fatta nel 2005. Già distrutte le nidificazioni in atto di specie peculiari dell’ambiente fluviale come la gallinella d’acqua, l’usignolo di fiume e probabilmente anche il corriere piccolo (Charadrius dubius), oltre a tutti gli altri passeriformi largamente diffusi nel corso d’acqua come fanelli, cardellini, passeri e ballerine gialle. Compromesse anche alcune popolazioni di rettili e anfibi come la rana verde e la natrice dal collare. Dura la posizione della Lipu - Il Comune rischia una denuncia per violazione delle normative vigenti sulla tutela della fauna nidificante - dichiara Giovanni Cumbo, Delegato della Lipu di Palermo - Uova, nidi e nidiacei sono protetti dalla legge 157/92 ( Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio). Nulla da obiettare ad interventi anche di bonifica come l’intervento sulla sicurezza, valutando però, come prevede la legge, specie per i corsi d’acqua, la valenza naturalistica dei posti. Ormai da alcuni anni – continua Giovanni Cumbo - stiamo monitorando costantemente il tratto cittadino del fiume constatando la netta ripresa della fauna nidificante e svernante. Nel periodo invernale, infatti, il fiume si riempie di uccelli che scendono dal nord Europa per passarvi qui i mesi freddi, come gabbiani comuni, cormorani e varie specie di aironi. Nell’ultimo inverno, grazie alla rigogliosa vegetazione, i volontari Lipu hanno osservato anche alcune specie particolari di uccelli acquatici come il beccaccino, l’alzavola, il mestolone e il fischione. Un visitatore invernale è anche l’aquila minore. Avvistato qualche anno fa addirittura un fenicottero che portava tra l’altro un anello alla zampa, e dalla lettura dell’anello con un cannocchiale è stato constatato che provenisse dalla Spagna! Il luogo è inoltre frequentato in tutta la bella stagione da centinaia di rondini, ed è anche luogo di caccia di rapaci come la poiana e il gheppio. La Lipu, dunque, chiede al Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, di non utilizzare inutili quanto devastanti e costose ruspe ed altri mezzi pesanti direttamente nell’alveo fluviale. La pulizia di detriti e rifiuti può avvenire benissimo senza bisogno di asportare la vegetazione. Non è corretto parlare di piante e alberi infestanti – spiega ancora Cumbo -, non è rimuovendo la vegetazione che si migliora il decoro urbano (così come si sta facendo per le alberature stradali), ma incrementandola. La Lipu, inoltre, s’informerà se il Comune abbia tutte le autorizzazioni necessarie per compiere questo tipo di lavori. Ed ecco cosa hanno risposto dal Comune: Con riferimento alle proteste di una associazione circa i lavori di pulizia, dragaggio e manutenzione idraulica dell'alveo del fiume Oreto, si precisa che nessun intervento è in corso sulla vegetazione che è parte del bacino idrico naturale. I lavori si svolgono in particolare nel tratto dell'alveo che è stato cementificato negli anni '50 e dove, sul calcestruzzo, si sono accumulati ingenti quantità di sedimenti instabili e rifiuti, sui quali si è sviluppata una vegetazione infestante. L'accumulo di questi materiali determina condizioni di rischio idraulico e per altro si tratta di sedimenti soggetti a smottamenti nel caso di piogge intense con aumento della portata idrica. Inutile sottolineare che i lavori sono stati programmati e sono svolti nella più stretta osservanza della prescrizioni di legge per situazioni come quella del fiume Oreto. Possiamo dormire sonni tranquilli sapendo che nessun volatile verrà maltrattato? O dobbiamo andare a verificare che effettivamente i lavori stanno riguardando solo i tratti cementati e la vegetazione infestante? Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
07 apr 2017

