14 set 2016

PROPOSTA | Una linea ferroviaria per la zona di Mondello – Partanna – Zen – Strasburgo?


Ho visionato la nuova proposta dell’Amat per il potenziamento del TRAM che dovrebbe portare sia a Sferracavallo che a Mondello, ho visto anche la proposta per la MAL che dovrebbe portare anch’essa a Mondello e vedo molte criticità. La linea del tram che porterebbe a Sferracavallo non arriverebbe in piazza (dove sarebbe davvero impossibile) ma in una zona del quartiere poco abitata passando dall’ingresso per l’autostrada che penso che dovrebbe rimanere più scorrevole possibile, mentre la linea che porterebbe a Mondello passerebbe anch’essa da zone poco abitate fermandosi alla punta di Valdesi, inoltre queste linee porterebbero alle linee 614 e 616 ad essere abbastanza modificate se non soppresse a discapito di zone come Pallavicino e Partanna che sarebbero abbandonate completamente. Abitando in zona ho voluto fare una proposta con delle mappe un pò spartane ma che penso rendano l’idea. Piccola premessa prima di cominciare, il biglietto unico e l’abbonamento unico per tutti i mezzi di trasporto sarebbe fondamentale per far funzionare tale proposta.

proposta-7-circostrizione

La linea del Tram proposta non la prolungherei ne a Mondello ne a Sferracavallo, ma la arresterei all’ultima rotonda di via Lanza di Scalea, questo permetterebbe la soppressione della linea AMAT 614 che diventerebbe utile solo per unire Tommaso Natale a Mondello, rinforzerei piuttosto la linea 616 che attualmente collega Pallavicino a Barcarello. La linea ferroviaria attualmente esistente (linea rossa) dovrebbe avere un punto di scambio a Tommaso Natale creando una nuova linea (linea gialla), che si colloegherebbe direttamente al nuovo anello ferroviario in costruzione. La linea ferroviaria insieme alla linea tramviaria servirebbe il quartiere S.Filippo Neri così da poter sopprimere la linea 619 che puntualmente è pienissima. Le fermate della nuova metropolitana potrebbero essere Partanna, Mondello, Charleston, Valdesi, S.Filippo Neri, Pallavicino, Palazzina Cinese, Del Fante e Leoni.

stadio

In questa immagine si vede interessata la zona tra viale Strasbrugo, San Lorenzo e Stadio, in viale Strasburgo come proposto dall’Amat sarà posizionato il Tram, la zona centrale e la strada abbastanza larga permetterebbe facilmente la realizzazione e la fluizione del traffico, molte linee che passano in quella via come 704, 544 e 614 potrebbero essere soppresse mentre la linea 628 potrebbe essere modificata partendo da Pallavicino salendo via della Resurrezione per poi arrivare a Isola delle Femmine (trovo assurdo far arrivare qualche 628 a Sferracavallo e altre a Isola).

centro

Per chiudere la linea da me proposta ci sono 3 opzioni segnata nella mappa in blu.

1. La più semplice ed economina, dalla fermata di piazza Leoni si riunisce alla linea in costruzione (linea verde).

2. Una linea che taglia la Favorita per andare a creare una nuova fermata “Falde Montepellegrino” che trovo assurdo escludere vista l’importanza per la città per poi riunirsi alla linea che porta ad Imperatore Federico.

3. Mantenere l’idea 1 per chiudere la linea da me proposta ma creando una tratta dalla Fiera alla nuova stazione Falde Montepellegrino da me proposta per poi riunirsi alla stazione Imperatore Federico ma questo renderebbe inutile la tratta diretta Fiera-Imperatore Federico.


anello ferroviariometromondellopartannapassante ferroviariopropostaSFERRACAVALLOstrasburgoTramzen

4 commenti per “PROPOSTA | Una linea ferroviaria per la zona di Mondello – Partanna – Zen – Strasburgo?
  • Francesco P79 1
    14 set 2016 alle 13:13

    Buongiorno, vorrei espormi in maniera più ampia dicendo che premesso che il tram doveva essere fatto almeno 30 anni fa ma meglio tardi che mai cmq nn deve essere considerato l’unico mezzo pubblico ma diciamo il collegamento tra periferia e centro, ma x il resto data la conformazione della città da una parte il mare dall altra la collina, strade strette e quant’altro, Bisogna puntare su mal, metro o anche la metro rialzata sopra le strade x intenderci. Il sistema Mal è una grande cosa,xke nn puntarci? Tra l altro x una volta almeno potremmo puntare su cose innovative e nn ad inseguire sempre gli altri.Detto questo bisogna collegare al centro tutte le zone che possano attirare più turisti possibili come Monreale, Mondello, Monte pellegrino( santa rosalia),Sferracavallo, terrasini,aeroporto e poi bagheria, Mongerbino solunto e termini imerese Cefalù. Come? Semplice mal x le zone nn in quota x intenderci e Funivia x monreale e montepellegrino. Potremmo recuperare finalmente il parco più disastrato del mondo cioè la favorita in mano a zingari spacciatori e prostitute ,facendo la mal sotto terra e la Funivia x arrivare alla Santa Rosalia inevitabilmente si dovrà lavorare sul parco e recuperare un ampio spazio solo ed esclusivamente x bambini e famiglie x chi vuole correre e xke no fare spettacoli certo ovviamente con validi progetti.

  • alvarezlimao 148
    14 set 2016 alle 14:00

    Non è necessario ne il tram ma solamente la modifica dei bus in vista dell’apertura del passante ferroviario. Linea 704 notarbartolo _ sciuti – zen, linea 618 Pallavicino – cardillo- t. Natale – Zen – Pallavicino linea 619 Pallavicino – Zen – T. NATALE – cardillo – Pallavicino. Linea 614: T. NATALE – Mondello Linea 616 Sferracavallo Fs- T.Natale – Barcarello- Sferracavallo Fs. LINEA 645: STADIO- VIA DELL’OLIMPO – Partenza – via Castelforte – Stadio. Linea 185 estiva T.Natale – via dell’Olimpo – Mondello. Navetta viale Francia – Stadio – via Resuttana – Villa. RUFFINI. Il problema della mobilità nella periferia nord è così risolto

  • huge 2063
    14 set 2016 alle 14:37

    Trovo trasportisticamente insensato pensare a una linea MAL lungo l’asse del Fante-Pallavicino-Mondello mentre su viale Strasburgo si fanno passare i tram.

    Il bacino d’utenza di viale Strasburgo è enormemente maggiore di quello di un asse che percorre viale del Fante, con un bacino praticamente nullo tra piazza Leoni e Pallavicino.

    E’ assurdo poi fare terminare la linea tram a piazza Bolivar (ex Coca Cola), nel nulla.
    Un capolinea va attestato in un punto con un grosso bacino d’utenza e dei forti attrattori. Lì invece non c’è niente.

    Il progetto di una linea MAL così com’è pensata la tratta 2 sarebbe di gran lunga la soluzione migliore.

    Se invece si optasse per il tram lungo l’asse Strasburgo-Scalea-Mondello, boccerei qualsiasi idea di una linea metro su un asse parallelo a questa.

  • peppe2994 2698
    15 set 2016 alle 10:50

    Nel 2016 non si può pensare di far passare volontariamente una linea ferroviaria (che non sia il passante ovviamente) in città. Assolutamente incompatibile da molti punti di vista, per questo esistono le metropolitane.
    Ed allora si torna sempre allo stesso nodo. In una città dove il trasporto pubblico latita di brutto tutto serve ovunque, e credo che per ora le priorità siano altre.


Lascia un Commento