RAP | Presentato il progetto per la realizzazione della VII vasca a Bellolampo

di Fabio Nicolosi

La RAP ha depositato presso il Dipartimento Regionale dell'Acqua e dei Rifiuti (DRAR) il progetto della VII vasca della discarica di Bellolampo, consegnato al Dirigente Maurizio Pirillo per l’avvio dell’iter approvativo e l’ottenimento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA). Il progetto, interamente realizzato in house da un gruppo tecnico dell'azienda, è finalizzato a realizzare una nuova zona destinata a discarica per rifiuti non pericolosi. I rifiuti conferiti saranno prioritariamente quelli pre-trattati nell'impianto di trattamento meccanico-biologico (TMB) di Bellolampo, oltre a quelli provenienti da impianti di selezione convenzionati con l'Azienda. A conferire a regime nella discarica sono i comuni di Palermo e Ustica e l'aeroporto "Falcone e Borsellino" ricadente nel territorio di Cinisi. Il ciclo di vita della nuova vasca è stimato in 3-4 anni, calcolati in base agli attuali ritmi di conferimento. L'aumento della percentuale di differenziata, con la conseguente riduzione del conferimento di indifferenziato, porterà ad un allungamento della vita della discarica o alla possibilità di accogliere i rifiuti urbani residuali (RUR) prodotti nell’ambito della SRR Palermo Area Metropolitana, anche alla luce dei principi di autosufficienza e di prossimità nella gestione dei rifiuti. I lavori, il cui costo previsto è di circa 23 milioni, dureranno un anno dall'appalto dei lavori che potrà avvenire dopo l'approvazione del progetto da parte del DRAR. "Dopo aver offerto al territorio metropolitano e alla regione la VI vasca come strumento per superare l'emergenza regionale e per supportare lo sforzo di tanti comuni - afferma il Sindaco Leoluca Orlando - oggi avviamo l'iter per la nuova vasca che speriamo ci permetta di garantire tutti i servizi senza soluzione di continuità. E' ovvio però che l'impegno di tutti per l'aumento della raccolta e dello smaltimento differenziato deve rimanere prioritario, come contributo a ridurre il nostro impatto sull'ambiente e per poter anche avere servizi migliori. Un plauso va ovviamente alla RAP, che con professionalità interne ha redatto questo importante progetto." Per il Presidente della Rap Roberto Dolce, "è stato importante aver realizzato il progetto con un gruppo tecnico interno all'azienda, riducendo i costi e valorizzando le professionalità presenti. Questa vasca - prosegue Dolce - deve nascere con una logica nuova, con una visione di economia circolare e di recupero di materia - aggiunge il presidente della Rap Roberto Dolce. Nel tempo che ci separa dall'entrata a regime della nuova vasca la RAP sarà impegnata su più fronti perché aumenti in città, da parte di enti, cittadini ed attività commerciali, la consapevolezza e la pratica della raccolta differenziata, facendo in modo che a finire in discarica sia una parte residuale non riciclabile. La sfida resta quella di raggiungere nel minor tempo possibile percentuali sempre più alte di differenziata. Siamo coscienti del fatto che la strada è lunga ma abbiamo iniziato a percorrerla”. DATI TECNICI La configurazione della VII vasca prevede uno sviluppo in due lotti, idraulicamente indipendenti, uno a valle e uno più a monte. L'abbancamento dei rifiuti avverrà partendo dal primo lotto, si passerà successivamente al secondo e quindi ad impegnare la sella tra il primo e il secondo. La nuova discarica avrà una volumetria (capacità di abbancamento complessiva) di circa 960.000 mc, col raggiungimento della quota sommitale di 544 m s.l.m., per consentire lo smaltimento di circa 785.400 tonnellate di rifiuti. La VII vasca sarà dotata di un impianto di stoccaggio del percolato della capacità di accumulo di circa 4.400 mc. Il sistema di impermeabilizzazione del fondo della VII vasca, la rete di raccolta, drenaggio e di collettamento del percolato, compreso i relativi sistemi di pompaggio e allontanamento del attraverso autocisterne, sono stati progettati applicando le migliori tecniche disponibili e prevedendo i necessari presidi di sicurezza atti a salvaguardare le matrici ambientali (suolo e sottosuolo) del sito in questione. Il progetto dell'opera prevede, anche, l'intercettazione e il trattamento delle acque meteoriche di dilavamento e ruscellamento, oltre alla raccolta e al trattamento delle acque piovane che insistono sulle strade e i piazzali percorsi dai mezzi d'opera e dai mezzi di trasporto. Il Gruppo tecnico è così costituito: Responsabile Unico del Procedimento, Ing. Antonio Putrone (Dirigente Area Igiene Ambientale Nord e Progettazione); Suppporto al RUP: Ing. Sebastiano Siino; Progettisti: Ing. Paolo Costa (Coordinatore), Ing. Mario Balistreri Bongiovanni, Ing. Salvatore Magnolia, Ing. Mario Palazzo; Geologo: Dott.ssa Maria Elena Gargano, Coord. Sicurezza in fase di progettazione: Ing. Marco Ferrante, Responsabile Studi e Valutazioni Ambientali: Arch. Giuseppina Liuzzo (Comune di Palermo); Esperto geotecnico: Ing. Gabriele Speciale (esterno) Ti potrebbero interessare anche: Avviato l’impianto trattamento dei rifiuti a Bellolampo Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
05 apr 2017

AMAP | Mercoledì 5 Aprile interruzione idrica alla sottorete Politeama

di Mobilita Palermo

L’AMAP informa che, per lavori di manutenzione alla tubazione di alimentazione della sottorete “Politeama”, dalle ore 21:00 di mercoledì 05/04/2017 alle ore 8:00 di giovedì 06/04/2017 si potranno verificare disservizi all’erogazione idrica nella zona delimitata tra via Duca della Verdura, via Notarbartolo, via Malaspina, piazza P.pe di Camporeale, Via Colonna Rotta, Piazza Indipendenza, corso A. Amedeo, via Volturno e via Cavour della città di Palermo. L’erogazione idrica si normalizzerà nelle successive 12 ore. Per qualsiasi informazione si potrà telefonare al numero 091279111 (risponditore automatico) o al numero verde 800-915333 / 800-050911 (esclusivamente da telefono fisso). Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 mar 2017

Passante Ferroviario | Dopo 11 mesi riapre Via Enzo Biagi (ex Via Nuova)

di Fabio Nicolosi

Era il 2 Maggio 2016 quando annunciavamo la chiusura di Via Enzo Biagi (ex Via Nuova) per permettere l'ultimazione dei lavori. Lavori che hanno richiesto, a causa dell'elevato numero di sottoservizi, tempi maggiori rispetto a quelli preventivati e che hanno costretto l'impresa a chiedere numerose proroghe per permettere di ultimare il tutto. Adesso, dopo 11 mesi, proprio allo scadere dell'ultima proroga, la strada verrà finalmente riaperta, anche se com'è possibile vedere dalla foto in maniera provvisoria visto che la stessa verrà ridefinita dopo la fine dei lavori. La riapertura però consentirà di alleggerire il traffico veicolare tra Via Ugo La Malfa e Viale Strasburgo. Ancora una volta i lavori per il raddoppio del passante ferroviario apportano benefici alla circolazione superficiale con l'eliminazione di una barriere come il vecchio passaggio a livello permettendo dunque una fluidità nei flussi veicolari e consentendo anche di ridurre i disagi dovuti al transito dei treni in superficie Ringraziamo Mr Tonics per la foto Potrebbero interessarti anche: FOTO | Passante Ferroviario: Una mattina all’interno della TBM Marisol VIDEO ESCLUSIVO | Passante Ferroviario: Dentro le gallerie da Notarbartolo a San Lorenzo Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 mar 2017

Grandi Stazioni: prende forma la pensilina e il nuovo parcheggio auto

di Andrea Baio

Procedono serrati i lavori per la costruzione del nuovo terminal per bus urbani ed extraurbani nell'area adiacente il binario 10 della Stazione Centrale. Vi avevamo lasciato con l'ultimazione della vasca anti-incendio in corrispondenza del termine della banchina. I lavori sono proseguiti con l'innalzamento delle colonne che andranno a sostenere la pensilina obliqua sotto la quale sosteranno i bus extraurbani negli appositi stalli. E' stato eretto pure il muro di separazione tra l'area terminal e il futuro parcheggio auto, accessibile attraverso la nuova rampa di collegamento in via Tommaso Fazello. Proprio la rampa in questi ultimi giorni e stata portata a "livello strada", e appianata in previsione della posa dell'asfalto a lavori ultimati. Sebbene i lavori siano in corso, ci lascia non poco perplessi la scelta di lasciare il prospetto dell'edificio lato via Fazello completamente privo di finestre, aperture o spazi attraverso i quali far filtrare la luce. In tal modo non solo ne va dell'estetica complessiva dell'edificio, ma ci sembra pure poco funzionale. Dal punto di vista architettonico è come se il palazzo desse "le spalle", dando quasi la sensazione che si tratti dell'ennesima occasione sprecata per vedere attuato qualche intervento architettonico serio in questa città. Certo, i lavori non sono ancora completati, ed è giusto attendere nella speranza di essere smentiti. Il progetto originario prevedeva inoltre una mega pensilina che ricopriva dall'alto l'intera pianta triangolare dell'edificio, ma anche di questa sembra non essere rimasta traccia, se non per quanto riguarda le piastre metalliche alle quali probabilmente verrà ancorata una piccola pensilina a ricoprire l'ingresso tondeggiante. Vi lasciamo alle immagini Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
29 mar 2017

Collettore fognario | Sondaggi conoscitivi, transenne e traffico in Via Roma

di Fabio Nicolosi

EDIT: Abbiamo inserito anche i percorsi alternativi dei mezzi AMAT Carreggiata dimezzata, lunghe code e rallentamenti. Siamo in via Roma all'angolo con Via Amari dove da ieri pomeriggio parte dell'asse stradale è stato transennato all'altezza dell'incrocio con via Emerico Amari per consentire l'avvio dei sondaggi dei sottoservizi esistenti. Si tratta di alcuni interventi propedeutici allo spostamento dei sottoservizi e alla successiva collocazione del macchinario per microtunneling che rientrano nel potenziamento del «Sistema Cala». Il percorso dei bus dell'Amat e dei pullman diretti alla stazione centrale è stato deviato in via Crispi. La strada sarà interessata, infatti, dagli scavi della ditta Sikelia e le trincee resteranno almeno fino ai primi di maggio. Terminati i lavori all'interno del piccolo cantiere all'altezza di via Emerico Amari, le trincee si sposteranno all'altezza dell'incro cio con via Cavour e successivamente conclusa questa seconda fase, le maestranze saranno al lavoro proprio in via Cavour all'altezza di piazza XIII Vittime. La rete fognaria, opera dal costo di 14 milioni di euro, consentirà di portare i liquami della porzione di città a monte di via Dante al depuratore di Acqua dei Corsari, disinquinando così il tratto di costa all'altezza dei Cantieri navali. Ecco in dettaglio l'ordinanza n° 446 del 24/03/2017: Chiusura della corsia preferenziale in via Roma, direzione stazione centrale, nel tratto compreso tra via Amari e via Cavour, per i lavori della nuova rete fognaria di via Roma. I bus delle linee 101, 102, 103, 104, 106, 124, 134 e 812 – già interessate dai provvedimenti che riguardano le limitazioni al traffico nelle giornate di sabato (chiusura di via Ruggero Settimo dalle 15 alle 20); domenica e festivi (chiusura della carreggiata centrale di viale della Libertà e via Ruggero Settimo dalle 8 alle 20) – modificheranno i loro percorsi. Ecco i dettagli: Sabato dalle 15 alle 20 Linea 101 Da viale del Fante direzione stazione centrale viale della Libertà – a destra via Dante – via Latini – via Houel – via. Goethe – via Turrisi – via Balsano – via. Volturno – via. Cavour – a destra per via Roma – normale percorso verso la stazione centrale: Dalla stazione centrale verso Stadio – normale percorso. Linea 102 Da stazione Notarbartolo verso la stazione centrale – da viale della Libertà – a destra via Dante – via. Latini – via. Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – a destra per via Roma – normale percorso verso la stazione centrale. Da stazione centrale verso la stazione Notarbartolo – normale percorso Linea 103 Da piazzale J. Lennon verso Porta Felice – normale percorso fino in piazza Virgilio – via. Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – normale percorso Da Porta Felice verso piazzale J. Lennon – normale percorso Linea 104 Dal parcheggio Basile verso via Duca della Verdura – normale percorso Da via Duca della Verdura verso il parcheggio Basile – da viale della Libertà – a destra via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – piazza V. E. Orlando – normale percorso verso parcheggio Basile. Linea 124 Dal parcheggio Emiri verso il Politeama – normale percorso Da piazza Don Sturzo verso il parcheggio Emiri – via Turati – via Dante – via. Latini – via Houel – via Goethe – piazza V. E. Orlando – normale percorso verso il parcheggio Emiri. Linea 134 Da piazzale J. Lennon verso piazza XIII Vittime – normale percorso fino in piazza Virgilio – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – piazza XIII Vittime. Da piazza XIII Vittime verso piazzale J. Lennon – via Cavour – a destra via Roma – via Turati – normale percorso Linea 812 Da piazza Don Sturzo (capolinea provvisorio) verso Montepellegrino – normale percorso Da Montepellegrino verso piazza Don Sturzo (capolinea provvisorio) – da viale della Libertà – a destra via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – normale percorso. Domenica e festivi dalle 8 alle 20: Linea 101 Da viale del Fante verso la stazione centrale – normale percorso fino in viale della Libertà – a destra piazza Mordini – carreggiata laterale monte di viale della Libertà – a destra via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – a destra via Roma – normale percorso verso la stazione centrale. Dalla stazione centrale verso lo Stadio – normale percorso fino in via Turati – a destra carreggiata laterale valle di viale della Libertà – piazza Crispi – inversione di marcia in piazza Crispi – a destra viale della Libertà – normale percorso Linea 102 Dalla stazione Notarbartolo verso la stazione centrale – normale percorso fino in viale della Libertà – a destra piazza Mordini – carreggiata laterale monte di viale della Libertà – a destra via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – a destra via Roma – normale percorso verso la stazione centrale. Dalla stazione centrale verso la stazione Notarbartolo – normale percorso Linea 103 Da piazzale J. Lennon verso Porta Felice – normale percorso fino in piazza Virgilio – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – normale percorso Da Porta Felice verso piazzale J. Lennon – normale percorso Linea 104 Dal Parcheggio Basile verso via Duca della Verdura – normale percorso Da via Duca della Verdura verso il parcheggio Basile – normale percorso fino in viale della Libertà – a destra piazza Mordini – carreggiata laterale monte di viale della Libertà – a destra piazza Castelnuovo – via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – piazza V. E. Orlando – normale percorso verso il parcheggio Basile. Linea 106 Dal parcheggio Emiri verso lo Stadio – normale percorso Dallo Stadio vers il parcheggio Emiri – normale percorso fino in viale della Libertà – a destra piazza Mordini – carreggiata laterale monte di viale della Libertà – a destra piazza Castelnuovo – via Dante – normale percorso verso il parcheggio Emiri. Linea 124 Dal parcheggio Emiri verso il Politeama – normale percorso Da piazza Sturzo verso il parcheggio Emiri – via Turati – via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – piazza V. E. Orlando – normale percorso verso il parcheggio Emiri. Linea 134 Da piazzale J. Lennon verso piazza XIII Vittime – normale percorso fino in piazza Virgilio – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – piazza XIII Vittime. Da piazza XIII Vittime verso piazzale J. Lennon – via Cavour – a destra via Roma – via Turati – normale percorso Linea 812 Piazza Don Sturzo (cap. provvisorio) verso Montepellegrino – normale percorso fino in via Turati – a destra carreggiata laterale valle di viale della Libertà – a destra piazza Crispi – normale percorso Da Montepellegrino verso piazza Don Sturzo (cap. provvisorio) – normale percorso fino in viale della Libertà – a destra piazza Mordini – carreggiata laterale monte di viale della Libertà – a destra via Dante – via Latini – via Houel – via Goethe – via Turrisi – via Balsano – via Volturno – via Cavour – normale percorso Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 3